Un unico elemento accomuna le bevute coi non “esperti” di vino (Teorema d’Imprevedibilità)

di Alessandro Morichetti

Esagerare con le bevute in compagnia dei super-esperti è una delle noie mortali della società contemporanea mentre, al contrario, bere di tutto con chi fa altro nella vita è un divertimento sublime. Incrociare pareri detti alla buona e cercare di decifrarne la reale valenza è un esercizio maieutico e interpretativo che funge alla perfezione da palestra del gusto. Proprio e altrui.

Versa un Prosecco col fondo di livello stratosferico a un novello sommelier diplomato e dovrai aspettare mezza età della pietra per ascoltare una considerazione interessante, versalo a una novella specializzata in ginecologia e le successive quattro parole saranno fulminanti: “Ma è delizioso, secchissimo”. Ripetiamo insieme ancora una volta: il “consumatore medio” NON esiste, esistono tanti consumatori con gusti diversi, spesso imprevedibili, e quello caratterizzato dalla preferenza per un gusto dolce, primario, è solo uno dei tanti consumatori possibili.

Assaggiando e riassaggiando di tutto e di più (in ogni ordine di importanza e, non secondario, prezzo) con bevitori vari ed eventuali – rigorosamente non tecnici – sono arrivato ad una conclusione matematica semi-definitiva che mi appressto ad enunciare

Teorema d’Imprevedibilità: dato un vino X, il giudizio dell’assaggiatore non tecnico Y è assolutamente IMPREVEDIBILE.

C’è il vino bianco e iper-tecnico che può aggradare e riempire un intero mercato così come risultare anonimo e slavato. C’è il vino artigianale blasonato che può strappare il cuore o puzzare di fogna. C’è il rosso di corpo, rotondo e strutturato che piace da morire e quello che, invece, alla stessa persona, risulta imbevibile e marmellone.

Date retta: se non avete certezze di sorta sul tema, nessun problema –> È valido il Teorema. Teorema di Morichetti.

avatar

Alessandro Morichetti

Tra i fondatori di Intravino, enotecario su Doyouwine.com e ghost writer @ Les Caves de Pyrene. Nato sul mare a Civitanova Marche, vive ad Alba nelle Langhe: dai moscioli agli agnolotti, dal Verdicchio al Barbaresco passando per mortadella, Parmigiano e Lambruschi.

8 Commenti

avatar

vinogodi

circa 4 anni fa - Link

...verissimo ... la cosa più divertente è proprio inserire amiche o amici "semplici bevitori" (ma interessati all'esperienza) in bicchierate o contesti di superappassionati ... sembra di vedere un turista allo zoo che ti guarda con quel fare un po' stranito e finisce sempre con un classicissimo "voi siete tutti pazzi" . Soprattutto quando si accenna al costo di quei vini...

Rispondi
avatar

Emanuele

circa 4 anni fa - Link

O.P. resta un testo di grande attualità. Si abbina bene a "L'ignoranza delle persone colte" di tale W. Hazlitt, saggista, studioso ed esegeta shakespeariano...

Rispondi
avatar

Cristiana Lauro

circa 4 anni fa - Link

Il vino, come il sesso, quando sgranati e raccontati nei dettagli, annoiano all'inverosimile. Un buon tema, collega Morichetti

Rispondi
avatar

Alessandro Morichetti

circa 4 anni fa - Link

Compagna Lauro, da quando sei mia Riserva ufficiale ti vedo brillante. Ok, lo svolgimento di "Sesso e noia: istruzioni per l'uso" è tuo :)

Rispondi
avatar

Josè Pellegrini

circa 4 anni fa - Link

Morichetti, ma come hai ragione !Josè

Rispondi
avatar

Gillo

circa 4 anni fa - Link

Bisognerebbe uscire dal qualunquismo senza cadere nel conformismo eno-gastronomico degli esperti.

Rispondi
avatar

Giovanni Losito

circa 4 anni fa - Link

Parole sante, finalmente. Quando però esperti e non esperti dicono che il tuo vino è buono, è lì che hai fatto jackpot.

Rispondi
avatar

doxor

circa 4 anni fa - Link

ma che poi 'esperti' cos'è? abituati ad una categoria di prodotti, di gusti? conoscenti della teoria? ma poi è tutta sensibilità che parla e che noi ascoltiamo..e se esperti forse influenzati da tutte le strutture e dati e informazioni e categorie che abbiamo sul concetto 'vino'...forse più sincero un ignorante è quello che vede senza sapere cosa stia guardando

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.