Bibenda day 2019: cose buone dalla Puglia

Bibenda day 2019: cose buone dalla Puglia

di Antonio Tomacelli

Quando vuoi aggiornarti sulle annate dei grandi classiconi pugliesi, l’unica è partecipare all’annuale presentazione regionale di Bibenda, la guida vini della Fondazione Italiana Sommelier di Franco Maria Ricci. L’evento, ospitato come al solito da Borgo Egnazia, ha proposto in assaggio tutti i 27 vini premiati con i 5 grappoli, massimo riconoscimento della guida, con un buon numero di esordienti. Vi risparmio il listone completo e, col vostro permesso, segnalo solo i vini che mi sono piaciuti.

Schermata 2019-03-14 alle 18.13.14

Gran Cuvée XXI secolo 2012 – d’Araprì
Epernay confina a sud (molto a sud) col distretto di San Severo. Non si spiega altrimenti questo bicchiere che sa di primavera e biancospino, mango e ananas, fiori bianchi e cedro candito. La bolla è una crema vellutata, la persistenza da competizione. Mi arrendo senza condizioni. 94

Es, Primitivo igp 2016 – Gianfranco Fino 
La processione, le luminarie, la banda e il torrone. Ci sarebbe pure questo sapore di biscotto alle mandorle fresco di forno e una bocca pazzesca che sa di menta e cioccolato, la Puglia di mare e mirto che arriva dritto nell’anima ma il bicchiere è finito e la banda se ne va, suonando un “evviva il santo”. Che meraviglia! 95

17, Gioia del Colle Primitivo doc 2015 – Polvanera
Il bicchiere è colmo di buio e notte, fondente al 90% e amarene succose. Non siamo in pasticceria solo perché di dolce c’è solo un tannino aspro come la panna. Insomma, avete capito: è un 92 secco.

Amativo, Salento igt 2015 – Cantele
Mora di rovo piccola e dolce, di quelle che crescono sui muri a secco, odor di muschio e terra bagnata e bocca di mon cherì. Era da un po’ che non sentivo un vino di Cantele a questi livelli e l’eleganza salentina dei loro vini iniziava a mancarmi. Bentornati. 91

Pezza Morgana, Salice Salentino Riserva doc 2016 – Masseria Li Veli
Tema: il Salice Salentino. Svolgimento: il Salice salentino ha toni scuri di cacao al naso e in bocca ha un attacco appena dolce. Si distingue dagli altri vini per il gusto di ciliegia in confettura e liquirizia, quest’ultima dovuta alla malvasia nera che concorre nell’uvaggio. Quando è ben fatto, è persistente e ha tannini piccini piccini. Come questo che merita un bel 9(0).

Le Braci, Salento igt 2011 – Severino Garofano
Sovramaturo, sovraestratto e soprannaturale nel suo essere un Highlander sopravvissuto alle mode e ai cambiamenti di gusto. Carrube, fichi passiti e vincotto, opulento e ricco, appena dolce e con un corpo da sumo giapponese. O lo ami o lo odi. Io, per esempio, lo amo. 90

Visellio Primitivo Salento igt 2016 – Tenute Rubino
Un primitivo del salento che sa di precisione e prugna matura, eleganza e confettura di amarene. Stiloso quel tanto che non guasta. 90

Patriglione, Negroamaro Salento igp 2012 – Taurino
Avere una certa età ha i suoi vantaggi. Io, per esempio, ho conosciuto i profumi del mobile toilette di mia nonna, la cipria polverosa, lo sbuffo del borotalco e certi profumi di garofano e geranio che le donne di una volta spruzzavano per tutta la stanza. Il Patriglione ritorna in sé quando lo bevi, ed è subito negroamaro in coppola e gilet. 89

Cassio Dione, Primitivo di Manduria 2015 – Candido
Altro primitivo del Salento, quindi leggermente fuori zona: sarà un caso? Mentalmente mi faccio domande inutili mentre bevo (sì, bevo, tracanno, ingurgito senza ritegno) un succo di cioccolata e more succose potente e lungo, ché avesse l’eleganza del suo artefice sarebbero più di 90 punti. Ma va bene così. 89

Bocca di Lupo, Aglianico Castel del Monte doc 2014 – Tormaresca
Roccioso e squadrato come un castello in cima alla collina. Potente e scuro di cacao amaro e cassis ma il tannino è domo, piegato ai voleri dell’uomo. E trattandosi di aglianico, va bene così. 89

La Signora Primitivo Salento igt 2015 – Morella
Diverso, alieno, fuori centro e borderline come ogni vino biodinamico che si rispetti. Gaetano e Lisa piegano il primitivo ai loro voleri e ne fanno un vino succoso come una spremuta di arance rosse. Spinge, stuzzica e chiede cibo che sia all’altezza, tipo una teglia di parmigiana salentina. Intrigante. 88

Selvarossa Salice Salentino Riserva doc 2015 – Cantina Due Palme
Due i vini di questa cantina premiati da Bibenda, ma solo questo attizza narici e papille costringendole a funzionare come si deve. L’attacco in bocca è dolce, di rabarbaro e terra, sembra un digestivo ma poi le note di cacao lo riportano a più miti consigli. Di fronte a tanta veemenza, il tannino ha dato le dimissioni per lasciare il suo incarico a marasche e prugna. Esagerato come al solito. 88

Puer Apuliae, Castel del Monte Riserva 2013 – Rivera
Tiene botta il fanciullo di Puglia che un tempo fu energumeno delle Murge. Ora che profuma di garofani e fiori rossi, lamponi e ribes viaggia leggero ma bello elegante. In bocca è fresco, pimpante e pronto per l’agnello al forno della domenica. 88

avatar

Antonio Tomacelli

Designer, gaudente, editore, ma solo una di queste attività gli riesce davvero bene. Fonda nel 2009 con Massimo Bernardi il blog Dissapore e, un anno dopo, Intravino e Spigoloso. Lascia il gruppo editoriale portandosi dietro Intravino e un manipolo di eroici bevitori. Classico esempio di migrante che, nato a Torino, va a cercar fortuna al sud, in Puglia. E il bello è che la trova.

Nessun Commento

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.