E se la verità sull’affaire Lidl-Prosecco fosse un’altra?

E se la verità sull’affaire Lidl-Prosecco fosse un’altra?

di Antonio Tomacelli

Non ne abbiamo parlato perché non ci sembrava un granché come notizia, ma il Prosecco “svenduto” nei supermercati della Lidl in Inghilterra (prego notare le virgolette) contiene in sé una serie di implicazioni alle quali non avevamo badato e che la rivista The Buyer ha, giustamente, preso in considerazione.

La notizia prima di tutto: nel giorno consacrato alle banche – in Inghilterra esiste la festa delle banche – la Lidl lancia una “strepitosa” offerta: sei bottiglie del suo Prosecco a sole 20 sterline, pari a 3,60 euro a bottiglia (la stessa confezione viene normalmente venduta a 34 euro). L’anteprima della promozione viene lanciata con un post di Facebook  dal sito indipendente Prosecco Watch.

Schermata 2017-09-05 alle 12.54.26

Non è pochissimo, nonostante le accise, ma comunque la Lidl ci ha perso qualcosa come 200.000 euro. Le conseguenze del gesto finiscono rapidamente su tutti i giornali: lunghe code d’attesa all’apertura, risse alle casse del supermercato, qualche dente volato via e l’hashtag #proseccogate che vola nelle classifiche di Twitter.

Vola talmente in alto che i media tradizionali sono costretti ad occuparsi della promozione e così #proseccogate si guadagna l’onore di tutte le prime pagine dei quotidiani inglesi e i servizi delle principali televisioni. Ora, calcolando che un quarto di pagina del Sun costa 25.000 euro e che tutti ne hanno scritto, riuscite a immaginare quanto ci ha guadagnato in pubblicità la Lidl?

Ecco, a questo punto, la domanda che si pone The Buyer: quella del Prosecco è stata una svendita o una sagace operazione di marketing studiata a tavolino nella quale sono cascati migliaia di inglesi ignari?

E, soprattutto: in quanti hanno continuato a vedere l’operazione come una banale svendita senza capire che Lidl sta, probabilmente, aprendo nuove frontiere per la pubblicità e il marketing?

Insomma, la solita vecchia storia della pagliuzza e della trave. E mentre tutti pontificano sui prezzi troppo bassi del prosecco, Lidl e i prosecchisti incassano.

 

avatar

Antonio Tomacelli

Designer, gaudente, editore, ma solo una di queste attività gli riesce davvero bene. Fonda nel 2009 con Massimo Bernardi il blog Dissapore e, un anno dopo, Intravino e Spigoloso. Lascia il gruppo editoriale portandosi dietro Intravino e un manipolo di eroici bevitori. Classico esempio di migrante che, nato a Torino, va a cercar fortuna al sud, in Puglia. E il bello è che la trova.

17 Commenti

avatar

Gianpaolo

circa 2 settimane fa - Link

si dice cosi' "bank holiday", ma vuol dire giorno festivo in generale. E questo la dice tutta sullo spirito mercantile dell'Inghilterra, no? L'articolo di Joe Fattorini (comunicatore dell'anno e autore di una trasmissione TV di grande successo sul vino: perche' in Italia non si riesce a comunicare il vino in TV con leggerezza, per es?) e' esemplare nel suo andare diritto all'osso. Come dicono, it's the market my dear, and you can't do anything about it!

Rispondi
avatar

The Joker

circa 2 settimane fa - Link

Perché esiste un prosecco che costa di più?

Rispondi
avatar

The Joker

circa 2 settimane fa - Link

Perché esiste un prosecco che costa di più? Ah già. The New biberon

Rispondi
avatar

Antonio Tomacelli

circa 2 settimane fa - Link

Gianpaolo, ci affidiamo a Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/Bank_holiday

Rispondi
avatar

Hamlet

circa 2 settimane fa - Link

infatti sbagliate ad affidarvi alla voce italiana, affidatevi alla voce inglese https://en.wikipedia.org/wiki/Bank_holiday bank holiday è un termine colloquiale per i giorni festivi nel Regno Unito (giorni festivi "particolari" quindi non le normali domeniche, aggiungo io). Quindi nessuna festa delle banche!

Rispondi
avatar

Durthu

circa 2 settimane fa - Link

Ora, ci sta di fare un errore, ma almeno riconoscerlo e scusarsi, invece di fare gli indispettiti, no? Capita a tutti, non e' mica un problema. "Festa delle banche" e' una da studente di terza media.

Rispondi
avatar

Stefano Cinelli Colombini

circa 2 settimane fa - Link

Ma di cosa stanno parlando? Se andiamo in qualunque supermercato italiano o tedesco il Prosecco a € 3,6 non fa scandalo, è normale. Casomai il fatto miracoloso è che Lidl prima vendeva volumi enormi di Prosecco molto generico, senza alcun marchio noto, a € 5,7. E dopo finita la promozione, anche grazie a questa operazione, tornerà a venderlo. Bravi, bravissimi, sono riusciti a trasformare un normalissimo 2 + 1 in una pubblicità che vale milioni di sterline! Tanto di cappello, è un colpo da maestri!

