Vino, Ti Amo. E’ il libro di Oscar Farinetti sul vino italiano

di Andrea Gori

In anteprima per Intravino, Oscar Farinetti presenta il suo primo libro sul vino in uscita ad ottobre per Mondadori. Un tomo di oltre 400 pagine che riassume l’Italia eno di ieri e di domani attraverso 12 visite in cantine significative, e con gli incontri con i più grandi “sofisticatori” del vino italiano (parole sue), ovvero quelli che portano avanti questi 12 simboli dell’Italia enoica mettendo sé stessi nel vino e quindi alterandolo e caratterizzandolo in maniera unica e indelebile.

Il cantiere del nuovo Eataly di Firenze

“Vino, Ti Amo” è un libro costruito attorno alle visite di Oscar in azienda: Farinetti porta i suoi 4 vini preferiti della cantina in questione e assaggia i vini con il produttore, che poi presenta il suo vino preferito. Quello che dovrebbe venire fuori, più che un libro sul vino, è uno spaccato di italianità, sociologia, e alla fine politica, approdo sempre più probabile del Farinetti post-Eataly. I protagonisti saranno per la Val d’Aosta Costantino Charrere che approfondirà il tema del rapporto padre-figlio (e figlie), per il Piemonte ovviamente Angelo Gaja poi Beppe Rinaldi e Walter Massa, per il Triveneto Marilisa Allegrini e Josko Gravner, in Toscana Piero Antinori e Incisa della Rocchetta, per l’Umbria Lungarotti con Chiara e Francesca Teresa Severini, per le Marche il prof. Ampelio Bucci alle prese con una successione difficile in azienda, e infine in Sicilia José Rallo, e i due cugini Francesca e Alessio Planeta.

Forse uno spaccato un po’ troppo conservatore, ma di certo significativo se si vuole inquadrare il passaggio dai pionieri del vino italiano nel mondo, che hanno aperto la via, alle nuove generazioni di vignaioli italiani.

Disclaimer ex-post: da ottobre mi occuperò di tutto quanto riguarda il vino a Eataly Firenze. In più Eataly-Fi venderà le zuppe e minestre di Burde. Non sarò dipendente Eataly ma consulente. Poi, una volta Renzi al governo e Farinetti governatore del Piemonte, vedremo dove mi piazzeranno. Per ora ci tenevo a dirvi quali sono i miei rapporti attuali con gruppo Farinetti, per amore della trasparenza.

Andrea Gori

Quarta generazione della famiglia Gori – ristoratori in Firenze dal 1901 – è il primo a occuparsi seriamente di vino. Biologo, ricercatore e genetista, inizia gli studi da sommelier nel 2004. Gli serviranno 4 anni per diventare vice campione europeo. In pubblico nega, ma crede nella supremazia della Toscana sulle altre regioni del vino, pur avendo un debole per Borgogna e Champagne. Per tutti è “il sommelier informatico”.

17 Commenti

avatar

Alessandro Bocchetti

circa 7 anni fa - Link

Mi avevano detto che c'è un revival degli ottanta, ma pensavo si riferisse a spalline, trucco nero e capelli cotonati ;) Ciao A

Rispondi
avatar

jovica todorovic (teo)

circa 7 anni fa - Link

Indiscrezioni dicono che nella barriquaia Josè Rallo abbia cantato questa http://www.youtube.com/watch?v=K_a9oLh9q6A

Rispondi
avatar

A3C

circa 7 anni fa - Link

massi' una ventata di freschezza di vuole proprio...mi chiedo solo che ci facciano Gravner e Rinaldi nel museo delle mummie...si sono persi? o ce hanno messi per sbajo?

Rispondi
avatar

Alessandro Bocchetti

circa 7 anni fa - Link

Beh sono gli "eretici" più antichi e metabolizzati ;) Ciao A

Rispondi
avatar

armando trecaffé

circa 7 anni fa - Link

hai tristemente ragione...metabolizzati...

Rispondi
avatar

she-wolf for free love

circa 7 anni fa - Link

Il Sor Farinetti si rimette in gioco, dopo il suo inneggiar sessantottino al "vino libero" ora fa il contemporaneo moccianamente parlando con una dichiarazione d'amore. Presto l'ingresso dei vari Eataly sarà intasato da lucchetti. Posso digerire la definizione di pioneri di vino italiano nel mondo, ma addostanno nel libro le nuove generazioni dei vignaioli italiani?

