di | gio 15 set 2011 ore 16:05
96
premi a grappoli

Duemilavini 2012 | I 5 grappoli

Duemilavini è la guida dei sommelier edita da Bibenda. Vende tantissimo ma grazie ai tanti associati Ais che la ricevono annualmente. Non la consulto con frequenza, magari dovrei. Alcuni regioni sono coperte in maniera eccellente, di altre non potremmo discutere senza venire alle mani. Ecco i vini che sono piaciuti di più al team di degustazione, i 5 grappoli 2012.

Valle d’Aosta
Vallée d’Aoste Chardonnay Cuvée Bois 2009 – Les Cretes
Vallée d’Aoste Torrette Supérieur Vigne de Torrentte 2007 – Di Barro

Piemonte
Barbaresco 2008 – Gaja
Barbaresco Asili Riserva 2007 – Bruno Giacosa
Barbaresco Camp Gros Martinenga 2007 – Tenute Cisa Asinati dei Marchesi di Grésy
Barbaresco Cottà 2008 – Sottimano 2008
Barbaresco Ovello 2008 – Cascina Morassino
Barbaresco Pajorè 2008 – Rizzi
Barbaresco Rabajà 2007 – Castello di Verduno
Barbaresco Rabajà Riserva 2004 – Giuseppe Cortese
Barbaresco San Stunet 2008 – Puero Busso
Barbaresco Santo Stefano 2008 – Castello di Neive
Barbaresco Valeirano 2008 – La Spinetta
Barbaresco Vanotu 2008 – Pelissero
Barbera d’Asti Bricco dell’Uccellone 2009 – Braida Giacomo Bologna
Barbera d’Asti Superiore Alfiera 2008 – Marchesi Alfieri
Barbera d’Asti Superiore Bionzo 2009 – La Spinetta
Barbera d’Asti Superiore La Bogliona 2008 – Scarpa
Barbera d’Asti Superiore Le Rocchette 2009 – Tenuta Olim Bauda
Barolo 2007 – Bartolo Mascarello
Barolo Arione 2007 – Enzo Boglietti
Barolo Bric Dël Fiasc 2007 – Paolo Scavino
Barolo Bricco Delle Viole 2007 – G.D. Vajra
Barolo Bricco Pernice 2006 – Cogno
Barolo Bricco Rocche Bricco Rocche 2007 – Ceretto
Barolo Brunate 2007 – Ceretto
Barolo Bricco Sarmassa 2007 – Brezza
Barolo Broglio 2007 – Schiavenza
Barolo Brunate 2007 – Marengo
Barolo Brunate 2007 – Oddero
Barolo Cà Mia 2007 – Brovia
Barolo Cannubi 2006 – Fratelli Barale
Barolo Cannubi Boschis 2007 – Sandrone
Barolo Cascina Francia 2007 – Conterno
Barolo Castelletto 2007 – Mauro Veglio
Barolo Cerequio 2007 – Roberto Voerzio
Barolo Cerrati Vigna Cucco 2007 – Cascina Cucco
Barolo Cerretta 2007 – Giovanni Rosso
Barolo Cicala 2007 – Poderi Aldo Conterno
Barolo Costa Grimaldi 2007 – Poderi Luigi Einaudi
Barolo Falletto 2007 – Bruno Giacosa
Barolo Ginestra Casa Matè 2007 – Elio Grasso
Barolo Lazzarito 2007 – Vietti
Barolo Le Coste 2007 – Pecchenino
Barolo Le Vigne 2007 – Sandrone
Barolo Margheria 2007 – Massolino
Barolo Massara 2007 – Castello di Verduno
Barolo Monfortino Riserva 2004 – Conterno
Barolo Monprivato 2006 – Mascarello Giuseppe e Figlio
Barolo Monvigliero 2007 – Fratelli Alessandria
Barolo Mosconi 2007 – Conterno Fantino
Barolo Ornato 2007 – Pio Cesare
Barolo Pajana 2007 – Domenico Clerico
Barolo Percristina 2004 – Domenico Clerico
Barolo Prapò 2007 – Ettore Germano
Barolo Ravera 2007 – Ferdinando Principiano
Barolo Rocche 2005 – Accomasso
Barolo Rocche 2007 – Brovia
Barolo Rocche Dell’annunziata 2007 – Renato Corino
Barolo Rocche Dell’annunziata Riserva 2005 – Paolo Scavino
Barolo Rocche Dell’annunziata Torriglione 2007 – Roberto Voerzio
Barolo San Giovanni 2007 – Giovanni Alessandria
Barolo San Rocco 2007 – Azelia
Barolo Sotto Castello Di Novello 2007 – Giacomo Grimaldi
Barolo Vecchie Vigne Di Monvigliero E Pisapola 2007 – Edoardo Sobrino
Barolo Vigna Rionda Tommaso Canale 2007 – Giovanni Rosso
Barolo Vigneto Cannubi 2007 – Comm. G.B. Burlotto
Barolo Villero 2006 – Brovia
Barolo Villero 2007 – Giacomo Fenocchio
Barolo Villero 2007 – Livia Fontana
Barolo Villero Riserva 2004 – Vietti
Boca 2007 – Le Piane
Bramaterra I Porfidi 2007 – Tenute Sella
Colli Tortonesi Timorasso Pitasso 2009 – Claudio Mariotto
Derthona Timorasso Sterpi 2009 – Vigneti Massa
Dogliani Maioli 2009 – Anna Maria Abbona
Dolcetto Di Dogliani Cursalet 2010 – Gillardi
Gattinara Riserva 2006 – Travaglini
Gattinara Vigneto Osso San Grato 2007 – Antoniolo
Gattinara Vigneto Valferana 2004 – Nervi
Gavi Del Comune Di Gavi Minaia 2010 – Nicola Bergaglio
Grignolino Del Monferrato Casalese Bricco Del Bosco Vigne Vecchie 2006 – Accornero
Langhe Chardonnay Gaia & Rey 2009 – Gaja
Langhe Nebbiolo Sperss 2007 – Gaja
Lessona 2007 – Proprietà Sperino
Nebbiolo D’alba 2009 – Hilberg-Pasquero
Nebbiolo D’alba Vigna Di Lino 2009 – Cascina Val del Prete
Piemonte Cortese Vilet 2009 – Luigi Spertino
Roero Bric Valdiana 2009 – Giovanni Almondo
Roero Mombeltramo Riserva 2007 – Malvirà
Roero Ròche D’ampsej Riserva 2007 – Matteo Correggia
Roero Sudisfà Riserva 2008 – Negro
Soldati La Scolca Brut Rosé D’antan Millesimato 1999 – La Scolca
Valentino Brut Zero Riserva 2001 – Podere Rocche Dei Manzoni