Rispondi
avatar

Daniele Sacilotto

circa 2 settimane fa - Link

Ma cosa c'entrano i prezzi di Italia e Germania con l'Inghilterra? Intanto il prodotto è italiano quindi per gli inglesi d'importazione. Poi bisogna considerare le imposte sugli alcolici, che variano da paese a paese. Inoltre il prezzo varia a seconda della richiesta e del costo della vita locale. Gli inglesi sono grandi estimatori del vino italiano perciò potrebbe essere normale che i prezzi medi siano molto superiori che da noi. Il paragone va fatto col prezzo di vendita delle altre catene di distribuzione inglesi.

Rispondi
avatar

Stefano Cinelli Colombini

circa 2 settimane fa - Link

Signor Sacilotto, vendo vino (anche) in Inghilterra da tutta la vita e le posso assicurare che la differenza di costi (accise, tasse specifiche et similia) tra Germania e Inghilterra non è tale da influire granché sui prezzi. Quanto poi all'idea che i prezzi vadano raffrontati solo a livello nazionale, è parecchio datata; da tempo esistono app che confrontano i prezzi e lo fanno con dati che arrivano da ogni paese. I clienti le usano, altroché se le usano, e poi ne chattano e ne parlano in giro. Poi, se ritengono di essere stati fregati perché il prezzo è eccessivo, non comprano. Per cui ormai i prezzi sono molto più uniformi, soprattutto per prodotti da grandi numeri come un Proseccco senza un marchio famoso.

Rispondi
avatar

Gianluca

circa 2 settimane fa - Link

Signor Cinelli, gli spumanti hanno accise molto diverse dal vino fermo.

In Uk si pagano 3,47€ per bottiglia in Germania 1,02€

https://ec.europa.eu/taxation_customs/sites/taxation/files/resources/documents/taxation/excise_duties/alcoholic_beverages/rates/excise_duties-part_i_alcohol_en.pdf

Rispondi
avatar

Stefano Cinelli Colombini

circa 2 settimane fa - Link

É un dato che non conosco (non faccio vini mossi), ma è reale. Lei aveva ragione. Ciò non toglie validità agli altri punti, ovvero che si tratta di un normale due più uno che la GDO di tutto il mondo fa (anche a rimessa, talvolta) e che i clienti usano sistemi di confronto prezzi e si basano su quelli per gli acquisti. Purtroppo il cliente non conosce fatti importanti quali il peso dell'accisa nei diversi Paesi, e il nome del Paese è scritto in caratteri molto più piccoli di quelli del prezzo.

avatar

Ghego

circa 2 settimane fa - Link

E poi scopri che fa male ai denti! https://www.nytimes.com/2017/09/02/world/europe/prosecco-teeth-italy-uk.html?rref=collection%2Fsectioncollection%2Fscience&action=click&contentCollection=science&region=stream&module=stream_unit&version=latest&contentPlacement=4&pgtype=sectionfront

Rispondi
avatar

Daniele

circa 2 settimane fa - Link

Beh, non vi stupite, qualche mese fa vendevano shiraz australiano a 3 pound la bottiglia...un amarone che vendevano a 18 pound a un certo punto in vendita a 6

Rispondi
avatar

Luisella Carrerl

circa 2 settimane fa - Link

Salve una mia cara amica di Londra che compera vino tutti i giorni, visti i prezzi del vino francese, che in alcuni periodi viene promozionato alla Lidl, ne ha comperato alcune casse, assaggiatolo, lo ha reso immediatamente!

Rispondi
avatar

Durthu

circa 2 settimane fa - Link

Facciamo un po' di chiarezza: le accise sui vini tipo prosecco sono £2.77 a bottiglia, alla quale va ovviamente aggiunta l'IVA al 20%. Arriviamo così a £3.32 solo di tasse. Quindi, anche a prezzo pieno, rimangono circa £2 per bottiglia, tappo, etichetta, spedizione e, incidentalmente, vino. Al lordo dell'IVA ovviamente. Mi piacerebbe proprio fare due chiacchiere col produttore per capire cosa abbia affettivamente messo in quelle bottiglie.

Rispondi
avatar

gianluca

circa 2 settimane fa - Link

Semplice, il marchio della Lidl è imbottigliato da La Marca Vini e Spumanti.

Le cantine socie de La Marca Vini e Spumanti sono: Cantina Mareno, Cantina Sociale di Orsago, Cantina del Terraglio, Cantina Colli del Soligo, Cantina Sociale di Tezze di Piave, Cantina Sociale di Vazzola, Cantina Sociale Cooperativa Agricola di Conegliano-Vittorio Veneto, Opitergium Vini, Vignaioli Veneto Friulani, Cantina Sociale di Codognè.

Rispondi
avatar

Durthu

circa 1 settimana fa - Link

Eh beh, proprio semplice si :-D

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.