Tutte le Eccellenze per la guida I Vini d’Italia 2016 de L’Espresso: la lista più attesa

Tutte le Eccellenze per la guida I Vini d’Italia 2016 de L’Espresso: la lista più attesa

di Alessandro Morichetti

Personalmente ritengo sia la guida italiana ai vini più attendibile e stuzzicante in circolazione, ogni anno e da ormai vari anni. Quella che segue è la lista delle Eccellenze (18/20 o più) per I Vini d’Italia 2016 de L’Espresso, pubblicazione curata da Ernesto Gentili e Fabio Rizzari con la direzione di Enzo Vizzari. Per me, un insostituibile strumento di lavoro che vale ben oltre il prezzo del biglietto.

Nota: solo un 20/20 – il riconoscimento massimo, non tanto alla perfezione quanto all’emozionalità – al Barolo 2011 di Bartolo Mascarello sub specie Maria Teresa. Barolo che a Nebbiolo Prima era stra-piaciuto (con 93 tra i punteggi in assoluto più alti di tutta la manifestazione) anche a Francesco Oddenino, su Intravino. Dettagli che fanno editorialmente piacere.

Chiave di lettura: una 50ina di Eccellenze in meno ma, a quanto è dato sapere, ci saranno poche più aziende con 3 stelle, massimo riconoscimento. Pienamente condivisibile l’assunto a monte del lavoro editoriale, così come lo esplicita Fabio Rizzari: “l’elenco dei vini considerati eccellenti è soltanto la conseguenza del lavoro svolto, senza aggiustamenti geopolitici successivi agli assaggi.”

Buona lettura!

VALLE D’AOSTA
18 Valle d‘Aosta Blanc de Morgex et de la Salle Le Sette Scalinate 2014 Pavese Ermes
18.5 Valle d‘Aosta Syrah 2013 Rosset
18.5 Valle d’Aosta Torrette Superiore 2013 Ottin Elio
18 Valle d’Aosta Cornalin 2013 Rosset
18 Valle d’Aosta Fumin 2013 Feudo di San Maurizio
18 Valle d‘Aosta Fumin 2013 Ottin Elio

PIEMONTE
18 Colli Tortonesi Timorasso Derthona 2013 La Colombera – Semino Pier Carlo
18 Erbaluce di Caluso Le Chiusure 2014 Favaro – Le Chiusure
18 Gavi del comune di Gavi 2014 Martinetti Franco M.
18 Langhe Riesling Petracine 2014 Vajra G. D.
18 Langhe Riesling Hérzu 2013 Germano Ettore
20 Barolo 2011 Mascarello Bartolo
19.5 Barbaresco Pajé Vecchie Viti 2010 Roagna
19.5 Barolo Monprivato Cà d’Morissio Riserva 2008 Mascarello Giuseppe e Figlio
19.5 Barolo Riserva Monfortino 2008 Conterno Giacomo
19 Barbaresco Asili Vecchie Viti 2010 Roagna
19 Barbaresco Crichet Pajé 2006 Roagna
19 Barolo Falletto di Serralunga d’Alba 2011 Giacosa Bruno
19 Barolo Monprivato in Castiglione Falletto 2010 Mascarello Giuseppe e Figlio
19 Barolo Riserva Bussia Vigna Colonnello 2009 Prunotto
18.5 Barbaresco 2012 Prunotto
18.5 Barbaresco Montefico Vecchie Viti 2010 Roagna
18.5 Barbaresco Pajoré 2012 Sottimano
18.5 Barbaresco Riserva Rabajà 2008 Cortese Giuseppe
18.5 Barolo Bussia 2011 Prunotto
18.5 Barolo Bussia Dardi Le Rose 2011 Poderi Colla
18.5 Barolo Monvigliero 2011 Alessandria Fratelli
18.5 Barolo Riserva Lazzarito 2009 Germano Ettore
18.5 Barolo Villero in Castiglione Falietto 2010 Mascarello Giuseppe e Figlio
18.5 Carema Etichetta Bianca 2011 Ferrando e C.
18.5 Gattinara Osso San Grato 2011 Antoniolo
18.5 Lessona 2011 La Prevostura
18 Barolo Brunate 2011 Marcarini
18 Barbaresco Asili di Barbaresco 2012 Giacosa Bruno
18 Barbaresco Martinenga 2012 Cisa Asinari
18 Barbaresco Montersino 2012 Rocca Albino
18 Barbera d‘Alba Cascina Francia 2013 Conterno Giacomo
18 Barbera d‘Asti Bricco della Bigotta 2013 Braida
18 Barbera d’Asti Superiore La Bogliona 2012 Scarpa – Antica Casa Vinicola
18 Barbera d‘Asti Superiore Nizza La Luna e i Falò 2013 Vite Colte
18 Barolo Brunate 2011 Rinaldi Francesco e Figli
18 Barolo Bussia 2011 Barale Fratelli
18 Barolo Cascina Francia 2011 Conterno Giacomo
18 Barolo Cerretta 2011 Rosso Giovanni
18 Barolo Garblèt Sue’ 2011 Brovia Fratelli
18 Barolo Riserva Vigna Elena 2009 Cogno Elvio
18 Barolo Riserva Vigna Rionda 2009 Massolino
18 Barolo Rocche di Castiglione 2011 Brovia Fratelli
18 Barolo San Lorenzo di Verduno 2011 Alessandria Fratelli
18 Barolo Tre Tine 2011 Rinaldi Giuseppe
18 Barolo Vigna del Gris 2011 Conterno Fantino
18 Barolo Villero 2011 Fenocchio Giacomo
18 Barolo Villero 2011 Oddero
18 Carema 2012 Produttori Nebbiolo di Carema
18 Colli Tortonesi Rosso Monleale 2011 Vigneti Massa
18 Dogliani San Luigi 2014 Pecchenino Fratelli