Lombardia
Cuvée Imperiale Vintage 2004 – Berlucchi
Franciacorta Brut 2006 – Enrico Gatti
Franciacorta Cuvée Annamaria Clementi 2004 – Ca’ del Bosco
Franciacorta Cuvée Annamaria Clementi Rosé 2003 – Ca’ del Bosco
Franciacorta Extra Brut Comarì Del Salem 2006 – Uberti
Franciacorta Extra Brut Vintage Riserva 2005 – La Montina
Franciacorta Extra Brut Vittorio Moretti 2004 – Bellavista
Franciacorta Gran Cuvée Brut 2006 – Bellavista
Franciacorta Non Dosato Gualberto 2005 – Ricci Curbastro
Franciacorta Non Dosato Sublimis Riserva 2005 – Uberti
Franciacorta Pas Dosé 33 Riserva 2004 – Ferghettina
Franciacorta Pas Dosé Bagnadore Riserva 2005 – Barone Pizzini
Franciacorta Satèn 2007 – Il Mosnel
Moscato di Scanzo Doge 2008 – La Brugherata
Oltrepò Pavese Brut Classese Selezione Millesimato 2006 – Travaglino
Sforzato di Valtellina Albareda 2009 – Mamete Prevostini
Sfursat di Valtellina Fruttaio Ca’ Rizzieri 2007 – Aldo Rainoldi
Valtellina Superiore Prestigio 2007 – Triacca
Valtellina Superiore Sassella Vigna Regina Riserva 2001 – Ar.Pe.Pe.
Valtellina Superiore Valgella Carterìa 2009 – Fay

Alto Adige
Alto Adige Bianco Passito Aureus 2009 – Niedermayr
Alto Adige Cabernet Sauvignon Cor Römigberg Tl 2006 – Alois Lageder
Alto Adige Gewürztraminer Kastelaz 2010 – Elena Walch
Alto Adige Gewürztraminer Terminum Vendemmia Tardiva 2009 – Tramin
Alto Adige Goldmuskateller Passito Serenade Castel Giovanelli 2008 – Kellerei Kaltern Caldaro
Alto Adige Lagrein Taber Riserva 2009 – Cantina Bolzano
Alto Adige Moscato Rosa 2009 – Franz Haas
Alto Adige Pinot Bianco Sirmian 2010 – Nals Margreid
Alto Adige Pinot Nero Barthenau Vigna S. Urbano 2008 – J. Hofstätter
Alto Adige Rosso Kermesse 2007 – Elena Walch
Alto Adige Sauvignon Sanct Valentin 2010 – St. Michael-Eppan
Alto Adige Terlano Chardonnay 1998 – Cantina Terlano
Alto Adige Terlano Pinot Bianco Vorberg Riserva 2008 – Cantina Terlano
Alto Adige Valle Isarco Grüner Veltliner 2010 – Manfred Nössing
Alto Adige Valle Isarco Riesling Praepositus 2009 – Abbazia di Novacella
Alto Adige Valle Isarco Sylvaner Alte Reben 2010 – Pacherhof
Alto Adige Valle Isarco Sylvaner R 2010 – Köfererhof
Alto Adige Valle Isarco Veltliner 2010 – Kuen Hof
Alto Adige Valle Venosta Riesling 2010 – Castel Juval Tenuta Unterortl
Alto Adige Valle Venosta Riesling 2010 – Falkenstein

Trentino
Essenzia Bianco 2008 – Pojer e Sandri
Granato 2008 – Foradori
San Leonardo 2006 – Tenuta San Leonardo
Teroldego Rotaliano Clesurae 2007 – Cantina Rotaliana
Trento Brut Altemasi Graal Riserva 2004 – Cavit
Trento Brut Cuvée Dell’abate Riserva 2006 – Abate Nero
Trento Brut Methius Riserva 2005 – Dorigati
Trento Brut Riserva 2005 – Maso Martis
Trento Brut Riserva Del Fondatore 976 2001 – Letrari
Trento Extra Brut Perlé Nero 2005 – Ferrari

Friuli Venzia Giulia
Bianco Kaplja 2008 – Podversic
Carso Malvasia 2009 – Skerk
Colli Orientali Del Friuli Bianco Biancosesto 2010 – La Tunella
Colli Orientali Del Friuli Friulano Vigne Cinquant’anni 2009 – Le Vigne di Zamò
Colli Orientali Del Friuli Merlot 2009 – Le Due Terre
Colli Orientali Del Friuli Picolit 2008 – Aquila del Torre
Colli Orientali Del Friuli Pinot Bianco Zuc Di Volpe 2010 – Volpe Pasini
Colli Orientali Del Friuli Refosco Vigna Dominin 2008 – Meroi
Colli Orientali Del Friuli Rosazzo Bianco Terre Alte 2009 – Livio Felluga
Colli Orientali Del Friuli Verduzzo Crei 2009 – Sara & Sara
Collio Bianco Broy 2010 – Collavini
Collio Bianco Collio 2010 – Edi Keber
Collio Bianco Fosarin 2010 – Ronco dei Tassi
Collio Bianco Vigne 2010 – Zuani
Collio Friulano 2010 – Colle Duga
Collio Friulano 2010 – Toros
Collio Malvasia 2010 – Dario Raccaro
Collio Malvasia Istriana 2010 – Doro Princic
Collio Pinot Bianco Di Santarosa 2009 – Castello di Spessa
Collio Sauvignon De La Tour 2010 – Villa Russiz
Collio Sauvignon Ronco Delle Mele 2010 – Venica
Dut’un 2008 – Vie Di Romans
Friuli Isonzo Friulano 2009 – Borgo San Daniele
Friuli Isonzo Malvasia 2010 – Drius
Friuli Isonzo Rive Alte Pinot Grigio Sot Lis Rivis 2010 – Ronco del Gelso
Friuli Isonzo Rive Alte Sauvignon Piere 2009 – Vie di Romans
Malvasia 2008 – Kante
Mario Schiopetto Bianco 2008 – Schiopetto
Ribolla Anfora 2005 – Gravner
Rosso Gravner Riserva 2000 – Gravner
Tal Lùc 2008 – Lis Neris
Vintage Tunina 2009 – Jermann

Veneto
Amarone della Valpolicella Campo Dei Gigli 2007 – Tenuta Sant’antonio
Amarone della Valpolicella Campo Marna Cinquecento 2005 – I Campi
Amarone della Valpolicella Classico 2004 – Bertani
Amarone della Valpolicella Classico 2007 – Allegrini
Amarone della Valpolicella Classico Acinatico 2007 – Stefano Accordini
Amarone della Valpolicella Classico Casa Dei Bepi 2006 – Viviani
Amarone della Valpolicella Classico Case Vecie 2007 – Brigaldara
Amarone della Valpolicella Classico Costasera Riserva 2006 – Masi
Amarone della Valpolicella Classico Monte Cà Bianca 2006 – Begali
Amarone della Valpolicella Classico Morar 2006 – Valentina Cubi
Amarone della Valpolicella Classico Tb Vigneto Alto 2006 – Tommaso Bussola
Amarone della Valpolicella Classico Vigneto Il Fornetto 2004 – Stefano Accordini
Amarone della Valpolicella Classico Vigneto Monte Sant’urbano 2007 – Speri
Capitel Foscarino 2010 – Anselmi
La Poja 2007 – Allegrini
Massi Fitti 2008 – Suavia
Montello E Colli Asolani Il Rosso dell’abazia 2008 – Serafini & Vidotto
Soave Classico La Rocca 2009 – Pieropan
Soave Classico Le Bine De Costìola 2009 – Tamellini
Soave Classico Superiore Vecchie Vigne Contrada Salvarenza 2009 – Gini
Soave Classico Superiore Foscarin Slavinus 2009 – Monte Tondo
Valdobbiadene Superiore Di Cartizze 2010 – Nino Franco
Vigna Seré 2004 – Romano Dal Forno
Vulcaia Fumé 2009 – Inama

