I Vini Slow di Slow Wine 2012: tutti i premiati

di Jacopo Cossater

E così dopo i vini quotidiani e i grandi vini venne il giorno del listone più atteso, quello che forse identifica maggiormente Slow Wine. Vini che, cito, “tutti noi collaboratori di questa guida, se fossimo invitati a una cena, porteremmo in dono. Non solo perché si tratta di vini dalle qualità organolettiche eccellenti, ma perché aprendole potremmo raccontare una storia, a volte curiosa, altre volte commovente, ma che avrà come protagonisti i volti e le mani di viticoltori dalla grande sensibilità agricola.”

Il dibattito, al solito, è aperto. Eccoli, tutti e 216.

ABRUZZO
Valentini Cerasuolo d’Abruzzo 2010
Italo Pietrantonj Montepulciano d’Abruzzo Cerano 2007
Nicodemi Montepulciano d’Abruzzo Notàri 2008
Cataldi Madonna Pecorino 2009
Cantine Salvatore Tintilia del Molise Rutilia 2008
Emidio Pepe Trebbiano d’Abruzzo 2009
Valentini Trebbiano d’Abruzzo 2009
Valle Reale Trebbiano d’Abruzzo Vigna di Capestrano 2009

ALTO ADIGE
Haderburg A.A. Brut Hausmannhof Ris. 2002
Tenutae Lageder A.A. Cabernet Löwengang 2007
Tiefenbrunner – Castel Turmhof A.A. Feldmarschall von Fenner zu Fennberg 2010
Loacker Schwarhof A.A. Lagrein Gran Lareyn 2009
Bessererhof A.A. Santa Maddalena Antheos 2010
Manincor A.A. Terlano Réserve della Contessa 2012
Unterortl – Castel Juval A.A. Valle Venosta Riesling Windbichel 2009
Kuenhof – Peter Pliger A.A. Valle Isarco Sylvaner 2010
Abbazia di Novacella A.A. Valle Isarco Sylvaner 2010
Strasserhof – Hannes Baumgartner A.A. Valle Isarco Veltliner 2010
Nusserhof – Heinrich Mayr Elda 2009
Radoar – Norbert Blasbichler Radoy 2010

BASILICATA
Michele Laluce Aglianico del Vulture Le Drude 2007
Musto Carmelitano Aglianico del Vulture Serra del Prete 2009
Elena Fucci Aglianico del Vulture Titolo 2009

CALABRIA
‘A Vita Calabria Rosé 2010
Luigi Viola Moscato Passito di Saracena 2010

CAMPANIA
Tenuta San Francesco E’ Iss Tintore Prephilloxera 2008
San Giovanni Fiano 2010
Ciro Picariello Fiano di Avellino 2009
Vadiaperti Fiano di Avellino Aiperti Aipierti 2009
Sorrentino Vesuvio Lacryma Christi Bianco Vigna Lapillo 2010
Nanni Copè Sabbie di Sopra il Bosco 2009
Antica Masseria Venditti Sannio Aglianico Marraioli 2008
Contrade di Taurasi Taurasi 2007
Michele Perillo Taurasi 2005
Luigi Tecce Taurasi Poliphemo 2007

EMILIA ROMAGNA
Barattieri C.P. Vinsanto di Albarola 2001
Gianfranco Paltrinieri Lambrusco di Sorbara Radice 2010
Vittorio Graziano Lambrusco Grasparossa di Castelvetro Fontana dei Boschi 2010
Vigne dei Boschi Poggio Tura 2007
Denny Bini – Podere Cipolla Ponente 270 2010
Fattoria Zerbina Sangiovese di Romagna Sup. Ceregio 2010
Marco ed Emilio Lusignani Vin Santo di Vigoleno 2001

FRIULI VENEZIA GIULIA
Gravner Breg Anfora 2005
Zidarich Carso Malvasia 2009
Kante Chardonnay 2008
Le Vigne di Zamò COF Friulano Vigne Cinquant’Anni 2009
Meroi COF Picolit 2008
Le Due Terre COF Rosso Sacrisassi 2009
Edi Keber Collio Bianco 2010
I Clivi Collio Bianco Clivi Galea 2008
Zuani Collio Bianco Vigne 2010
La Castellada Collio Friulano 2007
Doro Princic Collio Friulano 2010
Dario Raccaro Collio Friulano Vigna del Rolat 2010
Vignai da Duline Morus Nigra 2009
Radikon Oslavje Sel. 2000
Marco Sara Picolit dal Nuf 2009
Damijan Podversic Ribolla Gialla 2008
Dario Princic Ribolla Gialla 2007
Bressan Mastri Vinai Schiopettino 2006