LIGURIA
18 Riviera Ligure di Ponente Pigato 2014 Cascina delle Terre Rosse
18 Rossese di Dolceacqua Bricco Arcagna 2013 Terre Bianche

LOMBARDIA
18 Brera 2014 Tenuta il Bosco
18.5 Oltrepò Pavese Buttafuoco Bricco Riva Bianca 2011 Picchioni Andrea
18.5 Valtellina Superiore Riserva 2012 Dirupi
18 Barbacarlo 2013 Barbacarlo
18 Sforzato di Valtellina Ronco del Picchio 2011 Fay Sandro
18 Valtellina Superiore Sassella 2010 Fojanini – La Castellina
18.5 Franciacorta Riserva Brut Cuvée Annamaria Clementi 2006 Ca’ del Bosco
18 Franciacorta Extra Brut Pas Operé 2008 Bellavista
18 Franciacorta Satèn 2011 Barone Pizzini

TRENTINO
18 L’Altro Manzoni 2013 La Vis
18.5 Sgarzon 2013 Foradori
18 Esegesi 2011 Rosi Eugenio
18 Morei 2013 Foradori
18 San Leonardo 2010 San Leonardo
18 Trento Brut Perlé Metodo Classico 2009 Ferrari

ALTO ADIGE
18.5 Alto Adige Sauvignon Voglar 2013 Dipoli
18.5 Alto Adige Valle Venosta Riesling Castel Juval Windbichel 2013 Unterortl – Aurich
18 Alto Adige Gewurztraminer Lunare 2013 Terlano
18 Alto Adige Pinot Bianco Mediaevum 2014 Gumphof
18 Alto Adige Pinot Bianco Vial 2014 Kaltern
18 Alto Adige Riesling Berg 2014 Niedrist Ignaz
18 Alto Adige Valle lsarco Kerner 2014 Strasserhof
18 Alto Adige Valle lsarco Riesling Kaiton 2014 Kuen Hof
18 Alto Adige Valle lsarco Sylvaner Lahner 2014 Taschlerhof
18 Enosi 2013 Baron Di Pauli
18 Feldmarschall 2013 Tiefenbrunner
18 Pulsar Profil
18.5 Alto Adige Gewurztraminer Vendemmia Tardiva Terminum 2012 Tramin
18.5 Elda 2011 Nusserhof
18.5 Gran Lareyn 2013 Loacker Schwarhof
18 Alto Adige Lagrein Riserva 2012 Mayr Josephus – Unterganzner
18 Alto Adige Spumante Brut Riserva Comitissa Metodo Classico 2010 Martini Lorenz
18 Alto Adige Spumante Pas Dosé Millesimato Metodo Classico 2011 Haderburg