Liguria
Cinque Terre Sciacchetrà Riserva 2008 – Capellini
Colli di Luni Vermentino Boboli 2010 – Giacomelli
Colli di Luni Vermentino Costa Marina 2010 – Ottaviano Lambruschi
Riviera Ligure di Ponente Pigato Bon In Da Bon 2010 – Bio Vio
Riviera Ligure di Ponente Pigato Le Russeghine 2010 – Bruna
Rossese di Dolceacqua Galeae 2010 – Ka’ Manciné
Rossese di Dolceacqua Superiore Poggio Pini 2009 – Tenuta Anfosso

Emilia Romagna
Colli Bolognesi Classico Pignoletto Vigna Antica 2010 – Tenuta Bonzara
Colli Piacentini Gutturnio Vignamorello 2010 – La Tosa
Otello Nero di Lambrusco 2010 – Ceci
Sangiovese di Romagna Predappio di Predappio
Vigna del Generale Riserva 2008 – Casetto Dei Mandorli
Sangiovese di Romagna Superiore Avi Riserva 2008 – San Patrignano
Sangiovese di Romagna Superiore Pruno Riserva 2008 – Drei Donà Tenuta La Palazza
Sangiovese di Romagna Thea Riserva 2009 – Tre Monti

Toscana
Bolgheri Rosso 2009 – Michele Satta
Bolgheri Sassicaia Sassicaia 2008 – Tenuta San Guido
Bolgheri Superiore Grattamacco Rosso 2008 – Grattamacco
Bolgheri Superiore Ornellaia 2008 – Tenuta dell’ornellaia
Brunello di Montalcino 2006 – Biondi Santi
Brunello di Montalcino 2006 – Canalicchio di Sopra
Brunello di Montalcino 2006 – Caprili
Brunello di Montalcino 2006 – Cerbaiona
Brunello di Montalcino 2006 – Fattoria Poggio di Sotto
Brunello di Montalcino 2006 – Fuligni
Brunello di Montalcino 2006 – La Togata
Brunello di Montalcino 2006 – Le Macioche
Brunello di Montalcino 2006 – Le Potazzine
Brunello di Montalcino 2006 – Piancornello
Brunello di Montalcino 2006 – Salvioni
Brunello di Montalcino 2006 – Sesti
Brunello di Montalcino Bramante 2006 – San Lorenzo
Brunello di Montalcino Riserva 2005 – Case Basse Soldera
Brunello di Montalcino Ugolaia 2005 – Lisini
Brunello di Montalcino Vigna Del Fiore 2006 – Fattoria dei Barbi
Brunello di Montalcino Vigna Schiena D’asino 2006 – Mastrojanni
Brunello di Montalcino Vigna Soccorso 2006 – Tiezzi
Cabernet Franc 2008 – Vignamaggio
Caiarossa 2008 – Caiarossa
Camalaione 2007 – Le Cinciole
Camarcanda 2008 – Ca’ Marcanda
Camartina 2008 – Querciabella
Campora 2007 – Falchini
Castello Di Vicarello 2007 – Castello di Vicarello
Cepparello 2008 – Isole e Olena
Chianti Classico Baron’ Ugo Riserva 2007 – Monteraponi
Chianti Classico Borro Del Diavolo Riserva 2007 – Ormanni
Chianti Classico Castello Di Fonterutoli 2008 – Castello di Fonterutoli
Chianti Classico Coltassala Riserva 2008 – Castello di Volpaia
Chianti Classico Il Poggio Riserva 2007 – Castello Monsanto
Chianti Classico Riserva 2008 – Lilliano
Chianti Classico Riserva Di Fizzano 2007 – Rocca delle Macìe
Chianti Classico Vigna Del Sorbo Riserva 2008 – Fontodi
Chianti Classico Vigneto San Marcellino 2008 – Rocca di Montegrossi
Chianti Rùfina Riserva 2008 – I Veroni
Colline Lucchesi Tenuta Di Valgiano 2008 – Tenuta di Valgiano
Cortona Syrah 2008 – Stefano Amerighi
Cortona Syrah Il Bosco 2008 – Tenimenti Luigi d’Alessandro
Do Ut Des 2009 – Fattoria Carpineta Fontalpino
Fontalloro 2008 – Fèlsina Berardenga
Galatrona 2009 – Petrolo
Ghiaie Della Furba 2007 – Capezzana
Guidalberto 2009 – Tenuta San Guido
I Balzini White Label 2008 – I Balzini
I Sodi Di San Niccolò 2007 – Castellare Di Castellina
Il Blu 2008 – Brancaia
Il Pareto 2008 Tenuta di Nozzole – Tenute Folonari
Il Passito Di Corzano 2000 – Fattoria Corzano e Paterno
Le Pergole Torte 2008 – Montevertine
Le Stanze 2008 – Poliziano
Lupicaia 2008 – Castello del Terriccio
Mandrione 2009 – La Corsa
Masseto 2008 – Tenuta Dell’Ornellaia
Messorio 2008 – Le Macchiole
Montecucco Sangiovese Lombrone Riserva 2007 – Castello Colle Massari
Morellino Di Scansano Capatosta Riserva 2009 – Poggio Argentiera
Morellino Di Scansano Ghiaccio Forte 2009 – Castello Romitorio
Orcia Rosso Petrucci 2008 – Podere Forte
Orma 2008 Tenuta Orma – Tenuta Sette Ponti
Petra 2008 – Petra
Poggio De’ Colli 2009 – Piaggia
Redigaffi 2009 – Tua Rita
Rosso di Montalcino 2008 – Cerbaiona
Rosso di Montalcino 2008 – Fattoria Poggio di Sotto
Rosso di Montalcino 2009 – Baricci
Rosso di Montalcino 2009 – Brunelli
Rosso di Montalcino 2009 – Ciacci Piccolomini d’Aragona
Rosso di Montalcino 2009 – Le Ragnaie
Rosso di Montalcino 2009 – Pietroso
Saffredi 2008 – Fattoria Le Pupille
Sant’Antimo Vin Santo 2004 – Podere Brizio Roberto Bellini
Solaia 2008 – Antinori
Suisassi 2008 – Duemani
Syrah 2009 – Tua Rita
Tignanello 2008 – Antinori
Val Di Cornia Suvereto Cabernet Sauvignon Federico Primo 2008 – Gualdo del Re
Veneroso 2008 – Tenuta Di Ghizzano
Vernaccia Di San Gimignano Riserva 2008 – Panizzi
Vin Santo Del Chianti Occhio Di Pernice 2004 – Tenuta Vitereta
Vino Nobile Di Montepulciano 2008 – Le Casalte
Vino Nobile Di Montepulciano Bossona Riserva 2007 – Dei
Vino Nobile Di Montepulciano I Quadri 2008 – Bindella
Vino Nobile Di Montepulciano Nocio Dei Boscarelli 2007 – Boscarelli

Marche
Akronte 2007 – Boccadigabbia
Anghelos 2009 – De Angelis
Arkezia Muffo Di San Sisto 2008 – Fazi Battaglia
Cimaio 2008 – Casal Farneto
Conero Sassi Neri Riserva 2007 – Fattoria Le Terrazze
Il Pollenza 2008 – Il Pollenza
Kurni 2009 – Oasi Degli Angeli
Lacrima Di Morro D’alba Passito 2009 – Conti di Buscareto
Lacrima Di Morro D’alba Superiore 2009 – Stefano Mancinelli
Lysipp 2007 – Fattoria Serra San Martino
Maximo 2008 – Umani Ronchi
Offida Passerina Vino Santo Sibilla 2006 – Le Caniette
Offida Pecorino Podere Colle Vecchio 2010 – Tenuta Cocci Grifoni
Pathos 2009 – Santa Barbara
Rosso Conero Dorico Riserva 2007 – Moroder
Rosso Piceno Superiore Roggio Del Filare 2008 – Velenosi
Solo 2009 – Dezi
Verdicchio dei Castelli di Jesi Brut Metodo Classico Ubaldo Rosi Riserva 2005 – Colonnara
Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico La Selezione Gioacchino Garofoli Riserva 2006 – Garofoli
Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico Superiore Balciana 2009 – Sartarelli
Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico Superiore Il Coroncino 2009 – Fattoria Coroncino
Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico Superiore San Michele 2009 – Bonci
Verdicchio di Matelica Mirum Riserva 2009 – Fattoria La Monacesca

