Tutti dicono Primitivo. Intravino-Bignami: tutto il Primitivo in 10 bottiglie

di Antonio Tomacelli

Il mondo si divide in due grandi categorie: i lettori di Intravino e quelli che scelgono un vino “a orecchio”. A loro, al 99,9% degli italiani che una volta l’anno sbevazzano, sono dedicati questi post che a confronto Bignami ci spiccia casa. Perché lo facciamo? Perché mentre noi stiamo qui a cercare il pelo nella bottiglia di Romanée-Conti, fuori c’è gente che il Codice Da Vinci lo ha decifrato ma le differenze tra Chianti e Chianti Classico ancora no.

Per loro, e solo per loro, Intravino fa scendere in campo una squadra di esperti che a confronto Robert Langdon ci ri-spiccia casa, uomini e donne che la mamma li ha trovati sotto una pianta di nebbiolo a piede franco, altro che cavoli e rose. E allora che negroamaro, Barolo e verdicchio siano, perché la ggente deve sapere. Oggi tocca a:

Tutti i primitivo di Puglia

1. Gianfranco Fino, Es primitivo di Manduria d.o.c.
You may say I’m a dreamer, but I’m not the only one…(cit.)

2. Nicola Chiaromonte, Muro Sant’Angelo Contrada Barbatto, primitivo Gioia del Colle d.o.c.
L’annata 2007 fu uno dei momenti più alti della civiltà occidentale.

3. Polvanera, 17° primitivo Gioia del Colle d.o.c.
Vino verticale e assoluto. Da alternare a seconda delle annate con il 16°

4. Attanasio, primitivo di Manduria d.o.p.
Testa bassa e profilo altissimo. Una delle poche aziende di Manduria che può sfoderare una verticale decennale.

5. Morella, Old Vines primitivo di Manduria d.o.c.
Biodinamico. Nelle brutte annate è una meraviglia, in quelle buone fate un po’ voi.

6. Pietraventosa, primitivo Gioia del Colle d.o.c. Riserva
Fine, elegante e godurioso. Da bere con qualche annetto sulle spalle.

7. Felline, Giravolta primitivo di Manduria d.o.c.
Dall’Accademia dei Racemi di Gregory Perrucci, ma neanche il Dunico scherza.

8. Cantine Ferri, Memor Primitivo Puglia i.g.t.
Il sottovalutato Ferri, prima o poi, avrà quello che si merita: la gloria imperitura.

9. Vinicola Savese, Tradizione del Nonno primitivo di Manduria d.o.c.
L’anfora 30 anni prima di Gravner. Come da tradizione del nonno, appunto.

10. Fatalone, primitivo Gioia del Colle d.o.c. Riserva
Il vino del contadino. Non aggiungo altro.

avatar

Antonio Tomacelli

Designer, gaudente, editore, ma solo una di queste attività gli riesce davvero bene. Fonda nel 2009 con Massimo Bernardi il blog Dissapore e, un anno dopo, Intravino e Spigoloso. Lascia il gruppo editoriale portandosi dietro Intravino e un manipolo di eroici bevitori. Classico esempio di migrante che, nato a Torino, va a cercar fortuna al sud, in Puglia. E il bello è che la trova.

21 Commenti

avatar

antonio f.

circa 4 anni fa - Link

postilla alla 9: il capasonato (per chi ha avuto la fortuna di berlo)

Rispondi
avatar

Antonio Tomacelli

circa 4 anni fa - Link

io :)

Rispondi
avatar

sandro

circa 4 anni fa - Link

no Guttarolo? e natalino del prete fesso è?

Rispondi
avatar

Antonio Tomacelli

circa 4 anni fa - Link

La palla di vetro mi dice che Natalino rientrerà nei 10 negroamaro :D

Rispondi
avatar

M.G.

circa 4 anni fa - Link

Che ne pensate del Brandisio di Tombolini? Is not my cup of tea come stile (come tutti i primitivi in generale), ma a mio avviso non ha nulla in meno rispetto a quelli elencati qui. Certo, costicchia.. Ma mi sembra che di recente abbia abbassato i prezzi.

Rispondi
avatar

armonie

circa 4 anni fa - Link

Attanasio va bene....ma non dimentichiamo altri piccoli produttori di Manduria che in questo delicato periodo hanno bisogno un pochino di visibilità, altrimenti si va avanti ancora con i classici nomi.

Rispondi
avatar

Daniele

circa 4 anni fa - Link

Forse andrebbe menzionato anche il Tretarante di Milleuna...

Rispondi
avatar

Il chiaro

circa 4 anni fa - Link

Ma anche no

Rispondi
avatar

Rino Di Maggio

circa 4 anni fa - Link

Conoscete l'Almurá dell'Az. Agr. Recchia Leonarda? Secondo me poteva rientrare nell'elenco.

Rispondi
avatar

Damiano

circa 4 anni fa - Link

per fortuna non è ancora stato citato nulla di Al Bano. ops sorry

Rispondi
avatar

Montosoli

circa 4 anni fa - Link

Attanasio.....forse il dolce....il secco e un concentrato ....senza la parola Io aggiungerei .....con grande prezzo/qualita Macchiarola.....senza legno Gioia del Colle Riserva di Giuliani

Rispondi
avatar

william

circa 4 anni fa - Link

non ho parole...

Rispondi
avatar

Orion

circa 4 anni fa - Link

allora taci e non dir nulla :)

Rispondi
avatar

Tom

circa 4 anni fa - Link

e il Maccone di Donato Angiuli ?

Rispondi
avatar

Giansommelier

circa 3 anni fa - Link

E Recchia? Attanasio... mah

Rispondi
avatar

Gaetano Cataldo

circa 2 anni fa - Link

Mi piacerebbe l'autore aggiungesse altro a "il vino del contadino" per capire in che chiave interpretare il Fatalone. Grazie...

Rispondi
avatar

Michele

circa 2 anni fa - Link

In questa lista ricca di vino di qualità, mi piacerebbe aggiungere il Primitivo di Gioia del Colle, produttore OM (in vino veritas) :)

Rispondi
avatar

il campo

circa 2 anni fa - Link

mancano tutti quelli di san marzano il 60anni il 62 ed il 60 limited edition praticamente i migliori ed i miei preferiti boh....

Rispondi
avatar

David

circa 1 anno fa - Link

"il Sogno" di Cantine Imperatore. Primitivo di gioia eccellente.

Rispondi
avatar

Roberto

circa 1 anno fa - Link

Da non dimenticare Tenuta Patruno Perniola - Gioia del Colle

Rispondi
avatar

Alessandro

circa 1 anno fa - Link

Nella classifica manca Assiade di Vigne Monache, semi sconosciuto ma alla pari degli altri

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.