5 parole che non vorremmo sentire mai più nel 2018 (Prosecchino included)

5 parole che non vorremmo sentire mai più nel 2018 (Prosecchino included)

di Antonio Tomacelli

Ognuno di noi ha la sua personalissima lavagna col gesso che fischia e ti irrigidisce le vertebre. Sono quelle parole cacofoniche o usate male, spesso fuori contesto, che leggiamo ogni giorno sui social o su qualche blog spuntato su con l’umidità. Denotano ignoranza, paraculaggine, mancanza di fantasia e di vocabolario e, grazie all’effetto moltiplicatore dei social, diventano dei tormentoni che al confronto il Cacao Meravigliao era un dilettante da nulla. Questo post non servirà a molto, ma la speranza che almeno una di queste parole possa fare la fine di “un attimino” (bruciato su un rogo alimentato a milanesi di corso Buenos Aires), ce l’abbiamo.

Noi vorremmo eliminare queste cinque e, calcolando che la Lingua Italiana ha circa 270.000 lemmi, non sarà una gran perdita.

Storyteller
In italiano sarebbe narratore o autore, favolista, novelliere, romanziere, scrittore, prosatore. Insomma, i termini non mancherebbero ma se nel preventivo del depliant per il tuo prossimo cliente ci infili qualche parola in inglese, stai pur certo che il contratto è già firmato. Poi magari sei una capra, non hai le doti di Mario Soldati e non sai raccontare il vino come Luigi Veronelli ma che importa, tanto chi firma il bonifico è più ignorante di te e con la parolina straniera sei riuscito a impressionarlo. Il cerchio si è chiuso, anzi, the circle has closed (Google traduttore ne sa più).

Emozione
“Questo vino mi emoziona” oppure “Visitando questa cantina ho provato un’emozione profonda” e ancora “Un calice colmo di emozioni” sono frasi che mi emozionano quanto una verruca sul culo. Messe così non significano nulla, la parola “emozione” senza una spiegazione del tipo di emozione non significa nulla. Che hai provato bevendo quel Barolo? Hai avuto un tuffo al cuore perché ti sei ricordato di quando tuo nonno te lo ha fatto bere a sei anni o ti è tornata in mente “una splendida notte d’amore e tutte le stelline e luna in cielo e c’erano i grilli e tu bevevi e sussurravi ti amo in orecchio mentre lei ti carezzava…” oh! Insomma, ci vuoi dire o no che mentula hai provato?

Ti aiuto: se clicchi qui c’è la descrizione precisa e perfetta di un’emozione. Pensa, quattrocentosessantadue parole senza mai usare QUELLA parola! Sembra impossibile ma questo signor Proust ce l’ha fatta e, forse, puoi farcela anche tu. Studia, capra!

Influencer
Dunque, vediamo: 30.000 follower di Instagram li hai comprati, i 50.000 su Twitter ti sono costati una tombola ma vuoi mettere la soddisfazione, anche su Facebook sei allineato e coperto ma qualcosa non funziona. Ok, tutti ti chiamano “influenzatore” e lo hai scritto pure sul bigliettino da visita ma sui tuoi post social c’è qualcosa che non va. Hai come la sgradevole sensazione che nessuno ti caghi di striscio, un vuoto allo stomaco che sa di solitudine e angoscia. Saranno forse quei 30 like e tre cuoricini che raccatti nonostante i tuoi miliardi di follower fasulli? Davvero pensavi che comprando fantasmi avresti comprato anche il loro consenso? Dai, su, torna ad influenzare i tuoi condomini che c’è da cambiare la caldaia e quello scassaminchia del vecchietto del terzo piano proprio non ne vuole sapere.

Qualità
Ok, sei grande abbastanza per conoscere la verità: Babbo Natale non esiste e la parola qualità è un sostantivo femminile che senza un aggettivo appropriato ha poco senso. Ti faccio un esempio, segui il labiale: la qualità può essere fetente, schifosa, infima, scarsa, bassa, sufficiente, media, buona, ottima, alta, altissima e stratosferica. Volendo puoi arrivare a “qualità pazzesca” ma fermiamoci qui. Oh, qualche volta puoi usare il termine in senso assoluto (es.: un formaggio di qualità) ma non approfittarne troppo o chiamo Babbo Natale e ti faccio scatenare una rissa di bassa qualità nel camino del salotto.