Umbria
Armaleo 2007 – Palazzone
Campoleone 2008 – Lamborghini
Cervaro Della Sala 2009 – Castello della Sala
Montefalco Sagrantino Colleallodole 2008 – Milziade Antano Fattoria Colleallodole
Montefalco Sagrantino Gòld 2006 – Còlpetrone
Orvieto Classico Superiore Luigi e Giovanna 2008 – Barberani
Sagrantino di Montefalco Chiusa di Pannone 2006 – Antonelli San Marco
Sagrantino di Montefalco Collepiano 2008 – Arnaldo Caprai
Sangiovese Selezione Del Fondatore 2006 – Castello delle Regine
Torgiano Rosso Rubesco Vigna Monticchio Riserva 2006 – Lungarotti
Villa Fidelia Rosso 2009 – Sportoletti

Lazio
Calanchi di Vaiano 2010 – Paolo e Noemia d’Amico
Cesanese del Piglio Superiore Romanico 2009 – Coletti Conti
Cesanese del Piglio Superiore Torre del Piano Riserva 2009 – Casale della Ioria
Donna Adriana 2010 – Castel De Paolis
Frascati Superiore Luna Mater 2010 – Fontana Candida
Idea 2010 – Trappolini
Il Vassallo 2009 – Colle Picchioni
Mater Matuta 2008 – Casale del Giglio
Montiano 2009 – Falesco
Morrone 2007 – Tenuta Santa Lucia
Muffa Nobile 2010 – Castel de Paolis
Muffo 2009 – Sergio Mottura

Abruzzo
Cerasuolo D’Abruzzo 2010 – Valentini
Edizione 11 Cinque Autoctoni 2009 – Farnese
Jarno Rosso 2007 – Castorani
Montepulciano d’Abruzzo 2008 – Emidio Pepe
Montepulciano d’Abruzzo Binomio 2007 – La Valentina
Montepulciano d’Abruzzo Cocciapazza 2008 – Torre dei Beati
Montepulciano d’Abruzzo Colline Teramane Adrano 2008 – Villa Medoro
Montepulciano d’Abruzzo Colline Teramane Celibe Riserva 2007 – Strappelli
Montepulciano d’Abruzzo Colline Teramane Neromoro Riserva 2007 – Nicodemi
Montepulciano d’Abruzzo Colline Teramane Pieluni Riserva 2007 – Dino Illuminati
Montepulciano d’Abruzzo Nerodichiara 2007 – Contado Veniglio
Montepulciano d’Abruzzo San Calisto 2008 – Valle Reale
Montepulciano d’Abruzzo Tonì 2008 – Cataldi Madonna
Montepulciano d’Abruzzo Villa Gemma 2007 – Masciarelli
Montepulciano d’Abruzzo Zeus 2008 – Gentile

Molise
Molise Rosso Don Luigi Riserva 2009 – Di Maio Norante

Campania
Aglianico del Taburno Terra Di Rivolta Riserva 2008 – Fattoria La Rivolta
Aglianico del Vulture 2008 – Feudi Di San Gregorio
Costa d’amalfi Furore Bianco Fiorduva 2010 – Furore Marisa Cuomo
Falerno del Massico Rosso Camarato 2006 – Villa Matilde
Falerno del Massico Rosso Etichetta Bronzo 2008 – Masseria Felicia
Fiano di Avellino Aipierti 2010 – Vadiaperti
Fiano di Avellino Vigna Della Congregazione 2009 – Villa Diamante
Greco di Tufo 2010 – Pietracupa
Greco di Tufo Contrada Marotta 2010 – Villa Raiano
Greco di Tufo Decimo Sesto 2009 – Cantina Dei Monaci
Greco di Tufo Raone 2010 – Torricino
Greco di Tufo Terrantica Etichetta Bianca 2010 – I Favati
Kràtos 2010 – Luigi Maffini
Montevetrano 2009 – Montevetrano
Sabbie di Sopra Il Bosco 2009 – Nanni Copè
Taurasi 2007 – Feudi Di San Gregorio
Taurasi Naturalis Historia 2006 – Mastroberardino
Taurasi Primum Riserva 2006 – Guastaferro
Taurasi Radici Riserva 2005 – Mastroberardino
Taurasi Vigna Macchia Dei Goti 2008 – Cantine Antonio Caggiano
Terra di Lavoro 2009 – Galardi
Vignapiancastelli 2008 – Terre Del Principe

Puglia
Castel del Monte Rosso Vigna Pedale Riserva 2008 – Torrevento
F 2009 – Feudi Di San Marzano
Graticciaia 2008 – Agricole Vallone
Moscato di Trani Kaloro 2009 – Tormaresca
Negroamaro Capitolo Laureto 2008 – Mille Una
Platone 2008 – Tenute Al Bano Carrisi
Primitivo di Manduria Es 2009 – Gianfranco Fino
Salice Salentino Donna Lisa Riserva 2007 – Leone De Castris

Basilicata
Aglianico del Vulture Caselle Riserva 2006 – D’Angelo
Aglianico del Vulture Don Anselmo 2007 – Paternoster
Aglianico del Vulture Il Sigillo 2007 – Cantine del Notaio
Aglianico del Vulture Serpara 2007 – Terre degli Svevi
Aglianico del Vulture Titolo 2009 – Elena Fucci
Il Rogito 2009 – Cantine Del Notaio

Calabria
160 Anni 2008 – Ippolito 1845
Magno Megonio 2009 – Librandi

Sicilia
Chardonnay 2009 – Planeta
Chardonnay 2009 – Tasca d’Almerita
Cometa 2010 – Planeta
Contea di Sclafani Rosso Rosso del Conte 2007 – Tasca d’Almerita
Diamante d’Almerita 2010 – Tasca d’Almerita
Don Antonio 2009 – Morgante
Duca Enrico 2008 – Duca Di Salaparuta
Etna Rosso 2008 – Cottanera
Etna Rosso Archineri 2009 – Pietradolce
Etna Rosso Feudo 2009 – Girolamo Russo
Etna Rosso Prephylloxera La Vigna di Don Peppino 2009 – Tenuta delle Terre Nere
Etna Rosso Serra Della Contessa 2009 – Benanti
Faro 2009 – Palari
Il Frappato 2009 – Occhipinti
L’ecru 2009 – Firriato
Lu Patri 2009 – Baglio del Cristo di Campobello
Malvasia delle Lipari 2010 – Florio
Malvasia delle Lipari Passito Selezione Carlo Hauner 2008 – Hauner
Marsala Superiore Donna Franca Riserva – Florio
Moscato di Noto Moscato della Torre 2010 – Marabino
Noà 2009 – Cusumano
Passito di Pantelleria Ben Ryé 2009 – Donnafugata