VENETO
18.5 Soave Classico Calvarino 2013 Pieropan Leonildo
18 Breganze Vespaiolo Vignasilan 2012 Contrà Soarda
18 Massi Fitti 2012 Suavia
18 Soave Classico Munte Carbonare 2013 Suavia
18 Soave Classico Monte Fiorentine 2014 Ca’ Rugate
18 Soave Classico Monte Sella 2012 Le Mandolare
18 Colli Euganei Fior d’Arancio Passito Donna Daria 2013 Conie Emo Capodilista
18 Recioto della Valpolicella Classico 2010 Zenato
18,5 Valpolicella Superiore Ripasso Campi Magri 2012 Corte Sant’Alda
18 Amarone della Valpolicella Classico 2010 Monte Dall’Ora
18 Amarone della Valpolicella Classico Risenva Fracastoro 2006 Villabella
18 Harlequin 2008 Zymè

FRIULI VENEZIA GIULIA
18.5 Collio Malvasia 2014 Picech Roberto
18.5 Collio Malvasia Vigna 80 anni 2014 I Clivi
18 Collio Friulano 2014 Colle Duga
18 Collio Malvasia 2014 Raccaro Dario
18 Kai 2011 Paraschos
18.5 Colli Orientali del Friuli Picolit 2013 Sara Marco
18.5 Colli Orientali del Friuli Refosco dal peduncolo rosso Morus Nigra 2013 Vignai da Duline
18.5 Colli Orientali del Friuli Schioppettino di Prepotto 2012 Petrussa
18 Colli Orientali del Friuli Rosso Sacrisassi 2013 Le Due Terre
18 Terrano 2012 Skerlj

EMILIA ROMAGNA
18 Persefone 2013 Vigne dei Boschi
18.5 Albana di Romagna Passito Riserva AR 2010 Zerbina
18.5 Colli Piacentini Vin Santo di Vigoleno 2005 Lusignani Alberto
18 GS Sangiovese 2012 Costa Archi
18 Romagna Sangiovese Superiore Godenza 2013 Noelia Ricci
18 Metodo Classico Il Mattaglio Blanc de Blancs 2010 Cantina della Volta

TOSCANA
18 Vernaccia di San Gimignano Campo della Pieve 2013 ll Colombaio di Santa Chiara
18 Vernaccia di San Gimignano Montenidoli Fiore 2013 Montenidoli
18 Vernaccia di San Gimignano Sanice 2012 Cesani Vincenzo
19 Vin Santo del Chianti Classico 1998 Castell’in Villa
18.5 Sanpetrolo 2005 Petrolo
18.5 Vin Santo di Montepulciano Occhio di Pernice 2000 Avignonesi
18 Vin Santo del Chianti Classico 2006 Rocca di Montegrossi
18 Cristino 2014 La Piana
19 Brunello di Montalcino 2010 Salvioni
19 Brunello di Montalcino 2010 Talenti
19 Brunello di Montalcino Riserva 2009 Stella di Campalto
19 Alceo 2011 Rampolla
18.5 Bolgheri Sassicaia 2012 San Guido
18.5 Brunello di Montalcino 2010 Sesti
18.5 Brunello di Montalcino Colleoni 2010 Santa Maria
18.5 Brunello di Montalcino Le Potazzine 2010 Gorelli – Le Potazzine
18.5 Brunello di Montalcino Riserva 2009 Sesta
18.5 Carmignano Riserva Piaggia 2012 Piaggia
18.5 Cavalli – Tenuta degli Dei 2012 Degli Dei
18.5 Chianti Classico 2013 lsole e Olena
18.5 Cortona Syrah Apice 2011 Amerighi Stefano
18.5 Il Caberlot 2012 Il Carnasciale
18.5 Solaia 2012 Antinori
18.5 Vino Nubile di Montepulciano Nocio dei Boscarelli 2011 Boscarelli
18 Brunello di Montalcino 2010 Brunelli Gianni – Le Chiuse di Sotto
18 Brunello di Montalcino 2010 Costanti
18 Brunello di Montalcino 2010 Fattoi Ofelio & Figli
18 Brunello di Montalcino Giobi 2010 La Fortuna
18 Brunello di Montalcino Ugolaia 2009 Lisini
18 Brunello di Montalcino Vecchie Vigne 2010 Le Ragnaie
18 Brunello di Montalcino Vigna Loreto 2010 Mastrojanni
18 Chianti Classico 2013 Riecine
18 Chianti Classico 2013 Rocca di Castagnoli
18 Chianti Classico Gran Selezione Vigneto Bellavista 2011 Ama
18 Chianti Classico Gran Selezione Villa Bastignano 2012 Villa Calcinaia
18 Chianti Classico Riserva 2011 Lamole di Lamole
18 Chianti Classico Riserva 2011 S. Martino
18 Chianti Classico Riserva ll Poggio 2010 Monsanto
18 Chianti Classico Vigna Cavarchione 2013 Istine
18 Melograno 2013 Podere Concori
18 Morellino di Scansano Riserva Calestaia 2011 Roccapesta
18 Numero Otto 2013 Castelvecchio – Rocchi
18 Palazzi 2013 Trinoro
18 Paleo Rosso 2012 Le Macchiole
18 Rosso di Montalcino 2011 Biondi Santi
18 Rosso di Montalcino 2012 Poggio di Sotto
18 Terre di Pisa Nambrot 2012 Ghizzano
18 Vino Nobile di Montepulciano Simposio 2010 Trerose

