Anteprime Toscane 2018 | Benvenuto Brunello, la vendemmia 2013 a Montalcino

Anteprime Toscane 2018 | Benvenuto Brunello, la vendemmia 2013 a Montalcino

di Andrea Gori

Un’annata complessa questa 2013, e per niente facile, a dispetto dei tanti esiti positivi assaggiati nel Chiostro di Sant’Agostino. Quella in corso in questi giorni è un’edizione di Benvenuto Brunello molto intensa, e ricca di spunti di riflessione a cominciare dalle discussioni sui cambiamenti climatici e la cis-genetica, l’ingresso delle nuove generazioni in cantina, le pratiche colturali agronomiche ed enologiche e la giusta celebrazione di un territorio che al suo interno ha i suoi contrasti, ma alla fine fa prevalere il bene comune e la solidità dei progetti.

Pochi altri territori al mondo riescono ad attrarre così tanti investimenti, e la sfida della qualità non viene mai dimenticata, così come non si dimenticano i protagonisti del territorio che vengono a mancare – è successo con il bellissimo e interminabile applauso nel Teatro degli Astrusi durante la cerimonia di presentazione dell’annata tributato agli enologi Rudy Buratti e Pablo Härri, di recente scomparsi. A Montalcino non si dimenticano infine che l’obbiettivo più importante è l’altissima qualità complessiva, e la 2013 da questo punto di vista era un vera annata da vigneron, una di quelle dove l’attenzione e la pazienza venivano messe a dura prova da un periodo prolungato di piogge, soprattutto sotto vendemmia.

Un’annata fresca, che ha ovviamente favorito le zone sud e sud est e penalizzato quelle sui versanti nord e nord est (privilegiate in anni caldi come 2007, 2011 e 2012) ma che ha anche ribadito l’importanza di poter contare in azienda su uve provenienti da più zone e vigneti, per mitigare gli effetti climatici. Come carattere complessivo la potremmo definire un’annata fine, femminile ed elegante con tannini in forma, che hanno avuto il tempo di maturare sulla pianta, senza eccessi alcolici del recente passato. Grande la disparità di esiti, forse anche di più che in altre annate recenti, che riflettono la posizione aziendale ma anche la capacità dei vignaioli di saper attendere. Dal punto di vista della longevità ci potranno essere delle sorprese ma come linea di massima diremmo che ci sarà da attendersi meno longevità rispetto alla più complessa 2012. Tanti i vini già godibili oggi, e molti lo saranno entro l’anno, con una prospettiva temporale media per la denominazione sui 10-15 anni in bottiglia.