LAZIO
Casale della Ioria Cesanese del Piglio Sup. Torre del Piano Ris. 2009
Marco Carpineti Moro 2009
Sant’Andrea Moscato di Terracina Secco Oppidum 2010

LIGURIA
Cantine Litàn Cinque Terre Costa de Sèra 2010
Ottaviano Lambruschi Colli di Luni Vermentino Costa Marina 2010
Walter De Batté Harmoge 2009
Massimo Alessandri Riviera Ligure di Ponente Pigato Vigne Vegie 2009

LOMBARDIA
Antica Tesa Botticino Pià della Tesa 2007
Il Pendio Curtefranca Bianco Etichetta Nera 2007
Cavalleri Franciacorta Pas Dosé Recemment Degorge 2006
Agnes Loghetto 2010
Togni Rebaioli Opol 2010
Ar.Pe.Pe. Valtellina Sup. Inferno Fiamme Antiche Ris. 2006
Rainoldi Valtellina Sup. Valgella Adotta un Vigneto – Mottolino 2008
Fay Valtellina Sup. Valgella Cà Moréi 2009

MARCHE
Valter Mattoni Arshura 2009
Moroder Conero Dorico Ris. 2007
Marotti Campi Lacrima di Morro d’Alba Sup. Orgiolo 2009
Poderi Capecci San Savino Offida Pecorino Ciprea 2010
Fiorano Offida Pecorino Donna Orgilla 2010
Fattoria Dezi Regina del Bosco 2008
Tenuta dell’Ugolino Verdicchio dei Castelli di Jesi Cl. Sup Vigneto del Ballucico 2010
Pievalta Verdicchio dei Castelli di Jesi Cl. San Paolo Ris. 2008
Gioacchino Garofoli Verdicchio dei Castelli di Jesi Cl. Sel. Giocchino Garofoli Ris. 2006
Sparapani – Frati Bianchi Verdicchio dei Castelli di Jesi Cl. Sup. Il Priore 2010
Vallerosa Bonci Verdicchio dei Castelli di Jesi Cl. Sup. San Michele 2009
Bucci Verdicchio dei Castelli di Jesi Cl. Sup. Villa Bucci Ris. 2008
Collestefano Verdicchio di Matelica Collestefano 2010

PIEMONTE
Produttori del Barbaresco Barbaresco 2007
Piero Busso Barbaresco Borgese 2008
Cantina del Glicine Barbaresco Currà 2008
Serafino Rivella Barbaresco Montestefano 2007
Rizzi Barbaresco Pajorè 2008
Gigi Bianco Barbaresco Pora 2008
Giuseppe Cortese Barbaresco Rabajà Ris. 2004
Ca’ del Baio Barbaresco Valgrande 2008
Cigliuti Fratelli Barbera d’Alba Serraboella 2008
Marchesi Alfieri Barbera d’Asti La Tota 2009
Paolo Avezza Barbera d’Asti Sup. Nizza Sotto La Muda 2008
Bartolo Mascarello Barolo 2007
Giuseppe Rinaldi Barolo Brunate-Le Coste 2007
Giacomo Brezza & Figli Barolo Cannubi 2007
Renato Ratti Barolo Marcenasco 2007
Ferdinando Principiano Barolo Ravera 2007
Produttori Nebbiolo di Carema Carema 2007
Vigneti Massa Derthona 2009
Bricco Maiolica Diano d’Alba Sup. Sorì Bricco Maiolica 2009
Marziano Abbona Dogliani Papà Celso 2009
Quinto Chionetti Dolcetto di Dogliani Briccolero 2010
San Fereolo Dolcetto di Dogliani Valdibà 2009
Favaro – Le Chiusure Erbaluce di Caluso Le Chiusure 2010
Giancarlo Travaglini Gattinara 2007
La Raia Gavi Pisè 2009
Antichi Vigneti di Cantalupo Ghemme Collis Carellae 2007
Cascina Tavijn Grignolino d’Asti 2010
Ettore Germano Langhe Bianco Hérzu 2009
E. Pira & Figli – Chiara Boschis Langhe Nebbiolo 2009
Giacomo Fenocchio Langhe Nebbiolo 2009
Vittorio Bera e Figli Moscato d’Asti 2010
Luciano Sandrone Nebbiolo d’Alba Valmaggiore 2009
Bondi Ovada D’Uien 2009
Cascina degli Ulivi Piemonte Barbera Mounbè 2005
Bianchi Sizzano 2006

