Ci pensi un mese dopo e dici: minchia che serata da Ophis a Offida

Ci pensi un mese dopo e dici: minchia che serata da Ophis a Offida

di Alessandro Morichetti

Arriviamo a scegliere Ophis ad Offida, nel Piceno, per via di una nuova chiocciola su Osterie d’Italia 2017. Per un Gallo Rosso che manca oltre ogni ragionevole dubbio (Trattoria Gallo Rosso a Filottrano. Prevedere una chiocciola Slow undici mesi prima di Osterie d’Italia 2016), questa novità ci attira a bestia e stupisce: le chiocciole non sono una scienza esatta ma una certezza con buona approssimazione. Immaginate tre bei ragazzotti tra cui un porthosiano, un cernilliano e uno di Intravino, praticamente il meglio, un Dream Team di amici della sete.

Siamo in pieno centro storico e gli interni del cinquecentesco Palazzo Alessandrini profumano di santità petriniana. Daniele Citeroni in cucina è al timone di Ophis da oltre dieci anni ma l’acuto non era ancora apparso sui radar: tolto qualche tavolo lo scorso anno, ammodernate le sedie, l’Osteria ha preso una forma calda e avvolgente che mancava. Dovrebbe essere piena imballata di produttori di vino a cena coi loro clienti ma così ancora non è.

Optiamo per il menù a tutta ciccia del venerdì da 25 euro per due antipasti, un primo, secondo e dolce. Un latrocinio: ne vale almeno 40 e lo scopriremo alla fine ma bastano quattro tocchi di padella per illuminare la serata. L’inizio è una battuta di marchigiana delicata e frollata a perfezione che toccherebbe girare mezzo Piemonte per trovarne una all’altezza. Riguardo la foto e ricordo questo sapore netto, docile.

Battuta

 

Siamo pur sempre ad Offida, città famosa per il merletto a tombolo, e usare l’idea come supporto per una crocchetta di zucca e zenzero è centro secco. Vai di bis, sia per l’idea sia per la realizzazione.

 

Tombolo

My Simmental è un divertissement ottimo, bollito rivisto e confezionato. Gioca con tradizione, industria e con le scatolette artigianali di Moreno Cedroni tenendo il punto con personalità.

My Simmental

Il menù è chiaro, perfettamente centrato nella consistenza e nei prezzi.

ophis-menu

Cottura maschia, sugo che è tripudio di goduriosa cicciosità: Strenghettone “Regina dei Sibillini” al piccione e pecorino dei Sibillini, tanta roba.

Strenghettone "Regina dei Sibillini" al piccione e pecorino dei Sibillini

 

 

Daniele Catena, da 6 anni tra i tavoli, è una presenza premurosa. Offidano, non millanta iper-specializzazione e preferisce condividere candidamente assaggi e impressioni senza trascurare i fondamentali della sala, cioè sorriso, educazione, pane e acqua. Carta dei vini alla mano – carina, ricaricata una sega – uno di noi dice “Forse due bottiglie potrebbero non bastare”: se stava zitto era meglio perché poi tra una chiacchiera e un ricordo ci sala la libidine, poi la carogna, poi la sete quella brutta.

Vini da Ophis

Per la cronaca: Arshura 2013 “pialla” tutti, re per una notte all’unanimità. Ci piace dall’inizio alla fine per il suo mix di frutta dolce e consistenza, peso e articolazione da montepulciano succoso e slanciato, purtroppo una rarità in zona (NB: è l’unico che vendo ma non è colpa mia se esce sempre magnificamente). Mamuthone 2014 bel cannonau di spezie, frutta e cenni yogurtosi/minestrosi che fanno capolino senza eccessi. Buona silhouette, purtroppo paga il compagno di banco. Polvanera 16 del 2011 e Montepulciano d’Abruzzo 2013 Pepe le delusioni: il primo lo ordino io per curiosità e ha un naso à la Spinetta (o viceversa?) di pesca e passion fruit al limite dell’insopportabile; ci fa parecchio incazzicchiare. Il secondo, dopo quasi due ore nel bicchiere viene ribattezzato “cerino vicino al tombino”. L’odore non si emancipa e rimane su afflati di scarsa o nulla piacevolezza. Rimangono entrambi per metà in bottiglia. E noi non siamo quel tipo di persona che fa queste cose. I ricarichi sono bassi.

Ophis è un sì netto, convinto. Ci sono quell’aria di uno che sa mangiare e vuole cucinare bene per te, il respiro dell’osteria che accoglie, il gusto della distinzione e la capacità non banale di mettere tutti d’accordo. Osterie d’Italia patrimonio nazionale.

avatar

Alessandro Morichetti

Tra i fondatori di Intravino, vende vino su Doyouwine.com. Marchigiano, vive a Barbaresco. Ama tutti gli animali e qualche umano.

3 Commenti

avatar

Montosoli

circa 8 mesi fa - Link

2013 Arshura...arrivera fra poco...ordinate 5 casse Cosa e Kone ?

Rispondi
avatar

Denis Mazzucato

circa 8 mesi fa - Link

Ma come si fa a partecipare a queste cene?

Rispondi
avatar

zzzzz

circa 8 mesi fa - Link

Pepe non lo si sopporta più

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.