Dove compro il vino, senza dirlo a nessuno

Dove compro il vino, senza dirlo a nessuno

di Andrea Troiani

Il mio sistema di home banking è un software molto moderno. Ogni operazione si effettua rapidamente, la navigazione è molto chiara e l’interfaccia utente davvero intuitiva, sia dal pc sia dal telefono.

Ma questo non basta, la mia banca vuole andare oltre, vuole starmi vicino, anche troppo. Ultimamente ha iniziato a suddividere in categorie le mie spese ricordandomi puntualmente che spendo il 15% in utenze, il 30% in cibo, il 30% in abbigliamento e così via. Non voglio che nessuno sappia, o mi ricordi, quanto spendo in vino quindi, ho iniziato a barare.

Comprare il vino è un vezzo ed un vizio, anche costoso, che impone una certa attenzione nella selezione del canale di approvvigionamento.

Insomma quando ci si appassiona al vino, comprare la bottiglia in enoteca non basta più, anche se rimane una bellissima esperienza. Forse potrà essere di interesse per qualcuno sapere dove ho comprato le ultime bottiglie della mia cantina, o forse no, ma tant’è, io ve lo dico.

  • Franciacorta: con l’avvicinarsi della stagione calda ho pensato bene di non farmi mancare qualche bella bottiglia quindi 12 Brut, 6 Saten, 12 Rosè e 6 Non dosati. Acquistati tramite un noto sistema di gruppi di acquisto online con un prezzo medio a bottiglia che ha garantito un risparmio del 50%
  • – 4 bottiglie di Grande rosso Toscano: ma che dico grande, grandissimo, enorme, magnifico; un pezzo di storia dell’enologia italiana. Preso tramite amico, più o meno, commerciante. Risparmio rispetto al prezzo di scaffale medio circa il 50%
  • – 2 meravigliose bottiglie di bollicine italiane, probabilmente le due etichette più famose, espressione altissima di territori diversi ed enormemente vocati. Una vendemmia 2006 ed una 2007 (e sono uscite quest’anno), acquistate online da un simpatico e-commerce tra i meno noti, risparmio medio 25%
  • – 2 bianchi elevati in rovere di una nota cantina marchigiana, acquistati presso l’associazione che eroga corsi di sommellerie, – 30%
  • – 6 bottiglie di pregiato bianco umbro (con le corna) acquistato da, ormai fidato, venditore che offre forti sconti tramite il forum di un notissimo magazine di eno-gastronomia. Risparmio circa 25%.
  • – Infine, 6 bottiglie varie (2 champagne, 2 vini dolci e 2 rosé) dall’amico Roberto, mio paziente amico e infaticabile suggeritore di esperienze enoiche, con prezzo di favore.

Non è difficile capire perché non amo che la mia banca mi ricordi quanto ho speso in vino.

avatar

Andrea Troiani

Nasce a Roma dove lavora a mangia grazie al marketing digitale e all'e-commerce (sia perché gli garantiscono bonifici periodici, sia perché fa la spesa online). Curioso da sempre, eno-curioso da un po', aspirante sommelier da meno.

17 Commenti

avatar

Piero gabriele

circa 1 mese fa - Link

Andrea però devi dirci i gruppi, le riviste e tutto quanto riesca a farci aderire agli sconti sopracitati ;)

Rispondi
avatar

Silvia

circa 1 mese fa - Link

Vorremmo i riferimenti ora!

Rispondi
avatar

Davide Tanganelli

circa 1 mese fa - Link

Le so tutte :-D Perfino il nome della banca ;-)

Rispondi
avatar

riccardo

circa 1 mese fa - Link

Ho capito bene che hai acquistato a prezzi ridotti mediamente del 40% ma sarebbe carino da parte tue di rendere dotti noi poveri mortali delle tue dritte.

