Aromando Bistrot a Milano, assaggi con scenario retrò

di Leonardo Romanelli

C’è chi si affida ad una squadra di creativi per scegliere il nome adatto ad un locale, e chi il nome ce l’ha in casa: Cristina Aromando era predestinata ad aprire un locale, che ha creato insieme a suo marito Savio Bina, dove hanno fatto confluire le loro passioni legate alla cucina, al vino all’arredamento. Sì, l’arredamento perché non si tratta di un locale che passa inosservato: vicino alla RAI milanese, in una via laterale, dalle vetrine si scorge un mondo variegato, fatto di mobili di modernariato, accumulato negli anni che è tornato utile quando sono arrivati a creare il luogo ideale dove lavorare.

La cucina degli anni 60, il salotto, il pianoforte, impossibile pensare di annoiarsi nel tornare due volte. Partiamo dalla cantina, una volta tanto: Savio è sommelier di esperienza, trascorsi da Cracco e Perbellini e la carta l’ha costruita a suo uso e consumo ed anche la cantina, dove le bottiglie sono tenute a testa all’insù, ma la scelta sarà dovuta probabilmente alla sola cantina del giorno climatizzata a dovere. Ci si diverte tra vini naturali e quelli artificiali (passatemi la battuta), tanta Francia ed un’Italia variegata, senza perdere di vista altre puntate oltre confine.

La cucina non è da meno in quanto a varietà e cose diverse da proporre, a partire dal benvenuto che può variare a seconda del giorno, come una lieve crema di verdure. Si parte con i gamberi lenticchie e testina con salsa ai ricci di mare, sapidi e invitanti.

Funziona anche la scaloppa di foie gras con burrata e caviale Baikal, alla faccia di chi pensa che mettere insieme ingredienti lussuosi sia solo un esercizio di stile. Nobilitato anche lo sgombro, servito con le puntarelle, marinato con arancia e melograno. Da sgranocchiare con piacere i fagottini croccanti di pollo speziato con mostarda e composta.

Complessa nella sua esposizione ma molto più semplice da gustare la calamarata di Cavalieri con vongole e calamari e pane profumato al bergamotto: più ovvie, non per questo disdicevoli, le orecchiette del Salento con broccoli e bottarga leggermente piccanti. Baccalà mantecato non cremoso ma battuto con pane al nero di seppia fuori dai soliti schemi. Si chiude con profitteroles classico e tranquillizzante, gli altri dolci sono indubbiamente più attraenti. Servizio cortese e impeccabile.

AROMANDO BISTROT
Via Pietro Moscati, 13
Tel 0236744172
Chiuso lunedì, martedì a pranzo e domenica sera in estate
Ferie 2 settimane in agosto
Carte di credito AE
Prezzi sui 35-50 euro, escluso i vini

avatar

Leonardo Romanelli

“Una vita con le gambe sotto al tavolo”: critico gastronomico in pianta stabile, lascia una promettente carriera di marciatore per darsi all’enogastronomia in tutte le sfaccettature. Insegnante alla scuola alberghiera e all’università, sommelier, scrittore, commediografo, attore, si diletta nell’organizzazione di eventi gastronomici. Mescolare i generi fino a confonderli è lo sport che preferisce.

1 Commento

avatar

Sblady

circa 5 anni fa - Link

scusate, vi risulta che aromando stia chiudendo o sia in procinto di cambiare gestione? l'ho sentita come voce di corridoio di cui non riesco a verificare l'attendibilità (che significa: potrebbe essere una sciocchezza) e mi chiedevo se poteste smentirla. mi dispiacerebbe molto se fosse vera.

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.