A voi la scelta
Sulla quinta parola la redazione si è divisa in tre tronconi: il primo farà il governo con chi capita, il secondo è ancora lì che urla “Onestah!” e il terzo troncone — il nostro correttore di bozze — si è acceso un cubano e adesso si diverte a disegnare Moira Orfei col fumo. E così, presi dalla sindrome detta “del partito di sinistra”, abbiamo deciso che sarete voi a scegliere la quinta parola pescando nell’elenco sottostante:

Prosecchino
No gomma (dicesi dei vini naturali)
Apericena (duro a morire)
Sciampo (sinonimo di Champagne)
“Ne abbiamo”
Secchiate

Sono, anche questi, parole o termini che ci auguriamo di non sentire più, ma sento che è una battaglia persa: vado a farmi un prosecchino che è meglio.

avatar

Antonio Tomacelli

Designer, gaudente, editore, ma solo una di queste attività gli riesce davvero bene. Fonda nel 2009 con Massimo Bernardi il blog Dissapore e, un anno dopo, Intravino e Spigoloso. Lascia il gruppo editoriale portandosi dietro Intravino e un manipolo di eroici bevitori. Classico esempio di migrante che, nato a Torino, va a cercar fortuna al sud, in Puglia. E il bello è che la trova.

24 Commenti

avatar

Edy

circa 4 mesi fa - Link

Prosecchino decisamente!!!!

Rispondi
avatar

Gian

circa 4 mesi fa - Link

Valgono anche gli incipit? Tipo "che dire"? Utilizzato dai sedicenti influencer che con questa frase dimostrano che non hanno un azz da dire (appunto, state zitti)

Rispondi
avatar

Luca Amodeo

circa 4 mesi fa - Link

Direi "secchiate", che confligge categoricamente con la (mia) giusta misura di assunzione alcolica.

Rispondi
avatar

Stefano

circa 4 mesi fa - Link

Io aggiungo "boccia" usato in luogo di bottiglia. Voi lo usate a secchiate, per altro...

Rispondi
avatar

Piero

circa 4 mesi fa - Link

uno molto tecnico ma non meno inascoltabile : DEGORGIARE 😱

Rispondi
avatar

Piero

circa 4 mesi fa - Link

Anche boccia e sbocciare fanno discretamente cagare

Rispondi
avatar

Marco Prato – il Fummelier™

circa 4 mesi fa - Link

Magari le parole o le espressioni che non si volessero più leggere/ascoltare fossero solo 5 o 6...MAGARI!!!

Rispondi
avatar

Magda

circa 4 mesi fa - Link

Storyteller: nell'antica Grecia l'Aedo narrava storie altrui, il rapsodo più tardi sopraggiunse a raccontare storie da lui create, a fini spesso (ma non sempre) pedagogici... (Cantami o Diva l'ira funesta....) Raccontare... contare ... (in dialetto veneto si utilizza la seconda)... qualcosa a che fare con l'enumerazione di fatti e circostanze. Oggi non solo non si narrano storie, ma mancano i fatti e le circostanze... e così, vuoti dentro e fuori ci riempiamo la bocca di termini privi di consistenza. Se non cambia la sostanza non cambierà neppure la forma. Io ci ho rinunciato.

Rispondi
avatar

Lisita

circa 4 mesi fa - Link

piaccia o noi "piacione" nun se po' sentì!

Rispondi
avatar

MR.

circa 4 mesi fa - Link

Avrei detto prosecchino...poi scorrendo i commenti ho letto BOCCIA e sono caduto dalla sedia: assolutamente da estirpare.

Rispondi
avatar

dociamix

circa 4 mesi fa - Link

senza ordine perchè l'orripilazione è costante quado le sento: prosecchino, secchiate, "ne abbiamo"..... faccio outing: sciampo e boccia le uso correntemente: farò più attenzione!

