I Grandi Vini di Slow Wine 2012 assomigliano parecchio al listone dei 3 bicchieri

di Alessandro Morichetti

Se al listone dei Grandi Vini appena sfornato da Slow Wine 2012 mettessimo come titolo “3 bicchieri 2012” probabilmente non se ne accorgerebbe nessuno. 238 i vini premiati, 178 per la prima volta. Per come la vedo io, queste potrebbero essere le segnalazioni di Slow Wine meno interessanti, curiose e ricercate tra le tante. C’è chi immagini ci sia in un elenco di vini importanti e spesso discussi. Pacifico e democristiano quanto basta per non scontentare nessuno. E queste sono ovviamente le ultime parole famose.

ABRUZZO
Barba Fratelli Bianco Vignafranca 2009
Borgo di Colloredo Biferno Rosso Gironia 2005
San Lorenzo Montepulciano d’Abruzzo Colline Teramane Escol Ris. 2007
Agriverde Montepulciano d’Abruzzo Plateo 2007
Fattoria La Valentina Montepulciano d’Abruzzo Spelt 2007
Masciarelli Trebbiano d’Abruzzo Castello di Semivicoli 2009

ALTO ADIGE
Tiefenbrunner – Castel Turmhof A.A. Lagrein Linticlarus Ris. 2008
Peter Dipoli A.A. Merlot Fihl 2007
J. Hofstätter A.A. Pinot Nero Barthenau Vigna Sant’Urbano 2008
Stroblhof A.A. Pinot Nero Ris. 2008
Cantina Girlan A.A. Pinot Nero Trattmann Ris. 2008
Cantina Terlano A.A. Terlano Chardonnay 1998
Cantina Terlano A.A. Terlano Pinot Bianco Vorberg Ris. 2008
Ignaz Niedrist A.A. Terlano Sauvignon 2010
Hoandlhof – Manfred Nössing A.A. Valle Isarco Kerner 2010
Cantina Valle Isarco A.A. Valle Isarco Riesling Aristos 2010
Köfererhof – Günther Kershbaumer A.A. Valle Isarco Sylvaner 2010

BASILICATA
Armando Martino Aglianico del Vulture Bel Poggio 2007
Bonifacio Aglianico del Vulture Certamen 2008

CALABRIA
Feudo dei Sanseverino Moscato Passito al Governo di Saracena 2006

CAMPANIA
Pietracupa Fiano di Avellino 2010
Villa Raiano Fiano di Avellino Alimata 2010
Pietracupa Greco di Tufo 2010
I Favati Greco di Tufo Terrantica 2010
Benito Ferrara Greco di Tufo Vigna Cicogna 2010
Montevetrano Montevetrano 2009
Antico Castello Taurasi 2007
Mastroberardino Taurasi Naturalis Historia 2006
Tenuta Cavalier Pepe Taurasi Opera Mia 2007
Colli di Lapio Taurasi Vigna Andrea 2007

EMILIA ROMAGNA
Il Negrese C.P. Malvasia Passito 2009
Villa Liverzano Don 2008
Drei Donà – Tenuta La Palazza Sangiovese di Romagna Sup. Pruno Ris. 2008
Tenimenti San Martino in Monte Sangiovese di Romagna Vigna 1922 Ris. 2008
La Collina Sangiovita 2009

FRIULI VENEZIA GIULIA
La Tunella COF Bianco Biancosesto 2010
Ronco del Gnemiz COF Cabernet Dottor Palazzolo 2008
La Viarte COF Friulano 2010
Petrussa COF Friulano 2010
Livio Felluga COF Rosso Rosazzo Ris. Sossò 2007
Eugenio Collavini Collio Bianco Broy 2010
Ronco dei Tassi Collio Bianco Fosarin 2010
Colle Duga Collio Friulano 2010
Franco Toros Collio Friulano 2010
Isidoro Polencic Collio Friulano 2010
Russiz Superiore Collio Friulano 2010
Venica & Venica Collio Friulano Ronco delle Cime 2010
Oscar Sturm Collio Sauvignon 2010
Vie di Romans Friuli Isonzo Malvasia Istriana Dis Cumieris 2009
Lis Neris Tal Lûc 2008

