Una tavola rotonda dedicata all’e-commerce del vino, diretta streaming

Una tavola rotonda dedicata all’e-commerce del vino, diretta streaming

di Redazione

Come annunciato giovedì scorso eccoci qui per trasmettere in diretta la tavola rotonda che si terrà a partire dalle 15.30 presso lo Spazio ADI per Expo di Via Bramante 42. Intravino è infatti media partner di questa iniziativa dal titolo “il vino in rete, buone idee tra e-commerce e nuovi progetti“, un momento di approfondimento che inserisce tra gli appuntamenti promossi dalla Regione Umbria durante Expo nato per indagare le possibilità offerte dalla rete al mercato dell’agroalimentare tra e-commerce tradizionali e idee innovative.

Un appuntamento moderato da Fabio Savelli del Corriere della Sera con la partecipazione di:

Slawka G. Scarso, Autrice, consulente e docente di marketing del vino presso la LUISS Business School
Alessandro Olivieri, Vinitaly Wine Club
Gianpiero Gerbi e Riccardo Triolo, Svinando
Riccardo Zilli, Tannico
Sara Cendaroni e Luca Ambrosini, Ebay Italia

Dopo un primo giro di presentazioni sui rispettivi modelli e sulle proprie esperienze ci sarà ampio spazio per considerazioni e domande. Qui è dove potete intervenire anche voi, basta postare le vostre tra i commenti, sarà nostra cura riportarle (quasi) in diretta ai relatori. Alert: il sistema dei commenti di Intravino ci mette un po’ a caricare gli interventi, non è istantaneo. Se quindi non lo vedete subito online non allarmatevi, è questione di pochissimi minuti (in alternativa, benissimo anche un tweet al nostro account su Twitter).

Edit del 21/10: ecco il video della tavola rotonda ottimizzato, senza i 10 minuti di vuoto iniziali che ogni streaming porta inevitabilmente con sé.

6 Commenti

avatar

Tommaso

circa 5 anni fa - Link

Bravi!

Rispondi
avatar

Giorgio

circa 5 anni fa - Link

A proposito di accise, chi vende all'estero potrebbe confermare che l'unica via attualmente percorribile per la vendita a privati nella Ue è quella di affidarsi ad un operatore con deposito fiscale nello Stato di destinazione? Cosa ci potete dire circa gli adempimenti per gli Usa?

Rispondi
avatar

Antonio

circa 5 anni fa - Link

Signor Giorgio, a proposito della sua domanda mi sono informato da poco, non so se però è una situazione veritiera, ma si può spedire fino a 90 lt di vino in tutta l'UE dall'Italia senza pagare accise solo in situazione di B2C.

Rispondi
avatar

Giorgio

circa 5 anni fa - Link

Gentile Antonio, la ringrazio per la risposta al mio quesito. Purtroppo, così come è stato detto nel corso della tavola rotonda, c'è molta confusione al riguardo. Neanche all'Agenzia delle Dogane sembrano avere le idee ben chiare. Sapevo dei 90 lt, ma pare questo si riferisca alla quantità di vino che si può trasportare con sé, non quella che può essere spedita. Per le spedizioni, temo che la risposta data da Olivieri sia corretta: è necessario - ahimè - il deposito fiscale.

Rispondi
avatar

Filippo Ronco

circa 5 anni fa - Link

La situazione è così fatta. Per spedire vino all'estero direttamente a privati occorre appoggiarsi ad uno spedizioniere specializzato che si occupi sia delle pratiche relative alle accise, sia delle pratiche relative al versamento dell'iva nel paese di destino. In alternativa ovviamente - e più laboriosamente - è possibile appoggiarsi a un deposito fiscale estero oppure aprire una posizione iva all'estero (questo può aver senso solo per volumi di un certo livello). Nel frattempo tuttavia, molti operatori della filiera nazionale tra cui fivi, si stanno muovendo a livello europeo per una soluzione di tipo normativo che è quella più conveniente in una situazione di questo tipo. La soluzione che è al vaglio degli organi competenti e sulla quale è in corso anche una consultazione popolare aperta online (trovate tutto sul sito ue), è quella dello one stop shop, un sistema che consentirà di assolvere a tutti gli obblighi previsti (accise e probabilmente anche iva) direttamente nello stato mittente. Un colpo di buon senso che potrebbe radicalmente cambiare il panorama commerciale internazionale dando finalmente via libera alla commercializzazione di vino internazionale b2c. Parleremo diffusamente di questo facendo il punto della situazione entro un paio di settimane sulla nuova newsletter di Vinix. Ciao, Filippo

Rispondi
avatar

paolo coluccio

circa 4 anni fa - Link

Buongiorno, avrei una domanda riguardo il funzionamento dei wine club, molto diffusi all estero, specialmente Stati Uniti, meno in Italia. Come sono disciplinati gli stessi, dipende dal n di iscritti, volume d affare? posso spedire vino a privati, regolarmente iscritti al club? Vivo in Toscana, e vedendo tutti i giorni turisti che visitano cantine, comprano vino,(e se lo spediscono a casa), sto pensando di creare questo club, ma è sempre molto complicato muoversi tra mille leggi. Ho bisogno di requisiti speciali? Grazie !

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.