I vini d’Italia 2011 per la guida dell’Espresso. Tutti i premiati

di Alessandro Morichetti

Aspettavo le etichette premiate dalla guida I vini d’Italia 2011 dell’Espresso con grande curiosità e finalmente arriva la notizia. Il parto annuale concepito da Fabio Rizzari ed Ernesto Gentili non è mai scontato, vediamo che sorprese riserva l’edizione del decennale, anticipata da una nuova e accattivante veste grafica. 20.000 i vini assaggiati e 10.000 quelli selezionati. 2850 i produttori recensiti, di cui 382 segnalati con una, due o tre stelle (solo 14 aziende). Quest’anno la guida ha individuato 231 Vini dell’Eccellenza (con valutazione di 18/20 o più), 17 in più della precedente edizione. Piemonte (57 eccellenze) e Toscana (41) mantengono la leadership nazionale e non mancano i “migliori acquisti” e “i 50 outsider”. A quota 19.5 volano solo quattro vini: il Barolo Monfortino 2002 di Giacomo Conterno (già annunciato miglior vino per la guida Slow wine), il Barolo Monprivato Cà d’Morissio Riserva 2003 di Giuseppe Mascarello e Figlio, Il Caberlot 2007 del Podere Il Carnasciale e Le Pergole Torte 2007 di Montevertine. La Malvasia di Bosa 2006 di Columbu capeggia tutte le classifiche con 20/20. La guida uscirà venerdì 1 ottobre e sarà presentata la settimana prossima a Firenze contestualmente a quella dei ristoranti. Ed ora, buona lettura e spazio ai commenti.

Aggiornamento delle 12:44: la lista dei premi è sparita dal blog in cui era pubblicata.
Aggiornamento delle 18.40
: la lista dei premi è tornata online.

I vini dell’eccellenza

Valle d’Aosta
rossi
18 Valle d’Aosta Arnad-Montjovet Superiore 2006 La Kiuva
18 Valle d’Aosta Pinot Nero 2008 Ottin Elio

Piemonte
bianchi

18.5 Gavi Pisé 2008 La Raia
18.5 Langhe Bianco Hérzu 2008 Germano Ettore
18 Gavi del comune di Gavi Bruno Broglia 2009 Broglia Gian Piero
18 Gavi Minaia 2009 Martinetti Franco M.
dolci
18 Moscato d’Asti 2009 Saracco Paolo
rossi
19.5 Barolo Monprivato Cà d’Morissio Riserva 2003 Mascarello Giuseppe e Figlio
19.5 Barolo Riserva Monfortino 2002 Conterno Giacomo
19 Barbaresco Pajé 2004 Roagna
19 Barolo 2006 Mascarello Bartolo
19 Barolo Brunate – Le Coste 2006 Rinaldi Giuseppe
19 Barolo Cannubi S. Lorenzo – Ravera 2006 Rinaldi Giuseppe
18.5 Barbaresco Asili di Barbaresco 2007 Giacosa Bruno
18.5 Barbaresco Campo Quadro 2007 Punset
18.5 Barbaresco Gaiun Martinenga 2006 Cisa Asinari
18.5 Barbaresco Montefico 2005 Roagna
18.5 Barbaresco Rizzi 2006 Rizzi
18.5 Barolo Acclivi 2006 Burlotto G. B.
18.5 Barolo Bricco Boschis Riserva Vigna San Giuseppe 2004 Cavallotto
18.5 Barolo Brunate 2006 Marengo Mario
18.5 Barolo Cerretta 2006 Germano Ettore
18.5 Barolo Ciabot Tanasio 2006 Sobrero Francesco e Figli
18.5 Barolo Riserva Bussia Cascina Dardi 2004 Fantino Alessandro e Gian Natale
18.5 Barolo Riserva Le Rocche del Falletto di Serralunga d’Alba 2004 Giacosa Bruno
18.5 Barolo Rocche 2006 Brovia Fratelli
18.5 Barolo Rocche 2006 Settimo Aurelio
18.5 Carema Etichetta Nera 2005 Ferrando e C.
18.5 Dogliani Sirì D’Jermu 2008 Pecchenino Fratelli
18.5 Gattinara Vigneto Castelle 2006 Antoniolo
18.5 Ghemme Signore di Bayard 2004 Antichi Vigneti di Cantalupo
18 Barbaresco 2007 Gaja
18 Barbaresco Asili 2005 Roagna
18 Barbaresco Basarin Vigna Gianmaté 2007 Giacosa Fratelli
18 Barbaresco Rabajà 2007 Cortese Giuseppe
18 Barbaresco Rabajà 2007 Rocca Bruno – Rabajà
18 Barbaresco Riserva Vigneti in Ovello 2005 Produttori del Barbaresco
18 Barbaresco Santo Stefano 2007 Castello di Neive
18 Barbera d’Asti Bricco dell’Uccellone 2008 Braida
18 Barbera d’Asti Superiore Muascae Massimo Pastura 2007 La Ghersa
18 Barolo Bricco Rocche 2006 Ceretto
18 Barolo Cannubi Boschis 2006 Sandrone Luciano
18 Barolo Cascina Dardi Bussia 2006 Fantino Alessandro e Gian Natale
18 Barolo Ciabot Mentin Ginestra 2006 Clerico Domenico
18 Barolo Cicala 2006 Conterno Aldo
18 Barolo Garblèt Sue’ 2006 Brovia Fratelli
18 Barolo Gattera 2006 Bovio Gianfranco
18 Barolo Prapò 2006 Schiavenza
18 Barolo Riserva 2004 Borgogno Giacomo & Figli
18 Barolo Riserva Bussia 2004 Fenocchio Giacomo
18 Barolo Riserva Runcot 2004 Grasso Elio
18 Barolo Sorano 2006 Ascheri
18 Barolo Terlo 2006 Einaudi
18 Barolo Vigneto Cerequio 2006 Batasiolo
18 Boca 2006 Le Piane
18 Dogliani Vigna Tecc 2008 Einaudi
18 Lessona 2006 Proprietà Sperino
18 Lessona Omaggio a Quintino Sella 2005 Sella
18 Roero Riserva Mompissano 2007 Cascina Cà Rossa