PUGLIA
Tenuta Partemio Aleatico Dolce Naturale Remedia Amoris 2008
Paolo Petrilli Cacc’e Mmitte di Lucera Ferraù 2008
Francesco Candido Duca d’Aragona 2005
Azienda Monaci Girofle 2010
I Pàstini Locorotondo Antico 2010
Sergio Botrugno Ottavianello 2009
Cosimo Taurino Patriglione 2006
Attanasio Primitivo di Manduria Passito 2008
Vinicola Savese Primitivo di Manduria Tradizione del Nonno 2008
Morella Primitivo Old Vines 2008
Mille Una Tretarante 2008
Agricole Vallone Vigna Castello 2009

SARDEGNA
Giovanni Battista Columbu Malvasia di Bosa 2005
Porcu Fratelli Malvasia di Bosa Dolce Naturale 2008
Depperu Ruinas 2010
Orlando Tondini Vermentino di Gallura Karagnanj 2010

SICILIA
Cos Cerasuolo di Vittoria Cl. 2008
Barraco Grillo 2009
Centopassi Grillo Rocce di Pietra Longa 2010
Arianna Occhipinti Il Frappato 2009
Valdibella Kerasos 2010
Terzavia Lucido 2010
Ferrandes Passito di Pantelleria 2007
I Vigneri Vinudilice 2010
Feudo Montoni Vrucara 2008

TOSCANA
Acquabona Aleatico dell’Elba 2008
Altura Altura Ansonaco 2010
Fornacina Brunello di Montalcino 2006
Baricci Brunello di Montalcino 2006
Il Paradiso di Manfredi Brunello di Montalcino 2006
Pian dell’Orino Brunello di Montalcino 2006
Fattoi Brunello di Montalcino 2006
Podere Salicutti Brunello di Montalcino Piaggione 2006
Tiezzi Brunello di Montalcino Vigna Soccorso 2006
Caiarossa Caiarossa 2008
Fattoria Rodano Chianti Cl. 2006
Le Cinciole Chianti Cl. 2008
Riecine Chianti Cl. 2008
Badia a Coltibuono Chianti Cl. 2009
Isole e Olena Chianti Cl. 2009
San Giusto a Rentennano Chianti Cl. 2009
Caparsa Chianti Cl. Doccio a Matteo Ris. 2007
I Fabbri Chianti Cl. Terre di Lamole 2009
Val delle Corti Chianti Classico Ris. 2007
Frascole Chianti Rufina Ris. 2008
Fattoria Migliarina Chianti Sup. 2009
Stefano Amerighi Cortona Syrah 2008
La Piana Cristino 2010
Podere Concori Melograno 2009
Salustri Montecucco Rosso Marleo 2009
Poderi Sanguineto I e II Nobile di Montepulciano 2008
Casale Daviddi Nobile di Montepulciano 2008 2008
Montevertine Pian del Ciampolo 2009
Stella di Campalto Rosso di Montalcino 2008
Talenti Rosso di Montalcino 2009
Mastrojanni Rosso di Montalcino 2009
Boscarelli Rosso di Montepulciano Prugnolo 2009
Antonio Camillo Poggio Argentiera Vallerana Alta Ciliegiolo 2009
Montenidoli Vernaccia di San Gimignano Carato 2007
Vincenzo Cesani Vernaccia di San Gimignano Sanice 2008
Tenuta di Capezzana Vin Santo di Carmignano Ris. 2005

TRENTINO
Pojer & Sandri Besler Bianck 2006
Foradori Granato 2008
Maso Furli Manzoni Bianco 2008
Giuseppe Fanti Nosiola 2009
Molino dei Lessi Podere Valtini Bianco 2009
Cipriano Fedrizzi Teroldego Rotaliano 2009
Eugenio Rosi Trentino Marzemino Poiema 2008

UMBRIA
Tabarrini Adarmando 2009
Palazzone Orvieto Cl. Sup. Terre Vineate 2010
Antonelli San Marco Sagrantino di Montefalco 2007
Fattoria Colleallodole Sagrantino di Montefalco Colleallodole 2007
Di Filippo Vernaccia di Cannara 2009

VALLE D’AOSTA
Cave du Vin Blanc de Morgex et de La Salle Valle d’Aosta Blanc de Morgex Piagne 2010
La Vrille Valle d’Aosta Chambave Muscat 2009
Di Barrò Valle d’Aosta Torrette Sup. Clos de Chateau Feuillet 2008

