Sandro Sangiorgi e l’arte di condurre una degustazione

di Jacopo Cossater

E così ci ritroviamo a girare spesso per manifestazioni, convegni, degustazioni. Si è conclusa lunedì, per dire, la sesta edizione di Vini nel Mondo a Spoleto e, se possibile, oggi è più chiaro quanto nessuno sia capace di intrecciare didattica e teatralità come Sandro Sangiorgi, anima (e direttore) della rivista Porthos. Con lui il racconto di un assaggio non è mai fine a se stesso ma sempre il risultato di un percorso personale e professionale che lo influenza. Il suo rappresentare un bicchiere è passionale e in qualche modo viscerale, sia quando affianca Francesco Paolo Valentini per parlare degli effetti del surriscaldamento globale sia quando racconta la storia recente delle denominazioni del Barolo e del Barbaresco.

Cuore delle degustazioni in programma quest’anno è stata la presentazione di un’anteprima del libro cui Sangiorgi sta lavorando da anni: “L’invenzione della gioia | Educarsi al vino. Sogno, civiltà, linguaggio”. A margine, nove vini che hanno segnato il percorso personale e professionale dell’autore. Vini splendidi, ma quello che affascina è proprio il racconto. Degustazioni inimitabili, difficili da raccontare e tutte da vivere.

Jacopo Cossater

Comunicazione digitale ed e-commerce, è tutta una questione di vino, di birra artigianale e di trail running. Vive in Umbria, a Perugia, ha un debole tanto per i Paesi del Mediterraneo quanto per quelli scandinavi ma non potrebbe mai fare a meno dei ritmi dell'Italia Centrale. Blogger della seconda ora, su Intravino dal 2009.

5 Commenti

avatar

gianpaolo

circa 9 anni fa - Link

vero, ho partecipato anche io una volta ad una degustazione con Sangiorgi e sono rimasto veramente colpito dalla sua bravura.

Rispondi
avatar

Leonardo Romanelli

circa 9 anni fa - Link

Beh, Sandro Sangiorgi mi fece, una vita fa, quando frequentavo il corso AIS 2°livello a Firenze, una lezione sul Lazio al termine della quale "Salivavo" per voler assaggiare i vini come Il Marino o il Frascati da quanto li aveva descritti bene. Un grande divulgatore

Rispondi
avatar

Riccardo Margheri

circa 9 anni fa - Link

Passione (vera, non è una frase fatta), competenza, capacità di affabulazione. E ovviamente umiltà. Scusa se è poco. Bei tempi quando le lezioni ai corsi le facevano persone come Sangiorgi o Ernesto Gentili!!

Rispondi
avatar

carolina

circa 9 anni fa - Link

ogni volta che lo vedo non so mai se chiedergli le cose che ho per la mente... alle sue degustazioni o seminari sono sempre più innamorata del vino...

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.