Barolo Brunate 2013, Giuseppe Rinaldi

Barolo Brunate 2013, Giuseppe Rinaldi

di Vincenzo Le Voci

Se fosse stato un aprile normale, a Vini Veri in quel di Cerea avremmo fatto la fila come tutti gli anni per per assaggiare due tra i più emozionanti Barolo dell’intero panorama langarolo, quelli di Giuseppe Rinaldi.
Impossibilitato come tutti a casa, mi sono stappato un Barolo Brunate 2013 per non cadere in depressione e ho fatto proprio bene.

Piccola parentesi. Sono due le vigne di proprietà da cui provengono le uve di questo Barolo, un tempo menzionate entrambe in etichetta: Brunate e Le Coste. I vigneti di Brunate sono divisi tra il comune di Barolo e La Morra. Non sembrano esserci differenze nella qualità dei vini prodotti nelle due zone in quanto l’esposizione è ottima e omogenea. Vini mascolini e austeri, e in particolare quelli provenienti da Barolo si distinguono per un carattere ancora più energico.

Le Coste, invece, ha una struttura dei terreni simile al celebre Cannubi e pare che i vini prodotti da questo cru siano tra le migliori espressioni di eleganza del comune di Barolo.

Secondo tradizione, in casa Rinaldi i Barolo sono frutto di blend tra vari vigneti e il motivo è molto semplice: le caratteristiche organolettiche dei vari cru vanno bilanciate con un giusto assemblaggio per dare vita ad un vino armonico e equilibrato. Lieviti indigeni e botti grandi fanno il resto: l’obbiettivo, come diceva Beppe Rinaldi, è produrre un Barolo bevibile e digeribile, certamente austero in gioventù e dall’approccio difficile ma autentico.

Ma ecco quindi il vino che, ve lo anticipo, mi è davvero piaciuto.

Già in fase estremamente espressiva, si alternano profumi ferrosi ed ematici a note floreali e di lamponi, il tutto amplificato da un soffio di volatile: l’imperfezione ci rende veri, diceva qualcuno. In bocca scorre ed ha un tannino femminile, è succoso, saporito, nessun freno, è divertente, leggero e allo stesso tempo complesso, bevi e continui ad averne voglia.

Non sono in grado di capire dove andrà e in fondo non mi interessa, voglio solo godermi uno dei più grandi Barolo prodotti nell’annata 2013.

avatar

Vincenzo Le Voci

Farmacista con un passato da bevietichette spinto in via di redenzione, beve tanto e di tutto dal naturismo estremo alle bombe certificate passando per il vinoverismo che non dissangua e convince. Non è tipo che si perde in chiacchiere e va dritto al punto

14 Commenti

avatar

Walter White

circa 1 mese fa - Link

Bei tempi quando le enoteche che riuscivano a reperire 2 cartoncini da 6, lo vendevano a 40/42 euro. Oggi leggo prezzi da gioielleria nelle vendite on line.

Rispondi
avatar

Markos

circa 1 mese fa - Link

Ho una verticalina di Brunate Rinaldi in cantina ........10-11-12-13....... Appena torniamo liberi me la faccio con gli amici ! Però mi fa riflettere che un 10 viaggi a 250 eurini.....che mi berrò! Glu glu

Rispondi
avatar

Vincenzo Le Voci

circa 1 mese fa - Link

E fai benissimo... bevute tutte e la mia personale classifica è: 10/13/11/12... quando le assaggi facci sapere come va...

Rispondi
avatar

Vincenzo Le Voci

circa 1 mese fa - Link

Loro hanno mantenuto dei prezzi molto bassi in cantina, il mercato ne ha capito il potenziale e via con la speculazione.... ormai succede sempre con tutti i vini di una certa importanza e in tutte le denominazioni....

Rispondi
avatar

Sancho P

circa 1 mese fa - Link

Stesso discorso per Bartolo Mascarello. Con 45 euro qualche anno fa ti portavi a casa il Barolo. Dispiace constatare che oggi, per acquistare i Barolo di due pilastri della tradizione, che hanno sempre proposto i loro vini a prezzi abbordabili , anche quando furoreggiavano i vini a prezzi da capogiro dei parvenu del dolce stil novo, bisogna svenarsi.