VENETO
Monte dei Ragni Amarone della Valpolicella Cl. 2004
Cav. G.B. Bertani Amarone della Valpolicella Cl. 2004
Antolini Amarone della Valpolicella Cl. Ca’ Coato 2007
Monte dall’Ora Amarone della Valpolicella Cl. Stropa 2004
Le Fraghe Bardolino 2010
Marcato Lessini Durello 60 Mesi 2004
Fongaro Lessini Durello Pas Dosé M. Cl. Etichetta Viola 2007
Giorgio Cecchetto Piave Raboso 2007
Az. Agr. Bellussi Piave Raboso L’Autentico 2006
Bonotto delle Tezze Raboso Passito 2009
Monte dall’Ora Recioto della Valpolicella Cl. Sant’Ulderico 2007
La Biancara Sassaia 2010
Filippi Soave Cl. Castelcerino 2010
Umberto Portinari Soave Ronchetto 2009
Ca’ Rugate Studio 2009
Casa Coste Piane Valdobbiadene Prosecco Sup. Frizzante …naturalmente 2010
Malibran Valdobbiadene Prosecco Sup. Sottoriva 2010
Corte Sant’Alda Valpolicella Sup. Ripasso Campi Magri 2008
Silvano Follador Dosaggio Zero M. Cl. 2009

Jacopo Cossater

Comunicazione digitale ed e-commerce, è tutta una questione di vino, di birra artigianale e di trail running. Vive in Umbria, a Perugia, ha un debole tanto per i Paesi del Mediterraneo quanto per quelli scandinavi ma non potrebbe mai fare a meno dei ritmi dell'Italia Centrale. Giornalista, su Intravino dal 2009.

46 Commenti

avatar

Stefano

circa 9 anni fa - Link

ehm.... nella Toscana avete riportato anche i vini di Trentino e Umbria :-)

Rispondi
avatar

Jacopo Cossater

circa 9 anni fa - Link

Corretto, grazie.

Rispondi
avatar

Marco De Tomasi

circa 9 anni fa - Link

Che bello vedere nomi come Fanti, Rosi, Paltrinieri, Graziano, Monte dall'Ora, Filippi, Monte dei Ragni (grandissimo), Antolini, Silvano Follador ... mi piace, mi piace proprio questa lista ...

Rispondi
avatar

Stefano

circa 9 anni fa - Link

Prendendo come esempio solo la Toscana e solo Montevertine: Pian del Ciampolo vino slow e Pergole Torte grande vino, cosa significa? Per quello che avevo capito io i vini slow erano grandi vini con qualcosa in più (la territorialità), però c'è qualcosa che mi sfugge: il Pian del Ciampolo è più buono del Pergole Torte? è "solo" più territoriale? e il Pergole Torte non esprime in pieno quel territorio e quel vitigno? A me la guida di slowfood piace, l'hanno scorso l'ho comprata e credo che la ricomprerò, però vorrei capire meglio alcune cose.

Rispondi
avatar

Stefano

circa 9 anni fa - Link

ARGH, ho scritto "l'hanno scorso" con l'H!!!!! mi auto-fustigo!!! :-(

Rispondi
avatar

M.Grazia (Soavemente)

circa 9 anni fa - Link

Decisamente QUESTI sono i riconoscimenti più belli di Slowine. Bellissimo il Veneto, con alcune spettacolari new entry Zeno di Monte dei Ragni con il suo Amarone e Umberto con il suo Soave Ronchetto... Importante anche la presenza del Durello Metodo Classico. Grazie agli amici di Slowine, con i quali è stato un vero piacere collaborare. Buondì, Jacopo!

Rispondi
avatar

Marco De Tomasi

circa 9 anni fa - Link

Zeno Zignoli è un grandissimo ! Mi fa enormemente piacere vederlo citato ! Così come Monte dall'Ora e Antolini. Sul Durello forse è una riparazione e uno sprone: assaggiati ultimamente li ho trovati un po' appannati rispetto al passato. Comunque bene !

Rispondi
avatar

Daniele

circa 9 anni fa - Link

Grandissima Lista, non vedo l'ora di spulciare con calma.. L'anno scorso (vini francesi a parte) le più grandi scoperte enoiche le ho fatte quasi exclusivamente grazie a questa lista.

Rispondi
avatar

Stefano Cinelli Colombini

circa 9 anni fa - Link

Un modesto suggerimento di coerenza a tutte queste rassegne di vini Slow, se si intende parlare di territorio si devono mettere al primo posto le Denominazioni (che per definizione sono il territorio) e solo dopo il nome dell'azienda. Grazie.

