Il decanter è solo un costoso soprammobile?

di Giulia Graglia

Dopo quattro giorni di assaggi a Nebbiolo Prima 2010 Fabio Gallo, presidente AIS Piemonte, ci spiega perché decantare il Nebbiolo è un obbligo morale. Eppure, da un po’ di tempo, voci anche illustri dell’enologia sostengono che la decantazione è una roba da ospizio. Siamo alle solite: brusca sterzata dei “comunicatori” e, a seguire, una serie infinita di blabla. Ok, dichiaro questa la giornata della fiducia riposta nel lettore di Intravino senza se e senza ma: voi del decanter, cosa ne pensate?

7 Commenti

avatar

TERROIR

circa 9 anni fa - Link

Il problema è il !modus operandi" simile ad un rito religioso che lo fa sembrare superfluo ai più che lo intendono come una "sboronata" (per dirla alla modenese).Chi è del mestiere sa quanto sia utile soprattutto in n mondo !anti-filtro" come è diventato quello del vino attuale...perchè se un gran bel bicchiere ed un pò di pazienza quasi risolvono il problema "ossigenazione" per evitare il "mangia e bevi" non vedo alternative...avessero inventato un marchingegno tecnologico pratico ed asrttico per evitare tale rito non ci porremmo neanche la questione...Prosit

Rispondi
avatar

carolina

circa 9 anni fa - Link

io lo uso, sopratutto per vini di annate vecchie, e mi trovo bene. poi quando lo uso, sia davanti ad amici che da sola, molto più da sola a dire il vero, non faccio tutte quelle scenate che il buon Albanese faceva ricalcando il modus operandi dei sommelier (che poi mi fa sempre morire dal ridere ehehhehe). alla fine è uno strumento utile, tutto qua.

Rispondi
avatar

Fabio Cagnetti

circa 9 anni fa - Link

Per me è strumento del demonio. Per i vini vecchi MAI e poi MAI, per qualche vino giovane posso comprenderne l'utilizzo ma non condividerlo, preferisco scolmare un bicchiere dalla bottiglia qualche ora prima. L'unica, forzata eccezione è quando nonostante l'uso di cavatappi a lame, pinzette da dentista, aghi immanicati, cucchiaini in miniatura e una quantità non definita di poteri della Forza una parte del tappo cade dentro la bottiglia.

Rispondi
avatar

TERROIR

circa 9 anni fa - Link

*Per i vini vecchi MAI e poi MAI o-O ?!

Rispondi
avatar

Jacopo Cossater

circa 9 anni fa - Link

Al limite si può dire che spesso ci si dimentichi quale sia la sua vera utilità, ovvero quella di separare un vino dai suoi sedimenti. L'ossigenazione è altra cosa, ed avviene (più che scaraffando) roteando il bicchiere, no?

Rispondi
avatar

Luca Cravanzola

circa 9 anni fa - Link

A parte qualche vecchio bordò non decanto nulla... voglio tutta l'evoluzione dentro il mio bicchiere... anche al ristorante blocco sempre il sommelier quando lo vedo aggirarsi con il decanter vicino alla mia bottiglia. Chiaramente lo ringrazio e capisco che per una persona che di vino ne capisce nulla è meglio passare al decanter e perdere in fretta quelle puzzette che possono sembrare strane a chi non le ha mai provate o a chi non conosce il vino abbastanza bene da distinguere certe puzze\profumi da altre... Quindi per me il decanter serve eccome ma solo per quel pubblico poco esperto. Viceversa diventa strumento molto utile per gli esperti per arrivare in fretta "al sodo" o semplicemente per "ripulire il vino"...

Rispondi
avatar

nico

circa 9 anni fa - Link

Salve, mi sembra che Jacopo sia l'unico che abbia centrato il bersaglio; decantare significa separare, usare un decanter su un vino anche vecchio, significa sempre separare cioe eliminare oltre al deposito eliminare profumi. Ma come una bottiglia rimane li 20 anni in riduzione perche avvengano certe reazioni ed io gli dò una botta incredibile di ossigeno, ma già che ci siamo quando il vino è caldo mettiamoci un bel pezzo di ghiaccio si rinfrescherà immediatamente. ciao a tutti

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.