Anteprime Toscane 2018 | Vernaccia di San Gimignano, debutta la difficile vendemmia 2017

Anteprime Toscane 2018 | Vernaccia di San Gimignano, debutta la difficile vendemmia 2017

di Andrea Gori

L’annus horribilis per il vino bianco italiano comincia a dare i suoi responsi. Almeno nella New York del Medioevo, San Gimignano, si può dire che il fattore qualità sia stato preservato: certo, le gelate primaverili che nel 2017 hanno pesantemente colpito le piante in fase vegetativa hanno ridotto la quantità, e ancora peggio ha fatto forse la siccità, che ha anche portato ad una vendemmi più anticipata del solito, partita in molte aziende il 28 agosto. La perdita di una bottiglia su quattro non è certo una bella notizia, ma almeno le tre che restano sono di qualità più che buona grazie all’esperienza maturata dai produttori della denominazione tanto cara a Dante Alighieri.

Oggi la Vernaccia significa 5.138.603 bottiglie, per un giro di affari della denominazione sui 16 milioni di euro, con una ripartizione peculiare per la Toscana con un alto 42% in Italia (ma venduta principalmente sul territorio ai visitatori, tramite vendita diretta in azienda o locali enoteche) e un 48% all’estero dove i paesi principali restano Stati Uniti, Germania, Svizzera e Inghilterra.

I vini segnati con l’asterisco* sono campioni di vasca, essenzialmente inox o botte di legno.

► Vernaccia annata 2017
L’anticipo vendemmiale rimescola un poco le carte, e permette di mettere in luce capacità di gestione del vigneto e di lavoro in cantina accurato. Profumi molto più rarefatti di altre annate, con alcuni casi di eccesso di maturazione e squilibrio al palato tra frutto e acidità, ma anche sorprese belle da produttori che hanno letto bene l’annata. Da sottolineare ancora una buona presenza di uve internazionali che in queste vendemmie fungono da tampone e cuscino di sicurezza per il mercato, pure se snaturano molto i risultati in bottiglia.

