Borgogno di Barolo, il restyling di Oscar Farinetti. Clap, clap, clap

di Massimo Bernardi

il castello di Barolo, sede della Cantine BorgognoLa parte divertente quando Mr.Eataly Oscar Natale Farinetti presenta una delle sue nuove, infinite proprietà eno-gastronomiche alla stampa (evitando accuratamente i blog), è leggere i giornali del giorno dopo. Un gioco stupido, lo sappiamo, perché Farinetti merita ogni attenzione, ma scoprire se il volume dell’applauso è stato più alto della volta precedente è per noi una tentazione irresistibile.

E se dopo il supermercato del gusto Eataly avevamo letto: “GENIALE” (Enzo Vizzari) e “NON HA EGUALI AL MONDO” (Stefano Bonilli), per l’azienda vinicola Fontanafredda impreziosita dal Bosco dei pensieri, si sono visti “GENIALE, FOLGORANTE, SPLENDIDO” (Franco Ziliani), “E’ ARRIVATO IL MOMENTO DI COPIARTI. SI’ DI FARE COME FAI TU” (Paolo Massobrio).

E adesso che Farinetti ha concluso il restyling della Borgogno di Barolo, una delle case vinicole più antiche di Barolo in Piemonte (fondata nel 1761 da Bartolomeo Borgogno), cosa è stato scritto adesso? “BELLISSIMO, STUPENDA” (il nostro prediletto Francesco Arrigoni), “CLAMOROSA DEGUSTAZIONE” (di nuovo Paolo Massobrio), insomma, in attesa di altri giudizi il livello dell’applauso si mantiene alto.

Finito il gioco, se volete farvi un’idea del lavoro svolto da Farinetti vi consiglio di leggere Arrigoni, magari sapendo che la Borgogno di Barolo è un’azienda di 22 ettari (3 e mezzo a La Morra e gli altri a Barolo, preziosi per il cru Cannubi), da 120.000 bottiglie all’anno nel febbraio 2008, quando Borgogno è stata acquistata, ridotte ora a 80.000. La gamma è composta da due linee, la “Normale”, invecchiata 5 anni, e la “Classica”, con 10 anni di invecchiamento! Le barrique non entrano nel Castello di Barolo, sede delle Cantine, vengono usati solo legni di grande capacità come ha insegnato Bartolo Mascarello. Il marchio è stato ritoccato come alcune etichette che ora mostrano i grafici tanto cari a Oscar Natale Farinetti. Applausi.

[Immagine: WebWineFood]

2 Commenti

avatar

Franco Ziliani

circa 11 anni fa - Link

piccola correzione Massimo, non é vero che Farinetti "evita accuratamente i blog". Tanto é vero che il sottoscritto é stato invitato, e non potendo far parte del gruppo venerdì 11, perché impegnato a degustare Brunello a Londra, ha organizzato appositamente per me (e per la bella sommelier Adua Villa) una presentazione e degustazione di vecchi annate di Borgogno il giorno dopo, sabato 12. Ne scriverò presto, così potrai aggiornare il tuo Oscar applausometro...

Rispondi
avatar

Schigi

circa 9 anni fa - Link

Conati,conati,conati...

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.