Liguria
bianchi

18 Colli di Luni Vermentino Costa Marina 2009 Lambruschi Ottaviano

Lombardia
bianchi

18 Lugana Brolettino 2008 Cà dei Frati
rossi
19 Valtellina Superiore Sassella Riserva Rocce Rosse 1999 AR.PE.PE.
18 Valtellina Superiore Giupa 2004 Caven
18 Valtellina Superiore Prestigio 2006 Triacca
spumanti
18.5 Franciacorta Brut Cuvée Annamaria Clementi 2003 Cà del Bosco
18.5 Franciacorta Extra Brut EBB 2006 Il Mosnel
18 Franciacorta Brut 2005 Gatti Enrico
18 Franciacorta Extra Brut Pas Operé Gran Cuvée 2004 Bellavista
18 Franciacorta Pas Dosé Riserva QDE 2004 Il Mosnel


Trentino
bianchi

18 Besler Biank 2005 Pojer & Sandri
dolci
18 Trentino Moscato Rosa 2008 Zeni R.
rossi
18.5 Cabernet Franc Tre Annate Rosi Eugenio
18 Granato 2007 Foradori
spumanti
18.5 Trento Riserva Lunelli 2003 Ferrari
18 Trento Brut Riserva del Fondatore Giulio Ferrari 2001 Ferrari

Alto Adige
bianchi

19 Manna 2008 Haas
18.5 Alto Adige Pinot Bianco 2009 Lun H.
18.5 Alto Adige Sauvignon Schweizer 2008 Haas
18.5 Alto Adige Sauvignon Voglar 2008 Dipoli
18.5 Alto Adige Terlano Pinot Bianco Riserva Vorberg 2007 Terlano
18.5 Alto Adige Valle Isarco Veltliner 2009 Nössing Manfred-Hoandlhof
18 Alto Adige Gewürztraminer Brenntal 2008 Cortaccia
18 Alto Adige Müller Thurgau Graun 2009 Cortaccia
18 Alto Adige Pinot Bianco 2009 Gumphof
18 Alto Adige Pinot Bianco 2009 Terlano
18 Alto Adige Terlano Riserva NovaDomus 2007 Terlano
18 Alto Adige Valle Isarco Riesling Kaiton 2009 Kuenhof
18 Alto Adige Valle Isarco Sylvaner 2009 Nössing Manfred-Hoandlhof
18 Alto Adige Valle Isarco Sylvaner Reserve 2008 Pacherhof
18 Alto Adige Valle Isarco Veltliner Praepositus 2009 Abbazia di Novacella
18 Alto Adige Valle Venosta Pinot Bianco Castel Juval 2009 Unterortl – Aurich
18 Enosi 2009 Baron Di Pauli
18 Feldmarschall 2009 Tiefenbrunner
18 Mitterberg Trias 2009 Niedrist Ignaz
dolci
18.5 Alto Adige Moscato Giallo Passito Serenade Castel Giovanelli 2007 Caldaro
18 Alto Adige Gewürztraminer Vendemmia Tardiva Pasithea Oro 2008 Girlan-Cornaiano
rossi
18 Alto Adige Cabernet Sauvignon Lafòa 2007 Colterenzio
18 Alto Adige Cabernet Sauvignon Laurenz 2008 Waldgries
18 Alto Adige Lagrein Riserva Abtei 2007 Muri – Gries
18 Alto Adige Merlot Riserva Gant 2007 Andriano
18 Alto Adige Pinot Nero Mazzon Riserva 2007 Gottardi Bruno
18 Lamarein 2008 Mayr Josephus – Unterganzner

Veneto
bianchi

18 Breganze Vespaiolo Superiore Vignasilan 2007 Contrà Soarda
18 Soave Classico Contrada Salvarenza Vecchie Vigne 2008 Gini
18 Soave Classico Monte Fiorentine 2009 Ca’ Rugate
18 Soave Classico Vigneti di Foscarino 2008 Inama
dolci
18.5 Recioto della Valpolicella Classico 2008 Bussola Tommaso
18 Passito Corte Durlo 2003 Ca’ Rugate
rossi
18.5 Amarone della Valpolicella Selezione Giuseppe Quintarelli 2000 Quintarelli Giuseppe
18.5 Masari 2007 Masari
18 Amarone della Valpolicella Campo Leon 2005 Latium
18 Amarone della Valpolicella Classico 2004 Zymè
18 Amarone della Valpolicella Classico Stropa 2004 Monte Dall’Ora
18 Colli Euganei Cabernet Sauvignon Irenèo 2007 Conte Emo Capodilista
18 Piave Raboso Gelsaia 2007 Cecchetto Giorgio

Friuli Venezia Giulia
bianchi

18 Carso Vitovska 2008 Zidarich
18 Colli Orientali del Friuli Bianco Sacrisassi 2008 Le Due Terre
18 Colli Orientali del Friuli Friulano 2009 Ermacora Dario e Luciano
18 Collio Bianco Vecchie Vigne 2007 Roncùs
18 Collio Bianco Zuani Vigne 2009 Zuani
18 Collio Friulano 2007 La Castellada
18 Isonzo del Friuli Bianco Vìgnis di Sìris 2007 Drius Mauro