*Agricoltori del Geografico 2017 ha naso di tioli, floreale, piccante e sapido, grazioso, è incalzante, sorso piacevole e sbarazzino 83
*Cantine Guidi 2017 con canditi e pepe, dolce e un poco molle al palato ma di una piacevolezza notevole, anche troppo 84
*Cappella Sant’Andrea Clara Stella 2017 asciutto, salino, non molto frutto ma sostanza bella guizzante, da evolvere ma la polpa c’è 87+
Casa alle Vacche 2017 ricco netto e dolce, fiori pesca e mandarino, bocca di sostanza e succo, non molta acidità 85
Casa alle Vacche i Macchioni 2017 sapidità fittezza e mandorle, tostature di frutta secca, carica ed energia, bello, animato e insinuante 88
*Casale Falchini Vigna a Solatio 2017 menta, bergamotto e ribes bianco, croccantezza e solarità senza stanchezza 87
Castello di Montauto 2017 floreale tiglio, erbaceo leggero, tioli e mandarini, salinità e piccantezza, un po’ di dolcezza appesantisce il sorso 86
*Fattoria Abbazia Monte Oliveto 2017 semplice carina e petalosa, rose, bocca che rimane semplice ma stuzzicante 85
*Fattoria Abbazia di Monte Oliveto Gentilesca 2017 lieve delicato e piccante, bocca tesa e monolitica, con bell’estratto 87
*Fattoria Fugnano e Bombereto 2017 sottile fine con nota di mandarino e timo molto bella, bocca semplice con spinta acida e agrumi 87
*Fattoria di Pancole 2017 ampio, croccante, saporito e con bella spinta sul finale, chiusura sapida e arancio giallo 87
*Fattoria Poggio Alloro 2017 molto carico e concentrato, ribes bianco rose e tropicale, bocca un poco amaricante 85
*Fattoria Poggio Alloro il Nicchiaio 2017 menta e sale, alloro e crisantemo, bocca animata e vispa, non molto equilibrata, da aspettare 87+
*Fattoria San Donato 2017 placida e tranquilla al naso, fiori mughetto e tiglio, bocca più espressiva, finale in crescendo, grande passo 90
Fattorie Melini 2017 semplice e diretta, non molto complessa ma efficace anche se rimane neutra, se si eccettuano gli apporti di altri vitigni 85
Fattorie Melini le Grillaie 2017 piacevole, agrumato di pepe bianco, bocca semplice con anice e frutta bianca, complessità in divenire, da attendere 86
Fontaleoni 2017 splendido, sapido, floreale, spinge e crea combinazioni continue di sapori frutti e agrumi e fiori con spinta di nocciole e chiusura di mandorle, buonissimo 90
Fornacelle 2017 semplice e sbarazzina, floreale lieve e note di mandarino, bocca su acidità e poco altro 84
*Guicciardini Strozzi Villa Cusona 2017 floralità e note mentolato che guidano su binari dolci, palato più arcigno ben colto in freschezza 86
*Guicciardini Strozzi Titolato Strozzi 2017 tocchi di spezia, pepe e rosmarino, sorso molto ricco e cangiante, saporito e divertente con dolcezza che torna bene 88
*Il Colombaio di Santa Chiara Selva Bianca 2017 affresco policromo bianco e giallo con refoli balsamici, impressiona e seduce, gesso, arancio, piccantezza che si protrae nel naso dove tornano a ondate gusti di arancio, albicocca, finale ancora da esprimersi ma davvero meraviglioso adesso 92
Il Lebbio 2017 dolcezza e frutto bianco e giallo invitante, bocca che incalza e spinge, finale citrino 86
*Il Lebbio Tropìe 2017 ancora nebuloso e in assestamento ma si intravede una bella materia luminosa e aggraziata, sostanza e stile, bel momento di raccolto 88+
Il Palagione Hydra 2017 floreale e delicata, bocca soave e sottile ma ben tratteggiata, arioso e delicato ma irresistibile 89
La Lastra 2017 lastra di sale e lime, ginepro e menta, bocca dinamica e creativa sul tema acido e floreale, finale dissetante ed energico 90
*Lucii Libanio Casa Lucii 2017 floreale, iris e gelso, camomilla e mandarino, bocca che fila via bene con acidità punteggiata e salina 88
*Massimo Daldin 2017 fiori bianchi e gialli, anice e timo, bocca spigliata e saporita, giocata in levare ma azzeccatissima 88
*Massimo Daldin Vigna in Fiore 2017 canditi e incenso, fiori di sambuco, rose e tè verde, bocca che esplode in rivoli energici di senape e arancio giallo, bella acidità e tenuta del frutto 90+
*Mormoraia Suavis 2017 pesca e pompelmo, bocca ariosa sottile e centrata, bocca divertente e delicata ma non priva di gusto 87
Palagetto 2017 vispa croccante naso dolce e carezzevole, bocca agile croccante sapida e con misura gentile 86
Palagetto Santa Chiara 2017 floreale di campo e anice, aloe, piccantezza di ribes bianco, bocca che si allunga molto bene anche se scopre un tratto alcolico 89
Panizzi 2017 naso sottile ma floreale fresco e dolce, bocca cristallina netta, saporita e dal ritmo trascinante 90
Pietraserena 2017 divertente e spigliato, un po’ internazionalizzato ma bocca dalla bella acidità e finale sapido 86
*Pietraserena Vigna del Sole 2017 mentuccia e salvia, aloe e mandarino, bocca piacevole e carnosa con bel finale 85
Podere Canneta La Luna e Le Torri 2016 leggero e soave ma incantevole, acidità e menta, anice e finocchio, finale sapido e netto 89
*Podere Le Volute 2017 un po’ tiolico con foglia di pomodoro molto spiccata, bocca dolce con discreta acidità 84
Poderi Arcangelo 2017 bel piglio agrumato e floreale, rose e talco, finale cangiante un po’ tanto sul citrico, da aspettare 87+
Poderi Arcangelo Terra del Lago 2017 pulito, floreale, mandarino e agrumi, acidità, mentolato e finale croccante con saliscendi di gusto salino e dolcezze di mele e albicocche 88+
*San Benedetto 2017 sorso piacevole con tracce di maturazione un po’ elevata ma bello l’estratto e la tensione 87
*San Quirico 2017 netto e acuminato, ribes bianco, sambuco, uvaspina e ginestra, sale in cattedra e ci rimane a lungo con un bel gusto terremotante sempre finissimo 90
Signano 2017 floreale di campo e anice, bocca su acidità e gesso, da svilupparsi perché appare per ora un poco piantato 84
Signano Poggiarelli 2017 florealità dolce di tiglio e acacia, bocca con menta timo e toni di arancio giallo, bocca di stoffa e struttura, godereccia 88
*Tenuta Montagnani Mattia Barzaghi 2017 un gradito ritorno alla grande per Mattia che aiuta il giovane al suo primo imbottigliamento, risultato splendido e tratto riconoscibile da pompelmo appena dolce e tanto sale, bocca tumultuosa e ben colta, finale sornione ma glicolicamente assassino 90+
Teruzzi Isola Bianca 2017 anice e mentuccia, mandorla, bocca con dolcezza un po’ insistita, acidità che incalza e ritmo discreto 86
*Tenuta La Vigna 2017 sottile e gessoso, rosmarino e pepe, bocca con bella acidità e discreto slancio fruttato 87
Tenuta le Calcinaie 2017 esile e reticente al naso cui cede solo un poco di floreale, in bocca esplode per vivezza e personalità fruttata e tensione sapida 91
Tollena Lunario 2017 calore struttura e sostanza, bocca un po’ carica e di estrazione, ma si intravede levità e acidità giuste in prospettiva 86
*Torre Prima 2017 floreale tiglio e sale, bocca acida che si agita bene con finale non lunghissimo di mandarino e uvaspina 86
*Vagnoni 2017 floreale assolato, nocciole e mentuccia, bocca energica e sapida con finale agrumato 87