LAZIO
Sergio Mottura Latour a Civitella 2009
Tenuta Sant’Isidoro Soremidio 2008
L’Olivella Tre Grome 2009

LIGURIA
Luciano Capellini Cinque Terre 2010
Possa Cinque Terre Sciacchetrà 2009
Cascina delle Terre Rosse Riviera Ligure di Ponente Pigato 2010
Maria Donata Bianchi Riviera Ligure di Ponente Vermentino 2010
Terre Bianche Rossese di Dolceacqua Bricco Arcagna 2009

LOMBARDIA
Ca’ del Bosco Franciacorta Brut Cuvée Annamaria Clementi 2004
Bellavista Franciacorta Brut Grand Cuvée 2006
Ca’ del Bosco Franciacorta Dosage Zéro 2006
Ferghettina Franciacorta Extra Brut 2005
Villa Franciacorta Extra Brut Nobile Alessandro Bianchi Ris. 2004
Bellavista Franciacorta Pas Operé Grand Cuvée 2005
Monsupello M. Cl. Rosè
Mamete Prevostini Valtellina Sup. Sassella 2009
Nino Negri Valtellina Sup. Sassella Le Tense 2008

MARCHE
Valturio Chiù 2009
Umani Ronchi Conero Cumaro Ris. 2008
Oasi degli Angeli Kurni 2009
Velenosi Rosso Piceno Sup. Roggio del Filare 2007
Fazi Battaglia Verdicchio dei Castelli di Jesi Cl. San Sisto Ris. 2008
Santa Barbara Verdicchio dei Castelli di Jesi Cl. Stefano Antonucci Ris. 2009
Tenuta di Tavignano Verdicchio dei Castelli di Jesi Cl. Sup. Misco 2010
Sartarelli Verdicchio dei Castelli di Jesi Cl. Sup. Tralivio 2009
Montecappone Verdicchio dei Castelli di Jesi Cl. Utopia Ris. 2009
Fattoria San Lorenzo Verdicchio dei Castelli di Jesi Cl. Vigneto delle Oche Ris. 2008
Cantine Belisario Verdicchio di Matelica Cambrugiano Ris. 2008
Cantine Belisario Verdicchio di Matelica Meridia 2008

PIEMONTE
Gaja Barbaresco 2008
Castello di Neive Barbaresco Gallina 2008
Marchesi di Grésy Barbaresco Martinenga 2008
Roagna – I Paglieri Barbaresco Montefico 2006
Sottimano Barbaresco Pajoré 2008
Fiorenzo Nada Barbaresco Rombone 2007
Albino Rocca Barbaresco Ronchi 2008
Castello di Neive Barbaresco Santo Stefano 2008
La Spinetta Barbera d’Asti Sup. Bionzo 2009
Luigi Spertino Barbera d’Asti Sup. La Mandorla 2009
Cascina Castlet Barbera d’Asti Sup. Litina 2007
G.D. Vajra Barolo Bricco delle Viole 2007
Gianfranco Bovio Barolo Bricco Parussi Ris. 2004
Bricco Rocche – Bricco Asili Barolo Bricco Rocche 2007
Enzo Boglietti Barolo Brunate 2007
Damilano Barolo Brunate 2007
Prunotto Barolo Bussia 2007
Poderi Luigi Einaudi Barolo Cannubi 2007
Michele Chiarlo Barolo Cannubi 2007
Giacomo Conterno Barolo Cascina Francia 2007
Giovanni Manzone Barolo Castelletto 2007
Domenico Clerico Barolo Ciabot Mentin Ginestra 2007
Elio Grasso Barolo Gavarini Chiniera 2007
Giovanni Rosso Barolo La Serra 2007
Vietti Barolo Lazzarito 2007
Fontanafredda Barolo Lazzarito Mirafiore 2007
Azelia Barolo Margheria 2007
Giacomo Conterno Barolo Monfortino Ris. 2004
Giuseppe Mascarello e Figlio Barolo Monprivato 2006
Paolo Scavino Barolo Monvigliero 2007
Castello di Verduno Barolo Monvigliero Ris. 2005
Massolino Barolo Parafada 2007
Elvio Cogno Barolo Ravera 2007
Pecchenino Barolo San Giuseppe 2007
Alessandria Fratelli Barolo San Lorenzo 2007
Ascheri Barolo Sorano 2007
Conterno Fantino Barolo Sorì Ginestra 2007
Ca’ Viola Barolo Sotto il Castello 2006
Mauro Molino Barolo Vigna Conca 2007
Borgogno & Figli Barolo Vigna Liste 2006
Elio Altare – Cascina Nuova Barolo Vigneto Arborina 2007
Fratelli Seghesio Barolo Vigneto La Villa 2007
Cavallotto Fratelli Barolo Vignolo Ris. 2005
Brovia Barolo Villero 2006
Le Piane Boca 2007
Sella Bramaterra I Porfidi 2007
La Colombera Colli Tortonesi Timorasso Derthona 2009
Claudio Mariotto Colli Tortonesi Timorasso Derthona 2009
Cascina Montagnola Colli Tortonesi Timorasso Morasso 2009
Antoniolo Gattinara Osso San Grato 2007
La Giustiniana Gavi del Comune di Gavi Montessora 2010
Gaja Langhe Nebbiolo Sorì Tildin 2008
Hilberg – Pasquero Nebbiolo d’Alba 2009
Paolo Saracco Piemonte Moscato d’Autunno 2010
Malvirà Roero Renesio Ris. 2007
Marco Porello Roero Toretta 2008

