E se War of Wineries – il talent show sui produttori di vino – fosse un’idea vincente?

E se War of Wineries – il talent show sui produttori di vino – fosse un’idea vincente?

di Alessandro Morichetti

La news di ieri è che dovrebbe partire un talent show televisivo sui vignaioli, chiamato War of Wineries. Alcuni produttori hanno ricevuto la proposta di partecipare e il sito web relativo contiene una mail e un’immagine che vedete e niente altro. A metà tra una burlonata e “work in progress”. Feroce e celere si è già attivata la macchina del dissenso campagnolo per cui questo talent nuocerà alle sorti del comparto, distorcerà coscienze, travierà masse. Illustra Marilena Barbera:

 

Una specie di gioco a squadre dove verranno premiati i produttori che sapranno elaborare un “vino blend con tagli e commistioni di uve diverse” (letterale), o che sapranno riconoscere un vino “taroccato” (letterale) dall’aggiunta di uve diverse da quelle dichiarate, ed altre amenità del genere. Ovviamente saranno presenti anche 6 famosi chef e 3 famosi giudici che valuteranno le prove di abilità dei produttori di vino – non ci è dato sapere se siano previsti solo vignaioli o genericamente produttori.
E se le cosa andassero diversamente? Prefiguriamo un altro scenario. War of Wineries, con le sue banalità e banalizzazioni al limite del penale, sdoganerà il fare vino e lo farà in modo magari approssimativo, spettacolarizzato e indegno. Farà arrabbiare tanti produttori grandi e piccoli, soprattutto piccoli, tranne per certo quelli che parteciperanno. Non verrà magari seguito dagli addetti ai lavori ma poi ci butterà un occhio anche qualcuno dei fortemente indignados.
In Italia si parlerà più di vino, di più e grossolamente ma di più e chi vuole andare a lezione da Porthos continuerà a poterlo fare senza liste di proscrizione. All’italiana o all’americana se volete ma se ne parlerà: ne uscirà fuori un po’ di curiosità mista a castronerie varie, già adeguatamente rappresentate anch’esse in ogni dove.
E in mezzo alla fuffa maturerà qualche piccolo germoglio. Finiremo pure per avere il vignaiolo alla Cianferoni testimonial di cucine che torna a casa zozzo di terra e si butta nel suo bagno di peso, e sarà anche molto figo (il bagno, non Paolo). Il vignaiolo seppellito dalla burocrazia diventerà ricco e famoso e questo lo renderà subito antipatico. Quindi dovremo indignarci di nuovo, che mestieraccio. 
avatar

Alessandro Morichetti

Tra i fondatori di Intravino, vende vino su Doyouwine.com. Marchigiano, vive a Barbaresco. Ama tutti gli animali e qualche umano.

9 Commenti

avatar

claudia donegaglia

circa 6 mesi fa - Link

Io sto rosicando perche' non sono stata contattata-
Punto a capo
Palla al centro

Rispondi
avatar

Patrick Uccelli

circa 6 mesi fa - Link

Nemmeno io!!!
Che sfacciataggine!!!
:-))))

Rispondi
avatar

Alessandro Morichetti

circa 6 mesi fa - Link

Tra l'altro, che io sappia, in realtà, un talenti di questo genere è GIA' stato girato ma mai uscito per beghe legali o qualcosa del genere. Già con voi due sarebbe divertente e pure un successo. Alla fine c'ho ragione io eh ;-)

Rispondi
avatar

carolaincat

circa 6 mesi fa - Link

Se vuoi te la giro io.. lho cestinata sappilo...appena letta la parola format

Rispondi
avatar

Armin Kobler

circa 6 mesi fa - Link

Io sono stato contattato e ciò mi ha rovinato la giornata.

Rispondi
avatar

Paolo Cianferoni

circa 6 mesi fa - Link

Sono stato contattato, ho gettato l'e-mail. Però, ripensandoci, siccome comincio ad esser vecchietto e insofferente su certe manifestazioni "populiste", ma consapevole di quanto moricchia scrive, meglio parlarne di vino che non parlarne, l'idea di mandare un giovane, dato che in famiglia ne ho diversi, potrebbe essere un'idea. Ah,ah!

Rispondi
avatar

Nelle Nuvole

circa 6 mesi fa - Link

Secondo me no, non è un'idea vincente, perché da una guerra non escono mai vincitori, solo vittime. Scrivo questo cercando di rimanere seria di fronte ad una proposta così bislacca, ma tanto di tendenza. Potrebbe servire a far parlare più di vino in Italia? Secondo me se ne parla già pure troppo. Forse il Festival di Sanremo serve a far parlare di più di musica?

Rispondi
avatar

Paolo Cianferoni

circa 6 mesi fa - Link

Secondo me è una bufala. Ho riguardato l'e-mail nella spazzatura e non c'è nessun riferimento di chi vorrebbe realizzare la cosa

Rispondi
avatar

vinogodi

circa 6 mesi fa - Link

...spero sia uno scherzo . ...

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.