MARCHE
19 Gli Eremi 2013 La Distesa
18.5 Falerio Pecorino Onirocep 2014 Pantaleone
18.5 Offida Pecorino Fiobbo 2013 Aurora
18 Offida Pecorino Pistillo 2013 Poderi San Lazzaro
18 Verdiochio dei Castelli di Jesi Classico Ris. Passo Lento 2013 La Marca di San Michele
18 Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico Riserva Villa Bucci 2013 Bucci
18 Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico Superiore Rincrocca 2013 La Staffa

UMBRIA
18 Vinsanto 2011 La Palazzola
18 Lautizio 2014 Collecapretta
18 Montefalco Sagrantino 2011 Romanelli
18 Montefalco Sagrantino Colleallodole 2011 Antano Milziade
18 Torgiano Rosso Riserva Rubesco Vigna Monticchio 2010 Lungarotti
18.5 Brut Metodo Ancestrale 2011 La Palazzola

LAZIO
18 Cesanese del Piglio Superiore Civitella 2013 Macciocca
18 Rosso Le Coste sul Lago
18 Bellone Spumante Brut 2013 Omina Romana

ABRUZZO E MOLISE
18.5 Trebbiano d’Abruzzo 2012 Valentini
18.5 Tauma 2014 Pettinella
18 Montepulciano d’Abruzzo Cerasuolo 2014 Valentini
18 Montepulciano d’Abruzzo Prologo 2013 De Fermo
18 Montepulciano d’Abruzzo Riserva 2010 Praesidium

CAMPANIA
18 Fiano di Avellino 2013 Rocca del Principe
18 Fiano di Avellino 2014 Pietracupa
18 Fiano di Avellino Aipierti 2014 Vadiaperti
18 Greco di Tufo 2014 Pietracupa
18 Greco di Tufo Torrefavale 2013 Cantine dell’Angelo
18 Campi Flegrei Pèr’e Palumm Vigna delle Volpi 2013 Agnanum
18 Sphaeranera 2013 I Cacciagalli
18 Taurasi 2007 Perillo
18 Taurasi 2010 Pietracupa

PUGLIA
18.5 Capoposto 2013 Longo Alberto
18.5 Primitivo di Manduria Es 2013 Fino Gianfranco
18 Maccone Rosso 2013 Angiuli Donato
18 Primitivo di Gioia del Colle Muro Sant’Angelo Contrada Barbatto 2012 Chiaromonte Nicola
18 Salice Salentino Riserva Torre Saracena 2012 Resta
18 Volere Volare 2012 Pietraventosa

