Il Mio Vino e il carciofino | Te lo do io il burro danese

di Alessandro Morichetti

“Lasciatemi gridaaare”, direbbe Pappalardo Adriano. Stavolta fatemelo dire, io lo sapevo! Non c’è due senza tre e ci siamo beccati il terzo carciofino de Il Mio Vino – prezioso riconoscimento per chi si prodiga nell’arte della “sega mentale applicata alle note di degustazione”. Ricapitoliamo. In principio fu Il Vate di Borzano, alias Stefano Caffarri. Poi giunse Mauro Mattei a sfogare, proprio qui su Intravino, la sua “carica espressiva archetipale“. Ora siamo riusciti a riempire il podio con il terzo alloro fresco di stampa. Roba da tortura cinese, eh. Basta il titolo che vedete qui accanto che la vena mi si gonfia e rischio di prendere a mazzate il pc. Io dico, ma il BURRO DANESE chi l’ha mai visto? Anzi, ora vado al supermercato e se non mi danno una ciliegia Ravenna in meno di due secondi gli sbuccio tutte le banane ogm che hanno sul bancone. Eh ma stavolta io lo sapevo che vincevamo facile. Ora però basta, non sappiamo più dove metterli questi trofei.

Per la cronaca, il pezzo incriminato è questo qui e se non vi spapellate dal ridere come ho fatto io vi rendiamo il prezzo del biglietto. Il sito, in realtà, è www.intravino.com (non .it come scrivono) e dello Champagne in oggetto non si hanno più tracce. Se l’è scolato tutto Francesco Fabbretti e questi neanche lo menzionano, ‘sti buzzurri. E se sapeva di burro danese ed elegante, pure meglio.

avatar

Alessandro Morichetti

Tra i fondatori di Intravino, enotecario su Doyouwine.com e ghost writer @ Les Caves de Pyrene. Nato sul mare a Civitanova Marche, vive ad Alba nelle Langhe: dai moscioli agli agnolotti, dal Verdicchio al Barbaresco passando per mortadella, Parmigiano e Lambruschi.

10 Commenti

avatar

Massimo D'Alma

circa 9 anni fa - Link

Beh, al terzo carciofino...si può pensare di conservarli sott'olio :)

Rispondi
avatar

Leonardo Romanelli

circa 9 anni fa - Link

Mi era sfuggito e devo dire che sarà sicuramente un testo utile per il mio spettacolo. Certo che sono sicuro che si deve passare il tempo ad annusare varie tipologie di burro fuso per cogliere l'ottima nota olfattiva del burro danese..per non parlare della particolarità della ciliegia Ravenna. A mio avviso anche il mango cotto meritava una menzione...

Rispondi
avatar

Vignadelmar

circa 9 anni fa - Link

Enosborone !!!!! ;-)))

Rispondi
avatar

Antonio Tomacelli

circa 9 anni fa - Link

Sono aperte le scommesse. In palio una cena offerta da Vignadelmar: chi sarà il prossimo intravinico colpito dalla maledizione del carciofino?

Rispondi
avatar

RAMPAVIA

circa 9 anni fa - Link

Non capisco tanto clamore. Pag. 38 del numero di maggio di Decanter, Brunello 2005 Il Marroneto, Madonna delle Grazie: "Floral, leather earthy aromas with danish cream cheese, lancaster cherry......."

Rispondi
avatar

Fabio Italiano

circa 9 anni fa - Link

Dai ragazzi che potete fare di meglio.

Rispondi
avatar

Stefano Caffarri

circa 9 anni fa - Link

ho in tasca il mio descrittore preferito, il "cavallo dei pantaloni". la prima volta che l'azzecco, voglio il carciofino di platino.

Rispondi
avatar

Dan Lerner

circa 9 anni fa - Link

e io ti batterò, cervo a primavera, con l'inedito e imbattibile "pantaloni del cavallo"!

Rispondi
avatar

Ivan Pasinato

circa 9 anni fa - Link

....Ma se non volete avere questa "burlesca" vetrina, poichè ospitate queste degustazioni sul vostro portale?

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.