PUGLIA
Rivera Castel del Monte Rosso Il Falcone Ris. 2007
Torrevento Castel del Monte Rosso Vigna Pedale Ris. 2008
Polvanera Gioia del Colle Primitivo 17 2008
Chiaromonte Gioia del Colle Primitivo Chiaromonte Ris. 2008
Plantamura Gioia del Colle Primitivo Etichetta Nera 2009
Agricole Vallone Graticciaia
Cantele Negroamaro Teresa Manara 2009
Gianfranco Fino Primitivo di Manduria Es 2009

SARDEGNA
Ferruccio Deiana Ajana 2008
Sella & Mosca Alghero Torbato Terre Bianche Cuveé 161 2010
Pala S’Arai 2007
Argiolas Turriga 2007
Capichera Vermentino di Gallura Vigna’ngena 2010

SICILIA
Tenuta di Castellaro Bianco Pomice 2010
Gulfi Cerasuolo di Vittoria 2010
Tasca D’Almerita Chardonnay 2009
Tenuta di Fessina Etna Bianco A’ Puddara 2009
Benanti Etna Bianco Pietramarina 2007
Masseria Setteporte Etna Rosso 2009
Tenuta delle Terre Nere Etna Rosso Feudo di Mezzo 2009
Graci Etna Rosso Quota 600 2009
Enza La Fauci Faro Oblì 2009
Palari Faro Palari 2009
Planeta Maroccoli 2008
Solidea Passito di Pantelleria 2008
Donnafugata Passito di Pantelleria Ben Ryé 2009
Passopisciaro Contrada Rampante 2009
Passopisciaro Contrada Sciaranuova 2009
Marco De Bartoli Vecchio Samperi Ventennale