Emilia Romagna

bianchi

18 16 Anime 2008 Vigne dei Boschi
dolci
18.5 Albana di Romagna Passito Riserva AR 2006 Zerbina
18.5 Colli Piacentini Malvasia Passito 2008 Il Negrese
18.5 Colli Piacentini Vin Santo di Vigoleno 2000 Lusignani Alberto
18 Colli Piacentini Vin Santo Albarola Val di Nure 2000 Barattieri di S. Pietro
rossi
18 Barbera Frizzante 2008 Donati Camillo
18 I Casoni 2004 Tenuta La Piccola
18 Lambrusco di Sorbara Frizzante Etichetta Bianca Fermentazione Naturale nm Paltrinieri
18 Rifermentazione Ancestrale 2008 Bellei Francesco & C.
18 Sangiovese di Romagna Riserva Superiore Michelangiòlo 2007 Calonga

Toscana
bianchi

18.5 Il Templare 2006 Montenidoli
18 Vernaccia di San Gimignano Riserva 2007 Panizzi Giovanni
dolci
18.5 Vin Santo del Chianti Rufina 2001 Frascole
18 Sanpetrolo 2001 Petrolo
rossi
19.5 Il Caberlot 2007 Il Carnasciale
19.5 Le Pergole Torte 2007 Montevertine
18.5 Bolgheri Rosso Superiore Ornellaia 2007 Ornellaia
18.5 Bolgheri Sassicaia 2007 San Guido
18.5 Brunello di Montalcino Riserva Piaggione 2004 Salicutti
18.5 Chianti Classico 2007 Riecine
18.5 Chianti Classico Riserva 2005 Castell’in Villa
18.5 Chianti Rufina Riserva Vigneto Bucerchiale 2007 Selvapiana
18.5 Masseto 2007 Ornellaia
18.5 Montevertine 2007 Montevertine
18.5 Poggio de’ Colli 2008 Piaggia
18.5 Rosso di Montalcino 2007 Poggio di Sotto
18.5 Rosso di Montalcino 2007 Stella di Campalto
18 Acciaiolo 2007 Castello d’Albola
18 Bolgheri Rosso Superiore Campo al Fico 2007 I Luoghi
18 Brunello di Montalcino 2005 Poggio di Sotto
18 Brunello di Montalcino 2005 Sesti
18 Brunello di Montalcino Riserva 2004 Biondi Santi
18 Brunello di Montalcino Riserva 2004 Fuligni
18 Brunello di Montalcino Riserva 2004 La Palazzetta
18 Brunello di Montalcino Riserva 2004 Le Potazzine
18 Brunello di Montalcino Riserva 2004 Podere Brizio
18 Brunello di Montalcino Riserva 1 2 3 2004 Solaria
18 Campo alla Sughera 2006 Campo alla Sughera
18 Carmignano Riserva Montalbiolo 2007 Ambra
18 Cepparello 2007 Isole e Olena
18 Chianti Classico Riserva 2006 Vecchie Terre di Montefili
18 Chianti Classico Riserva 2007 I Fabbri
18 Chianti Classico Riserva Baron’Ugo 2006 Monteraponi
18 Colline Lucchesi Rosso Tenuta di Valgiano 2007 Valgiano
18 Montecucco Rosso Sacromonte 2007 Potentino
18 Montecucco Sangiovese Grotte Rosse 2007 Salustri Leonardo
18 Pian de’ Guardi 2006 Il Lago
18 Rocca di Frassinello 2008 Rocca di Frassinello
18 Syrah Collezione De Marchi 2006 Isole e Olena
18 Vino Nobile di Montepulciano Riserva 2006 Il Conventino
18 Vino Nobile di Montepulciano Simposio 2007 Trerose

Marche
bianchi

18.5 Offida Pecorino Fiobbo 2008 Aurora
18 Nur 2008 La Distesa
18 Verdicchio di Matelica 2009 Collestefano
18 Verdicchio di Matelica Vertis 2008 Borgo Paglianetto
rossi
18.5 Kurni 2008 Oasi degli Angeli
18 Erasmo Castelli 2008 Castelli Maria Pia

Umbria
rossi
18 Montefalco Sagrantino Colleallodole 2007 Antano Milziade
18 Montefalco Sagrantino Il Domenico 2005 Adanti

Lazio
rossi

18 Cesanese del Piglio Superiore Tenuta della Ioria 2008 Casale della Ioria
18 Cesanese di Olevano Romano Cirsium 2007 Ciolli

Abruzzo
bianchi

18 Trebbiano d’Abruzzo Castello di Semivicoli 2008 Masciarelli
rossi
19 Montepulciano d’Abruzzo 2007 Pepe Emidio
18.5 Montepulciano d’Abruzzo 2006 Valentini
18.5 Montepulciano d’Abruzzo Marina Cvetic S.Martino Rosso 2007 Masciarelli
18.5 Montepulciano d’Abruzzo Tonì 2007 Cataldi Madonna
18 Montepulciano d’Abruzzo Mazzamurello 2007 Torre dei Beati

Campania
bianchi

18.5 Greco di Tufo 2009 Di Prisco
18 Fiano di Avellino 2008 Picariello Ciro
18 Greco di Tufo Terrantica Etichetta Bianca 2009 I Favati
rossi
18.5 Taurasi Poliphemo 2006 Tecce Luigi
18.5 Taurasi Riserva 2004 Perillo
18 Falerno del Massico Rosso Rampaniuci 2008 Migliozzi
18 Le Fole 2008 Cantina Giardino
18 Montevetrano 2008 Montevetrano
18 Taurasi Riserva Radici 2004 Mastroberardino
18 Taurasi Vigna Cinque Querce Riserva 2005 Molettieri Salvatore