Sardegna
Alghero Rosso Marchese Di Villamarina 2006 – Sella & Mosca
Alghero Torbato Terre Bianche Cuvée 161 2010 – Sella & Mosca
Angialis 2008 – Argiolas
Barrua 2008 – Agricola Punica
Cannonau di Sardegna Mamuthone 2009 – Giuseppe Sedilesu
Carignano del Sulcis Superiore Terre Brune 2007 – Cantina Santadi
Latinia 2006 – Cantina Santadi
Mantènghja 2007 – Capichera
Norace 2008 – Feudi Della Medusa
Tuderi 2006 – Dettori
Turriga 2007 – Argiolas

avatar

Info su Alessandro Morichetti

Ruba merendine alle compagne di asilo e oggi vive in località Asili (Barbaresco). Ama tutti gli animali e solo alcuni esseri umani. “Prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono. Poi vinci.” (Gandhi)
Spedisci via email

96 commenti a Duemilavini 2012 | I 5 grappoli

  1. Qualcosa ho assaggiato anch’io e mi trovo abbastanza concorde: Dettori, Sedilesu, Occhipinti, Falkenstein e pure il Rosso di Montalcino 2009 di Pietroso !

    Però in Lombardia dovrebbero “osare” un po’ di più coi premi. I nomi sono sempre gli stessi, dove sono Faccoli, Arici, Camossi.
    Non dico estremizzare con Casa Caterina, ma suvvia: un po’ di coraggio !!!

    • avatar Marco

      E Cavalleri?

    • avatar zakk

      eri partito bene con Faccoli, ma gli altri 3 che hai citato….
      Guida banale nonostante qualche guizzo t

      • avatar zakk

        ho schiacciato qualcosa che non dovevo, riprendo: guida banale nonostante qualche guizzo tipo sui produttori di montalcino e qualche chianti.
        L’Alto adige proposto così poteva scriverlo mia figlia di 12 anni.

      • Beh … come si dice: degustibus, no ?
        a me il Non dosato (non millesimato) di Arici piace tantissimo, come anche il rosè ed il Saten di Camossi.
        Casa Caterina è molto particolare e mi rendo conto che non è facile da apprezzare, comunque io adoro i suoi vini.

    • No io invece oserei con Casa Caterina!!

  2. avatar A3C

    x la Campania a parre un paio di nomi (Copé in testa) hanno selazionato quasi il peggio -- vino fruit bomb -- tanto tanto legno ke êr berlo dei aspettar cent’anni…nomi pomposi e cantine coi soldi…2° M una selezione P E S S I M A…Poliphemo Tecce dove 6? Schiacciali tutti con un masso…

    P.S. Sno anke io sommlier AIS ma da sta me..a mi dissocio…

    • Ma Ciro Picariello…come si fa a non premiarlo!!

    • avatar gabriele

      d’accordissimo ed aggiungerei anche che molte cantine premiate sono accomunate dagli stessi enologi, vedi un pò…

      • avatar Massimiliano Montes

        Perché sono mmmolto bravi

  3. Pingback: Il Capatosta 2009 vince anche i 5 grappoli della Guida Ais 2000 vini 2012 « Poggio Argentiera: il Morellino di Scansano e la Maremma

  4. avatar giorgio

    Gira e rigira sono sempre quelli, salvo qualche piccola novità qua e là.
    Un po piu’ di coraggio non guasterebbe nel segnalare anche i piccoli emergenti.
    La solita minestra riscaldata ha stancato

  5. Pingback: Another award for Capatosta 2009 Morellino di Scansano: the 5 “grappoli” from the Italian Sommelier Association (AIS) « Poggio Argentiera: il Morellino di Scansano e la Maremma

  6. Sono talmente tanti che bene o male qualcosa di interessante si trova!!!!!

  7. Questo anno ho mandato in degustazione solo il Tuderi ed il Tenores 2006 sapendo di non incontrare nessun parere favorevole dalle Guide eppure l’AIS ha dato i cinque grappoli al Tuderi, vino molto ostico ed umorale. Complimenti per il coraggio intellettuale al degustatore/degustatrice AIS. Grazie.

    • Ale, non dire “str…ate”. Tuderi e Tenores Facevano paura e te lo dissi quando ci vedemmo a roma…. smettla di sminuirti

    • avatar vinogodi

      …mandane un tot a casa mia , Ale , non ho alcun timore di berne a sazietà anche se le guide lo snobbano (soprattutto di Tenores che sai che è un mio pallino…).
      PS: ho davvenì all’isola , ti telefono per una deviazione..

    • avatar Francesco Amodeo

      Il Tenores 2006 assaggiato ad Agazzano è senza dubbio nella lista dei miei dieci assaggi migliori di quest’anno. Complimenti sinceri.

    • avatar Andrea

      E non ero io il degustatore…..
      Meno male che ti autocontingenti, Ale……
      Complimenti, come al solito.

    • avatar Filippo

      Alessandro, il Tenores 2006 NON si può non premiare se lo si assaggia. Sul Tuderi hai ragione, di solito (il 2006 non mi ricordo se l’ho assaggiato o no) è un po’ più ostico.

  8. avatar Elisa

    Certamente i vini in Italia son tanti e tante denominazioni ma se si cerca il nuovo credo che si debba guardare alle Regioni emergenti come la Liguria dove di solito solo i bianchi erano quotati, ora vedo due Rossese Di Dolcecaqua, il resto è comunque nei parametri dei degustatori, almeno da quello che si legge con qualche novità qua e là.

  9. avatar Flachi10

    Ho assaggiato il Mamuthone 2009 di Sedilesu scoprendo realmente un prodigio di vino… il profumo esce dal bicchiere come un potpourry… poi il Frappato 2009 di Occhipinti molto buono e fortunatamente preso con colleghi 12 bottiglie di Montepulciano Emidio Pepe 2008 che lascero’ in attesa diventi adulto il ragazzo… ma nella classifica dove e’ Polvanera??

  10. Vini che sono felice di vedere coi 5 Grappoli:

    - Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico Superiore Il Coroncino 2009 – Fattoria Coroncino

    - Castel del Monte Rosso Vigna Pedale Riserva 2008 – Torrevento

    - Il Rogito 2009 – Cantine Del Notaio

    dall’eccellente rapporto qualità/prezzo!

  11. Ma vaffa… questi quasi, peggio del GR,almeno a caldo.
    Tranne i vini che ben sappiamo si distinguono (Dettori,Occhipinti,Cope’ecc.)di cui tanto si sta parlando e che non premiarli sarebbe proprio da coglionazzi,come cacchio fanno a mancare che so Stella di campalto specie un Rosso ottimo e chesso’, in Campania il Poliphemo e chesso’ Cantina Giardino,e in Baasilicata poi e’ meglio che sto zitto tranne Fucci so venti anni sempre gli stessi,dai ma chi c’era a degustare?Il fatto e’ che ogni regione ha un certo numero di premi in percentuale sul tot. ed oltre quelli non vanno mai.
    Sempre Piemonte e Toscana (e ci mancherebbe) a farla da padrone e poi il resto,ma ai nomi noti aggiungere ripeto aggiungere anche solo dei nomi senza voler esagerare con una scheda per carita’.