Rispondi
avatar

Ro

circa 4 mesi fa - Link

Prosecchino.... però SOLARE ce lo lasciamo! Ormai son tutti "solari "

Rispondi
avatar

Ro

circa 4 mesi fa - Link

E dove lo mettiamo " è tanta roba!" Lo lasciamo?

Rispondi
avatar

erique

circa 4 mesi fa - Link

in cima alla mia lista nera due espressioni: - “ordiniamo una BOLLA?” in alternativa, - “ho bevuto una grande BOLLICINA” che uno si chiede sul momento perchè ci sta bevendo assieme, e si pente... off topic: se, e solo se, i commenti potessero allargarsi ad altri campi del sapere, esempio il calciomercato, proporrei petizione per abolire il termine IMPORTANTE (es. “è rimasto per poter vincere qualcosa di importante”, “gli hanno fatto un’offerta importante”, “ha un ingaggio importante”). ma pure nel vino, è un vino importante, uccide la salute dell’ascoltatore...

Rispondi
avatar

Antonio

circa 4 mesi fa - Link

Mineralita’, termine buono per tutte le occasioni, che fa sempre figo, lo teniamo, invece?

Rispondi
avatar

Stefano Cinelli Colombini

circa 4 mesi fa - Link

E di "mentolato" vogliamo parlarne?

Rispondi
avatar

Federico

circa 4 mesi fa - Link

Apericena è un neologismo. Noi italiani siamo un po' restii ai neologismi. Del resto quando adottiamo un termine inglese perchè in italiano non esiste o non è così specifico (vedi brunc per rimanere in tema) poi ci lamentiamo ugualmente. Gli spagnoli sono più coerenti, creano parole nuove da quelle inglesi in continuazione. Prosecchino penso sia l'evoluzione naturale del Frizzantino, fa un po' schifo, ma può avere un senso, perchè implica un vino frizzante e lo sminuisce come di qualità non eccelsa. Già chi lo ordina chiamandolo così ha in sè una certa consapevolezza di quello che gli sarà servito! Secchiate lo leggiamo spesso, ma a chi non è capitato bevendo un particolare vino di non poter proprio rinunciare a dirlo? Contando quanti siamo... Boccia è un termine che in terre emiliane è gergale da tanti anni, adesso si è forse diffuso con i social e a molti stona. Se penso a quanti termini gergali ci sono stati quando ero ragazzo e che all'orecchio del popolo italico potrebbero fare la stessa fine. Su Bollicine, qualche anno fa alle mie orecchie stonava di più, ora mi pare che sia stato un po' sdoganato, ci si è abituati. Un po' meno Bolle. Io voto per Sciampo, orribile da tutti i punti di vista.

Rispondi
avatar

Maurizio

circa 4 mesi fa - Link

Ero l'altra sera con uno dei più noti Storyteller, fra l'altro Influencer di primo piano, ad un apericena di qualità, in centro. Ovviamente NO gomma; prosecchino a secchiate o sciampo da emozione? Ne abbiamo di entrambi, arriva la conferma dall'altra parte del banco.... Scusate, non ho resistito...

Rispondi
avatar

Angelo Cantù

circa 4 mesi fa - Link

E la "location" com'era?

Rispondi
avatar

Massi

circa 4 mesi fa - Link

Basta emozioni ! Vogliamo solo schede tecniche e descrittori!

Rispondi
avatar

Gerry

circa 4 mesi fa - Link

Sciabolare

Rispondi
avatar

napulillo

circa 4 mesi fa - Link

Elegante, eleganza e tutti gli affini: noto che viene usato quando veramente non si è capito nulla del vino e ci si sente costretti a scriverne.

Rispondi
avatar

ErreCi

circa 4 mesi fa - Link

"sciampo" "sciardonnè" e tutte le altre parole scritte ad mentula canis. "prosecchino" sarà irritante, ma quanto ho sentito dire "un barolino niente male" ho ringraziato di non essere il coreano col dito sul pulsante...

Rispondi
avatar

Denis Mazzucato

circa 3 mesi fa - Link

Noi in piemonte apericena non lo usiamo. Anzi, l'"apericena" l'abbiamo inventato noi, si chiama MERENDA SINOIRA! E guai a chi lo tocca!

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.