Puglia
rossi

18.5 Gioia del Colle Primitivo Riserva 2007 Chiaromonte Nicola
18 Gioia del Colle Primitivo “17” 2007 Polvanera
18 Graticciaia 2006 Agricole Vallone
18 Le Cruste 2008 Longo Alberto
18 Pier delle Vigne 2006 Botromagno

Basilicata
rossi

18.5 Aglianico del Vulture Titolo 2008 Fucci Elena
18 Aglianico del Vulture Basilisco 2007 Basilisco
18 Aglianico del Vulture Eleano 2006 Eleano
18 Aglianico del Vulture Gricos 2008 Grifalco della Lucania
18 Aglianico del Vulture Le Vigne a Capanno 2008 Tenuta del Portale

Calabria
rossi

18 Armacìa 2008 Costa Viola
18 Cirò Rosso Classico Superiore Riserva Volvito 2007 Caparra & Siciliani

Sicilia
dolci

18.5 Moscato Passito di Pantelleria 2006 Ferrandes
18 Capofaro 2009 Tasca d’Almerita
18 Marsala Vergine Baglio Florio 1997 Florio
rossi
19 Contrada Rampante 2008 Passopisciaro
18.5 Etna Rosso M.I. 2008 Biondi
18 Etna Rosso Guardiola 2008 Terre Nere
18 Etna Rosso Il Musmeci 2008 Fessina
18 Etna Rosso Outis 2007 Biondi
18 Faro 2008 Bonavita

Sardegna
bianchi

18.5 Santigaini 2006 Capichera
18 Capichera 2008 Capichera
18 Vermentino di Gallura Branu 2009 Surrau
18 Vermentino di Gallura Cheremi 2009 Mura
dolci
20 Malvasia di Bosa 2006 Columbu
18 Vernaccia di Oristano Antico Gregori nm Contini Attilio
rossi
19 Cannonau di Sardegna S’Annada 2008 Sedilesu
18.5 Alghero Marchese di Villamarina 2006 Sella & Mosca
18 Cannonau di Sardegna Cortes 2008 Mura
18 Cannonau di Sardegna Mamuthone 2008 Sedilesu
18 Cannonau di Sardegna Riserva Dule 2007 Gabbas Giuseppe


avatar

Alessandro Morichetti

Tra i fondatori di Intravino, vende vino su Doyouwine.com. Marchigiano, vive a Barbaresco. Ama tutti gli animali e qualche umano.

56 Commenti

avatar

kenray

circa 6 anni fa - Link

nella lista non vedo Allegrini e nemmeno il Turriga sardo del Camartina nessuna traccia vini che bevo e ho bevuto e che per me sono da 8 bicchieri ne trovo altri che tuttosommato non voterei mai. capisco poco? ok grazie per le non risposte. addendum primo anche stavolta

Rispondi
avatar

Antonio Tomacelli

circa 6 anni fa - Link

guarda che non vinci niente, eh! :-)

Rispondi
avatar

umbi

circa 5 anni fa - Link

secondo me capisce molto bene , non è possibile lasciar fuori il turriga a meno non abbian pensato che è un vino fuori classifica x li avrebbe surclassati tutti

Rispondi
avatar

jan 70

circa 5 anni fa - Link

Perfettamente d'accordo con te per quanto riguarda Camartina ed Amarone e Poja di Allegrini. Premiare il Cepparello e non il Camartina è davvero incomprensibile!!

Rispondi

luca ferraro

circa 6 anni fa - Link

e io mi chiedo! nessuno spumante veneto? sono proprio così scarsi? Luca

Rispondi
avatar

Umberto Cosmo

circa 6 anni fa - Link

Caro Luca, dobbiamo lavorare ancora! Rischiare, provare, fallire per riuscire. Forse pensare un po' più al vino e meno al mercato facile? Cordialmente Umberto

Rispondi
avatar

Mario Crosta

circa 6 anni fa - Link

Vero! Pero' Bellenda fa dei metodo classico splendidi, li fa da tanti anni, li porta alla gente di tutti gli angoli del mondo per farglieli assaggiare, cos'altro ancora dovrebbe fare per meritarsi un'occhiata anche dai ciechi?

Rispondi
avatar

Mario Crosta

circa 6 anni fa - Link

Comunque, quando si avra' modo di leggere la Guida stampata, un vino di Bellenda c'e', ma e' stato incluso negli outsider, ovvero fra le menzioni speciali, quelle che hanno particolarmente colpito, come il Prosecco Valdobbiadene Metodo Classico Pas dose' S.C. 1931 millesimato 2008. Hanno lavorato davvero bene gli estensori di questa guida, percio' complimenti.

Rispondi
avatar

Umberto Cosmo

circa 6 anni fa - Link

Grazie Mario, sei sempre molto gentile. Ci fa piacere il tuo commento, ma sappiamo di avere ancora strada da fare per eccellere. Già essere tra i 50 outsider è un risultato per noi davvero splendido. Lavoreremo per cercare di migliorare. A presto, Umberto

avatar

Mario Crosta

circa 6 anni fa - Link

Eh, me lo immaginavo, Umberto. Siete ambiziosi, puntigliosi, scientifici e volete ottenere il massimo del massimo e soprattutto in vigna. Mi ricordo d'aver visto che stavate rifacendo alcune vigne, spostando di qualche grado la loro precedente esposizione al sole nel bell'anfiteatro che avete e allontanando i filari di qualche centimetro, tutto secondo i calcoli fatti negli studi di suo fratello. Non vi accontentate mai ed in questo mi rimarrete sempre impressi come un esempio non soltanto enologico.

avatar

Franco Ziliani

circa 6 anni fa - Link

ancora una volta le scelte degli amici della guida dei vini dell'Espresso si dimostrano in larghissima parte condivisibili, piene di buon senso, illuminate. Un bravo a Fabio ed Ernesto e ai loro collaboratori!

