Stappa uno spumante alla Provincia di Milano e lacera preziosa tela del settecento. Caccia all’assessore

di Fiorenzo Sartore

Ci sono almeno due buoni motivi per non stappare uno spumante in modo rumoroso, “facendo il botto”. Innanzitutto lo spumante passa da una pressione atmosferica ad un’altra in modo troppo repentino, creando una specie di shock che ne compromette l’equilibrio, quindi può falsare l’assaggio. Poi il tappo è un vero proiettile, quindi è pericoloso.

Ne sa qualcosa l’ignoto assessore alla Provincia di Milano che, durante un brindisi lo scorso dicembre, avrebbe “centrato in pieno una preziosa tela a olio 235×405, provocandole un foro grande come un pugno […] Quanto costa il danno? I cittadini vorrebbero saperlo. Ed è caccia al colpevole. Chi è stato a rovinare la tela del ‘700?” – Insomma, come scrive Affaritaliani.it, ora “Nel patrimonio della Provincia di Milano c’è un buco”.

Aggiornamento: il colpevole ha confessato, è Roberto Cassago, anche se non è sicuro “al cento per cento”.  

[Via Nonleggerlo. Immagine: Il Fatto Quotidiano]

avatar

Fiorenzo Sartore

Vinaio. Pressoché da sempre nell'enomondo, offline e online.

1 Commento

avatar

WineRoland

circa 6 anni fa - Link

Non è sicuro che è stato lui? E quante cavolo di bottiglie al giorno stappano, alla Provincia di Milano?

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.