Rispondi
avatar

Vincenzo Le Voci

circa 1 mese fa - Link

Sì è un peccato..purtroppo succede di continuo e non solo nelle Langhe e in Borgogna dove il fenomeno è più accentuato... ma dappertutto...vedi ad esempio les vignes di mon père di Ganevat in Jura o Chateua Rayas in Rodano Sud o il Cote Brune di Jamet a Nord.... Rougeard e Richard Leroy in Loira etc...

Rispondi
avatar

Massimiliano

circa 1 mese fa - Link

Che meraviglia il Cote Brune...

Rispondi
avatar

Vincenzo Le Voci

circa 1 mese fa - Link

.... conservo pochissime bottiglie vuote in casa, Cote brune 1991 è una di queste....Jamet è uno dei miei produttori preferiti in assoluto....

avatar

Adriano

circa 1 mese fa - Link

Per due volte ho suonato alla porta di Bartolo Mascarello durante gite in moto nelle langhe.Ebbene: compravo una bottiglia di barolo (sulla moto non potevo portarne di più). l'ultima volta lui stesso mi diede una bottiglia con in etichetta un suo disegno. Tutti ci si poteva permettere una sua bottiglia, come lui auspicava.

Rispondi
avatar

Sancho P

circa 1 mese fa - Link

Menomale che qualche grande classico a prezzi accessibili ancora lo troviamo. Penso a Poderi Colla (Bussia I Dardi Le Rose), Poderi Marcarini (Brunate e La Serra), Aurelio Settimo( Rocche dell'Annunziata), G. Fenocchio( Bussia, Cannubi e Villero), Roccheviberti (Rocche di Castiglione), Brezza (Cannubi, Castellero e Sarmassa),Lorenzo Accomasso, i tre di Piazza Cappellano a Serralunga, per citare i primi che mi vengono in mente. Il mio Rinaldi del cuore rimane un indimenticabile Cannubi San Lorenzo-Ravera 2001. Spero veramente di poter riassaggiare presto i Barolo di questa cantina.

Rispondi
avatar

Stefano

circa 1 mese fa - Link

Da consumatore killer, purtroppo non si riesce avere le bottiglie direttamente pur avendo due enoteche micro. Io firmerei un contratto per vendere una singola bottiglia ad ogni cliente con il prezzo imposto da loro. Utopia lo so!

Rispondi
avatar

Sancho P

circa 1 mese fa - Link

A Roma, credo tramite Tiziana Gallo, enoteche come Bulzoni o Les Vignerons (una volta anche Trimani), a Latina Enoteca dell'Orologio, riuscivano a procurarsi senza troppe difficoltà le bottiglie. I prezzi erano quelli indicati sopra da Walter. Ad un certo punto, le cose sono cambiate. A questo punto, devo ringraziare un famoso produttore di Rocchetta Tanaro, che per dimostrare quanto fosse buona e longeva la sua Superbarbera e degna di confronto con un grande Barolo, l'ha servita al buio assieme ad un Brunate Le Coste 2006.

Rispondi
avatar

Vocativo

circa 1 mese fa - Link

In verità anche i Barolo del cav. Accomasso raggiungono prezzi non più praticabili. Raramente scendono sotto i 150... Anche qui però parliamo di enoteche. Il problema è che ormai si va ad assegnazione e diventa sempre più difficile accaparrarsi un Barolo di Rinaldi, di Mascarello o di Accomasso direttamente in cantina.

Rispondi
avatar

Sancho P

circa 1 mese fa - Link

Hai Ragione. Temo che il prossimo sarà Burlotto. Il Monvigliero è già su assegnazione. Dal Cavaliere ci sono passato qualche anno fa e presi qualche bottiglia di Rocchette. Prezzo potabile ma non è facilissimo portargli via le bottiglie. Grande personaggio. In assoluto la migliore espressione del Rocche dell'Annunziata. Cru dove il "dolce stil novo" ha dato abbondante sfoggio di sè

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.