Perché la morte di James Gandolfini mi intristisce in quanto enofilo

Perché la morte di James Gandolfini mi intristisce in quanto enofilo

di Fiorenzo Sartore

James Gandolfini era un mio modello di ruolo. L’attore italo-americano, morto ieri a Roma all’età di 51 anni, era ormai per tutti il volto iconico di Tony Soprano, capo dei Sopranos, la banda italoamericana messa in scena per anni dal canale via cavo Hbo. In questi giorni si rivede su Rai 4. James, dicevo, era un esempio a cui guardavo. Non tanto per le cattive maniere del personaggio, ma per altro.

Tony (James) era calvo, notevolmente sovrappeso, e nell’interpretare il personaggio del malavitoso italoamericano secondo l’immaginario televisivo non si separava mai troppo dalla tavola, dalla convivialità fatta di cibo e ovviamente vino. Poi c’era sempre un bicchiere di whisky, e l’immancabile sigaro nelle vicinanze.

Infine, c’era anche qualche bellissima partner che riusciva a conquistare. Posso essere triste, oggi? Certo che sì. Addio James, mi mancherai.

avatar

Fiorenzo Sartore

Vinaio. Pressoché da sempre nell'enomondo, offline e online.

3 Commenti

avatar

Nelle Nuvole

circa 7 anni fa - Link

Grazie Fiorenzo, condivido la tristezza per la morte di un grandissimo attore. Tutti quotano i Sopranos, ma Gandolfini ha regalato a tutti noi altre interpretazioni di altissimo livello. Una fra tutte in "Romance and cigarettes" un piccolo gioiello di film musicale, affiancato da Susan Saradon e Kate Winslet. A parte il suo talento attoriale, era anche un uomo bello e simpatico. La bellezza di un fisico corposo indossato con grande mascolinità. Altro che tartarugati stitici e anemici! PS Sto parlando di Gandolfini, eh! Sartore è un uomo simpatico :)

Rispondi
avatar

Fiorenzo Sartore

circa 7 anni fa - Link

e Lorraine Bracco ti somiglia pure.

Rispondi
avatar

Francesco Annibali

circa 7 anni fa - Link

Lo ricordo anno scorso a San Siro al concerto di Bruce, erano grandi amici. In piedi dietro a Weinberg (il batterista), si riconosceva facilmente da chi come me stava molto sotto il palco. 70 mila persone che saltavano e urlavano indemoniate, e lui immobile. Un mito

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.