Il mio ricordo di Luciano Zazzeri

Il mio ricordo di Luciano Zazzeri

di Leonardo Romanelli

Apre una voragine la tua morte, in un mondo dove imperano finzione e sorrisi plastici, riempiva il cuore vederti e discorrere con te. Entusiasta sempre e comunque, capace di farti coinvolgere nelle manifestazioni più impensate se questo poteva servire da stimolo per valorizzare giovani e territorio.

Elegante e signorile nel tuo aspetto, la giacca da cuoco sembrava nascondesse sempre lo smoking, merito del tuo portamento, dovuto anche alla tua passione per la danza, altro aspetto che ti rendeva onore. Un precursore ai fornelli che cominciava ad essere abbandonato, per chi cerca in cucina solo fuochi d’artificio, tu che avevi ricercato da sempre semplicità, esaltazione della materia prima che amavi da sempre, pescatore prima che cuoco.

Tante cose da chiederti: la risposta non ci potrà più essere, perché nella tua normalità eri accessibile a tutti, era semplice trovarti e parlarti e quindi uno si aspettava sempre che fosse possibile sedersi a La Pineta e a fine servizio lasciare andare ricordi e battute. A tuo modo, avevi instaurato la democrazia nella tua sala, dove tutti si sedevano contenti e mai in imbarazzo: punto di riferimento per tutti i produttori di vino di Bolgheri e non solo, avevi contribuito a far conoscere e mettere in evidenza a tanti che non li conoscevano. Un piacere sentirti parlare degli argomenti più disparati, un uomo finalmente “normale” in un mondo fatto di marziani, tu che se un’occasione importante di lavoro, come poteva essere San Valentino, cadeva nel giorno di chiusura, te ne fregavi e chiudevi davvero.

Tenero ti sarà il nuovo percorso, come tenero eri tu.

[immagine: Italia Squisita]

avatar

Leonardo Romanelli

“Una vita con le gambe sotto al tavolo”: critico gastronomico in pianta stabile, lascia una promettente carriera di marciatore per darsi all’enogastronomia in tutte le sfaccettature. Insegnante alla scuola alberghiera e all’università, sommelier, scrittore, commediografo, attore, si diletta nell’organizzazione di eventi gastronomici. Mescolare i generi fino a confonderli è lo sport che preferisce.

5 Commenti

avatar

Antonio C.

circa 3 mesi fa - Link

Una grande perdita per tutti noi appassionati del ben mangiare e ben bere! Luciano era una persona di grande umanità e modestia a dispetto della sua grande capacità di creare piatti meravigliosi nel massimo rispetto di grandi materie prime. RIP Luciano

Rispondi
avatar

PAOLA TONIATO

circa 3 mesi fa - Link

Ci sono persone che ti toccano l'anima. Ti parlano del loro lavoro e, alle tue orecchie, arriva poesia per quanto amore e quanta passione riversano nelle loro quotidianità. Luciano Zazzeri era un poeta, un pittore, un musicista.....un artista completo dai modi garbati. Sedersi ad uno dei tavoli della sua "baracca" significava farsi coccolare: dalla prelibatezza dei suoi piatti, dal suo sguardo vivace e attento ai particolari, dalla sensazione di serenità e di bellezza che si respirava entrando a La Pineta. Sarà difficile varcare la porta azzurra con l'oblò sapendo di non trovarlo.

Rispondi
avatar

Josè Pellegrini

circa 3 mesi fa - Link

Sono passati giorni e la pineta diventa sempre più lontana . Irraggiungibile .Eppure saràun dovere ritornare e soffrire un'assenza.

Rispondi
avatar

PAOLA TONIATO

circa 3 mesi fa - Link

Si....torneremo. Per Luciano. Per i suoi ragazzi.

Rispondi
avatar

PAOLA TONIATO

circa 3 mesi fa - Link

Si....torneremo. Per Luciano. Per i suoi ragazzi.

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.