Rispondi
avatar

Andrea Gori

circa 6 anni fa - Link

in effetti Campo Alla Sughera, Caberlot e il Rocca di Frassinello sono i tuoi vini del cuore Franco ;-)

Rispondi
avatar

francesca ciancio

circa 6 anni fa - Link

rocca di frassinello nooooooooo peggio i 3 bicchieri al merlot siciliano però di feudo del pisciotto

Rispondi
avatar

Andrea Gori

circa 6 anni fa - Link

a me il Rocca di Frassinello, considerando quanto costa, piace e non poco, non è mai così pesante e massiccio come si pensa

Rispondi
avatar

francesco guffanti

circa 6 anni fa - Link

orgoglioso per sedilesu,per sobrero mentre deluso per la svista su masseria frattasi o calafe' !bisogna avere il coraggio di volare piu' in alto dei mercanti del tempio ciao a tutti

Rispondi
avatar

Michele Braganti

circa 6 anni fa - Link

...gori fatti un pochino d'ordine in testa......nel tuo articolo precedente quello su capezzana dici testualmente.....senza generare supertuscan marmellatosi.......poi invece qui tessi le lodi...di un vero vino marmellatosissimo,confetturatissimo,barricatissimo......mah...???

Rispondi
avatar

Puccio Giacomini

circa 6 anni fa - Link

Mi sa che sei rimasto un po' indietro: da almeno due o tre vendemmie il Rocca di Frassinello non è surmaturo, non è molle, non è pesante e non si sente proprio il dolce del legno

Rispondi
avatar

giulio

circa 6 anni fa - Link

Considerando che la prima volta è uscito con l'annata 2004...e che ora siamo alla 2008...praticamente per te non è mai stato un mollaccione?

Rispondi
avatar

Puccio

circa 6 anni fa - Link

Guarda che è scritto in maniera chiara, da due o tre annate su cinque quindi i conti sono facili da fare: le prime erano più dolciastre per la barrique (sopratutto la 2006 che pero' aveva una bella base), dalla 2007 il legno è ben dosato.

Rispondi
avatar

nicola a.

circa 6 anni fa - Link

Grotte Rosse e Sacromonte due cavalli di razza dalla Maremma che meritano da tempo di entrare nel circuito dei grandi sangiovesi autoctoni toscani. Il primo sempre sostenuto da sempre da Ernesto, l'altro da Ziliani, con stima ed articoli veri (non marchettari).

Rispondi
avatar

Francesco

circa 6 anni fa - Link

La lista mi pare moooolto codivisibile, dentro ci sono moltissimi vini che piacciono e montevertine sugli scudi è sempre una gioia. Bello il rientro in lizza del Bucerchiale e dispiace vedree l'assenza del brunello del poggione (un paio tra rossi e brunelli a me dicono pochino, ma insomma..), comunque per quel che vale, bella scelta. certo se si compare quewta sicilia a qualla del gambero si vede bene un approccio oserei direi quasi agli antipodi. ciao PS congratulazioni a michele braganti, proprio ieri ho "seccato" un'altra boccia del ch.classico 2007, che beva meravigliosa ed il giorno dopo è ancora migliore.

Rispondi
avatar

Gianca

circa 6 anni fa - Link

Scusami Francesco, ma se il vino che bevi non è migliore il giorno dopo quello in cui l'hai aperto, che roba è? Non berlo!

Rispondi
avatar

vitruvio

circa 6 anni fa - Link

Puglia: riserva chiaromonte 2007 prezzo 50 euri o giù di lì..... 17 di polvanera 2007 prezzo 10 euri (anche qualcosa di meno.....) io non ho dubbi.......

Rispondi
avatar

Gabriele

circa 6 anni fa - Link

Riserva chiaromonte 2006 lo vendono sul sito a 75 euri. Mah...

Rispondi
avatar

Leonardo Romanelli

circa 6 anni fa - Link

Beh è interessante notare come su alcuni vini abbiamo giudizi diversi..tranquilli, quest'anno non ci sono alla presentazione della guida vini dell'Espresso a Firenze, il buon Rizzari ha posto il veto sulla mia presenza dopo lo scorso anno, quindi nessun duetto televisivo con il Gori..alcuni vini non stati premiato dal Gambero semplicemente perché alcuni produttori scelgono di non mandare i vini in assaggio..parlo della Toscana, terra che conosco meglio del resto d'Italia, ovviamente!

Rispondi
avatar

Sarah

circa 6 anni fa - Link

invece è importante avere la presenza di una persona come te ;-)

Rispondi
avatar

La linea dell'inutile (Mauro)

circa 6 anni fa - Link

mi odio per conoscere solo zidarich dei friulani

Rispondi
avatar

busiello vincenzo

circa 6 anni fa - Link

Speravo in più bianchi campani e friulani e in qualche rosso friulano; avrei detto anche Gravner,Bressan e Moschioni; Pietracupa,Colli di Lapio; avrei scommesso su qualche pinot nero altoatesino. Chissà cosa è successo a Terra di Lavoro e al Faro Palari. A Vitruvio: il 17 di Polvanera 2007 non costa meno di 10 euro ma quasi 20 (sempre meno di 70) ; è il 14 che costa sotto i 10 euro. Sono contento per Pasqualino Di Prisco che , parlando di Taurasi, mi disse:"guarda che io faccio anche dei grandi bianchi"; mi domando perchè non c'è mai il mio amico Guido Marsella. E il prof. Moio, coi suoi vini da gran prezzo? Mi incuriosiscono i 2 valdaostani; uno piace a Ziliani (e quindi deve essere bbuono).