    • avatar giorgio

      E’ la solita musica vecchia e stonata, da dieci anni a questa parte. Poi sappiamo come funziona con Bibenda ed il ricatto di FMR agli inserzionisti del Mio Vino ce lo ricordiamo ancora o no ?
      Non è cambiato niente, io da anni non rinnovo piu’ la tessera Ais e pertanto mi risparmio anche questa guida come le altre, che ormai non ” guidano ” un c@@@o. Il web è la mia guida

    • avatar Silviute

      Il Rosso di Montalcino 2008 di Stella di Campalto questa Guida l’ha premiato lo scorso anno, e il 2009 non è ancora né pronto né in commercio; sono stato di recente in azienda e posso testimoniarglielo.

  12. 1 solo prosecco fa pensare: non è vino da guide probabilmente.
    Luca

    • avatar giorgio

      Porta pazienza, intanto qualcuno si è’ accorto del lambrusco, prima o ppi arriverà anche il prosecco ( quello buono come il tuo però )

    • avatar jan 70

      O più probabilmente non può essere considerato tra i grandi vini…Con tutto il rispetto prima di un prosecco, per quanto buono, ce ne sono parecchi di vini di fattura superiore…

  13. Grazie a DUEMILAVINI per il premio al nostro UBALDO ROSI!

  14. Bramanteeeeeeeeeeeeeeee ’06!! Complimenti Luciano, nessun dubbio!

    In Campania felicissimo per I Favati, grandi vini quelli di Rosanna &Co.(che tra l’altro quest’anno, sono sicuro farà incetta di premi in regione da tutte e tre le maggiori guide, chiocciola Slow compresa).

    Rimango invece sempre più perplesso -- è più che altro, una osservazione sull’opportunità, non sul merito -- sul premiare un vino che vedrà il mercato solo tra qualche anno, almeno due ancora. Il Camarato ’05 è sul mercato da poco più di un paio di mesi. Facendo due conti, conoscendo i tempi prefissati da Villa Matilde, il ’06 non sarà in commercio prima del 2013.

  15. avatar lupin

    Che palle sto Piemonte… ma quando si decidono a non fare un copia e in colla dell’anno precedente, e di quello prima e di quello prima ancora?

    Peccato, peccato, peccato.

  16. un premio è sempre un premio, posso condividere o meno ma il fatto resta. Se devo dirla tutta preferisco, relativamente a duemilavini, le cantine con tutti 4grappoli che con un 5grappoli e parecchi 3 grappoli… BISOGNA LEGGERE TRA LE RIGHE!

  17. avatar Marossi

    Bene i cinque grappoli al Lambrusco Ceci, che è smaccatamente più buono del Sassicaia

    • avatar Federico

      Tra l’altro, direi che è prodotto con metodo charmat giusto?
      Dando una occhiata veloce, mi sembra che sia l’unico insieme al Cartizze di Nino Franco. Mi sbaglio o ne ho persi altri?
      Se fosse così non sono certo molti i rappresentanti delle bolle in autoclave, onore al merito.

  18. Sassicaia l’ho perso di vista da un po’ ! :-)
    Ma l’Otello l’ho ben presente.
    Che dire ? Dovessi scegliere, andrei decisamente sul Leclisse 2010 o il Radice 2010 di Paltrinieri (anche se per questo è meglio aspettare qualche mese perché dia soddisfazione piena).
    Oppure mi sparo un Modena di Graziano, che fa sempre bene !

    • avatar Marossi

      Un vino per essere davvero buono deve essere prodotto in serie industriale, milioni di bottiglie.

      • Teoria che non condivido

      • avatar Massimiliano Montes

        Come il Fumigante Nero di Conti della Fornace

        • avatar Marossi

          Ok, Montes, il Fumigante fa eccezione, ma è talmente buono che scardina le regole.
          Tuttavia, gentile e competente De Tomasi, lei non può ignorare che un vino buono deve sottostare ad alcune condizioni, (comunemente conosciute nell’ambiente come ‘esalogo Marossi’):
          1) Produzione milionaria
          2) Lieviti assolutamente selezionati, ottimo Liebig.
          3) Diserbanti chimici a pioggia che neanche gli Americani in Vietnam, praticamente giù duro fino a un secondo prima dall’imbottigliamento, con un’aspirina nella bottiglia e via.
          4) Rese monumentali: almeno 200 quintali ettaro
          5) Densità d’impianto: 1 ceppo per ettaro circa, ma soprattutto
          6) Terreni assolutamente poco vocati.
          Solo a quel punto, se quello che bevo è buono e non mi stende, giù il cappello: grandissimo vino!
          Perché a fare il vino buono e tipico con il terreno giusto, la cura amorevole, le basse rese e balle varie siamo capaci tutti.

          • Ci ho messo un po’ ma ora ho inquadrato il soggetto …
            (ho vinto qualche cosa ?)

          • avatar Marossi

            Una magnum di Fumigante, direi

          • avatar Massimiliano Montes

            Dall’enologo all’esalogo. Siamo fregati.
            Marco, attento al Fumigante, picchia in testa. Vedi com’è ridotto Marossi a forza di Conti della Fornace.

          • avatar Marossi

            Ha ragione Monti, va bevuto con giudizio

  19. avatar EnzoPietrantonio

    Nessun Primitivo di Gioia del Colle: follia!
    Vigna Pedale unico Nero di Troia presente: pazzia pura…

    Comunque a prescindere dal giudizio la cosa che più mi lascia perplesso è che, parlando almeno per la “mia” Puglia non c’è nemmeno una novità. Passi la totale bocciatura per Gioia del Colle, passi il Vigna Pedale come unico Nero di Troia (grrrrr!) ma può essere che non c’è un nuovo produttore, un nome sconosciuto ad aver fatto un ottimo vino degno del massimo riconoscimento ?

    Mi permetto di segnalare alcuni vini assaggiati e degustati di recente:
    - La Signora 2007, Primitivo DOC Manduria Azienda Agr. MORELLA
    - Malvasia Bianca 2010. RASCIATANO
    - Fior di Vigna 2009, Primitivo IGT Salento. PAOLO LEO.
    - Vecchiosogno Negramaro 2009. TENUTA GIUSTINI.
    - Fiano di Puglia 2010 BOTROMAGNO.

    • Natalino Del Prete (tutti quelli che fa)!Speriamo di non vederli mai in guida AIS cosa che spero anche per Bressan, Casa Caterina, Le Coste, Podere Veneri Vecchio,Panevino, Bea, Columbu, Ferrandes,Il Cancelliere, Musto Carmelitano, Dario Princic. Questa è tutta gente seria….

      • avatar Marossi

        Natalino del Prete è davvero simpatico, e mi piacerebbe condividere in toto il suo giudizio, caro Marino.
        Ma mentre l’Aleatico mi ha donato grandi soddifazioni, tra i rossi ho sentito esente da difetti solo il Negroamaro.
        Musto Carmelitano ha un ottimo rapporto qualità prezzo, e i vini sono tosti, purtroppo anche nel senso che basterebbe mezzo bicchiere di un loro aglianico a prosciugare la bocca di un boxer per un’ora. Discorso analogo per Veneri Vecchio

        • Io non li chiamerei difetti ma esuberanze..che poi dopo un po’ nel bicchiere spariscono.Amo gli spigoli dell’Aglianico!!

        • avatar Antonio Tomacelli

          ‘Azz Marossi, son d’accordo con te. Il Negramaro di Natalino oltretutto ha una tipicità ruspante che ti butta a terra!