Brunello di Montalcino 2013

Agostina Pieri è fitto e delicato, fiori provenzali e nespole con amarene succose, bocca tonica in armonia tra tannino flessuoso e corpo fruttato finale pepato 94
Agricola Centolani Tenute Friggiali composto con un naso invitante di frutta sotto spirito, in bocca è un po’ debole con un alcol leggermente in evidenza 85
Agricola Centolani Tenute Pietranera intenso con note di resine e radici, bocca con frutto sovrastato dal tannino dal buon grip 86
Albatreti tabacco e visciole, selvatico e ammiccante, note di lamponi e susine, macchia mediterranea, finale balsamico con agilità di sorso e presenza di frutto costante 90
Altesino sottile delicato con pompelmo rosa e anice, lamponi e ribes rosso, floreale, sorso con spinta acida e tannica forte e composta, eleganza e carattere, balsamicità nel finale, vino da aspettare ma anche di piacevolezza immediata 92
Altesino Montosoli con naso eccezionale, splendido e damascato, frutta rossa molto accesa ma composta, bocca dal tannino stupendo e cangiante che stimola e disseta, già buonissimo ma questo tannino sarà una meraviglia tra qualche anno 95+
Argiano intenso di sottobosco e sigaro, ciliegie scure e prugne, pepe e ginepro, bocca con un graffio tannico che risveglia il palato e esalta il centro della materia 94
Armilla fiori delicati e susine rosse, bocca di melagrana delicata e finale tenue nel tannino ma non in termini di presenza scenica al palato, grazie a sapidità e freschezza che lo rivitalizzano ad ogni sorso 90
Baccinetti corpo struttura e toni un poco spenti e molto maturi, bocca sulla falsariga del naso, non molto coinvolgente 84
Banfi Castello Banfi appuntito di viole e ribes rosso, toni molto accesi ed eleganti, bocca con sensazione alcolica ma bella struttura e tannino da dipanarsi in qualche mese 88
Banfi Poggio alle Mura anice menta e speziatura fine, tabacco dolce e senape, bocca composta e misurata ma sottilmente sapida e sinuosa con un tannino preciso, femminile e intrigante che esalta il frutto rosso 93
Barbi frutta rossa, mela, arancio rosso, lamponi in confettura, bocca solida e materica con tannino di alta scuola che disseta e rallegra il palato, piacevole e roccioso 89
Barbi Vigna del Fiore floreale e balsamico, vetiver e viole, bocca aggraziata con tannino bellissimo che prolunga la durata del frutto, amalgamandolo bene con l’elegante legno e le note speziate 93
Beatesca naso un poco spento e cimiteriale sui fiori, in bocca risale però una bella fragola e frutto scuro, fino ad un finale stuzzicante e saporito 89
Bellaria frutta cotta e una nota intensa, bocca diluita con finale amaricante 83
Bellaria Assunto alcol in evidenza e bocca dal tannino aggressivo con poco sostegno del corpo 85
Belpoggio pesca gialla e qualche imprecisione, bocca con tannino in sovraestrazione e finale vegetale 82
Bonacchi fiori di cimitero, frutta gialla cotta, e bocca scivolata 82
Bottega floreale tra lavanda e iris e note intense di ciliegia, bocca soffice e fresca con note di melagrana e tannino curato, buona distensione e allungo felice 90
Camigliano profumato e fine con fiori provenzali ribes rosso e tamarindo, bella spaziatura che apre al palato centrato e armonico, frutto sostenuto da buona acidità e brillante finale sapido nei tannini tesi 94
Campogiovanni saporito intenso molto fiori e frutto rosso e nero, sandalo e mirto, bocca gustosa con molta carnosità e lunghezza di sapore, tannino da finire di assestarsi, ma ricchezza e nitore 92
Canalicchio di Sopra calmo e serafico, anice rosmarino e bacche di ginepro, bocca sottile e con tannino gentile che sottolinea la sapidità e dolcezza in chiusura 91
Canneta con note calde e profonde di frutta in confettura, bocca non molto animata ma piacevole 85
Cantina di Montalcino ha naso composito e con alternanza tra frutto e floreale di campo, ribes rosso, bocca semplice ma gustosa e saporita con finale in crescendo 88
Capanna ribes rosso, mirto e tabacco dolce, bocca classicheggiante ma molto ben tratteggiata con tannino vispo e acidità guizzante, senza trascurare dolcezza e pienezza di sorso 90
Capanne Ricci floreale e balsamico, timo mandarino maturo e fragole, bocca piacevolmente piccante e saporita, finale succoso 88
