Hey, enostrippati, qual è lo scheletro in cantina che non osate rivelare?

Hey, enostrippati, qual è lo scheletro in cantina che non osate rivelare?

di Antonio Tomacelli

Confesso subito il mio scheletro nell’armadio: ho una feroce idiosincrasia per l’accoppiata clima-annata. Chiedetemi come fu l’andamento piovoso a Montalcino nel 1998 e vi prenderò a graffi e morsi fino a farvi sanguinare. Sono grave? Non lo so ma di cose del vino di cui vergognarsi pare sia pieno il mondo.

A mettere a nudo un tot di “secret wine shame” è stata Felicity Carter che, qualche giorno fa, ha twittato due righe nelle quali lei stessa ha confessato di non riuscire a cogliere la differenza tra varietà e varietale. La Carter, per inciso, è la direttrice della rivista Wine Business International, non proprio l’ultima arrivata in materia vinicola.

Il tweet è qui e ha generato un tot di reazioni al limite del comico ed alcune riguardano anche noi italiani.

C’è infatti chi si vergogna di bere Lambrusco, chi l’Asti spumante ma c’è anche chi confessa di bere Retsina e di gradire gli Chardonnay burrosi. Attenzione: in molti casi si tratta di Wine Master, di sommelier e giornalisti famosi, quindi non proprio di sprovveduti o ignoranti delle cose di vino.

Tutti però, chi più chi meno, hanno confessato le loro idiosincrasie e certi limiti sul vino di cui vergognarsi. Ho raccolto qui i cinque tweet più divertenti, leggeteli e poi abbiate il coraggio di confessare le vostre secret wine shame. Alleggeritevi la coscienza e poi vi sentirete meglio, credetemi.

 

Schermata 2020-07-30 alle 12.39.50

Schermata 2020-07-30 alle 12.40.47

Schermata 2020-07-30 alle 12.42.52

Schermata 2020-07-30 alle 12.47.04

Schermata 2020-07-30 alle 12.53.54

Schermata 2020-07-30 alle 12.54.53

avatar

Antonio Tomacelli

Designer, gaudente, editore, ma solo una di queste attività gli riesce davvero bene. Fonda nel 2009 con Massimo Bernardi e Stefano Caffarri il blog Dissapore e, un anno dopo, Intravino e Spigoloso. Lascia il gruppo editoriale portandosi dietro Intravino e un manipolo di eroici bevitori. Classico esempio di migrante che, nato a Torino, va a cercar fortuna al sud, in Puglia. E il bello è che la trova.

27 Commenti

avatar

Angelo D.

circa 4 mesi fa - Link

Un vecchio adagio: l'acquetta di melone Cantalupo nel Barolo Monfortino, po' esse?

Rispondi
avatar

Marco

circa 4 mesi fa - Link

Non conosco. Puoi chiarire?

Rispondi
avatar

Patrick Jane

circa 4 mesi fa - Link

Anguria. Ma Conterno si imbelvisce a dirglielo.

Rispondi
avatar

Damiano

circa 4 mesi fa - Link

Wine master, giornalisti famosi o sommelier se non san distinguere sav blanc da Chardonnay o riconoscere un vino che sa di tappo un po' c'è di che preoccuparsi. Io, autodidatta anarchico, li ritrovo, macroscopici.

Rispondi
avatar

Marco

circa 4 mesi fa - Link

Però sai che la sensibilitá al "sa di tappo" dipende dai geni? Mia moglie, che peraltro ha in genere un palato ed un olfatto decisamente superiore al mio, se non é priprio evidentissino non lo percepisce.

Rispondi
avatar

Damiano

circa 4 mesi fa - Link

Corretto, ma non sarà una famosa enowriter.

Rispondi
avatar

Patrick Jane

circa 4 mesi fa - Link

Sono farlocchi, altro che Wine Master

Rispondi
avatar

Lanegano

circa 4 mesi fa - Link

Ok. Confesso. Non sono mai riuscito ad emozionarmi davvero con il Cabernet Sauvignon....

Rispondi
avatar

Vespro

circa 4 mesi fa - Link

Non ho mai capito l'entusiasmo per certi "blasonati" Trebbiano d'Abruzzo...

Rispondi
avatar

Gaspero

circa 4 mesi fa - Link

Concordo al 1000 %

Rispondi
avatar

vinogodi

circa 4 mesi fa - Link

....sssstttt ... mi raccomando, rimanga fra noi ... preferisco il Nebbiolo al Pinot Nero ... accidenti , l'ho detto ... però so per certo che la notizia non si diffonderà...

