A Milano c’è Live Wine 2019 e noi regaliamo tre biglietti ai commenti più belli

A Milano c’è Live Wine 2019 e noi regaliamo tre biglietti ai commenti più belli

di Intravino

Professionisti e amanti del buon vino questo annuncio è per voi! Domenica 3 e lunedì 4 marzo torna a Milano LIVE WINE, l’imprescindibile appuntamento con le produzioni vitivinicole artigianali di qualità. Ben centosessanta cantine italiane e estere si riuniranno nei luminosi e funzionali spazi del Palazzo del Ghiaccio per la quinta edizione del Salone Internazionale del Vino Artigianale .

Un evento aperto agli addetti ai lavori e al grande pubblico che permette di conoscere da vicino i vini di appassionati viticoltori che praticano metodi rispettosi della terra e della naturale vitalità del vino. Insomma “vini vivi” come si evince dal nome della manifestazione.

Al centro dell’edizione 2019 di LIVE WINE due territori d’eccezione: la rinomata Alsazia con i suoi splendidi vini aromatici noti in tutto il mondo e il sorprendente Roero, che negli ultimi anni sta vivendo una stagione magnifica anche grazie al lavoro di una giovane generazione di vignaioli. A questi due terroir saranno dedicate le degustazioni guidate di domenica pomeriggio intitolate rispettivamente “Alsazia zero solfiti” e “Roero on my mind” ed entrambe vedranno la partecipazione attiva dei produttori. Per non perdervele vi consigliamo vivamente di prenotarvi tramite le indicazioni che trovate sul sito.

Che aspettate? Non capita spesso da queste parti un salone con un parterre di viticoltori alsaziani del calibro di Christian Binner (Domaine Christian Binner e Les Vins Pirouettes) e Jean-Pierre Frick (Domaine Pierre Frick) pionieri del vino naturale in Alsazia, oltre a Stephan Bannwarth (Domaine Laurent Bannwarth), Bruno Schloegel (Maison Lissner), Farid Yahimi (Sons of Wine) e Jérôme François (La Grange de l’Oncle Charles). Per non parlare della notevole presenza di tante altre cantine provenienti da tutta Europa.

Pensata principalmente per gli operatori del settore, lunedì 4 marzo alle 14.30, ci sarà la Tavola Rotonda condotta dal “giornalista mascherato” del Corriere della Sera Valerio M. Visintin che avrà come tema Il giusto prezzo del vino (naturale). Interverranno Raffaele Bonivento (fondatore e proprietario di Meteri distribuzione), Pietro Caroli (proprietario della nota trattoria milanese Trippa) e Damijan Podversic (produttore del Collio goriziano). Anche per questa e consigliabile prenotarsi un posto seduti.

Il programma completo lo trovate qui e vi ricordiamo che c’è la possibilità di acquistare la maggior parte dei vini presentati.

Volete un motivo in più per partecipare a LIVE WINE? Ve ne diamo, anzi, regaliamo tre ai commenti più belli e convincenti su cosa significa per voi un vino vivo, tre biglietti per l’ingresso in fiera da ritirare alla cassa. Che aspettate?

26 Commenti

avatar

Acino Aspro

circa 3 mesi fa - Link

mi piacerebbe vincere il biglietto, perché ritengo che spendere per l'ingresso 23,50€ sia eccessivo. poi penso che, chissà che confusione, tutti la domenica - e il sabato che non c'è più. peccato. un'occasione persa

Rispondi
avatar

Damiano

circa 3 mesi fa - Link

Accidenti ho un impegno, Vabbè dai sarà per la prossima.

Rispondi
avatar

William

circa 3 mesi fa - Link

Il vino mi piace se è vivo e, se è vivo, è anche buono. Mi piacciono le persone vive dietro il loro vino vivo, quelle che oltre all'uva riversano nelle botti storie e coraggio, competenza e umanità. Il vino vivo per me è un vino che parla, che apre una porta, che racconta la terra nella quale nasce. Un vino è sempre un esito, ma senza confronto e senza dialogo, non c'è nessun risultato. Questo'ultimo è nelle mani e nella testa di chi riesce a renderlo vivo. Perciò prima di bere, o dopo aver bevuto un vino davvero vivo, ho bisogno di sapere chi lo crea, di parlare con lei o lui, di avvicinarli anche solo per ringraziarli. Ecco perché vorrei incontrarli. Sarò in città in quei giorni per fare altro ma poi cosa c'è di strano in un naturalista organico che ne incontra altri a Milano?

Rispondi
avatar

Giulio Tessarin

circa 3 mesi fa - Link

vino vivo è poesia liquida, un racconto nel bicchiere, ogni volta diverso. vino vivo è aprire una bottiglia e immergersi nel territorio. vino vivo è ribellione. vino vivo è tradizione. vino vivo è un brindisi tra amici per festeggiare, un bicchiere da soli la sera tornati da lavoro.