Vernaccia - bicchieri

► Selezioni 2016
Annata più gradevole ed equilibrata, e i vini sono piacevoli, freschi e con una misura di eleganza davvero notevole nei casi migliori.

*Alessandro Tofanari Astrea 2016 è affumicato e mentolato, pepato e stuzzicante, nocciole e mandorle, finale piccante molto divertente 89
*Cantine Guidi Aurea 2016 pepe menta anice e succulenza, nota burrosa un po’ troppo evidente all’inizio ma palato ha un bell’estratto, si farà 88
Cappella Sant’Andrea Rialto 2016 floreale e piccante, pepe nero e salvia, rosmarino e erbe aromatiche mediterranee, sorso salino che appaga e spinge benissimo, un grande dipinto di primavera 92
*Casale Falchini ab Vinea Doni 2016 crisantemi e floreale di campo, gesso e petricore, bocca incalzante con lieve traccia di calore e sapidità, di sostanza, con dolcezze di mandarino e pesca, in crescendo 90
Cesani Clamys 2016 frutto molto maturo e ricco, caldo e tropicaleggiante, saporita e netta al palato con chiusura con note speziato originali e saline 88
Fattoria di Pancole Elisanda 2016 saporita e speziata, zenzero e senape, bocca con gesso che sale insieme ad altro frutto tipo pesca e chiude su anice, appassionante e divertente al sorso 90
Fattoria San Donato Angelica 2016 gesso e sale, arcigna e concentrata su note di terra e ghiaia bagnata, bocca che apre il fronte del mandarino e zafferano e chiude su agrumi gialli, bello il finale anche in prospettiva 89+
*Fontaleoni Casanuova 2016 zenzero e pepe, lieve affumicato e polvere da sparo, camemoro e ribes bianco, bocca grintosa con bella riserva di energia ancora da imbrigliare, chiude in crescendo di aspettative da valutare ma solide 91+
*Il Colombaio di Santa Chiara Campo della Pieve 2016 allegro e gioioso, frutta dolce quasi da lampone e albicocca, appassionante la beva e il contrasto di sapori, finale di spezia e timo con frutto che va quasi al tropicale, senza mai perdersi 91
Lucii Libanio Vigna Cellori 2016 menta e floreale che proseguono al palato, corpo di media fattura, un poco posato 87
Montenidoli Tradizionale 2016 stile originale e personalissimo, un vino con concessioni all’ossigeno che ripagano di frutta gialla, canditi, nocciole e pepe e soprattutto un sorso che diverte e rinfresca 93
Montenidoli Fiore 2015 reticente e compostissimo, appena floreale e sassoso, bocca che risale la china ma rimane su tanta acidità e roccia con frutta molto nascosta, per gli amanti del sale però imperdibile 88
*Mormoraia Ostrea 2016 calcareo e marino, frutta bianca e gin tonic, malva, bocca con scossa elettrica e sapidità che incalzano il sorso ben fruttato, bellissimo equilibrio 89
Palagetto Vent’anni 2016 naso un po’ ritroso ma ben speziato, bocca che apre al frutto e alla senape, chiusura un po’ rapida 85
Panizzi Vigna Santa Margherita 2016 dolcezza di confetto e mandorle, sambuco e anice, bocca con tocchi di legno ben presenti, acidità molto percepibile, lunghezza con buona costanza di sapore 88
Poderi Arcangelo Per Bruno 2016 pienezza e dolcezza, spezia e legno, bocca piena e decisa con mandorle e noci molto ben tratteggiate 87

