5 wine bar a Praga, da scoprire (con prudenza)

5 wine bar a Praga, da scoprire (con prudenza)

di Andrea Troiani

Considerando che ormai si produce metodo classico in Inghilterra e vino bianco in Svezia, possiamo tranquillamente affermare che l’Europa è unita, almeno enoicamente parlando.

La mia ultima passeggiata extra-confine mi ha portato nel cuore dell’Europa ed in particolare a Praga, capitale della Repubblica Ceca. L’aereo non aveva ancora fatto uscire il carello per l’atterraggio io già  mi chiedevo: “Troverò un buon calice di vino a Praga?”. Quella che segue è la cronaca di questa mia, disdicevole, ricerca.
In Cechia, questo il nome che gli abitanti preferiscono per il loro paese, a farla da padrone assoluto è la birra. Non è un caso che mantenga da oltre 20 anni il record mondiale di consumo pro-capite. Parliamo di circa 145 litri anno a testa (dati 2015, fonte: associazioni nazionali dei produttori). Per avere un’idea più immediata di quanta birra scorra all’ombra del Ponte Carlo considerate che, la Germania, buona seconda nella classifica, conta 106 litri quindi circa il 40% in meno. Insomma i cechi si bevono quasi 1 pinta al giorno, tutti i giorni, tutto l’anno. Complimenti!
Verrebbe facile pensare che rimanga ben poco spazio per il vino.

Bisogna aggiungere però che la viticultura in Repubblica Ceca ha una sua storia e, al centro di Praga, c’è più di un vitigno in produzione. Addirittura uno dei quartieri più chic della città prende il nome di Vinohrady, letteralmente “Vigna”.

Ok archiviata la storia passiamo alla cronaca.

Camminando per Praga enoteche e wine bar non sono immediatamente visibili ma ci sono, seppur di diverse qualità, ecco un breve elenco di quelle che ho incrociato, con alterne fortune.

Vinograf Míšeňská
Piccolo locale proprio sotto il ponte Carlo, sede secondaria della grande enoteca al centro di Praga. L’offerta è concentrata sui vini locali, il servizio cortese e i taglieri in accompagnamento ben presentati e raccontati con attenzione.
Qui ho provato un interessante metodo classico boemo da uve Riesling con una bella freschezza e una dignitosissima persistenza SEKT di Cantina Kraus.

Na břehu Rhôny (Sulla Côtes du Rhône)
Come facilmente intuibile questo bel locale, vicino alla riva della Moldava, serve solo vini della Côtes du Rhône. L’offerta è davvero interessante e varia, ma ancor più interessante la formula di vendita che il locale offre come alternativa a quella tradizionale del vino al calice.
All’interno della seconda sala, infatti, sono collocati 3 frigoriferi che mostrano sulla porta la descrizione di 6 vini ognuna. Aprendo il frigo si può accedere ai wine-box dei vini descritti, spillare da soli il vino nei calici reperibili al bancone e segnare su un foglietto quale vino e quanto se ne è versato nel calice. Alla fine della degustazione si paga il dovuto alla cassa. W la fiducia!
Un sistema che consente di assaggiare molti vini diversi, contenendo i costi, molto apprezzato dagli studenti. Qui ho assaggiato tra gli altri una bella bottiglia di Gigondas del Domaine Du Pesquier, un blend di 75% grenache,  20% syrah e 5% mourvèdre.

Villa Richter
Un ristorante di proprietà dell’omonima etichetta di vini che coltiva il pinot nero proprio al centro di Praga con un affascinante vigneto proprio alle porte del Duomo su una bella collina che domina la Moldava ed il Ponte Carlo. La collina di San Venceslao ha ospitato vigne sin dal X secolo. Quella visibile oggi è relativamente nuova ed è stata re-impiantata proprio sulla storica collina. Immancabile l’assaggio del Svatováclavská vinice (Vigna di San Venceslao) Pinot Noir Villa Richter. Il fascino del luogo e la bellezza della vigna purtroppo non si ritrovano nel calice, almeno per ora.

Vinárna Na šikmé ploše (Il piano inclinato – vino)
Enoteca, o sedicente tale, in posizione centrale. L’ingresso un po’ dimesso fa pensare ad un locale storico, ma l’unica cosa che ha storia qui dentro è il vino. Solo che ne ha un po’ troppa. Chiedo uno chardonnay e vedo l’oste aprire un cassettone da cui trae una brocca con un liquido aranciato e torbido. Dopo aver riempito il calice si volta e, da un rubinetto sul muro, ricolma nuovamente la brocca. Da coraggioso affronto l’equivoco vino. Un sorso, poi poso il calice, pago e vado via. Lo so non è educato, ma qui il piano è davvero inclinato, e porta molto, molto in basso.