Caparzo floreale di campo e fieno, frutta di bosco rossa, bocca placida e tranquilla con frutto un poco diluito, con aggressività nel finale 85
Caparzo La Casa floreale appuntito di viola poi menta e ribes nero, bocca dal grip tannico intrigante e lunghezza succulenta, lamponi e ribes ben mentolati nel finale 90
Caprili energico floreale e frutto intenso, bocca ricca ampia con rivoli di piacere nascosti e ritrovati da un tannino splendido fitto e fine 93
Carpineto visciole amarene e ginepro, bocca placida con sapidità e frutto, fragole e lamponi, molto accattivante, tannino che sa il fatto suo, semplice ma diretto e ben fatto 89
Casanova di Neri fine, elegante, dal frutto nitido di visciole e tocchi di incenso e viola, bocca con corpo e sostanza ma su cui prevalgono sempre leggiadria e freschezza dell’insieme, tannino che allunga la piacevolezza del palato 93
Casanova di Neri Tenuta Nuova suadente e dolce, penetrante e misterioso, ribes rosso e lamponi, asciutto, toni balsamici e menta, melograno e pepe, tannino dall’ottimo grip, succo di pesca e finale di tabacco e noci, grande forza ed equilibrio con una sosta prolungata nel palato, piacevolissima 95+
Casanuova delle Cerbaie ha naso di iris, viole e rose, bocca ariosa e lieve, con rimandi mentolati e fruttati a chiudere in dolcezza, tannino presente ma delicato, non da allungo ma ad oggi godibilissimo 93
Casisano Tommasi Family Estate è scuro e deciso, prugne e more di rovo, nota di alloro e menta piperita, bocca che diverte e disseta, allunga poco ma c’è una discreta eleganza 88
Castello Romitorio delicato e piccante, pepe nero e macis, bocca diretta immediata saporita e croccante, finale femminile grazioso con tannino lieve e pronto 90
Castello Romitorio Filo di Seta naso delicato con vetiver, sentori di SPA e viole, bocca animata da energia sottesa e bel tannino presente ma destinato anche ad ottima evoluzione 92
Castello Tricerchi viola e sottobosco, senape e mandorle, dolce e piccante, bocca che continua il bel dualismo con un tannino ancora da finire di maturare, ma che equilibra benissimo l’estratto tra rusticità e nobiltà 92
Castiglione del Bosco viole ribes rosso, arancio rosso, frutto molto maturo, bocca ampia e fruttata con tannino che tarpa un poco le ali alla beva, buona acidità e freschezza complessive 87
Castiglione del Bosco Campo del Drago con spezie e piccantezze, pepe rosa e cayenna, lamponi in confettura, bocca ampia fine e delicata con energia residua molto bella, che sale poco a poco al palato 91
Cava d’Onice piacevole frutto scuro, prugna e more di rovo, bocca corposa e ricca di energia con lunghezza notevole e frutto senza cedimenti 90
Cava d’Onice Colombaio mentolato, anice e viole, bocca agile piccante con buona intensità ma il tannino ancora un po’ graffia 88+
Cerbaia ricchezza di frutto rosso, mela fragole e ribes rosso, note piccanti, bocca ricca e intensa, saporita e con tannino in bella progressione 90
Citille di Sopra lamponi, ribes rosso, confettura di fragole, bocca agile e ritmata, non profondissima ma spigliata e piacevole 87
Citille di Sopra Vigna Poggio Ronconi molta maturità classicheggiante di frutta sotto spirito, pepe e ginepro, bocca dal bel passo e croccantezza, frutto molto maturo ma freschezza lo tiene bene su 89
Col di Lamo frutta sotto spirito, pesca e mela, bocca compressa e ricca di frutta con tannino ricco appena asciugante, che aiuta a districare la complessità, chiude dissetante e in crescendo 89+
Col D’Orcia sale menta e ribes rosso, piacevolezza e nitore, belle sensazioni di calore e frutto sotto spirito, bocca gastronomica e accattivante 89
Collemattoni sapido croccante con bella dolcezza al palato e lunghezza di frutta di bosco in confettura, anice e vetiver, già pronto, molto buono davvero 90
Corte dei Venti dolce delicato eppure ricco e trascinante, frutto stile ed eleganza ben sottolineati in un’annata propizia, chiusura in dolcezza e spezia piccante, tannino gentile presente lungo tutto il sorso con esiti goduriosi 93
Corte Pavone selvatico e ombroso, bocca intensa e scura, animata e divertente sebbene l’impressione di frutto troppo maturo persista 88
Corte Pavone Fiore del Vento sottile delicato scuro e netto, sorso ampio fresco solenne ma sempre animatissimo, tannino con energia vibrante anche se legno ed estrazioni si sente parecchio 93