TOSCANA
Morisfarms Avvoltore 2009
Tenuta San Guido Bolgheri Sassicaia 2008
I Luoghi Bolgheri Sup. Campo al Fico 2008
Grattamacco Bolgheri Sup. Grattamacco 2008
Biondi Santi Tenuta Il Greppo Brunello di Montalcino 2006
La Cerbaiola – Salvioni Brunello di Montalcino 2006
Poggio di Sotto Brunello di Montalcino 2006
Terre Nere Brunello di Montalcino 2006
Fuligni Brunello di Montalcino 2006
Tenuta di Sesta Brunello di Montalcino 2006
La Mannella Brunello di Montalcino i Poggiarelli 2006
Podere Il Carnasciale Caberlot 2008
Querciabella Camartina 2008
Castello del Terriccio Castello del Terriccio 2007
Castell’in Villa Chianti Cl. 2007
Monteraponi Chianti Cl. Baron Ugo Ris. 2007
Monteraponi Chianti Cl. Il Campitello Ris. 2008
Castello di Monsanto Chianti Cl. Il Poggio Ris. 2007
Fattoria di Lamole Chianti Cl. Le Stinche Castello di Lamole 2007
Tenuta di Bibbiano Chianti Cl. Montornello 2009
Rocca di Castagnoli Chianti Cl. Poggio ai Frati Ris. 2008
Castello della Paneretta Chianti Cl. Ris. 2007
Villa Pomona Chianti Cl. Ris. 2008
Castello di Ama Chianti Cl. Vigneto La Casuccia 2007
Fontodi Flaccianello della Pieve 2008
Fattoria di Fèlsina Fontalloro 2008
Petrolo Galatrona 2009
Tua Rita Giusto Di Notri 2009
Tenuta di Trinoro Le Cupole 2009
Fattoria di Montechiari Merlot 2008
Collemassari Montecucco Rosso Collemassari Ris. 2008
Dei Nobile di Montepulciano Bossona Ris. 2007
Bindella Nobile di Montepulciano Ris. 2007
Poggio Grande Orcia Rosso Scorbutico 2008
Montevertine Pergole Torte 2008
Biondi Santi Tenuta Il Greppo Rosso di Montalcino 2008
Castello dei Rampolla Sammarco 2007
Le Macchiole Scrio 2008
Tenuta di Valgiano Colline Lucchesi Tenuta di Valgiano Rosso 2008
Monte Bernardi Tzingana 2008

TRENTINO
Pojer & Sandri Essenzia 2008
Giuseppe Fanti Isidor 2008
Tenuta San Leonardo San Leonardo 2006
Francesco Moser Trento Brut 51.151 2008
Dorigati Trento Brut Methius Ris. 2005
Ferrari Trento Brut Riserva Lunelli 2004
Ferrari Trento Extra Brut Perlé Nero 2005

UMBRIA
Castello della Sala Muffato della Sala 2008
Tabarrini Sagrantino di Montefalco Campo alla Cerqua 2007
Adanti Sagrantino di Montefalco Il Domenico 2006

VALLE D’AOSTA
Les Crêtes Valle d’Aosta Petite Arvine 2010
Anselmet Valle d’Aosta Chardonnay Élevé en Fût de Chêne 2010
Château Feuillet Valle d’Aosta Petite Arvine 2010
Anselmet Valle d’Aosta Petite Arvine 2010
Lo Triolet Valle d’Aosta Pinot Gris 2010

VENETO
Trabucchi Amarone della Valpolicella 2006
Angelo Nicolis e Figli Amarone della Valpolicella Cl. 2005
Massimino Venturini Amarone della Valpolicella Cl. Campo Masua 2006
Speri Amarone della Valpolicella Cl. Vigneto Sant’Urbano 2007
Cav. G.B. Bertani Amarone della Valpolicella Valpantena Villa Arvedi 2007
Luca Ricci Baùsk 2006
Sorelle Bronca Colli di Conegliano Rosso Ser Bele 2008
Il Filò Delle Vigne Colli Euganei Cabernet Vigna Cecilia di Baone Ris. 2007
Ca’ Ferri Colli Euganei Rosso Taurilio 2009
Ca’ Lustra Colli Euganei Rosso Vittoria Aganoor Ris. 2008
Ca’ Orologio Relògio 2009
Giuseppe Quintarelli Rosso del Bepi 2002
Leonildo Pieropan Soave Cl. Calvarino 2009
I Campi – Flavio Prà Soave Cl. Campo Vulcano 2009
Gini Soave Cl. Contrada Salvarenza Vecchie Vigne 2009
Suavia Soave Cl. Monte Carbonare 2009
Balestri Valda Soave Cl. Sengialta 2010
Prà Soave Cl. Staforte 2009
Giuseppe Campagnola Valpolicella Cl. Sup. Caterina Zardini 2009

avatar

Alessandro Morichetti

Tra i fondatori di Intravino, enotecario su Doyouwine.com e ghost writer @ Les Caves de Pyrene. Nato sul mare a Civitanova Marche, vive ad Alba nelle Langhe: dai moscioli agli agnolotti, dal Verdicchio al Barbaresco passando per mortadella, Parmigiano e Lambruschi.