Rispondi
avatar

she-wolf for free love 2

circa 7 anni fa - Link

PS Mi risulta che esista una Teresa Lungarotti, di Francesca non sono a conoscenza.

Rispondi
avatar

Jacopo Cossater

circa 7 anni fa - Link

Corretto, grazie (ci era sfuggito).

Rispondi
avatar

nico aka tenente Drogo

circa 7 anni fa - Link

evviva il disclaimer tutti dovrebbero farlo!

Rispondi
avatar

Pietro

circa 7 anni fa - Link

e sto incipit alla fine qual è Andrea? Mica mi toccherà comprare il libro per saperlo! Video troncato per suspance o batteria scarica?!?! :)

Rispondi
avatar

Andrea Gori

circa 7 anni fa - Link

Montaggio da MTV generation, scusami pietro L'incipit dovrebbe essere una citazione da La Malora di Fenoglio "Pioveva su tutte le langhe, lassù a San Benedetto mio padre si pigliava la sua prima acqua sottoterra."

Rispondi
avatar

carlo

circa 7 anni fa - Link

la genialità è farlo pubblicare da Mondadori.. e li, si scateneranno commenti ed altro.. E' troppo forte.

Rispondi
avatar

Mr. R.

circa 7 anni fa - Link

A Farinè ma te voi trovà un lavoro? All'età tua....

Rispondi
avatar

Nelle Nuvole

circa 7 anni fa - Link

E' difficile non apprezzare Oscar Farinetti per chi nel mondo del vino ci lavora e non lo tocca solo come appasionato consumatore. Infatti,io lo apprezzo. Apprezzo la capacità visionaria ed imprenditoriale accompagnata da due piedoni piantati bene per terra. Capisco, anche se apprezzo fino ad un certo punto, la sua spregiudicatezza nell'usare uomini e mezzi per raggiungere certi fini, che non penso siano la ricchezza ed il potere, ma la soddisfazione di un ego che ad ogni obiettivo raggiunto,o anche prima, ha bisogno di un nuovo sfogo progettuale. La sua è una storia italiana di provincia, personalmente la trovo una storia positiva. Positiva perché sicuramente ha contribuito a svecchiare una certa immagine commerciale del mondo del vino italiano. Prendendo spunto dal concetto delle Food hall ha creato Eataly. Basta andare nella sede di New York per rendersi conto della sua visione, a parte l'enoteca che ha una selezione pietosa. Nel post però si parla di un libro, e non un manualetto, ma un mappazzone di 400 pagine. Quattrocento pagine???? Anche su Kindle, affini e collaterali, l'impresa di leggerlo non sarà delle più invitanti. Tanto non lo leggerà nessuno, a parte i proprietari delle 12 cantine visitate. Alcuni di loro leggermente perplessi su come siano stati presentati con bonaria e superficiale piemontesità nel filmato di cui sopra. Può sembrare un dettaglio, ma i fraintendimenti dei nomi o la vaghezza nel ricordarne alcuni (il giovane Planeta mi ha strappato una risata) è un segnale di come al Sor Oscar importi poco del singolo, e molto di più del suo progetto. Che è quello di pubblicare un librone per venderlo, non per farlo leggere. In fondo poi, a considerare le scelte delle cantine, si tratterà di qualcosa già risaputo, sebene "infarinettato". Questo sarà un libro molto comprato e affatto letto, come la maggior parte dei libri sul vino, la storia, l'arte. Un libro da salotto.

Rispondi
avatar

Andrea Gori

circa 7 anni fa - Link

In effetti l'enofilo rampante non credo lo troverà interessante ma in chiave internazionale e in prospettiva in una traduzione inglese potrebbe essere un prodotto utile per la promozione del vino Italiano.

Rispondi
avatar

Scemuavinocomenatura

circa 7 anni fa - Link

Grande analisi . Bravo Nelle Nuvole . Sono con te

Rispondi
avatar

Scemuavinocomenatura

circa 7 anni fa - Link

Un altra trovata pubblicitaria di quel maestro di comunicazione che sta diventando Oscar Farinetti anche nel mondo del vino dopo i successi in altri campi . perdonate mi , ma l imprenditore di pseudo sinistra che cerca di fare il who's Who di cosa e' è cosa non è il mondo del vino sembra roba da seconda repubblica . Bocciato . Ultima cosa . Va bene il business , ma Walter Massa in compagnia degli altri cagnoni non me lo sarei mai aspettato . Incolla il link ed iserisci una v dopo http(es httpv://www.)

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.