Franco Ricci e Terenzio Medri dell’Ais condannati per violenza privata

di Alessandro Morichetti

La cronaca locale riserva sempre sorprese. Terenzio Medri e Franco Maria Ricci – rispettivamente presidente dell’Associazione Italiana Sommelier e presidente della sezione regionale del Lazio dell’Associazione Italiana Sommelier nonché di Bibenda editore – sono stati condannati per violenza privata (art. 610 c.p.) nei confronti del giornalista Paolo Morelli, 56 anni. A dicembre avevamo raccontato dell’avviso di garanzia nei confronti delle due teste di serie dell’Ais, molto colpiti dai metodi eventualmente usati da un’associazione meritoria come l’Ais.

Leggere quanto segue sul portale Altarimini.it è stato abbastanza deprimente:

La vicenda risale al settembre 2005, quando Paolo Morelli, sommelier onorario, faceva parte del collegio dei probiviri dell’Ais cui fu sottoposta una denuncia per attività in concorrenza con l’Ais da parte di Ricci. Secondo quanto riportato nel decreto penale di condanna emesso dal Gip del Tribunale di Forlì Rita Chierici, Medri e Ricci misero in atto atteggiamenti intimidatori nei confronti di Morelli per “costringerlo ad acconsentire all’archiviazione della denuncia” avanzata da un socio nei confronti di Ricci. Morelli fu poi privato della qualifica di sommelier onorario, espulso dall’Ais e la denuncia contro Ricci fu archiviata

Il seguito, cioè la notizia della condanna, è anche peggio. I 15 gg di reclusione previsti sono sostituiti da 570 euro di multa per ciascuno dei condannati: cifra irrisoria, per di più coperta da indulto. No comment. Ditemi che è uno scherzo, o non so, magari che è colpa della giustizia italiana.

avatar

Alessandro Morichetti

Tra i fondatori di Intravino, enotecario su Doyouwine.com e ghost writer @ Les Caves de Pyrene. Nato sul mare a Civitanova Marche, vive ad Alba nelle Langhe: dai moscioli agli agnolotti, dal Verdicchio al Barbaresco passando per mortadella, Parmigiano e Lambruschi.

18 Commenti

avatar

Simone e Zeta

circa 8 anni fa - Link

Da quando parlano di vino, sono accusabili di "violenza privata" verso tutti quelli li ascoltano ;-)

Rispondi
avatar

michelangelo

circa 8 anni fa - Link

Grande Simone! Azz questa mi costerà cara...

Rispondi
avatar

Francesco Annibali

circa 8 anni fa - Link

Mi auguro che la sentenza serva a un pò tutto l'ambiente AIS - al quale nessuno nega meriti enormi - per darsi una calmata. Soprattutto nell'atteggiamento con i soci meno propensi ad abbassare la cresta e con maggiore - e sacrosanto - desiderio di iniziativa.

Rispondi
avatar

francesca

circa 8 anni fa - Link

Si va rafforzando una brutta tendenza alla cronaca nera, sarà un segno dei tempi?

Rispondi

Danilo Ingannamorte

circa 8 anni fa - Link

Una storia bellissima! Ma gli hanno anche puntato il tastevin alla gola?

Rispondi
avatar

falletto

circa 8 anni fa - Link

Mi auguro che data la sentenza, Ricci e Medri mostrino un poco di dignità e si dimettano! Possibile che in Italia non ci sia vergogna? Nessuno mai si dimette, a partire dai politici. In Svizzera accadono cose simili, ma le persone si dimettono...

Rispondi
avatar

Vincenzo Geminiani

circa 8 anni fa - Link

In Svizzera si firma con il nome e il cognome, come me, non come lei, caro il mio coniglietto del mio Falletto.

Rispondi
avatar

falletto

circa 8 anni fa - Link

guardi può chiedere al moderatore, nei miei post devo sempre mettere la mia email che include il nome e cognome. ma è con ciò che scrivo che mi sento di contribuire a una discussione, se vuole le farò pubblicare una fotocopia del mio passaporto, così è contento di leggermi!

Rispondi
avatar

Roberto Bosticco

circa 8 anni fa - Link

risposta in purissimo stile ais.

Rispondi
avatar

Vincenzo Geminiani

circa 8 anni fa - Link

E non mi riferivo a questo suo post, ma ad altri a sua "firma" dove avrei ben visto che scrivesse chiaramente lei chi è. Ma uno il coraggio non se lo può dare.

Rispondi
avatar

antonio tomacelli

circa 8 anni fa - Link

Perchè dovrebbe firmarsi il povero Falletto? Ha forse commesso qualche reato?

Rispondi
avatar

Vincenzo Geminiani

circa 8 anni fa - Link

Risposta che dice tutto e la qualifica, grazie.

Rispondi
avatar

Roberto Orciani

circa 8 anni fa - Link

Meno male che qualcuno ha i "cosidetti" e che si firma per criticare un "Falletto" , peccato che ha sua disposizione abbia così poco tempo tanto da dover scegliere e dedicare un commento alle "malefatte peggiori"( mi firmo non si sa mai), mi viene in mente chi aggredisce verbalmente altri per distrarre dal motivo di questo link , risposta che dice tutto e la qualifica, grazie

Rispondi
avatar

Vincenzo Geminiani

circa 8 anni fa - Link

Orciani, magari ne parliamo dopo che si sarà spiegato in un italiano almeno passabile, grazie.

avatar

Andrea Dolcetti

circa 8 anni fa - Link

Mi spiace che l'immagine dell'AIS venga intorbidita da tali comportamenti, soprattutto mi spiace per quanti sommelier di servizio hano creduto nell'organizzazione, al punto da fornire la loro prestazione lavorativa, sovente in condizioni faticose ed orari disagiati, accontentandosi di un salario mascherato in forma di solo rimborso spese per la tintoria della divisa. Si sarebbe potuti intervenire prima, ma purtroppo, siamo di fronte ad un personaggio assai autocratico ed influente, al punto da riuscire a fare terra bruciata nelle pubblicazioni del settore a chiunque abbia espresso anche solo un minimo di perplessità nei confronti del suo operare.

Rispondi
avatar

terenzio medri

circa 6 anni fa - Link

si conferma che la sentenza per i Signori Medri e Ricci sono stati assolti perchè il fatto non sussiste da prove concrete.. quindi viene cancellate tutte le illazioni che sono state fatte a carico di queste persone che hanno lavorato sinceramente per l'ais

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.