          • avatar Marossi

            Tomacelli, io e te d’accordo?
            Mi stappo un Fumigante!
            Commosso, ringrazio

    • avatar giorgio

      Ti quoto al 100%, oltre a quelli premiati da questa e dalle altre guide, ce ne sono come minimo altrettanti che meritano di essere premiati e forse piu’ di questi.
      Il Fior di Vigna di paolo Leo, solo per citarne uno, non è forse quello che si è classificato al primo posto assoluto alla competizione Radici, preferito sia dalla giuria tecnica che da quella del pubblico ?
      Ed allora cosa stiamo a perdere tempo con questi cazzaroli di guidaioli, che hanno il paraocchi come i cavalli

      • avatar EnzoPietrantonio

        Esatto, il Fior di Vigna 2009 è stato il vincitore assoluto dell’edizione 2011 di Radici del Sud. Ma era giusto per citarne qualcuno che non sia sempre tra i soliti noti e che ha fatto un signor vino con l’annata 2009. Poi può anche essere che Paolo Leo nemmeno li invii i campioni all’Ais …

        • avatar giorgio

          Ed allora se non li ha inviati, in un caso come questo, essendo stato il vincitore assoluto di radici del Sud, se li dovevano comprare i vini. O degustano solo quelli ricevuti ” a gratis ” e quelli degli inserzionisti pubblicitari ?

  20. avatar ag

    E io mi permetto di fare pubblici complimenti a due amici: bravi Michele e Riccardo!
    E un appunto alla redazione di Duemilavini. Il Brunello delle Ragniaie è grande.

    • avatar Francesco Amodeo

      Il Brunello delle Ragnaie annata 2006 si porta addosso un livello scandaloso di lengo, è stato giusto non premiarlo, così come è stato giusto premiare il rosso di Montalcino 2009, sempre delle Ragnaie, semplicemente stupendo.

      • avatar Armando Castagno

        Quoto. Alla lettera.

        • avatar Armando Castagno

          Fatto salvo ovviamente l’aggettivo “scandaloso”, che riserverei a ben altre dosi -- equine, si diceva una volta -- di legno, e non serve andare troppo lontano da Montalcino; al confronto il vino di Campinoti pare fatto in acciaio.

      • avatar Riccardo Campinoti

        Il 2006 chiamiamolo diversamente equilibrato dai…

  21. avatar Stefano Cinelli Colombini

    C’é una cosa che mi incuriosisce da sempre nelle guide, a onor del vero però in Duemilavini meno che in tutte le altre; nel nord Italia sono premiati quasi esclusivamente DOC e DOCG, mentre in Toscana soprattutto vini di fantasia. Non capisco, quei vini si vendono sempre meno mentre le Denominazioni (soprattutto quelle del sud della Toscana) vanno molto meglio. Forse i clienti hanno un gusto diverso da quello degli enologi e dei giornalisti?

    • avatar giorgio

      Io direi dei guidaioli, che sono tutta un’altra razza molto piu’ incompetente rispetto agli enologi, che il vino ” lo fanno “

  22. avatar Francesco Amodeo

    Io direi che questa guida, all’interno del mondo del vino, si posiziona certamente tra le migliori. Se poi guardiamo alla sezione MONTALCINO, sia per quanto riguarda il rosso che per il brunello, direi che è una sezione a dir poco strepitosa, e dubito fortemente che la maggior parte degli intervenuti fin’ora avrebbe avuto le competenze, ma sopratutto il coraggio, di fare qualcosa di simile.

    • avatar Stefano Cinelli Colombini

      Infatti ho scritto che questa guida è proprio un’altra cosa. Ma le altre?

      • avatar Francesco Amodeo

        Ma che c’entrano le altre, stiamo parlando di questa guida o sbaglio? Il fenomeno di imbarbarimento delle guide c’è da parecchi anni oramai, mi sembra inutile scandalizzarci ora. Ritengo, io personalemente, molto più utile invece andare a segnalare quelle guide, o meglio, quelle sezioni delle guide che realmente meritano di essere lette, sperimentate e conosciute. Sono dell’opinione che la sezione MONTALCINO della guida dell’AIS, quest’anno, sia semplicemente fantastica, e ritengo altresì che siano delle scelte coraggiose che meritano complimenti e rispetto.

        • avatar Stefano Cinelli Colombini

          Mi associo assolutamente ai complimenti a QUESTA guida, anche se posso sembrare di parte perchè mi ha premiato. Comunque il punto che ho sollevato era diverso, e lo spiego parlando di musica. Io sono un ignorante che ama la classica e mi piace il Chiaro di Luna di Beethoven, per i critici musicali è una lagna da bambini e ascoltano Berio e i dodecafonici. A me fanno schifo. Sono una bestia io o loro sono troppo rarefatti?

          • Da pianista appassionato di vini oso segnalarle che il paragone non c’azzecca come direbbe qualcuno.
            Il Chiaro di Luna di Beethoven è uno dei tre tempi di una sonata semplicemente monumentale.
            Il fatto che sia oltremodo inflazionata e “violentata” da versioni new age o contaminate è un altro discorso.

            Inoltre confrontare Beethoven con Berio è come chiedere se sia più emozionante il Barolo di Elio Grasso o il Cartizze di Nino Franco.

            Quindi alla sua domanda la risposta è DIPENDE.

          • avatar Massimiliano Montes

            Diciamo che forse il paragone corretto è tra la musica classica e le canzonette di Sanremo ;-)

            Di solito vengono premiati in guida i vini “Sanremesi”

          • avatar jan 70

            Sono loro troppo rarefatti!

    • Per quanto riguarda Montalcino sono strafelice per il rosso di Gianni Brunelli 2009…. in tempi non sospetti ne avevo ordinate una 50a di casse e ci credevo davvero tanto… evvai

  23. avatar Lorma

    FRIULI: copia ed incolla!

  24. avatar lionca

    Egregio Sig .Pietrantonio ,in merito ai primitivi di gioia del colle Lei ha per caso assaggiato il PURPUREUS e il MEMOR delle
    Cantine FERRI vini vincitori del concorso RADICI. Personalmente
    rimarco di questi vini l,eleganza ,l’equilibrio con una spiccata
    identità territoriale

    • avatar EnzoPietrantonio

      Abito a 10 km circa dall’azienda del “vulcanico” Sign. Ferri e sono in prefetta sintonia con i suoi giudizi. Lui è uno di quei piccoli produttori che sta dando lustro alla denominazione assieme ad altri produttori quali Filippo Cassano di Polvanera, Nicola Chiaromonte, Pietraventosa, Cristiano Guttarolo e il “piccolo” Paolo Patruno.

      PS. ottimo il Memor anche se imbottigliato come Primitivo Igt Puglia e non come Doc Gioia del Colle, se non erro.

      • avatar vinogodi

        …Ferri è uno dei migliori produttori di Puglia : stop . Il suo Nero di TRoia è straordinario e forse il migliore di Puglia , così come lo sono Memor (mio vino del cuore e di una potenza “primitiva” , incontaminata e incontaminabile) e Purpureus . Fa uno Chardonnay Eccellente . Un rosato Gourmant . Chiaro , vulcanico com’è , il Ferri, sta sulle balle a tanti dell’ambiente (e della stampa) perchè non ama compromessi relazionali , è un suo limite . Dico solo che , se resiste dalle incurie economiche che possono attanagliare i bravi piccoli produttori non ascesi all’olimpo mediatico delle guide, salterà fuori come uno “dei casi di Puglia” , come nel recente passato il grande Gianfranco Fino . Mi compiaccio che su Intravino ci sia chi apprezza questa cantina ancora , ingiustamente , lontano dai riflettori …

      • avatar Adriano Anglani

        Caro Enzo,
        Ferri, oltre ad abitare ad una decina di chilometri da casa tua, ha la sua sede altrettanti chilometri fuori dalla DOC Gioia del Colle per cui deve giocoforza etichettare Puglia IGT.
        E’ persona simpaticissima e sa fare il vino, tutti i suoi vini, come pochi, il suo problema con le guide non credo sia costituito dalla “vulcanicità” del personaggio.