Rispondi
avatar

Carlo Cleri

circa 9 anni fa - Link

Direi che la scelta è stata fatta per dare centralità all'azienda e alle persone rispetto alle denominazioni territoriali che spesso non sono figlie di un territorio e di una storia, ma stabilite solo in base alle pressioni delle lobby di grandi produttori e dei loro appoggi politici.

Rispondi
avatar

Angelo

circa 9 anni fa - Link

Errata Corrige: Contrade di Taurasi è il nome del Taurasi; l'azienda si chiama Cantine Lonardo. Il Fiano di Vadiaperti si chiama Aipierti e non Aiperti... Almeno credo... :-)

Rispondi
avatar

lupin

circa 9 anni fa - Link

Io non riesco a essere così entusiasta anche qui vedo nei riconoscimenti qualche assegnazione per far contento qualcuno, un altra parte di mecenati come diceva fracchia...per tenerlo lì a bada.... avrei fatto scelte più radicali, anche perchè alcuni dei vini non sono proprio proprio perfetti, nè coivolgenti

Rispondi
avatar

andrea

circa 9 anni fa - Link

...una delle tante chicche, Lombardia..Rainoldi Valtellina Superiore Valgella Adotta un vigneto - Mottolino 2008. Valgella zona bellissima del Valtellina Superiore con vini eccellenti come i cru di Fay..ma qs di Rainoldi proprio no...2008 annata disastrosa, forse la peggiore degli ultimi 15 anni, e quindi la materia prima è fin troppo scadente anche per un trasformatore avvezzo alle più "evolute" tecniche di cantina come Rainoldi......slow food fast profit

Rispondi
avatar

luigi fracchia

circa 9 anni fa - Link

Come ho detto più volte le due listone Grandi e Slow vini mi paiono con così tanti punti di contatto da rendere difficile giustificare lo sdoppiamento. ad es. un mare di Barolo, Barbareschi in entrambe le liste che suona un po' strano, meglio i grandi o meglio i slow. Nella lista slow un grignolino, tre Barbera d'asti nessuna del monferrato o del pinerolese, nessuna Freisa, nessun Ruchè veri vini slow del Piemonte. Ferrandes in Sicilia cosa ha in meno del Ben Ryè per non essere considerato un grande vino di un grande territorio? Stessa cosa per il Frappato di Arianna Occhipinti e il cerasuolo di Cos. (non rispondete è una domanda retorica). Il passito di Marco sara, lo Schioppettino di Bressan, la ribolla di Princic, il Rieslingi di Untertortl, il Sylvaner di Kuenhof sono vini di territorio? Solo? Anche? Meglio dei grandi vini? Non capisco e l'unica cosa che viene fuori è la assoluta inutilità delle liste di merito.

Rispondi
avatar

lupin

circa 9 anni fa - Link

Luigi, una barbera del Monferrato c'è: quella di Cascina degli Ulivi! che per me, cito :"si tratta di vini dalle qualità organolettiche eccellenti"...proprio non si tratta. Son d'accordo con te questa confusione da scapito alle malelingue, mia compresa che sia una maniera di compensare. Nella lista appaiono dei grandissimi vini, ma anche alcuni che non sarebbero proprio da premiare, magari i produttori si: Stefano è un bravissimo agricoltore, i Centopassi sono un azienda più che da stimare ... ma quei vini.... bhè non nè sarei così sicuro.

Rispondi
avatar

Maurizio Fava

circa 9 anni fa - Link

una puntualizzazione: il Moumbè e BARBERA PIEMONTE. con le etichette e i territori bisogna essere precisi.

Rispondi
avatar

maurizio gily

circa 9 anni fa - Link

Ancora più precisamente, allora, è un Piemonte Barbera. Terroir comes first. purtroppo la lezione è stata appresa troppo tardi e applicata sulle DOC di ricaduta invece che sulle principali.

Rispondi
avatar

Nic Marsèl

circa 9 anni fa - Link

Intendi dire che la parolina "Piemonte" è sufficiente a definire un terroir? ;-)

avatar

Rinaldo

circa 9 anni fa - Link

sostanzialmente condivido. tutte 'ste classifiche disorientano. penso che se ne possa fare a meno di gran parte.

Rispondi
avatar

Nic Marsèl

circa 9 anni fa - Link

Carina questa lista. Mi fa piacere per tanti produttori incontrati di persona in questi anni ma in particolare per Denny Bini e le sue croccanti rifermentazioni in bottiglia.