Rispondi
avatar

mAURIZIO mAURI

circa 3 mesi fa - Link

palazzo del ghiaccio palazzo del ghiaccio------------- se non vinco mi dispiaccio.------------------------------ E' da tempo che il vino lo spaccio---------------------- lo metto e lo tolgo dal ghiaccio------------------------- per stapparlo mi son fatto il braccio------------------- stapp stapp stapp stop----------------------------------- Voglio adesso venire a Milano-------------------------- e trincare del vino italiano------------------------------ come pure un bel mix alsaziano------------------------ e il solfito rimanga lontano.----------------------------- stapp stapp stapp STOP

Rispondi
avatar

Spartacus

circa 3 mesi fa - Link

Un vino vivo è un vino non pastorizzato, non paralizzato da eccessi di solforosa. Un vino vivo è un vino capace di evolvere, che mantiene la sua identità ma che ogni anno ha qualcosa di diverso, che sa sorprenderti, che ti emoziona ogni volta che apri una nuova annata. Un vino vivo è un vino schietto.

Rispondi
avatar

Af

circa 3 mesi fa - Link

Il vino vivo è ciò che mi mantiene vivo.

Rispondi
avatar

Ewa

circa 3 mesi fa - Link

Il vino vivo ti racconta la storia, la storia della vigna e delle persone che hanno creato il vino. Il vino vivo, libero delle violenze dei trattamenti chimici. Bello e affascinante come è senza il trucco e falsità. E quando lo bevi ti tenti te stesso. Ti senti vivo.

Rispondi
avatar

David De Ranieri

circa 3 mesi fa - Link

Un vino vivo lo degusti come se dovessi morire domani, ma una volta che l'hai bevuto, ti senti come se non dovessi morire mai.

Rispondi
avatar

Giorgio

circa 3 mesi fa - Link

difendiamo la biodiversità, difendiamo la natura, di cui siamo parte e da cui mai ci separeremo..

Rispondi
avatar

doxor

circa 3 mesi fa - Link

il vino tramite lui siamo, è muta cangia poi torna noi il calice sporco il giorno dopo

Rispondi
avatar

Meo

circa 3 mesi fa - Link

Ul vin el fa sanch, l'agua l'è buna de lavà i gamp.

Rispondi
avatar

Federico

circa 3 mesi fa - Link

IntraLiveWine - Un altro Vino Vivo è possibile .... con me

Rispondi
avatar

Vinoltre70

circa 3 mesi fa - Link

Se Vivo..Vino..se non Vivo..Acqua...

Rispondi
avatar

Antonio Tomacelli

circa 3 mesi fa - Link

Giulio Tessarin, Maurizio Mauri e Davide De Ranieri possono recarsi alla cassa per ritirare il biglietto omaggio. Grazie a tutti gli altri per la partecipazione.

Rispondi
avatar

pasquale

circa 3 mesi fa - Link

Buon giorno non avevo capito che scadesse il 28/02 il concorso...

Rispondi
avatar

FRANCESCO

circa 3 mesi fa - Link

Il vino è vivo quando un produttore come Pierre frick non ha il telefono con roaming dati e dunque non ha neanche whatsapp. Il vino è vivo quando è completamente a contatto con la natura

Rispondi
avatar

Sirgiovanni Simone

circa 3 mesi fa - Link

Il vino è vivo quando è un ricordo che affiora ad ogni sorso....

Rispondi
avatar

Gianluca

circa 3 mesi fa - Link

Che dire sono povero e mi piace il vino..24€ mangio una pizza al trancio con mio nipote e lui sarà contento..Ma se mi fate vincere risparmio el saremo contenti in 2: io perché vado ad una manifestazione che mi piace un sacco e non sono mai stato mio nipote sarà felice perché lo porterò a mangiare la pizza..🙂😉😃

Rispondi
avatar

pasquale

circa 3 mesi fa - Link

Nessuna poesia scritta da bevitori d’acqua può piacere o vivere a lungo. Da quando Bacco ha arruolato poeti tra i suoi Satiri e Fauni, le dolci Muse san sempre di vino al mattino. Quinto Orazio Flacco (65 a.C. – 8 a.C.

Rispondi
avatar

pasquale

circa 3 mesi fa - Link

il vino è vivo perché ha una sua evoluzione nel tempo. Il vino migliora con il tempo, ma non sempre. È comunque innegabile che ci siano vini che con il tempo raggiungono vette di eccellenza, com'è altrettanto vero che alcuni - già dopo pochi anni - peggiorano. Il tempo è un concetto relativo e questo è certamente vero per tutti i vini, a prescindere da territorio, zona, uva, annata e interpretazione dell'uomo. Quello che è certo, che il vino subisce il tempo, o meglio, misura la sua longevità.

Rispondi
avatar

William

circa 3 mesi fa - Link

E quindi? Ah, ma erano biglietti per LiveWine 2020! :)))

Rispondi
avatar

Simone Sirgiovanni

circa 3 mesi fa - Link

Si infatti bravo William Tutti ad aspettare Grazie intravino....

Rispondi
avatar

William D'alonzo

circa 2 mesi fa - Link

Quindi? Neanche una spiegazione ci meritiamo?

Rispondi
avatar

Elena

circa 1 giorno fa - Link

Io ho un biglietto in più, da vendere c è interessato?

Rispondi
avatar

Elena

circa 1 giorno fa - Link

Per evento di domani

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.