Rispondi
avatar

Lizzy

circa 6 anni fa - Link

Che bello, un Amarone biodinamico come "vino d'eccellenza"! E due fuoriclasse: Latium e Zymè. :-) L.

Rispondi
avatar

Francesco Fabbretti

circa 6 anni fa - Link

ecco, quell'amarone è la prova della tendenza di cui parlavo nel mio interventyo in calce. Dello stesso produttore ho molto gradito i vini base ma non ho potuto fare a meno di notare una EVIDENTE scissione alcoolica nello STROPA. Allora, in base a quale criterio si premia? Capisco che una imbellettata di Biodinamico è necessaria...... ma almeno stiamo un po' più attenti (c'è più di qualcuno che certi vini li conosce e un filino si sete preso per il cXXo)

Rispondi
avatar

Francesco Fabbretti

circa 6 anni fa - Link

Credo di vini eccellenti ne esistano molti più. A naso direi ch i premiati rispettano una tendenza al compiacimento del voyeurismo tipico di un lettore molto radical-chic. D'altronde, se quello è il target di riferimento...

Rispondi
avatar

Baricentro

circa 6 anni fa - Link

Mi permetto di segnalarvi a questo indirizzo i migliori vini dell'Espresso secondo l'indice qualità/prezzo: http://espresso.repubblica.it/food/dettaglio/la-mappa-delle-eccellenze/2135515 e di seguito le mie personali valutazioni (se interessano) PUGLIA 18 Pier delle Vigne 2006 Botromagno € 14/16 = 18 punti mi sembrano troppi… 17.5 Gioia del Colle Primitivo “16” 2007 Polvanera € 16/18 = forse costa di meno io mi ricordo 12 euri (io non lo pago…..) 17 Gioia del Colle Primitivo 2009 Angiuli Donato € 6/7 = qui ovviamente non sono d’accordo. In tre anni che mandano il vino solo l’ultimo è decente. Sono anche due ragazzi un po’ presuntuosi…… 17 Nardò Danze della Contessa 2008 Bonsegna € 6/7 = non è piaciuto né la versione senza barrique che quella con barrique………… 17 Salento Primitivo 7° Ceppo 2008 Taurino Cosimo € 10/11 = qui sono completamente d’accordo e pensavo costasse molto di più……….. da comprare! 16.5 Salice Salentino Rosso Riserva Vereto 2006 Agricole Vallone € 9/10 = Il Vereto è sempre brutto da almeno 5 anni al limite dell’N.C., sia semplice che riserva. 16.5 Nardò Danze della Contessa Rosato 2009 Bonsegna € 4/5 = vale lo stesso commento di su non piace sa di bibita ecc 16.5 Baia di Uluzzo 2008 Bonsegna € 8/9 = Appena passabile…. 16.5 Salice Salentino Rosato Le Pozzelle 2009 Candido Francesco € 6/7 = siamo al discorso di prima: a me sembrava sapere di acetelli ed era abboccato spento dolcino…. 16.5 Copertino Rosso Riserva 2004 Cantina Sociale Cooperativa Copertino € 8/9 = Anche qui non comprendo perché mi è piaciuto molto di più il cupertinum semplice che la riserva….. 16.5 Fiano Minutolo Rampone 2009 I Pastini - Carparelli € 10/12 = qui siamo d’accordo anche se per me costa troppo. A un prezzo più basso (6/7 euro) preferisco l’Auva di Polvanera 16.5 Jèma 2008 L’Astore Masseria - Benegiamo € 8/9 = qui sono d’accordo. 16.5 Mezzanotte 2009 Morella € 8/9 = sicuramente confermo e alla grande da prenderne una cassa! 16.5 Gioia del Colle Primitivo 2007 Terra Jovia € 6/7 = qui sono colpito al cuore! a me piace e il costo è onestissimo ma non è un grande vino come altri suoi fratelli della zona. 16 Primitivo 2008 Feudi di Guagnano € 5/6 = anche qui sono d’accordo.

Rispondi
avatar

Vittorio Cavaliere

circa 6 anni fa - Link

Peccato che il mercato non corrisponde a queste indicazioni,se non è troppo vorrei fare qualche domanda,dove si sono svolte le degustazioni? Quante copie vengono vendute,ribadisco vendute ?

Rispondi
avatar

Armando Castagno

circa 6 anni fa - Link

Obiezione risibile ad un lavoro giornalistico onesto e indipendente. Il mercato della mucisa premia Gigi D'Alessio. Quello dei film, Carlo Vanzina. Tieniteli stretti, io mi bevo il Rosso di Stella di Campalto.

Rispondi
avatar

Francesco Fabbretti

circa 6 anni fa - Link

La commercialità di un prodotto non dovrebbe mai essere un indicatore di qualità... converrai però che in questa lista la stragrande maggioranza dei premiati appartiene a produttori che fanno numeri risibili, divenendo il più delle volte pressocchè irreperibili. Evitando di recriminare su evidenti discrepanze rispetto al mio punto di vista, mi limito ad osservare che è facile passare per geni premiando la malvasia di Columbu. Prova a scrivere che il messorio 2007 fa letteralmente lacrimare, o che il migliara 2007 con l'apporto di viognier in pure stile cote du rhone è ineccepibile. Di certo hai meno appeal che se gli preferissi il Syrah di Lenzini (tanto, in quanti lo assaggiano questo???) P.S. non glielo dire però, che se lo sono fatti sfuggire e hanno premiato il collezione de Marchi...... ah se lo avessero saputo prima!!!

