Kullaberg non è un vino dell’Ikea

Kullaberg non è un vino dell’Ikea

di Giorgio Michieletto

Dici Solaris e pensi alla fantascienza. Dici vino svedese e pensi… di nuovo alla fantascienza. Assaggi un Solaris svedese e rimani in silenzio per qualche secondo perché pensi subito che cosa rispondere a chi ti chiederà: “Com’è un vino svedese?”. Innanzitutto esiste. E anche il fatto di poterlo assaggiare è di per sé un’emozione.

Abbiamo incontrato Immelen 2017 della cantina Kullabergs Vingard nell’angolo dedicato a Piwi International durante il banco di degustazione sui vitigni Piwi organizzato da Associazione Italiana Sommelier Milano: in occasione della rassegna Enozioni sono stati chiamati a raccolta una ventina di produttori del nord appassionati ambasciatori di questi “ultra-vini” che nascono da vitigni ibridi super resistenti agli attacchi dei funghi e alle malattie.

Super-bio, li chiama qualcuno, perché in vigna non serve alcun tipo di trattamento; oltre il biologico e la biodinamica. L’alieno svedese è un vino di “montagna” e di mare. La cantina si trova nel sud ovest del paese, circa 100 chilometri a nord di Malmo, sulla penisola di Kullaberg. Avete già sentito questo nome? Forse siete stati all’Ikea per cercare una sedia da ufficio, uno sgabello o una scrivania dallo stile industriale.

Linea Kullaberg, acciaio e pino.

In questa striscia di terra, riserva naturale, la massima altitudine è di 200 metri, ma siamo nel profono nord; le vigne di Kullabergs Vingard distano un chilometro dal mare. Dieci ettari in tutto, solo vitigni Piwi. Immelen è Solaris in purezza da viti di 12 anni: nel 2017 – ci fanno sapere – poche ore di sole e moltissima pioggia. Raccolta in ottobre, otto mesi in acciaio, poi due terzi del vino per due mesi in botti di rovere austriaco. 12,5 %.

Grande bouquet di fiori bianchi, sambuco, mela verde, melone bianco, frutta croccante, limone, salvia, fieno e burro. Profumi erbacei complessi: acidità tagliante e bella sapidità. Chiude su ricordi di nocciola. Sul sito della cantina il prezzo indicato è 449 corone svedesi, circa 43 euro.

Com’è un vino svedese? Esiste ed emoziona. Come alcuni assaggi Piwi italiani. In ordine sparso: tutti i vini di Thomas Niedermayr; Aromatta 2017 di Villa Persani, uno dei blend Piwi più equilibrati; Rukh 2017, orange in anfora di Nove Lune (bronner e johanniter al 50%); Vin de la Neu 2016 di Nicola Biasi, johanniter in purezza, “distillato” d’eleganza dalla Val di Non.

avatar

Giorgio Michieletto

Giornalista professionista: ieri cronaca nera, oggi rosa. Ieri, oggi e domani: rosso, bianco & co. Varesino di nascita e cuore, milanese d'adozione e testa. Corsista Ais. Se c'è una storia la deve raccontare.

3 Commenti

avatar

Stefano Cinelli Colombini

circa 3 mesi fa - Link

Si, bella la Svezia, bello il bouquet, gli aromi e bello il racconto, ma il vino è bono o non è bono? Se è bono, quanto è bono? In fondo è solo quello che interessa: che il vino si posso fare molto a nord (e, ormai, quasi ovunque) non è una novità, ma sarebbe interessante se fosse scappato fuori qualcosa di competitivo.

Rispondi
avatar

Giorgio

circa 3 mesi fa - Link

Ciao Stefano! A mio giudizio lo è. L'ho assaggiato senza aspettative, spinto da banale (ma non tanto) curiosità ed è stata una bella sorpresa.

Rispondi
avatar

Andrea Gori

circa 3 mesi fa - Link

assaggiato un Solaris tempo fa, sempre svedese, in Sicilia. Sinceramente, prezzo a parte, un vino denso ricco con suggestioni sapide e iodate che stuzzicano la fantasia.

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.