Cortonesi La Mannella dolcezza e ricchezza, note dolci e piccanti, ribes rosso e tabacco, bocca agile saporita e gastronomica 89
Cortonesi La Mannella Poggiarelli grande ricchezza ma anche eleganza ed equilibrio, sale menta e nitore di frutta di bosco, sorso cangiante saporito e luminoso, un vino davvero bello ed energico 93
Cupano è dolce e floreale, vetiver e aloe, sorso che allarga il cuore tanto è vasto delicato e struggente, grandioso addirittura il finale con un tannino destinato non a lunghe battaglie ma a far godere tanto e subito 95
Cinelli Colombini frutta scura e speziatura intrigante di anice e sandalo, bocca con forza ed energia sottese all’eleganza, allunga bene dissetando e spingendo su delicatezza e piccante 89
Cinelli Colombini Prime Donne estrazione materia e senso di potenza ed eleganza insieme, bocca appuntita con tannino in evoluzione ma già gastronomicamente perfetto, finale con pepe nero macis e more di rovo bellissimo 93
Elia Palazzesi Collelceto fine ferroso e asciutto, non molta materia ma sorso fresco limpido e saporito con finale balsamico che regala note originali e fini 89
Fanti piccante rosso di lampone e ribes, bocca animata croccante sempre per lamponi e ribes, finale con piglio saporito e delicato ma appena un poco troppo brusco 88
Fattoi ha naso bellissimo energico e pulsante, molto fine e rarefatto ma sostanza e corpo ci sono, ben animati da acidità e sapidità, finale discreto e persistenza di frutto scuro molto bella, solo asciutto e un po’ sotto tono per corpo e materia 89
Ferrero intenso, fruttato, note umami e sottobosco, ribes in confettura, bocca di sostanza e bel frutto che al momento deve ancora ben digerire il bel tannino e l’acidità, da seguire 88+
Fornacella naso molto maturo e scuro, bocca con note di anice e finocchio, finale di macchia mediterranea calda scura e con qualche pesantezza 85
Fornacina molto solare, carnoso, bocca appena sottile con calore un po’ presente al palato 86
Franco Pacenti Canalicchio riarso e con note un po’ di mela cotta e ciliegia sotto spirito, non molto carnoso e fresco anche al palato ma lunghezza è buona 87
Fuligni energico sapido netto e floreale da decorazione, ebanisteria nobile classico eppure con riserva di energia e frutto, bocca salata e con frutto cangiante di bosco rosso e nero bellissimo il tannino 94
Gianni Brunelli le Chiuse di Sotto ha lamponi ribes e mela rossa, anice e rosmarino, prugne, olive e macchia, bocca complessa con dolcezza e grazia, sostanza e finezza tannino nitido e finale di lunghezza e armonia 94
Greppone Mazzi Ruffino macchia mediterranea, lavanda e pesca, bocca piacevole e fresca, molto giocata su frutto rosso e composto, balsamico e tabacco, tannino delicato 89
Il Bosco di Grazia ha naso classico, potpourri floreale, timo e lavanda con frutto sullo sfondo, bocca classica serrata e con rivoli di gusto tra le sferzate del tannino, da tavola più che da degustazione ma materia bella e ritmo trascinante 92
Il Marroneto frutta sotto spirito tra amarena visciole poi tabacco e resina di pino, traccia calda e saporita, palato bello con dolcezza punteggiata da acidità e tannino solo appena meno fini che in altre annate, ma sempre di livello altissimo 91
Il Marroneto Madonna delle Grazie è soave sottile e floreale, note incalzanti e intense tra incenso rose viole e lamponi in confettura, bocca sottile ma energica, lunghezza e agilità di tannino e sale che si alternano in cattedra 95
Il Palazzone lamponi e fragole ben colti, anice e menta, bocca con tannino e acidità che appiattiscono un po’ la beva 85
La Fiorita floreale e piccante, bel naso dolce e gentile, bocca compunta, croccante e con tocco di dolcezza ben dosato 91
La Fornace ricco scuro e pepato, frutto molto maturo, ciliegia e alloro, bocca ricca decisa con traccia di calore ma bella energia 89
La Fornace Origini rosmarino finocchio e alloro, bocca saporita fine speziata con energia e calore ma ben imbrigliate dalla freschezza e dal tannino 91
La Fortuna lamponi in confettura, vetiver e sandalo, piccante speziato e saporito, un po’ semplice ma intrigante 87
La Gerla calore senape menta e amarena, bocca composta e speziata di mela rossa e pepe, finale ricco ed energico, sapido e agrumato 89