Rispondi
avatar

Armando Castagno

circa 6 anni fa - Link

No, non ne convengo. E' una lista che pretende di indicare IL MEGLIO della produzione nazionale dal punto di vista qualitativo. Ogni altro fattore è secondario, ma anche andando al merito della tua questione, non mi risulta affatto che siano vini irreperibili - a patto di cercarli in una buona enoteca e non in una ferramenta (e risalgo da Sud a Nord per comodità di lettura) quelli di produttori come Tasca d'Almerita, Florio, Sella e Mosca, Capichera, Còntini, Passopisciaro, Caparra e Siciliani, Terre Nere, Vallone, Botromagno, Mastroberardino, Molettieri, Di Prisco, Cataldi Madonna, Valentini, Masciarelli, Pepe, Adanti, Aurora... Ora, i colleghi della Guida dell'Espresso non hanno bisogno di avvocati, e dunque mi fermo qui, ma annoto come anche questo rilievo sia del tutto inconsistente. E comunque: entrare al Bulli, negli anni passati, è stato praticamente impossibile, o comunque molto difficile; eppure sarebbe certamente considerata lacunosa e inattendibile una guida ai ristoranti d'elite in Europa che non lo avesse annoverato tra i migliori.

avatar

Francesco Fabbretti

circa 6 anni fa - Link

prendo atto, resto del mio parere nonostante la tua ragione sulle 19 cantine elencatemi

avatar

renzino17

circa 6 anni fa - Link

Io sono un vecchio e storico produttore di vini della zona del gioia del colle doc..ormai sono anni che ho dismesso la mia attività e passione per i vini proprio perchè a volte la gente senza toccare con mano e conoscere la realtà parla a sproposito.. Ho visto dei commenti non certo coerenti nei confronti di alcuni produttori della zona del gioia del colle...io conosco personalmente dei produttori citati che hai definito presuntuosi..che certo sono forse gli unici che dalla sera alla mettina trascorrono le giornate tra campagna (nella scelta delle uve sempre in compagnia di un team di esperti!!) e in cantina ; ho assisitito a volte alla lavorazione delle uve ...Gradirei che si esprimessero giudizi onesti e obbiettivi..sono gli unici o i pochi che vendemmiano in cassetta e non con vendemmiatrici automatiche ..non sono certo presuntuosi se pagano le uve in campagna a prezzi REMUNERATIVI molto più alti di quelli del mercato per premiare il lavoro di qualità di chi lavora in campagna per la massima qualità...girate in campagna e in cantina prima di Parlare o esprimere giudizi impropri...

Rispondi
avatar

Baricentro

circa 6 anni fa - Link

Caro Renzino, io mi pecco di conoscere come (e forse più di te....) i produttori dell'intero areale della DOC Gioia del Colle, e ti assicuro che non butto giudizi a casaccio sulle persone. In ogni modo sono sempre disposto a ricredermi se avrò delle controprove....... In merito alla dismessa attività produttiva sarei curioso di conoscere il perché hai abbandonato la produzione

Rispondi
avatar

Giuseppe

circa 6 anni fa - Link

Noto con gioia che la Sardegna è la quinta regione d'Italia come numero di eccellenze per l'Espresso. Considerando che mancano alcuni dei vini più buoni dell'isola :-) la posso considerare come una delle regioni dove si beve meglio in Italia?

Rispondi
avatar

Mario Crosta

circa 6 anni fa - Link

La Sardegna e' senz'altro una delle regioni dove si beve meglio in Italia, caro Giuseppe! E bisogna considerare che molti produttori di vino non hanno delle cantine d'imbottigliamento moderne a disposizione e non sono conosciuti ai giornalisti del settore. Anche Argiolas che produce il pluripremiato Turriga nei primi anni non aveva nemmeno la cantina e lo maturava in una sala della sua casa rinfrescata da un condizionatore per ufficio...

Rispondi
avatar

Armando Castagno

circa 6 anni fa - Link

Del solo vino qui elencato Ciro Picariello fa 23.000 bottiglie, Montevetrano 30.000, Ciro Biondi 17.000 (dell'Outis), Basilisco 16.000, Casale della Ioria 30.000 (è il "base"), I Favati 15.000, Elena Fucci 20.000, Eleano 13.000, Giuseppe Sedilesu 50.000 di Mamuthone e quasi altrettanto del S'Annada. Potrei continuare, ma già così siamo a 29 su 55 (mi sono fermato alle Marche, nel risalire). Quelli che fanno numeri piccoli ("risibili") non solo non sono in stragrande maggioranza, ma nemmeno in risicata maggioranza. Sono in MINORANZA. Libero ovviamente di restare della tua idea a dispetto dell'evidenza, non saresti certamente il primo in questo paese.

Rispondi
avatar

Francesco Fabbretti

circa 6 anni fa - Link

Armando perdonami ma sicuramente conosci i numeri, lasciami qualche dubbio sulla tua conoscenza delle logiche commerciali che sottendono la vendita di certi produttori (spesso inconsapevboli e involontari protagonisti), collegati a rapporti con le varie agenzie di rappresentanza, quando non siano inseriti in vere e proprie distribuzioni (e allora lì la cosa cambia notevolmente... in peggio of course). libero di esercitare le tue sacrosante ragioni ma per un locale medio un produttore da 100.000 bottiglie è "piccolo" perchè non ti permette una programmazione annua, non ti da la possibilità di riforinimento in caso di termine prodotto e via discorrendo. Pensa che Venica con le sue 285000 bottiglie complessive va prenotato su Roma due mesi prima e devi incrociare le dita sperando che hai fatto bene i conti con le assegnazioni (perchè se a ottobre l'hai finito sono affari tuoi). Quindi dalla mia ottica sono Piccoli e sempre dala mia ottica (ovviamente on il solito fair play) ma sei tu ad essere "libero ovviamente di restare della tua idea a dispetto dell’evidenza, non saresti certamente il primo in questo paese"