Beef Bar
Un bel locale di ispirazione Argentina e sud americana. Offre specialità di carne e produzione vinicola della latino-america. Buoni insaccati, salumi, prosciutto e molto piacevole il metodo classico argentino o meglio, come evidenziato in etichetta patagonico. Un assemblaggio di semillion, pinot nero, sauvignon e merlot in versione extra brut, con un’onesta ed elegante persistenza: Humberto Canale Extra Brut (“Latitudine che imprime il carattere”, riporta l’etichetta)

Wine O Clock
Piccola enoteca con mescita che propone soprattutto vini locali e qualche vino del sud Italia, con un buon occhio alla qualità. Ad accompagnare le piacevoli bevute taglieri misti con prodotti locali e qualcosa di italiano (in particolare l’olio EVO). Il locale è molto carino ma purtroppo non ho trovato posto, quindi andateci voi e fatemi sapere!

Per tutto il resto c’è la birra.

avatar

Andrea Troiani

Nasce a Roma dove lavora a mangia grazie al marketing digitale e all'e-commerce (sia perché gli garantiscono bonifici periodici, sia perché fa la spesa online). Curioso da sempre, eno-curioso da un po', aspirante sommelier da meno.

11 Commenti

avatar

Marco

circa 5 mesi fa - Link

Monarch Gastrobar; un posto con tantissime etichette (francesi e locali), con anche una buona cucina. Nella citta vecchia in via Na Perstyne. Disclaimer: provato 3 anni fa...

Rispondi
avatar

Montosoli

circa 5 mesi fa - Link

Ma non era meglio farci scoprire le birre piu consumate dai Cechi..?

Rispondi
avatar

Andrea Troiani

circa 5 mesi fa - Link

Per quello c'è intrabirra.com ;-)

Rispondi
avatar

abi

circa 5 mesi fa - Link

Infatti come se uno spagnolo andasse a Parma a recensire le migliori Jamonerie...

Rispondi
avatar

Andrea Troiani

circa 5 mesi fa - Link

Già come se uno va a Milano a degustare Sakè:

http://www.intravino.com/primo-piano/effetto-saketeca-a-milano-esco-per-due-passi-e-faccio-10-000-km/

Invece di farsi una bella cotoletta! Follia proprio ;-)

Rispondi
avatar

bandidoborracho

circa 5 mesi fa - Link

grande grazie bella recensione andrò a praga ad agosto e mi son segnato il tutto... hai anche un hotel da consigliare??? possibilmente con parcheggio auto

Rispondi
avatar

abi

circa 5 mesi fa - Link

No scusa, non è che a Milano mangiamo solo il risotto, se c'e' un evento sul sake magari ci vado (ma anche no) ma se vado in Giappone di sicuro cerco le migliori sakerie e i ristoranti giapponesi. Non i migliori bistrot.

Rispondi
avatar

Andrea Troiani

circa 5 mesi fa - Link

ABi hai colto il punto.
Mi fa piacere.

Come a Milano non si mangia solo risotto, a Praga non si beve solo (moltissima) birra.
I Cechi producono e bevono anche il vino, e ci tengono molto.

avatar

il farmacista goloso

circa 5 mesi fa - Link

In verità è una polemica ridicola: Andrea Troiani è stato magari poco fortunato, ma nella Rep. Ceca si produce e si beve del vino tutt'altro che disprezzabile, precisamente nella regione della Moravia. Non ha nulla da invidiare per qualità a quello della vicina Austria (perché la Moravia è l'hinterland di Vienna, non dimentichiamocelo), semmai difetta forse ancora un po' di tecnica. Per cui andateci e dicendo "datemi vino" in buon italiano sarete esauditi al volo .

avatar

Marco

circa 5 mesi fa - Link

Tra i ristoranti con le migliori carte di vino a Praga vi segnalo: Pizza Nuova, in pieno centro, il sommelier Mila è molto competente e focalizzato sui vini naturali. Poi il Pasta Fresca, sulla via principale, con una cantina spettacolare che comprende verticali lunghissime di grandi vini. Il Vino Divino, ottimo ambiente e carta interessante. Il ristorante Pagana, ottimo livello e infine il Manu, di proprietà di una celebrita del Master Chef locale e dove c'è una sezione della carta di vini al bicchiere in Coravin che consente di provare ottimi produttori senza svenarsi. Mi fermo qua ma potrei continuare...

Rispondi
avatar

Stefano Menti

circa 4 mesi fa - Link

Per me migliore wine bar a Praga è ancora il Veltlin www.veltlin.cz in Krizicova zona Karlin Praga 8.

Cibo tutti i locali del gruppo Ambiente.

Nello specifico il popolare Lokal, ottima carne al Kantyna, nordico Eska.

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.