Rispondi
avatar

Bonnet

circa 4 mesi fa - Link

Beh! Non vedo cosa ci sia da vergognarsi, pure io "tendenzialmente" preferisco diversi "umili" nebbioli nostrani a "blasonati" pinot neri. Ovviamente, in linea di massima.

Rispondi
avatar

vinogodi

circa 4 mesi fa - Link

...è discorso lungo ed articolato che andrebbe OT . Mi sono limitato alla battuta che pensavo fosse intuitivamente raccolta ...

Rispondi
avatar

Stefano

circa 4 mesi fa - Link

Confesso: ogni tanto leggo Intravino (scherzo dai era per stuzzicarvi un po'! E poi , altro che "ogni tanto")

Rispondi
avatar

Antonio Tomacelli

circa 4 mesi fa - Link

Vabbè, peccato veniale, sei assolto!

Rispondi
avatar

Francesco Santini

circa 4 mesi fa - Link

non becco il tappo....però ricordo tutti i vini che ho bevuto dal 96 a oggi senza appunti :-)

Rispondi
avatar

Eugenio Amato

circa 4 mesi fa - Link

Non mi piace l'Ornellaia, spesso preferisco il Barolo giovane giovane e trovo quasi sempre più piacere nei village di borgogna che nei 1er cru e gran cru, Però adesso non bannatemi per favore.

Rispondi
avatar

Pp

circa 4 mesi fa - Link

Sono piemontese e non ho mai assaggiato un cortese o un grignolino che mi dessero soddisfazioni

Rispondi
avatar

hakluyt

circa 4 mesi fa - Link

Sentir parlare di vini "naturali" mi fa venire l'orticaria...

Rispondi
avatar

Gaspero

circa 4 mesi fa - Link

Concordo al 2000 %

Rispondi
avatar

FM

circa 4 mesi fa - Link

Prima di comprare un vino che non conosco, guardo il voto medio su vivino (e mi trovo meglio che con i consigli dei critici)

Rispondi
avatar

Angelo

circa 4 mesi fa - Link

Devo confessare che da buon enotecaro di Milano mi è capitato più volte di comprarmi del vino al supermercato e che non mi dispiace il bag in box ( sempre e solo di vino potabile)

Rispondi
avatar

Matteo Martinelli

circa 4 mesi fa - Link

Difficile rivelare i propri segreti infamanti. Leggo che molti preferiscono ammettere, al massimo, di avere dei gusti poco popolari, il risultato è uscire dalla massa e quindi fa addirittura un po' fico. Il gioco è rivelare qualcosa di cui vergognarsi perché errore incontestabile. Al cubetto di ghiaccio ho smesso di leggere per 5'. Ci provo io. Ad ogni degustazione quando sento che viene riconosciuto il tabacco nel bouquet di un vino mi irrigidisco, so che c'è, ma io non lo sento, mai! Ho fumato per 15 anni, direi che me lo ricordo bene il profumo del tabacco e continua a piacermi, ma nel bicchiere non lo sento, così inizio mentalmente a fischiettare cercando qualcosa in cielo che anche in questo caso non trovo...

Rispondi
avatar

vinogodi

circa 4 mesi fa - Link

...Matteo , bevi Haut Brion ... poi capirai e sentirai pure tu ( tabacco Hegberts da pipa)

Rispondi
avatar

Giacomo

circa 4 mesi fa - Link

Secret wine shame. Ma quali? I tanti puttanieri ignoranti dalle langhe a niuyork? Il guru del barbaresco preso a schiaffi sul disciplinare a montalcino? Il sindaco produttore di vino con i macedoni a lavorare mentre sono in disoccupazione nelle vigne? Morichetti, metti qualche chiacchiera da caffè mattutino a trestelle.

Rispondi
avatar

ANDREA

circa 4 mesi fa - Link

Ehmm, ok devo ammettere che snobbo i vini rossi frizzanti, vedi lambrusco...e non mi fanno impazzire i passiti, almeno dopo il primo bicchiere, troppo zucchero! Ornellaia e Sassicaia tra i migliori bevuti, sarà scontato ma tant'è

Rispondi
avatar

Nicola

circa 4 mesi fa - Link

Il Barbacarlo è un vino del ca**o! Ecco, l'ho detto.

Rispondi

Commenta

Rispondi a Nicola or Cancella Risposta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.