Rispondi
avatar

Mauro Erro

circa 6 anni fa - Link

A parte, Francesco, che le logiche commerciali che esponi, pur sensate, con una buona progammazione sono risolvibili, ma sono del tutto opinabili. Si spera che un'enoteca selezioni i suoi prodotti indipendentemente dal rappresentante con in mano la velina dei premi. Si spera che l'enotecaro in questione li assaggi e li compri facendo la sua selezione piùttosto che la solita carta fotocopia. Ogni anno, così, si potrebbe avere una grande rotazione legata al'andamento dell'annata, oltre dei classici che rappresentano i vini del proprio cuore. Per dire, oggi potresti avere tre fiano 2008, domani, due Fiano in meno e due Greco (2009) in più. E vale per tutta la penisola. Senza nulla togliere alle considerazioni di Armando che sono cristalline.

Rispondi
avatar

Francesco Fabbretti

circa 6 anni fa - Link

scusa mauro, prima di pontificare, hai visto la mia carta?

Rispondi
avatar

Mauro Erro

circa 6 anni fa - Link

Parlo del meccanismo, non della tua carta che sarà sicuramente ottima. Rispondevo semplicemente alla tua obiezione. Che esista il tipo di sistema da te raccontato è fuor di dubbio così come esiste la possibilità di ovviare. è semplice. Il Fiano di Ciro Picariello, per fare un esempio, è stato presentato al Vinitaly sei mesi fa e ha fatto il giro di manifestazioni varie. Poi ci sono i blogghè e tante altre forme di informazione. Basta berlo. Se poi lo si beve e non lo si capisce o si aspetta che esca la guida di turno, allora è meglio aprire una ferramenta. La guida dovrebbe essere rivolta al consumatore. Che possa essere utile all'operatore come fonte di informazioni varie ok, ma che sia diventata il "consulente ombra" dei ristoratori et similia e/o che le eccelenze, i tre bicchieri o chi per esso possano avere un effetto sul mercato dirompente con tutte le innumerevoli distorsioni, dipende da noi, mica dalle guide. è questo il punto.

avatar

Francesco Fabbretti

circa 6 anni fa - Link

se te la devo dire tutta, picarielllo qust'anno non l'avrei premiato visto che, col passar del tempo esaspera i toni fumè in maniera ossessiva. Per quanto riguarda la mia carta sono molto orgoglione di poter affermare che si caratterizza per la presenza dei produttori che "stanno nel mezzo", quelli che non sono troppo "hyppie" ma nemmeno di "sistema" (Credo tu abbia capito cosa intendo). Quelli che magari hanno un'intera produzione da 4 grappoli o bottiglie o chiocciole o similia (fai tu) ma nemmeno un "paladino" nell'olimpo dei premiati. Quelli che difficilmente trovi alle fiere "a must go". Quelli di cui difficilmente un blog parla. Magari perchè hanno fatto il loro tempo, o magari perchè non hanno affatto interesse al circo mediatico, visto che si propongono benissimo da soli. Come ho già scritto recentemente le guide non sono la mia stella polare. Aol netto di questa considerazione mi pare che q

avatar

Francesco Fabbretti

circa 6 anni fa - Link

(continua)Al netto di questa considerazione mi pare che quest'anno l'espresso abbia voluto calcare la mano per fare il "diverso", il "trendy", l'"originale" a tutti i costi. E' mio puro e sincero convincimento che esistano almeno un migliaio di vini su cui si possa argomentare se insignire o no del titolo di "migliore", fatti salvi i vari Roagna, Giacosa, Gaja (lo si voglia o no), Conterno, Clerico, Biondi Santi Riserva, Soldera, Palmucci e quei trenta 40 produttori che rappresentano le FONDAMENTA del nostro vissuto enologico. Quello che determia la scelta è la sensibilità del palato. E trovo che in questo caso la sensibilità sia stata un po' autoreferenziale e influenzata da una tendenza del tipo "piccole cose dal sapore antico". Insomma, l'anno scorso la guida mi aveva stupito per la lucidità, quest'anno comincio a sospettare che sia solanto un gioco autopromozionale per parlare ma, soprattutto, far parlare di sè

avatar

Raro Umore

circa 5 anni fa - Link

pica(cafon)riello out e pure chi lo porta....erro o son desto....

avatar

Mauro Erro

circa 6 anni fa - Link

@ Francesco: non esistono vini ingiudicabili neanche se ti chiami Gaja o Giacosa. è irrilevante qualsiasi logica che tu attribiusci, sia essa trendy o meno, perchè i parametri e le modalità sono spiegate. Significherebbe semplicemente dubitare di quel che dice l'Espresso o che le degustazioni si fanno alla cieca. Puoi entrare nel merito come hai fatto con Picariello e in ogni caso sono considerazioni che si slegano dal mercato, come dicevamo.

Rispondi
avatar

Francesco Fabbretti

circa 6 anni fa - Link

sul mercato si parlava della difficoltà di ragionare con realtà produttive che fanno quantità piccole. Essendo da 60 anni sul mercato a Roma, con il nostro giro di clientela, è problematico. Quanto al resto, forse non mi sono spiegato: è difficile che uno dei 30-40 Monumenti non tiri fuori nemmeno un vino che supera di gran lunga l'eccellenza. Quanto a Picariello e monte dall'Ora sono solo due casi che ho citato.

Rispondi
avatar

Ruggero Romani

circa 6 anni fa - Link

segnalo una stranezza(errore?) della guida:il baglio florio 1997 era già stato premiato con 5 bottiglie nella guida 1999

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.