Rispondi
avatar

Marossi

circa 9 anni fa - Link

Se non ci sono omissis, noto da questa primeur un dato rassicurante. Questi assaggiatori assaggiano con attenzione - lo so, dovrebbe essere il minimo sindacale, ma tant'è. Quest'anno Camillo Donati non si è visto assegnare l'ambito riconoscimento per la sua barbera, magnificata l'altra edizione. Scelta giusta, purtroppo, dal momento che il suo bel vino, complice un'assoluta e volontaria mancanza di tecnica cantiniera, è passato da vino a tutto pasto a bottiglia recioteggiante da abbinare, al massimo, ai ravoli di zucca e mostarda dolce.

Rispondi
avatar

vinogodi

circa 9 anni fa - Link

...qualcuno lo voleva portare in finale dei tre bicchieri, ma è stato incaprettato prima che ci riuscisse, dal resto della commissione...

Rispondi
avatar

Daniele

circa 9 anni fa - Link

Ma come si fa a dire che Slow Wine fa liste di comodo? Ma come si fa a ridurre il tutto a "...meglio grandi vini o vini slow allora?" Non deve esserci un vincitore, ci sono grandi vini che rappresentano il top, vini slow che rappresentano il top nella loro categoria ma che per mille ragioni difficilmente verranno considerati dalla grande critica..penso all'Amarone di Monte dei Ragni iniziare ad infilare 3 bicchieri a raffica, non credo si verificherà mai..il suo terreno è lo Slow Wine. Credo che da sta lista ci sia da prendere a piene mani con grande soddisfazione, poi la ciambella senza buco vivaddio potrà sempre capitare...vivaddio. Ancora non è capita, Evidentemente questa guida non è per tutti. Come cita Slowine: "questi vini non potranno mai essere grandi vini..perché la natura di questi vitigni e denominazione non lo permette. Ma questo non significa che in certe occasioni (tantissime!) preferiremmo aprire un Vino Slow, invece di un Grande Vino. Siamo contro le forzature, siamo contro la chirurgia estetica dei vini, siamo per raccontare la nostra interpretazione del mondo del vino e per discuterla insieme a voi. Probabilmente è un po’ più complicata di quella narrata da altri, ma la semplicità riduce la complicata bellezza del nostro mondo.." PS: Riporto un'esperienza personale Grazie a questa lista ho scoperto un grande Brunello: Arrivo in cantina, dopo essermi fatto largo tra lo sterrato Ilcinese.. La cantina e la modesta e bellissima casa/fattoria del produttore, gatti ovunque...Mi accoglie la figlia, sta uscendo per andare all'università a Siena ed è di corsa..in casa non c'è nessuno. "Vengo per fare vostra conoscenza...passavo di qui e ho letto di voi su Slowine" dico io Non esiste un vero e proprio ufficio o sala d'accoglienza..esiste uno stanzone con botti grandi e imbottigliatrice..la figlia mi porta frettolosa e sorridente nel vigneto, poi in cantina, vicino alle botti..tutto piccolo e modesto..ma incredibilmente vero. Mi racconta la loro produzione naturale, del Rosso e del Brunello..compro..mi lascia i contatti, se passo con degli amici magari ci si ferma a pranzo..mi dice ringraziando. Scappa all'università, io vado e torno al nord. I vini entrambi una folgorazione. Degni di un grande Brunello. Questo vino è proprio Slow..e non sarà mai un Grande Vino.

Rispondi
avatar

massimo

circa 9 anni fa - Link

....beh, a questo punto ci devi dire il nome del produttore :-)

Rispondi
avatar

Daniele

circa 9 anni fa - Link

Vabene....Il Paradiso di Manfredi

Rispondi
avatar

Spanna

circa 9 anni fa - Link

Appena bevuto il loro rosso di Montalcino 2009. 24,3 euri in enoteca per un vino per il quale qualcuno direbbe "che presenta problemi di grammatica enologica". Mah ....

Rispondi
avatar

Daniele

circa 9 anni fa - Link

Non so, io ho preso 2003-2004 di brunello e più recenti di Rosso ma non 2009, mi spiace riverificherò

avatar

Alessandro Bandini

circa 9 anni fa - Link

Continuo a pensare che spesso, quando le cose non sono ben capite, è perchè non sono ben spiegate.