La Lecciaia ha floreale passito, chiodo di garofano e speziatura fine, frutta sotto spirito e cannella, ribes rosso nella chiusura fresca e sapida 90
La Lecciaia Vigna Manapietra sottile aromatico balsamico e fitto di rimandi a frutta nera e sottobosco, bocca impettita gustosa e con acidità che incalza e spinge, finale e tannino in via di definizione ma davvero centrati 92+
La Magia con spezia, legno e cuoio, bocca carnosa speziata e con maturazione decisa, tannino che asciuga un poco 86
La Magia Vigna Ciliegio floreale di campo, ginepro e lavanda, bocca animata da bella sapidità e croccantezza, finale lungo e agrumato 87
La Palazzetta mela rossa e anice, saporito e sfaccettato ma anche magro al sorso 86
La Poderina dolce di cipria e fragole in confettura, lamponi freschi e more di gelso, bocca carnosa con sostanza gusto e tannino ben tratteggiato che chiude dolce e solenne 91
La Rasina ricchezza e intensità, frutta di bosco e sale, bocca di sostanza, energia, note balsamiche molto belle e poi cacao e ginepro, tannino sottile e sapido, energico ma controllato 90
La Togata senape resina, croccante saporito molto dolce e pepato, finale di bocca concentrato e succoso, lungo ma un po’ stancante la beva 87
La Togata dei Togati spezie anice mente e tocchi di ebanisteria, bocca placida con lampi e scosse dal bel tannino e lunghezza notevole 90
La Togata Jacopus vino ricco deciso con note scure e pepate, ginepro e anice, frutta molto matura al palato, bella scorrevolezza e sensazioni fruttate 88
La Togata Selezione Carillon floreale e speziato, pepe bianco e ribes nero, bocca a rompere gli schemi con tannino molto fitto e duro da aspettare ma il ritmo è notevole 92
La Togata Selezione Seconda Stella a Destra succulento scuro e pepato, nota di more di rovo, salsedine e nettezza di frutto anche al palato, sapido e affilato 90
La Togata Selezione Notte di Note dolce di cannella, vaniglia e poi pepato e more in confettura, bocca dolce e con un po’ di scossa tannica, un po’ carico e caldo 88
Il Paradiso di Manfredi note selvatiche di bosco e tartufi poi frutto con prugne rosse e spezie dolci, bocca armonica con tannino delicato e acidità che tende l’allungo 90
Il Pino Fattoria del Pino frutta delicata e succosa, note dolci di agrumi e marasca, bocca fresca e centrata su frutto con sostegno di materia e tannino elegante 89
Il Poggiolo timido dal naso con qualche lieve nota di erbe di campo, bocca un po’ scarna 84
Il Poggiolo Bionasega il più originale dei vini di Rodolfo Cosimi e non solo nel nome, speziature e ebanisteria dolce a duettare con un frutto intenso e sfaccettato, tannino che spinge e disseta in un finale aristocratico a dispetto del nome 90
Il Poggiolo Terra Rossa rosmarino e carico di frutta cotta, bocca un po’ selvatica, tannino che si fa sentire e marca il sorso ma lascia una nota dolce bellissima in sottofondo 89
Il Poggione profumi brillanti con ribes lampone e mirtilli, bocca scattante, tannino con grip, piacevole complessità con nota pepata e finale nitido e lungo 93
Le Ragnaie freschezza floreale con erbe aromatiche tra timo e maggiorana, frutto nitido, lampone e ciliegie rosse, bocca croccante, freschezza pepata, beva avida e tannino setoso 93
Le Ragnaie Vigna Vecchia nespole e giuggiole sotto spirito, velo di radici e salvia, bocca ritta, tannino con buon grip, leggero alcol sul finale un po’ contratto 89
Le Ragnaie La Fornace leggermente austero con note di sottobosco e mirto e ginepro, bocca intensa, ricamata da un tannino ben compiuto capace di grande progressione 92+
Lazzeretti spigliato e arioso, cannella e ribes nero, prugne e liquirizia, bocca piacevole con bel frutto e lunghezza, semplice ma efficace 88
Lambardi canditi e tabacco, speziatura ed anice, frutto un po riarso e poco fresco, tannino spinge ma su non molto corpo 86
Le Chiuse è soffuso e flessuoso, naso dolce e piccante in chiaroscuro, bocca dolce delicata finissima con tannino che si sente solo nel finale, mentre prima era impegnato a sorreggere il bellissimo estratto, grande vino ed equilibrio fenomenale, prontissimo già adesso ma potrebbe riservare sorprese 95
Lisini elegante e misurato con note di susine e melograno venate di arancia sanguinella, bocca dallo sviluppo dinamico e vibrante, freschezza che distende il tannino e armonie che tornano sul frutto croccante e succoso 95