41 Commenti

avatar

luigi fracchia

circa 9 anni fa - Link

Mi pare che sanciscano la divisione merceologica dei vini, i Grandi vini sono i vini Brandizzati,para industriali, spesso a-territoriali e gli "altri" che non si capisce se potranno mai diventare anche loro "grandi", costretti in una nicchia per enostrippati e bevitori con derive new age. Devo dire che un po' hanno deluso anche me.

Rispondi
avatar

Stefano

circa 9 anni fa - Link

Boh, mi pare una visione un po' riduttiva perché tra i grandi vini ci sono anche cose come Pergole Torte e Biondi Santi e non credo siano a-territoriali. Sicuramente brandizzati (nel senso di famosi), ma non credo sia un male di per se...

Rispondi
avatar

luigi fracchia

circa 9 anni fa - Link

E' ovvio che nella massa ci siano vini di spessore (non mi permetterei mai di sostenere una tesi massimalista). Però tra Ben ryè e Ferrandes... tra Gulfi e Arianna Occhipinti... ad esempio

Rispondi
avatar

Thomas

circa 9 anni fa - Link

Quelli me li aspetterei di trovarli (domani?) alla voce "Vini Slow", dove stavano l'anno scorso.

Rispondi
avatar

luigi fracchia

circa 9 anni fa - Link

posso darti ragione, però penso che ci sia un problema nel dividere per nicchie di mercato. Un vino Slow diventerà mai "grande"? E, scusa se mi ripeto, lo slow wine rimarrà nel limbo dei "tutti pazzi per il territorio"?

Rispondi
avatar

Stefano

circa 9 anni fa - Link

Ma i vini slow sono grandi vini... :-)

avatar

lupin

circa 9 anni fa - Link

In Piemonte, non posso che dire che mi si stringe il cuore, vedere alcuni vini premiati... mi fa pensare, che ancora una volta non sia ha avuto coraggio, che si è arrivati un altra volta a un compromesso... sarò romantico...ma anche deluso

Rispondi
avatar

giuseppe Nespoli

circa 9 anni fa - Link

Mi pare che la visione di Morichetti (avrà volturo un po' esagerare) e quella di Luigi siano un pochino banalizzanti. Qui ad esempio vedo una lista di Coratella e Ferrini free... Praticamente nulla del Giv... La Spinetta con una Barbera, nulla Pio cesare, nulla Villa sandi e prosecchisti ricchi... Insomma, mi pare che sia molto vicina a quella dell'espresso... In toscana quasi uguale e anche Piemonte, con la differenza che hanno premiato + Veneto e Verdicchi (non c'è Moncaro...), che mancavano nell'altra lista espressista...Non vedo Cusumano, Pellegrino e Firriato... Insomma 178 vini nuovi su 238... Mi pare che siate stati quanto meno un po' ingenerosi nel vostro giudizio di primo pelo...

Rispondi
avatar

Daniele

circa 9 anni fa - Link

Concordo in pieno, inoltre, essenziale per slow wine è la chiocciola dedicata alla cantina, assieme alla moneta. In questo mi sento di sposare la loro filosofia, preferisco una gran cantina ad 1 gran vino Daniele

Rispondi
avatar

luigi fracchia

circa 9 anni fa - Link

Il mio problema è che non capisco il perchè dividere i vini fra "Grandi" e "slow", farlo dà un giudizio implicito sulle qualità degli uni e degli altri, crea una forzata separazione in caste perchè i vini delle due liste sono paragonabili. Gli uni più "commerciali" (perdonatemi il manicheismo) gli altri "territoriali". Quindi perchè non prendere una posizione più precisa e dire: questi sono i vini che ci piacciono! e a culo grandi e slow (cit Guccini)

Rispondi
avatar

lupin

circa 9 anni fa - Link

Ciao Luigi, invece io su questo non concordo.. Sassicaia è sicuramente un grande vino... a prescindere, ma non rappresenta il territorio, invece i vini slow devono rappresentare il territorio,parlando di terroir, vitigno autoctono,tradizione e devono essere buoni, ma quel buono non tecnico, ma quel buono che magari rappresenta qualche imperfezione, ma ti emoziona...a leggere tra le righe della guida dell'altro anno almeno mi è apparso così.