Rispondi
avatar

jovica todorovic (teo)

circa 9 anni fa - Link

Sarò particolrmente sensibile all'argomento però chiedo una grossa cortesia a tutte le guide....Smettete di assaggiare i vini del Lazio o quanto meno non fatelo sotto effetto di oppiacei...I risultati sono tremendi. Signori oppidum slow ma come caspita si fa come caspita si fa mi chiedo davvero come si possa fare aiutoooooooooo sono impazziti il moscato secco di terracina ragazzi ragazzi ragazzi aiuto siamo pazzi!!!!!!!!!! Da una mia personalissima lista risulta che i vini del Lazio migliri siano il Petit Manseng di casale del giglio il moss de la rasenna ....toglieteli il vino per cortesia

Rispondi
avatar

Manilo

circa 9 anni fa - Link

Beh dire il Moss miglior laziale ce ne vuole è di pari passo al Oppidum di Santandrea, preferisco molto di più il Petit Manseng. Il moss una bella realtà commerciale Moscato secco e Sauvignon molto ruffiano e ben "costruito" un elogio all'enologo. Un buon laziale è il Costarotonda di Dino Limiti dove c'è anche un percentuale di Riesling renano.

Rispondi
avatar

jovica todorovic (teo)

circa 9 anni fa - Link

manlio ero fortemente ironico

Rispondi
avatar

Marino

circa 9 anni fa - Link

Sant'Andrea?Orrore!Candido fuori luogo.Bertani...ancora?Perché?Poliphemo che grande!!!!!Felice per Bressan

Rispondi
avatar

Gianpaolo Paglia

circa 9 anni fa - Link

errata corrige: il vino e' Antonio Camillo, Vallerana Alta Ciliegiolo, e non Poggio Argentiera.

Rispondi
avatar

Il Consumatore

circa 9 anni fa - Link

Riguardo al Sudtirol, l'elenco mi sembra riduttivo del potenziale espressivo di vini cosidetti "slow". Meglio il Veneto?!?!

Rispondi
avatar

invitis veritas

circa 9 anni fa - Link

Scusate se mi introduco di soppiatto nelle vostre scervellotiche deduzioni. Secondo Voi esperti un comune appassionato di vino che definite "enostrippato" farà tutte le vostre considerazioni... se meglio il Pian del Ciampolo,che costa il giusto, visto i tempi magri, o il Pergole Torte che seppur buonissimo uno non se lo può permettere perche costa tantino un pò di più... Ma le considerazioni del curatore le avete lette bene... sono vini del cuore.. che porteremmo ad un cena... ma voi quando siete invitati a cena spendete sempre 100/ 200 euro di vino... per bere bene!!! Invitatemi che vengo anch'io ... se è possibile

Rispondi
avatar

vinogodi

circa 9 anni fa - Link

...il solito scroccone...

Rispondi
avatar

Daniele

circa 9 anni fa - Link

Fatto,letto e sottoscritto

Rispondi
avatar

Marco

circa 9 anni fa - Link

TAURASI..............GRANDE VINO.....ABBINATO SU CACCIAGGIONE,FORMAGGI,CARNI....FAVOLOSO........

Rispondi
avatar

Carlo Cleri

circa 9 anni fa - Link

Collaboro con la guida in questione e non ho certo uno stipendio da riccone essendo un semplice dipendente, però la critica mi sembra ingiusta. Ad esempio tutti i "VINI SLOW" indicati dalla guida per la regione marche hanno un prezzo che va all'incirca dai 10 - 11 euro di alcuni verdicchi ai 25 del Regina del Bosco di Dezi. Mi sembrano dei prezzi accettabili per una bottiglia da portare ad una cena a casa di amici. Alcune bottiglie le trovi addirittura negli scaffali dell'ipermercato. Tra l'altro ti sei sbagliato: il Pergole Torte non è in questa lista ma nell'altra, quella dei "GRANDI VINI".