Madonna Nera leggermente contratto e chiuso sulle note appena erbacee, anche in bocca 83
Martoccia di Brunelli oscuro e denso, fitto di sigaro e mirtilli in composta, bocca tannica e corta 82
Mastrojanni fine e invitante, nitido nel frutto tra ribes e fragoline, susine rosse e pepe rosa, anice e vena di legno di cedro, bocca tonica e armoniosa, freschezza in equilibrio col tannino preciso 94
Mastrojanni Vigna Loreto floreale di rose selvatiche e piccoli frutti, amarene e prugna, croccante, lieve tabacco e timo, bocca piena e definita, grafite e pepe rosso, materico con tannino vellutato e piccante 95
Maté frutta gialla in confettura e note un po’ tropicali, bocca flebile anche nel tannino 84
Mocali intenso fruttato, giuggiole sotto spirito e note di garofano, bocca strutturata con tannino presente e alcol sul finale 85
Mocali Vigna delle Raunate intenso e opulento, frutta rossa e nera, bosco humus liquirizia anche in bocca, pieno e ricco ma bilanciato con un tannino di struttura compiuta e affusolata 93
Musico potpourri e composta di nespole, un po’ di stanchezza anche in bocca e tannino in rincorsa 85
Pietroso melagrana e ciliegie croccanti, succoso con note agrumate di chinotto, allungo in bocca sapido e fresco pulsante di materia e vivido di freschezza con tannino puntuale e avvolgente 94
Pinino legnoso e contratto con bocca granitica anche nel tannino 82
Pinino Cupio austero e schivo con suggestioni di bosco, bocca arroccata sul tannino asciutto 82
Piombaia frutto e legni, un po’ di cassetto, bocca stanca con tannino che asciuga 83
Podere Brizio spezie dolci e frutti rossi in confettura, giuggiole sotto spirito, radice di liquirizia, bocca piena e tonica, piccante, dal tannino ben delineato, struttura importante 91
Poggio il Castellare frutto semplice ma dolce e accattivante, bocca con complessità e freschezza, vino dal piglio sbarazzino che si fa notare eccome 90
Poggio Landi ribes e melagrana, brillante nota agrumata, bocca fresca e succosa, tesa e dal frutto speziato, tè nero per la chiusura raffinata del tannino 93
Tassi di Franci Franca Franci bacche sotto spirito fragoline e tamarindo, bocca con dolcezze, snella e rinfrescante succosa tannino delicato e delineato 88
Tassi di Franci Franca Tassi rovi e ciliegie rosse, maggiorana e tabacco, bocca intensa con buon slancio anche nel tannino presente a sostegno della struttura 90
Tenuta Buon Tempo schivo nel frutto con una vena alcolica un po’ spiccata, in bocca è più sottile e ha tannino ancora da sviluppare appieno, frutto discreto 85
Tenuta Buon Tempo P56 prugna e resine, radici di liquirizia che tornano in bocca, densa e un po’ contratta con tannino in buona definizione, chiude con note esotiche fruttate intriganti che appagano e divertono la beva 90
Tenuta Crocedimezzo con frutta appena stanca, una vena di legno un po’ in evidenza, bocca arroccata sul tannino, manca frutto 83
Tenuta di Sesta frutti rossi e neri delicati con accento su foglie di mirto e terra, bocca leggermente ferrosa, pepe nero e tannino un po’ aggrappato con finale sapido 88
Tenuta La Fuga cosmetico e cipria, un frutto un po’ monocorde che anche in bocca ha poco slancio, dolcino con un tannino composto 87
Padelletti netto rosso ribes rosso e iodio, bocca un po’ arida e poco concentrata, lunghezza discreta 84
Palagetto dolcezza, ribes nero, tabacco dolce, bocca fine e appuntita con note balsamiche piacevoli e bel finale 88
Palazzo ha calore ed energia, frutta di bosco e resina di pino, lavanda e pepe anche al palato che scorre veloce ma ben presente, finale con traccia calorica ma un bel insieme di passione e freschezza 91
Pian delle Querci scarico nel colore e molto classicheggiante di note speziato e di frutto sotto spirito, bocca con poche scosse ma piacevole 86
Pian delle Vigne ferroso ed ematico ma anche agrumi anice e pepe nero, bocca fine e femminile con spinta e succo fresco di arancio rosso, tannino piccante e corpo lieve 89
Piancornello more di rovo, ginepro, fragole e vaniglia, toni dolci che proseguono in bocca con risultati cangianti e saporiti grazie alla bella acidità e tannino preciso, grandissima progressione 93
Podere Canapaccia sottobosco e resina di pino, cassetto, bocca esile ma fine e sinuosa, finale un po’ corto ma succoso 87
Podere la Vigna densità di colore e floreale di campo, melograno e pepe nero, visciole e tocco di fumé, bocca energica con tannino e legno che rugano un poco la lingua ma ravviva un bel frutto di more e macis 88
Podere le Ripi Cielo d’Ulisse limpido e soave il colore e il naso, lamponi freschi, ciliegie e sandalo, elicriso e sale, bocca ficcante dal finale che apre ad una certa evoluzione 87+
Poggio Antico ebanisteria e incenso, more di rovo e prugna, olive e ribes nero, bocca un poco contratta ma giocata in eleganza e compostezza 88
Poggio Antico Altero speziatura quasi esotica, cannella e macis, frutta sotto spirito, bocca con trama tannica fitta ma da assestare, finale con liquirizia e tabacco dolce, ampio e lungo 91+
Poggio dell’Aquila naso di ebanisteria e frutta sotto spirito, bocca molto chiusa e dura ma non priva di fascino, finale in via di evoluzione 87+