BASILICATA
18.5 Aglianico del Vulture Etichetta Bianca 2013 Musto Carmelitano

CALABRIA
18 Cirò Rosso Classico 2012 ‘A Vita

SICILIA
18 Etna Bianca A’Puddara 2013 Fessina
18 Grappoli del Grillo 2013 De Bartoli Marco
18 Sicilia Catarratto Antisa 2014 Tasca d’Almerita
19 Marsala Vergine Baglio Florio 2002 Florio
19 Marsala Vergine Riserva 1988 De Bartoli Marco
18.5 Contrada “R” Rampante 2013 Passopisciaro
18.5 Etna Rosso San Nicolò Contrada Monte 2013 Biondi
18 Etna Rosso 2011 Valcerasa
18 Faro 2013 Bonavita
18 Noto Nero d’Avola 2013 Marabino
18 SP 68 Rosso 2014 Occhipinti Arianna

SARDEGNA
18.5 Malvasia di Bosa 2011 Columbu
18.5 Malvasia di Bosa 2013 Porcu F.lli
18.5 Vernaccia di Oristano Antico Gregori – Contini Attilio
18.5 Barrua 2012 Punica
18 Cannonau di Sardegna 2014 Pusole
18 Cannonau di Sardegna Barrosu Risenva Franzisca 2013 Montisci
18 Cannonau di Sardegna Mamuthone 2012 Sedilesu

avatar

Alessandro Morichetti

Tra i fondatori di Intravino, enotecario su Doyouwine.com e ghost writer @ Les Caves de Pyrene. Nato sul mare a Civitanova Marche, vive ad Alba nelle Langhe: dai moscioli agli agnolotti, dal Verdicchio al Barbaresco passando per mortadella, Parmigiano e Lambruschi.

52 Commenti

avatar

Franco

circa 5 anni fa - Link

Per niente identificabile l'impronta "no convenzionale"......

Rispondi
avatar

il moralizzatore

circa 5 anni fa - Link

Scandalosi...

Rispondi
avatar

Paolo A.

circa 5 anni fa - Link

Se scandalosa è l'aggettivo applicabile a questa lista, temo che per altre guide in uscita un appropriato aggettivo non esista, e si debba coniare un neologismo.

Rispondi
avatar

Marco De Tomasi

circa 5 anni fa - Link

Per una volta riesci a concentrarti su chi c'è, senza lamentarti per chi non trovi.

Rispondi
avatar

spirito

circa 5 anni fa - Link

molto meglio i pecorino di questa guida che quelli del gambero, certo neanche un trentodoc o lambrusco premiati mi sembra assurdo

Rispondi
avatar

Paolo A.

circa 5 anni fa - Link

Un trento doc c'è, Trento Brut Perlé Metodo Classico 2009 Ferrari. per quanto riguarda i lambrusco credo che la spiegazione sia nelle parole di Rizzari riportate nell'articolo: “l’elenco dei vini considerati eccellenti è soltanto la conseguenza del lavoro svolto, senza aggiustamenti geopolitici successivi agli assaggi.” E se realmente così è, per il lambrusco la vedo davvero dura...

Rispondi
avatar

Emanuele

circa 5 anni fa - Link

mi aspetto molti 17 o 17,5 a sto punto

Rispondi
avatar

Veronika

circa 5 anni fa - Link

Anch'io, tanto. Sono un po' perplessa.

Rispondi
avatar

Bettina viaggiatrice

circa 5 anni fa - Link

Non capisco perché' il Lambrusco non possa essere,se ben realizzato e ben espresso,fatto bene in vigneto e magistralmente realizzato dal produttore,un vino eccellente. Se fosse la nobiltà' del vitigno il criterio, avremmo solo Nebbiolo,Sangiovese,Cabernet. E invece anche l'utile Trebbiano,come ci insegna Valentini, può' diventare un'icona.Riflettiamoci.

Rispondi
avatar

MM

circa 5 anni fa - Link

Il nord piemonte si è eclissato. Un lessona, due carema ed un lessona... annate sfigate?

Rispondi
avatar

Emanuele

circa 5 anni fa - Link

Due soli sangiovese premiati in Romagna, nessun lambrusco in Emilia........perplesso.