► Riserva 2016, 2015 e precedenti

Cappella Sant’Andrea Riserva Prima Luce 2015 dorato e imponente alla vista, naso ampio, carezzevole, delicatamente floreale e appuntito, sale e sole, da aspettare 88+
Il Palagione Lyra 2015 lievi riduzioni e zolfo, bocca un poco piatta e con poca grinta 86
Casa alle Vacche Riserva Crocus 2015 zafferano anice e caramella agli agrumi, albicocca e senape, bocca molto incalzante e precisa, ben dosata e lunghissima grande rilancio in affondo 90
*Casale Falchini Riserva Vigna a Solatio 2015 tocchi di pepe zenzero e zafferano, soave e talco, ricchezza in bocca ma sempre punteggiata da sale, gran riserva di energia ma godibilissima adesso, con un’eleganza tutta sua 90
Cesani Sanice Riserva 2015 monolitica e petricore molto spinto, bocca ampia e ritmata, salata e dolce nei momenti giusti, grande struttura ed energia ma ben controllata 93
Fattoria San Donato Benedetta Riserva 2015 dorata e ricca, naso ampio e complesso da talco, finocchio, pepe e cumino, bocca di sostanza e stile con più frutto di altre annate e lunghezza che fa ben sperare un’evoluzione intrigante 91+
*Fattoria Poggio Alloro Le Mandorle Riserva 2016 grande energia e solarità ben contrastata da note sapide e gessose, bocca di equilibrio e grazia, un poco di alcol nel finale ma è lieve davvero 88
Fontaleoni Riserva 2015 energia e grinta già dal naso che sorprende per quanto è affilato, bocca ampia e ricca con sfumature ancora da chiarire 88+
Guicciardini Strozzi Riserva 2015 anice, spaziature e tostature appena, concentrazione salina molto alta al palato con una acidità che ne pregiudica una lettura agevole al momento 88
Il Colombaio di Santa Chiara L’Albereta Riserva 2015 alte aspettative, e il vino per ora si concede poco ma quello che fa intravedere è notevole, molto lavoro sulle fecce, note sapide e croccanti emergono da frutto acido di ribes rosso e mela golden, in fase giovanile ma ricchezza, c’è per un futuro da decifrare: molto promettente 92+
Il Palagione Riserva Ori 2016 piccante di anice e pepe, naso su Spezia e legno, bocca contratta e sapida 87
La Lastra Riserva 2016 implume ma di sostanza, naso reticente e bocca che svela bella materia e finezza con passo deciso e luminoso 92+
Montenidoli Carato 2012 ginestra, rosa gialla, ribes bianco, uvaspina, bocca stupefacente, carnosa eppure sottile e fresca, profondità di confettura di mele e pepe, un vino oltre le mode e gli stili, personale e sempre affascinante 92
*Mormoraia Riserva Antalis 2015 originale e spiazzante sulle prime, senape e note verdi di lime, sandalo e vetiver quasi, bocca più classica e divertente con dolcezze di pesca punteggiata da bella sapidità 88
Palagetto Riserva 2014 pietra focaia , zafferano, miele, noci e mandorla ricchezza e sapidità 87
Panizzi Riserva 2014 mandorle e fichi maturi, aloe e mandarino tardivo, legno leggero e cannella, bocca affilata e sostanza in bel divenire sullo sfondo 90+
Rampa di Fugnano Privato 2016 leggero umami, floreale non freschissimo, bocca con dolcezze un po’ svenevoli ma aggraziato e piacevole 87
Teruzzi Sant’Elena Riserva 2016 dolcezza e floreale di arancio, nitido, bocca di leggero confetto ma anche timo maggiorana e aloe, salinità e scorza di mandarino finale 88
Vagnoni i Mocali Riserva 2015 sambuco e fiori bianchi, bocca con dolcezza di agrumi e bella salinità, finale in crescendo, molta forza ed energia che dipingono un quadro molto ben sfaccettato e stimolante 89
Vagnoni i Mocali Riserva 2013 tosature e pepe, cannella e sale, pesca e ginestra al palato, pepe da legno che prosegue in bocca appesantendo un poco il sorso 87

Andrea Gori

Quarta generazione della famiglia Gori – ristoratori in Firenze dal 1901 – è il primo a occuparsi seriamente di vino. Biologo, ricercatore e genetista, inizia gli studi da sommelier nel 2004. Gli serviranno 4 anni per diventare vice campione europeo. In pubblico nega, ma crede nella supremazia della Toscana sulle altre regioni del vino, pur avendo un debole per Borgogna e Champagne. Per tutti è “il sommelier informatico”.

2 Commenti

avatar

Stefano Cinelli Colombini

circa 5 mesi fa - Link

Scusa, ma Italia (42%) + Estero (48%) dovrebbe fare 100%, ed invece fa 90%; il 10% residuo dove si suppone che sia andato a finire?

Rispondi
avatar

Andrea Gori

circa 5 mesi fa - Link

credo sia il resto d'Italia. Nel senso che la Vernaccia si vende soprattutto in Toscana

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.