Poggio di Sotto è intenso e balsamico, frutta bellissima di sottobosco più mentuccia, melograno e cannella, macchia mediterranea, lavanda, bocca energica e forzuta con un bilanciamento pregevole e dirompente, grande pulizia nitore e profondità 96
Tenuta San Giorgio Ugolforte croccantezza e frutto rosso molto ben colto, tabacco e liquirizia, bocca forte e concentrata, un po’ carico ma la materia è ben equilibrata dalle altre componenti 90
Querce Bettina grazioso e femminile, elegante di mora di gelso e prugna, sapido e cangiante, piacevolezza tattile in bocca con frutta di bosco e balsamico che si rincorrono 93
Quercecchio con naso reticente ma classico, bocca che spinge e tesse belle trame di tannino, un po’ magro ma divertente a tavola 87
Ridolfi succoso pepato nero ribes e more di rovo, bocca concentrata e saporita, bella lunghezza e carattere roccioso 92
Renieri grande colore e concentrazione ma naso elegante senza surmaturazioni, amarene, fragole e viola con tocco di torrefazione, bocca dall’ingresso solenne e maestoso che non cede neanche dopo molti secondi, piacere puro grazie al tannino ricco e aggraziato 93
Salvioni con arancia sanguinella, ribes rosso, melograno, anice e mallo di noce, bocca ampia punteggiata di tannino stupendo e floreale, lunghezza e complessità che si rincorrono su note balsamiche e di sottobosco. Grande slancio e futuro 96
San Giacomo ricco denso e pieno, corposo e con molta maturità, tannino un poco asciugante 86
San Polino fitto e rosso, spezie dolci e festose, bocca saporita splendida e cangiante di frutto ampio, tannino più aggressivo di altri anni ma bellissimo in prospettiva 93
San Polino Helycrisium acidità e taglienza, molta frutta rossa fresca e sotto spirito, bocca un poco inchiodata su componenti dure per adesso ma lo seguiremo 89+
San Polo arioso e balsamico, mentuccia e pepe nero, frutto di bosco e senape, bocca che si agita bene su binari solidi di tannino e spezia, elegante e leggiadro 91
Sancarlo scuro, pepato, bocca con buona sostanza ma tannino che ingombra un poco la beva ma che si risolve in piacevolezza dopo qualche sorso 86
San Lorenzo ha frutto rosso e nero ben definito, more di rovo e ribes nero, arancia sanguinella, eleganza e stile di tannino al palato, raccolto all’inizio e poi dirompente al proseguire del sorso, finale croccante e saporito, lungo e solido 94
Solaria Patrizia Cencioni intensità rossa di frutto, prugna, olive, tabacco e liquirizia, bocca con bel carico di corpo e frutto, ricca e pepata ma a tratti pesante 89
Talenti ha naso fruttato con carico di spezie ben tratteggiate, note cangianti che proseguono in bocca con una progressione tannica che appaga 92
Tenute Le Potazzine con fiori, menta sottile, delicato con spinta alcolica, tannino sottile e sinuoso, femminile ma energico, bel ritmo 92
Tenute Silvio Nardi ha note calde e intense di mela, lamponi in confettura, sapidità e bocca molto centrata, sapida e piacevole 90
Terralsole è ampio, solare e carnoso, frutto un po’ surmaturo, tannino deciso 86
Terre Nere Campigli Vallone boscoso, speziato, floreale di viole intense e croccanti, bocca animata intimamente vivace e dal tannino sottile e saporito 92
Tiezzi Poggio Cerrino sottile floreale di viola, menta anice e sottobosco, bocca molto scorrevole e piacevole giocata sull’immediatezza e il piacere 90
Tiezzi Vigna Soccorso iodato sapido e marino già dal naso, bocca molto indietro ma sottilmente piacevole e dal tannino bello fitto e capace di stimolare la beva 92
Villa al Cortile ha un bel mix di macchia mediterranea e sensazioni più nordiche, bocca con tannino appena ruvido ma piacevole e stuzzicante 90
Villa i Cipressi floreale piacevole e succoso, bocca con tannino appena bizzoso e con equilibrio un po’ precario ma nel breve periodo si beve bene 87
Villa i Cipressi Selezione Zebras ampio, fitto di amarene, alloro, viole, fragole in confettura, bocca più ambiziosa con estratto e saporosità ben slanciati 89
Villa Le Prata sottobosco e frutta sotto spirito, pepe e liquirizia, bocca un poco riarsa ma croccante e con un certo frutto 85
Villa Poggio Salvi salino e fruttato, viole e menta, bocca un poco piatta e semplice 84
Villa Poggio Salvi Pomona fiori ribes rosso e timo, bocca piccante con buona definizione tannica 87
Tornesi naso brillante fresco e fruttato con note di tamarindo e rabarbaro, bocca flessuosa, tannino curato piacevole nota di erbe aromatiche e finale elegante 92
Uccelliera floreale e agrumato con un tocco di erbe officinali, in bocca è teso e succoso con un finale di radice di liquirizia e giuggiole sotto spirito, tannino definito 94
Val di Suga naso austero dal frutto un po’ schivo, molto scarico in bocca con piacevolezza tonica e tannino appena accennato 88
Vasco Sassetti speziato con note di bosco e sottobosco, bocca con mirto e un filo di amarena, tannino con buon grip ma corpo che sfuma un poco 88
Ventolaio frutta sotto spirito ma anche mela cotogna, e qualche cedimento, bocca esile e tannino un po’ vegetale sul finale 86
Verbena è oscuro, con note di marasca e prugna qualche dolcezza, bocca con un cenno alcolico ma buon bilanciamento 87