Rispondi
avatar

mirko

circa 9 anni fa - Link

perdonami ma non riesco a capire come un vino possa essere grande e non territoriale, la terra buona è essenziale per fare un grande vino, o oggi si possono fare grandi vini ovunque ?

Rispondi
avatar

Angelo Recali

circa 9 anni fa - Link

"Molto vicina a quella dell'espresso"? Mah... circa 25 vini su 238 è più o meno il 10% e non mi pare che le due liste abbiamo altro in comune

Rispondi
avatar

giuseppe Nespoli

circa 9 anni fa - Link

non sono il nespoli della foto, non so come mai sia uscita!

Rispondi
avatar

Francesco Quercetti

circa 9 anni fa - Link

Gent.mo Lupin, lei ha dato proprio la spiegazione giusta della differenza tra vini slow e grandi vini. Basta sforzarsi un po' ed uscire dal solito schema ( 3 b - 5 grapp - 18/20) e si capirà bene che un vino può essere organoletticamente perfetto, buonissimo ma non emozionare pensando al territorio o al vitigno. L'esempio del Sassicaia è più che calzante. Ci sono invece vini che emozionano di più proprio sotto il profilo territoriale, nell'esprimere il vitigno. E questi sono gli Slow ! Da quel che si legge nei vari post dei disparati blog, mi sembra non si voglia capire o si voglia far finta di capire il nuovo modo di leggere Slow Wine.

Rispondi
avatar

lupin

circa 9 anni fa - Link

Gentile Francesco Quercetti, Grazie, ma anche per questo con mio rammarico vedo delle valutazioni che differiscono molto dai grandi vini, ma più delle sponsorizzazioni. Poco da fare ciascuna guida si è costruita un suo target, una sua clientela, un suo prodotto di riferimento, così Maroni, così l'AIS, così il Gambero e peccato anche la mia ultima speranza Slowine. Un colpo al cerchio e uno alla botte, giornalismo? fund rasing? promoter?

Rispondi
avatar

Alessandro Bandini

circa 9 anni fa - Link

Se nessuno la capisce, questa differenza, potrebbe essere che non sia ben chiara o non adeguatamente spiegata?

Rispondi
avatar

Massimo D'Alma

circa 9 anni fa - Link

Credo sia il "listone" meno interessante del lotto, estrapolandolo poi dal contesto globale del "testo" così come lo presenta Morichetti, la sensazione di qualcosa di "bollito" [cit.] è forte. Slowine, un "testo" da leggere complessivamente, imho. In questo modo 'sti vini top dovrebbero passare quasi inosservati. P.S.:dico "testo" perché "guida" mi sembra sempre di più una parolaccia

Rispondi
avatar

luigi fracchia

circa 9 anni fa - Link

Caro Massimo, hai ragione, questo battage sulle listine liste e listone fa andare in secondo piano il valore "testuale" della Slow Wine. E' un testo da consultare e leggere più che una recensione di vini.

Rispondi
avatar

Daniele

circa 9 anni fa - Link

Probabilmente appare meno interessante perchè avete già letto altre 2 liste di espresso e GR...e quindi la terza arrivata può richiamare concetti e titoli già presentati. Ma che male c'è? Questa è la prova che non c'è coordinamento, non credo faccia piacere ne a GR ne a Slow Wine avere liste simili (Quello che ha scritto Morichetti che basta cambiarci il titolo non mi vede d'accordo). Immagino che se fossero usciti con una lista completamente diversa o solo molto, dagli altri, si sarebbe urlato al fighettismo di nicchia di slow wine..no si può mai accontentare tutti. Piuttosto noto una certa assonanza nelle 3 grandi guide di riferimento (Slowine, GR, Espresso) nell'affermare un certo ricambio generazionale tra i riconoscimenti Concordo infine sulle affermazioni riguardo i Vini Slow W Slowine

Rispondi
avatar

Rinaldo

circa 9 anni fa - Link

Rosso Piceno Roggio del Filare annata '07 o 08? Perchè un'altra guida ha premiato la seconda.