Rispondi
avatar

Carlo Cleri

circa 9 anni fa - Link

Mi sembra che ci sia ancora molta confusione proprio per la particolare struttura della guida e... perchè qualcuno non ha mai letto con attenzione le pagine di introduzione. :-) Da piccolo collaboratore provo a fare un piccolo riassunto dei riconoscimenti e delle caratteristiche della guida ad uso di tutti: Esistono tre categorie di riconoscimenti per i vini e tre per le cantine: PER I VINI VINO QUOTIDIANO = I migliori vini con prezzo pari o inferiore a 10 euro in enoteca. GRANDE VINO = I migliori vini valutati in senso assoluto, secondo i criteri "classici". VINO SLOW = La categoria più importante, i vini slow, quelli del colpo al cuore, quelli che raccontano una storia, una terra un volto ma che magari non rispettano i criteri e gli equilibri previsti in una degustazione "classica". PER LE CANTINE MONETA = per le cantine che mettono in vendita vini di altissimo livello qualitativo a prezzi contenuti. BOTTIGLIA = per le cantine che hanno una ottima qualità costante di tutte le bottiglie presentate. CHIOCCIOLA = è il riconoscimento massimo, attrribuito per come le cantine interpretano valori (organolettici, territoriali, ambientali e identitari) in sintonia con la filosofia Slow Food. Detto ciò bisogna inoltre chiarire che: - Si tratta di una guida "multistrato" che può essere letta e interpretata sotto molteplici punti di vista. - Esiste un evidente legame tra vino quotidiano e moneta, grande vino e bottiglia, vino slow e chiocciola. - Si assegnano riconoscimenti e non premi nel rispetto del lavoro di tutti i produttori. - Non esistono grappoli, bicchieri, voti numerici o altre valutazioni, le bottiglie e le cantine vengono descritti semplicemente segnalando con i riconoscimenti quelle che più meritano. Ecco perchè ci sono così tante liste. - Si da centralità alla cantina piuttosto che alla singola bottiglia. - La guida è anche merito di una rete di coordinatori e collaboratori locali che garantiscono una conoscenza capillare del territorio e dei produttori che nessuna altra guida ancora può vantare.

Rispondi
avatar

Maurino

circa 9 anni fa - Link

Finalmente qualcuno si e`accorto di Poderi Sanguineto I&II.ERA ORA!!!

Rispondi
avatar

Lido Vannucchi

circa 9 anni fa - Link

Grandissimo Podere Concori.

Rispondi
avatar

Zakk

circa 9 anni fa - Link

Dopo la strana assenza dell'anno scorso ecco Le Cinciole, bene. Alto Adige: il kerner radoy di radiar e' un'interpretazione felice di questo vtigno che soliramente da tanto alcol e ancor piu' scompostezza. Bravo Norbert a proporre una versione con residuo dalla beva compulsiva. Se avesse del riesling in vigna chissa' cosa combinerebbe. BRAVISSIMO!!!! Avete assaggiato i vini di Ronco Severo (pre otto)? Direi di no perche' non e' menzionato. Ormai una sicurezza l'herzu di Sergio Germano. Lombardia: Arpepe, fay, il pendio con un Curtefranca: super Barraco e ferrandes: ben rye vade retro Walter massa ok

Rispondi
avatar

Marco De Tomasi

circa 9 anni fa - Link

Appurato che ci troviamo in disaccordo sulla Franciacorta, ma sui vini di Stefano Novello (Ronco Severo) mi trovi invece in piena sintonia. A mio avviso i migliori macerati in circolazione, per la capacità di mantenere i varietali ben delineati, senza soffocarli. Non saranno d'impatto come quelli di Radikon e Paraschos, ma sono molto più eleganti. Ovviamente, sempre a mio gusto !

Rispondi
avatar

Alessandro

circa 9 anni fa - Link

ma Produttori del Barbaresco- Barbaresco 2007???? non entra in commercio l'annata 2008? il 2007 non l'hanno assaggiato lo scrorso anno?

Rispondi
avatar

zamboulder

circa 9 anni fa - Link

salute, sono nuovo. vado al sodo: non può che farmi piacere che realtà emergenti del territorio che ho scelto come dimora, la valpolicella, ottengano dei riconoscimenti 'istituzionali'. a conferma che le scelte di coraggio e di passione alla lunga vengono ripagate. senza entrare nel mondo della polemica, non mi permetterei mai di entrar per la prima volta in casa di uno sconosciuto sbattendo i piedi, mi chiedo la ragion per cui gli amici di SF non se la sentano però di tagliare in modo netto con "i criteri “classici” citati per la valutazione dei Grandi Vini, per focalizzarsi su ," i vini slow, quelli del colpo al cuore, quelli che raccontano una storia, una terra un volto ma che magari non rispettano i criteri e gli equilibri previsti in una degustazione “classica” " e caratterizzare davvero la guida frutto del loro lavoro di ricercqa e selezione. Se non ho capitop male, in altre parole, nella valutazione dei Grandi Vini si tiene conto solo di quello che scorre nel bicchiere ed invece per i Vini Slow si tiene conto anche di ciò che c'è dietro a quel liquido, che magari va a compensare qualche difetto rispetto ai criteri 'assoluti'. Io, sinceramente, pur essendo un principiante assoluto, non riesco più a separare prodotto da produttore/produzione. ho una formazione AIS e me ne sono allontanato proprio per questo motivo, tra gli altri... Slow Food ha davvero bisogno dei criteri "classici" di una degustazione? Non è forse ora di dar una svecchiata alle schede di degustazione? mi fermo qui, spero di continuare lo scambio e il confronto su questo tema. namastè

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.