La solitudine dei numeri uno. A cena da solo come Umberto Bossi

di Fiorenzo Sartore

Cenare da soli. E’ una cosa triste? Oppure è un momento come un altro, nel quale magari si sta un po’ in pace, coi propri pensieri? E soprattutto: come mai ci si ritrova ad un tavolo tutti soli? E’ colpa di quelle lattine sulla tovaglia? Coca Cola, forse un chinotto, forse Sprite.

La bottiglia d’acqua sembra quella disegnata da Matteo Thun. Sarà mica a causa di quel che beviamo? Oppure sei proprio Umberto Bossi, dopo un comizio a Tresore Cremasco: e alla cena i leghisti t’hanno dato buca, nessuno s’è seduto al tavolo con te. Ma allora la Coca Cola non c’entra.

[Immagine: Corriere della Sera]

avatar

Fiorenzo Sartore

Vinaio. Pressoché da sempre nell'enomondo, offline e online.

5 Commenti

avatar

Pietro Caputo

circa 9 anni fa - Link

Meglio soli che accompagnati dal Trota, o peggio ancora dal figlio maggiore.

Rispondi
avatar

Fabio Cagnetti

circa 9 anni fa - Link

no dai, il figlio maggiore è uno che ha seguito la sua strada, mooolto meglio del Trota, almeno sembra avere delle capacità, delle idee di cosa fare della sua vita. Dà un po' l'idea di un personaggio uscito da una canzone degli 883, ma questo me lo rende solo più simpatico.

Rispondi
avatar

Umberto Bossi

circa 9 anni fa - Link

Veramente è indagato anche mio figlio maggiore http://www.corriere.it/cronache/12_maggio_16/bossi-figli-indagati-truffa_a6f5a122-9f3b-11e1-b258-f2fcbb76be58.shtml

Rispondi
avatar

Montosoli

circa 9 anni fa - Link

I vecchi dicevano che piu alto ti tieni e piu in fondo cadi....

Rispondi
avatar

Roberto

circa 9 anni fa - Link

direi un post pieno di contenuti. Complimenti... meriti proprio Pulitzer!

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.