Rispondi
avatar

giusonzo seppegni

circa 9 anni fa - Link

Premetto di essere un grande estimatore della guida dell'espresso in quanto la trova la piu' dinamica ed innovativa dove bolle in pentola semprequalche bella novità.... ma ritengo che l'unica alternativa valida sia proprio slowine. L'anno scorso alla prima uscia mi ha sorpreso e convinto per completezza d'informazioni non solo logistiche ma soprattuto enogeografiche che non è cosa da poco. In questo elenco poi non mi pare di trovare lambrusconi o frascatoni mega industriali...anzi..!!! credo che Giovanni manzone, Tenuta di castellaro,Marco Porello,Maison Anselmet,Giuseppe Fanti ecc. oltre ad essere dei bravissimi produttori non siano degli abituati ai premi guidaioli!!! Sono ben altre le guide che premiano sempre i soliti noti!!!

Rispondi
avatar

Marossi

circa 9 anni fa - Link

Peggio delle guide ci sono le polemiche sulle votazioni delle guide, curiosamente spesso tenute ben vive da chi alle guide guarda con un senso di superiorità che non diventa però mai reale distacco. E le discussioni, chissà perché, spesso si incentrano sul fatto che i vini top in buona parte son gli stessi per tutti, a prescindere dal gruppo editoriale di riferimento. Nella mia ingenuità, io ci vedo una dimostrazione di competenza diffusa, quindi di affidabilità. Diverso il discorso Slowine: non vedo perché non dovrebbero anche segnalare anche i vini tecnicamente perfetti. Diversamente, un nebbiolo base e un Sorì di Gaja dovrebbero essere posti sul medesimo piano. E sarebbe un caso di cattiva informazione. Poi, si sa, omnia immunda immundis, per cui liberi tutti di vederci chissà quale manovre dietro. Il mondo è bello perchè vario.

Rispondi
avatar

Daniele

circa 9 anni fa - Link

"...un nebbiolo base e un Sorì di Gaja dovrebbero essere posti sul medesimo piano. E sarebbe un caso di cattiva informazione.." Molto vero

Rispondi
avatar

Marino

circa 9 anni fa - Link

Sono daccordo, la guida Slow era nata per dare un'altra visione del vino ed invece sembra una copia delle altre con qualche piccola novità. Non riuscendo a non premiare alcune aziende molto discutibili non sono riusciti a distinguersi da altri Comunque di certo è meglio della Duemilavini e della guida di Luca Maroni!!Peccato per l'occasione persa però!

Rispondi
avatar

Il Consumatore

circa 9 anni fa - Link

Già, una riedizione dei 3 Bicchieri. E alla fine premieranno e accontenteranno un po' tutti. Oggi i Trinoro, i Chiarlo, i Turriga. Domani con i vini Slow i personaggi del vino quali Rinaldi, Walter Massa, ecc. Leggo con curiosità. Una volta i premiati li ricordavo quasi a memoria per mesi. Invece, ora, domani li avrò già dimenticati.

Rispondi
avatar

Ex Dc

circa 9 anni fa - Link

Visto che qui si dice che la Guida è diventata democristiana mi diverto a fare un elenco delle cantine importanti non premiate da Slow Wine 2012: Falesco Fonterutoli Caprai Ornellaia feudi di san Gregorio Cusumano Firriato Pellegrino Villa Sandi Pio cesare Bolla Zonin Santi Frescobaldi Banfi cantine due palme Bruno Giacosa? Bel coraggio o no? Cavit santa Margherita masi Allegrini nino franco Romano Dal Forno Anselmi Brancaia tenuta sette ponti Antinori pollenza Lamborghini Fontana Candida Dino Illuminati Furore Marisa Cuomo Leone De Castris Ippolito 1845 Duca di salaparuta Feudi Della Medusa... Bastano? Tutte cantine che troverete con 3 bicchieri e 5 grappoli. nella lista sopra e in quelle di ieri no... e mi sa che anche nelle chiocciole e vini slow non compariranno...

Rispondi
avatar

Marco De Nardis

circa 9 anni fa - Link

guarda che devono anclra uscire ancora tre listoni da slowine bottiglia vino slow e chiocciole. non disperare. il problema secondo me è un pò di coerenza. non si può affermare con ostinata perseverazione cose sul terroir sulla biodiversità ecc. e poi premiare come grande vino il montevetrano, per esempio. di territoriale non mi pare abbia mai avuto qualcosa. saluti.

