Chateau Pedesclaux e la rincorsa dei cru a  Pauillac

Chateau Pedesclaux e la rincorsa dei cru a Pauillac

di Andrea Gori

Fare vino non è difficile, sono i primi 300 anni che sono complicati“. Questa famosa frase attribuita al Barone Rothschild viene ripetuta spesso nei corridoio e nei meandri di Chateau Pedesclaux, un luminoso esempio di architettura moderna … continua »

I vini bianchi di Campania Stories 2019 (un parziale report)

I vini bianchi di Campania Stories 2019 (un parziale report)

di Antonio Tomacelli

Il mare a picco, i gabbiani sfrontati e i limoni appesi sul nulla. L’azzurro e il bianco, il giallo e il bianco, la paura di cadere e la voglia di volare su quel sogno che chiamano Costiera. Ci sono tornato … continua »

Krug a confronto: meglio la magnum o la bottiglia classica?

Krug a confronto: meglio la magnum o la bottiglia classica?

di Margaux Margaux

È sempre interessante e formativo confrontare bottiglie da 750ml con sorelle maggiori quali le magnum; per molti è l’unico contenitore degno di essere usato e io tendo ad essere d’accordo. Il mio rapporto con Krug parte da lontano, amo la … continua »

Le Rive del Conegliano Valdobbiadene sono il futuro del Prosecco?

Le Rive del Conegliano Valdobbiadene sono il futuro del Prosecco?

di Andrea Gori

Due milioni e mezzo di bottiglie o poco più in mezzo al mare magnum di Prosecco, una frazione esigua del contingente di 90 milioni di bottiglie di Conegliano Valdobbiadene che, sparse per il mondo, rappresentano la punta di diamante … continua »

Vitae meets Nonna Papera: gli anacronistici abbinamenti di una guida del vino

Vitae meets Nonna Papera: gli anacronistici abbinamenti di una guida del vino

di Angela Mion

A me le guide piacciono parecchio, sarà che sono letture soft, le puoi aprire a casaccio, capire come la pensano gli altri, puntualmente le apri sempre a metà e trovi sempre la stessa regione o argomento che sia, le fai … continua »

Stand (by me)

Stand (by me)

di Alessandra Corda

Sniffare, deglutire e sputare, dieci, cento sorsi ancora. Effluvi e afrori umani, salive, tannini e alcol, tutto immerso in un brusio di sottofondo che diventa alticcio già nel primo pomeriggio. Senti questo, assaggia quello, prova a esprimerti, fermati un secondo. … continua »

Il Rossese di Dolceacqua tra Francesco Biamonti e Armando Castagno

Il Rossese di Dolceacqua tra Francesco Biamonti e Armando Castagno

di Fiorenzo Sartore

A spiegare bene cosa sia il Rossese di Dolceacqua c’è voluto un foresto. “Foresto” è il termine local per descrivere un non-ligure, o un non-genovese, quando restringi il tuo raggio di pertinenza. Io, per dire, lo uso per i non-pegliesi. … continua »

Il Barolo secondo Maria Teresa Mascarello, verticale in 4 annate

Il Barolo secondo Maria Teresa Mascarello, verticale in 4 annate

di Jacopo Cossater

Il programma di questa edizione di ViniVeri (qui il report di Angela Mion), l’annuale appuntamento associativo che dal 2010 si svolge a Cerea nei giorni immediatamente precedenti Vinitaly, era impreziosito da una degustazione non perdibile, rare infatti le occasioni continua »

Il canto a Tenores di Tenute Dettori

Il canto a Tenores di Tenute Dettori

di Angela Mion

In Sardegna il cantu a tenores è uno stile di canto corale di forte tradizione locale e c’è chi ritiene sia nato come imitazione delle voci della natura. In realtà non è di arte corale sarda che voglio raccontare, ma … continua »

Salon 1995, l’eterno secondo

Salon 1995, l’eterno secondo

di Margaux Margaux

Nel mondo dello sport individuale un atleta può vincere tutto o niente e non per le sue reali capacità assolute ma per colpa del periodo storico nel quale ha avuto la fortuna (o la sfortuna ) di nascere.
Essere l’eterno … continua »

Cosa fareste esattamente se in una cantina succedesse quello che sto per raccontarvi

Cosa fareste esattamente se in una cantina succedesse quello che sto per raccontarvi

di Alessandro Morichetti

Oggi devo raccontarvi una cosa che mi è successa durante l’ultima rassegna cui ho partecipato. La racconto perché mi è rimasta sullo stomaco e credo che vada conosciuta per capire che, a volte, il mondo del vino è un mondo … continua »

La contemporaneità del Marsala: le riserve Florio 1939 – 2009

La contemporaneità del Marsala: le riserve Florio 1939 – 2009

di Andrea Gori

Sono anni che insistiamo a ripetere che il Marsala potrebbe essere un vino dall’appeal contemporaneo straordinario ma è sempre più complicato mantenerne alta la bandiera in un mondo del vino in cui le parole d’ordine sono freschezza, acidità e gioventù. … continua »