        P.S.
        Mi spieghi cosa ti ha fatto di male VIGNAPEDALE?
        Mi è capitato di leggere frequenti battute e/o critiche più o meno velate nei suoi confronti e non credo che le meriti.

        P.S.1
        Concordo sulla stranezza dell’assenza di vini di Gioia del Colle… e, a Manduria, ci aggiungerei anche Attanasio.

        • avatar EnzoPietrantonio

          Adriano carissimo, ho citato Attanasio altrove anche se non ricordo bene dove. Ad ogni modo hai fatto bene a menzionarlo perchè merita. Tornando ai vini di Ferri so che il comune di Valenzano non rientra nella Doc Gioia ma non ero certo che i vigneti si trovassero nel suddetto paese. Spiegato quindi l’IGT.
          In merito al Vignapedale torno a spiegare per l’ennesima volta che non rientra tra i miei preferiti. Più lo assaggio e più non mi convince. E’ sempre un tantino diverso rispetto ad altri Nero di Troia prodotti in zona. Diverso nel colore, nei profumi, mediamente sempre più pronto, meno spigoloso, con un tannino sempre più morbido. Poi magari sono io che non ci capisco una mazza ma a me francamente questo vino pluripremiato non convince affatto.
          Mi piacerebbe ripetere una degustazione alla cieca di Nero di Troia come quella che un paio d’anni fa facemmo da Perbacco.

          PS: ho trovato un altro estimatore dello Chardonnay di Nicola Ferri, wow !!

          • avatar Adriano Anglani

            Se è per questo ne hai trovati due di estimatori di Nicola e del suo chardonnay!

            Tornando a Vignapedale, ma forse ne abbiamo già parlato altrove, quelli che tu indichi (quasi) come difetti:

            “Diverso nel colore, nei profumi, mediamente sempre più pronto, meno spigoloso, con un tannino sempre più morbido”

            probabilmente diventano i suoi pregi, soprattutto quei tannini, che definirei più “domati” (e non più “morbidi”, che potrebbe dare l’idea di un vino piacione) rispetto alla media dei vini da uve di Troia che trovo ancora troppo dominati dalle asperità del tannino, spesso esasperate dall’utilizzo esagerato del legno.
            Dietro il Vignapedale c’è tanto studio scientifico sulla gestione dei tannini e, ad oggi, forse è l’unico esempio (o uno dei pochissimi) di vino da uva di Troia equilibrati…. poi i gusti personali sono indiscutibili ;-)
            Disponibilissimo per una eventuale degustazione di vini da uve di Troia, noooooooon alla cieca, ti prego, odio le degustazioni alla cieca! vabbè ci sto, ci sono troppe prevenzioni… e non mi riferisco a te.

          • avatar EnzoPietrantonio

            Adriano caro io non ho parlato di difetti ma di diversità!
            Potrà essere che magari qualcuno interpreti tali diversità più positivamente rispetto ad altri, non trovi? Tu e tanti altri magari preferite quel tannino “domato” io ne prediligo uno più ruvido, spigoloso e come preferisci definirlo!
            Come tu stesso sostieni i gusti personali sono indiscutibili. L’unica cosa che conta per me è la mancanza di pregiudizi e la voglia di assaggiare e riassaggiare senza lasciarsi condizionare da preconcetti ed etichette. Ecco perchè sarò ben lieto di rifare una deg sui vini da uve di Troia.
            Alla prossima.

  25. avatar Min Cul Pop

    Non discuto il valore della guida, e nemmeno il duro lavoro di chi l’ha fatta. Il problema però è proprio questo: alcuen regioni sono fatte bene, altre fanno sorridere per la pochezza dello sforzo. E qui si vede che la testa della guida è “romacentrica” con punti di forza(logico,no?) in Piemonte e Toscana. L’Emilia-Romagna che l’anno scorso ha scatenato una discussione accesa tra colli bolognesi e gambero rosso,è interpretata in modo superficiale e sciatto e lasciatemelo dire, con poca convinzione e nessuna sottolineo nessuna conoscenza del territorio e di quanto è venuto fuori negli ultimi dieci anni. Certo i punteggi sono sempre opinabili e rispettabili, ma sciatteria e superficialità quelli no, non hanno scusanti. Ma che all’AIS difettano le persone? Non credo, e quindi i problemi sono altrove. Certo dare premi ai soliti si va sul sicuro, ci si espone poco, ma alla lunga si raccoglie poi zero. Questa è una regione che conosco come le mie tasche, ma se anche le altre minori sono affrontate con lo stesso principio, ti saluto!

    • avatar giorgio

      Quotato 100%

      • avatar vinogodi

        ..quotato al 94,67%

        • avatar giorgio

          Vinogodi….sei sempre il solito braccino corto, almeno potevi arrotondare a 95%.
          Va bè che siamo in crisi ma uno 0,33 % che vuoi che sia

          • avatar vinogodi

            …la prossima volta stia più attento con gli accenti e qualche virgola , per avere un miglior suffragio “quotandi”…

          • avatar giorgio

            Licenza poetica Godivino ad quotandum

  26. avatar lionca

    Ho conosciuto il sig. Ferri in occasione della sagra di Noci del Novello,due anni a questa parte. Essendomi recato personalmente in azienda, a Valenzano, preciso che essa è dislocata a soli 2 km dal limite del comprensorio di Gioia del Colle.

  27. avatar Davide Catino

    Finalmente il riconoscimento meritato al Vigna Pedale del mio carissimo amico di gioventù Gianrocco! E’ dalla vendemmia 2006 che era a livelli veramente notevoli (considerando il prezzo poi!) ed il 2007 lo aveva confermato. Non vedo l’ora di provare questo 2008 premiato dall’AIS.

    • avatar vinogodi

      …in epoca non sospetta (annate 1998-1999-2000) già ne magnificai doti e sostanza . Poi si conobbe e se ne parlò estesamente e lo bevessimo (bevvimo?) tutti con magna soddisfazione e pure la Caridea Dana Rubra lo scoprì con conseguente importante cristalleria…

      • avatar giorgio

        Dove ne hai magnificato doti e sostanza, ci puoi indicare i link per favore ?

        • avatar Vinogodi

          …forum Gambero Rosso , primi anni del nuovo millennio : non so come è avvenuta l’archiviazione , ma cerca e troverai…

          • avatar giorgio

            Ti credo sulla parola non ho tempo per cercare

  28. avatar Nicol a di bari

    Scusate ma il Platone e’ un vino?

  29. Pingback: A proposito di guide ai vini d’Italia… « L’ A r c a n t e

  30. Pingback: Zuani Collio Bianco Vigne 2010 – On the Board « Enoteca Blog

  31. avatar andrea

    sono d’accordo con questi giudizi,vorrei ricordare a tutti che stiamo parlando di 5 grappoli,non due e mezzo…

Lascia un commento

1. Ospite
Commenta subito
2. Iscritto a Facebook o Twitter
Commenta con il tuo profilo social
accedi
3. Iscritto a Intravino
Registrati/Login



Inserisci un'immagine nel commento cliccando qui.