Rispondi
avatar

Armando Castagno

circa 9 anni fa - Link

Su Banfi e Frescobaldi, scusi, lei parla dei grappoli proprio quelli di uva, vero?

Rispondi
avatar

chiocciolato

circa 9 anni fa - Link

Ma no, Armando! Probabilmente ha visto in televisione il Premio Internazionale del Vino dove Ricci consegna il Premio Speciale delle Giuria 2010 a Banfi si sarà confuso. D'altro canto non si può considerare come un mega grappolone alla carriera?

Rispondi
avatar

Armando Castagno

circa 9 anni fa - Link

'sgraziato. :-)

Rispondi
avatar

Maurizio Fava

circa 9 anni fa - Link

direi che non c'è una gran ricerca, sembra un copia-incolla di vecchie guide di qualche anno fa. in Piemonte, ad esempio, si è tornati ad abolire il Monferrato, e proprio nell'anno in cui Gambero Rosso ha sdoganato coi trebicchieri il Grignolino e il Dolcetto d'Ovada, dimostrando decisamente un maggior radicamento sul territorio, e una più approfondita conoscenza delle realtà produttive. Del resto, poco male: questa guida senza punteggi ha scelto di non avere valore commerciale, no?

Rispondi
avatar

luigi fracchia

circa 9 anni fa - Link

Vedrai che il monferrato ritornerà con i vini slow, come se fosse un luogo un po' folcloristico e valutabile solo con i parametri del territorio e della tradizione e non della qualità in sè. E' per questo che ritengo assurdi questi due listoni che hanno(avrebbero) più punti di contatto di quanto slow food dichiari. E' l'istinto da antropologi mecenati alla ricerca del buon selvaggio da blandire e aiutare nella dura lotta contro la modernità ecco l'aspetto che non sopporto di slow food. C'è sempre chi fà la figura dello zotico salvato dall'estinzione e chi spende i denari per rendere possibile questo umiliante assoggettamento (con tuttii distinguo del caso e gli oggettivi meriti dell'associazione impossibili da elencare in un commento breve). E oggi abbiamo visto la lista dei mecenati (sempre con i distinguo del caso)

Rispondi
avatar

Gabriele

circa 9 anni fa - Link

Azz, quest'analisi mi piace Luigi.

Rispondi
avatar

Nic Marsèl

circa 9 anni fa - Link

interessante punto di vista

Rispondi
avatar

controcorrente

circa 9 anni fa - Link

Che pena!!!!!! Ma come si fa a spendere soldi per comprare queste guide??? Ma come si fa a trovare persone che ci mettono la faccia dietro???? Io propongo per il prossimo anno di far fare una guida ai consumatori che dovranno giudicare guide e giornalisti,.............................che segnalazioni usare? uno, ........... due ..............o tre schiaffi!!!!!!

Rispondi
avatar

giorgio

circa 9 anni fa - Link

Molti nomi noti e già letti in altre guide e pochissime novità ! Dove sta la novità ?? Altra minestra riscaldata che si aggiunge a quelle già propinate da Vini Buoni Touring, Gamberorosso, Bibenda, Espresso ecc. ecc. Ma qualcuno ancora le compra le guide ?

Rispondi
avatar

vinogodi

circa 9 anni fa - Link

...tutte : senza quelle non riesco a raccapezzarmi...

Rispondi
avatar

Stefano

circa 9 anni fa - Link

Su slowine sono usciti i vini slow....

Rispondi
avatar

vinogodi

circa 9 anni fa - Link

... emozionanti...

Rispondi
avatar

invitis veritas

circa 9 anni fa - Link

Scusa controcorrente et ecc.. ma se ti/ vi fanno pena perchè le guardi/ guardate certe liste.. risparmiati/ risparmiatevi il mal di pancia... guardati/ guardate un sito hard o che parli di cavalli da corsa. Ma siamo sicuri che Voi vi intendete di vino? Secondo voi cosa deve fare uno come me che non è del mestiere a potersi informare su tanti vini interessanti evidenziati da esperti. Se vi sentite così esperti perchè non vi proponete come degustatori ai curatori della guida slow wine? Eppoi non è il consumatore che deve giudicare alla fine se un esperto ha dato o no un buon consiglio? meditate... meditate

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.