Rispondi
avatar

Giacomo

circa 1 mese fa - Link

Sono i 2 rose' che mi spiazzano

Rispondi
avatar

david

circa 1 mese fa - Link

Franciacorta con Vinix. Comunque 56 bottiglie, giusto per collegarsi al post su quanto è caro il vino oggi giorno. (status symbol)

Rispondi
avatar

Andrea

circa 1 mese fa - Link

Ok confesso tutto :-). Il sito per i gruppi di acquisto di vino è Vinix. Bella community e ottime cantine. Il forum è quello di Gambero Rosso. Ovviamente attenzione perché tra tante offerte serie può capitare quella "a rischio". Infine il sito ecommerce è quello di corso101, economico e molto rapido nelle spedizioni.

Rispondi
avatar

Giancarlob

circa 1 mese fa - Link

E l' amico commerciante chi è ? E l' amico dai prezi di favore ? :)

Rispondi
avatar

Piero gabriele

circa 1 mese fa - Link

Andrea 6 1 grande. Time to market perfetto. Bravo!

Rispondi
avatar

Vinocondiviso

circa 1 mese fa - Link

Ma nelle enoteche "tradizionali" nessuno compra più? Sia ben chiaro, anche io utilizzo questi canali alternativi, ma un giro in una fidata enoteca lo consiglio sempre. E non è detto che si spenda sempre di più.

Rispondi
avatar

Ivan Ferri

circa 1 mese fa - Link

Io vorrei. Ma a forza di essere fregato ho smesso.

Rispondi
avatar

Andrea

circa 1 mese fa - Link

Ciao, come scrivevo, io compro ancora in enoteca e spesso. In particolare è il posto di fiducia, grazie all'oste e alla sua competenza, dove scopro nuove bottiglie e mi faccio suggerire vini che non conosco. Una cosa è certa il modo di acquistare il vino sta cambiando parecchio.

Rispondi
avatar

marco

circa 4 settimane fa - Link

grazie Andrea! non sapevo nemmeno dell'esistenza del corso 101, e pensare che sono di Riccione! vado subito a visitarlo ;-)

Rispondi
avatar

marco m.

circa 2 settimane fa - Link

Eh caro Andrea... beato lei che lavora e mangia grazie al marketing e all'e-commerce. Forse gli amici che hanno commentato il post sui "furbetti del bloggerino" avrebbero qualcosa da dire sui suoi suggerimenti per gli acquisti. Io che invece, in lunghi anni di mestiere ho imparato da un pezzo che gran parte del giornalismo è una volgare marchetta (non solo per vendere un vino o altro... ma per spacciare falsità e ideologie ben più dannose) mi complimento con lei, perché mi fornisce qualche utile informazione sui tanti modi che oggi esistono per vendere del vino. Sulle sue personali preferenze.... "de gustibus....". Personalmente, resto sempre alla ricerca del sapore di quel certo Sangiovese bevuto in bella compagnia tanti anni fa in una trattoria romagnola, di quel verdicchio bevuto a Portonovo, del Rapitalà bevuto a Porticello poco oltre Palermo, di quel Verum dell'Oltrepò che comperavo a casse a Milano, di quel prosecco di Nino Franco di tante feste goliardiche in Friuli, di quel meraviglioso Beaujolais che trent'anni fa a Lucerna leniva la noia di tante giornate di lavoro. Gusti rimasti nella memoria e mai più ritrovati. Forse perché è cambiato il mondo, l'aria, la terra, la tecnica enologica. Anche Sophia Loren da allora è cambiata un po'... e i vini dopo tutto sono come le donne: una varietà infinita per tutti i gusti, anche per chi ama le cozze. Perché -grazie al cielo- al cuore non si comanda.

Rispondi
avatar

Andrea Troiani

circa 2 settimane fa - Link

Ciao Marco, grazie per il bel contributo. Temo, e spero vivamente di non offendere nessuno, che sia il tempo andato a farci sembrare più buono anche il vino passato. Già Orazio nel I secolo avanti Cristo parlava di "Laudator temporis acti", coloro che lodano il tempo passato. Comunque, io continuo a cercare nuovo vino da sovrapporre a quello già bevuto ;-)

Rispondi
avatar

v.m.

circa 2 settimane fa - Link

E acquistare in cantina è meno conveniente?

Rispondi
avatar

Andrea

circa 2 settimane fa - Link

Ciao, personalmente in cantina ho fatto grandissime esperienze ma scarsi "affari".

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.