Andrea Gori

Quarta generazione della famiglia Gori – ristoratori in Firenze dal 1901 – è il primo a occuparsi seriamente di vino. Biologo, ricercatore e genetista, inizia gli studi da sommelier nel 2004. Gli serviranno 4 anni per diventare vice campione europeo. In pubblico nega, ma crede nella supremazia della Toscana sulle altre regioni del vino, pur avendo un debole per Borgogna e Champagne. Per tutti è “il sommelier informatico”.

9 Commenti

avatar

Donatella Cinelli Colombini

circa 10 mesi fa - Link

Grazie Andrea Gori, grazie di aver assaggiato i miei Brunello 2013 e grazie di averli apprezzati. Per me è una immensa soddisfazione

Rispondi
avatar

Andrea Gori

circa 10 mesi fa - Link

Grazie a voi Donatella, si lavora sempre benissimo a Montalcino!

Rispondi
avatar

Montosoli

circa 10 mesi fa - Link

Grazie Andrea..! Grande degustazione..come al solito.

Rispondi
avatar

Andrea Gori

circa 10 mesi fa - Link

prego! poi fammi sapere se ti ci ritrovi in qualche caso...

Rispondi
avatar

Pieri Agostina

circa 10 mesi fa - Link

Grazie per la bella recenzione

Rispondi
avatar

Andrea Gori

circa 10 mesi fa - Link

Prego!

Rispondi
avatar

Cecilia Brandini

circa 10 mesi fa - Link

Grazie di cuore Andrea per la bella recensione !!

Rispondi
avatar

Mattia

circa 10 mesi fa - Link

Ciao! Complimenti, finalmente qualcuno che gli ha assaggiati veramente, e ha dato dei giudizi veritieri! Io avrei dato qualche punto in più ai Brunelli della Fornace che hanno davvero un bello stile! Pietroso un paio di punti in più perché è stato per me il più emozionante..e qualcosa in più darei anche alle Potazzine che per me non sbagliano mai un colpo! Una scoperta per me Franco Pacenti che mi è piaciuto molto!

Rispondi
avatar

Guido Martini

circa 10 mesi fa - Link

Grazie per il tuo parere

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.