Rispondi
avatar

vinogodi

circa 5 anni fa - Link

... quest'anno ho assaggiato fra i più buoni Lambrusco della mia giovane vita , anche se non tutti riferiti all'annata in oggetto (molti Metodo Classico sono di due o più vendemmie precedenti) . L'area del Lambrusco sta intraprendendo un cammino di miglioramento tecnico e colturale (ma anche culturale) sorprendente . Effettivamente il vitigno/pianeta Lambrusco ... è un'aggregazione di sfaccettature affascinanti , estremamente vocato per un desco quotidiano e poco propenso ai palati tarati nei concorsi. Nonostante ciò invito all'assaggio di vari Metodo Classico, dal Gran Concerto di Medici rmete a quelli di Lini 910, da quelli di Cantina della Volta a quelli della fu cantina "Francesco Bellei" , da tanti Lambrusco provenienti dalla zona del Cristo a quelli emergenti delle colline parmensi , da Calicella di Torrechiatra fino ad Ozzano Taro. Capisco non sia un gusto che emozioni proprio tutti, ma c'è del buono, tanto buono, andandolo a cercare o , sapendolo, scovare...

Rispondi
avatar

modenese

circa 5 anni fa - Link

Attenzione eh. Per la cronaca nelle guide dei vini italiane i lambruschi erano sempre la cenerentola. Solo una volta mi ricordo che è stato premiato un rosso della zona che era abbastanza atipico, nero, di stile moderno. A parte quello la guida dell'espresso è stata la prima a premiare lambrusco di artigiani di alto livello, mi pare nel 2010. Per la cronaca.

Rispondi
avatar

biotipo

circa 5 anni fa - Link

anche sui brunello vedo una manica corta... farà discutere l'assenza di etichette pluri-celebrate negli ultimi mesi

Rispondi
avatar

Samuele

circa 5 anni fa - Link

Sono molto contento per Marino Colleoni e sua moglie Luisa che fanno da sempre un Brunello fantastico!

Rispondi
avatar

Romeo

circa 5 anni fa - Link
avatar

biotipo

circa 5 anni fa - Link

mi associo, e anche il 2011 promette bene bene

Rispondi
avatar

ArrivaBen

circa 5 anni fa - Link

Ma "lista più attesa" da chi?? Per Sicilia e Umbria scelte molto discutibili. Gli Etna migliori e i Sagrantino migliori sono decisamente altri (per non parlare del Cervaro che in forma come col 2013 non si trovava da 10 anni). Mi piace la selezione dell'Alto Adige però

Rispondi
avatar

ilmoralizzatore

circa 5 anni fa - Link

Caro spirito, il pecorino fiobbo 2013, bevuto al vinitaly è risultato alquanto imbarazzante tanto era verde ed impreciso (tanto per fare un complimento)...diciamo che la linea editoriale dell'espresso premia quei vini "natural" un po controcorrente. Fa bene al movimento...

Rispondi
avatar

Federico

circa 5 anni fa - Link

Come al solito credo che spesso si leggano queste liste con il "cuore" invece che con la curiosità di scoprire e leggere fra le righe. A parer mio, come guida in questi anni mi ha dato l'idea di essere abbastanza premonitrice, o quanto meno riuscire a leggere bene i momenti, le annate e le direzioni che il vino prende nelle varie regioni d'Italia. Credo sia questa la cosa interessante di una guida, non certo doverci trovare per forza premiati molti vini della mia regione o il mio vino del cuore (che se lo è davvero, poco importa che voto gli danno). Per rifarmi all'esempio dei lambruschi, negli anni 2010/2011/2012 (circa) se avessi guardato solo guide come GR, 2000V & Co , ne avrei assaggiati ben pochi. Cosa che invece ho fatto avendo, notando che qualcosa di davvero buono si muoveva e avendolo letto fra le righe di guide come questa e SW.

Rispondi
avatar

Vignadelmar

circa 5 anni fa - Link

Scusate la domanda, ma il Cerbaiona 2010, che non ha ricevuto premi né dal Gambero né da questa Guida, è stato assaggiato? A noi è piaciuto un po', gli abbiamo dato solo 99/100...... . Ciao

Rispondi
avatar

Andrea Gori

circa 5 anni fa - Link

In effetti poi poteva scapparci pure il 100! In ogni caso vino esaurito da febbraio quindi cambia pochissimo...ma hai ragione, è un'assenza poco giustificabile.

Rispondi
avatar

Paolo De Cristofaro

circa 5 anni fa - Link

Cerbaiona non ha inviato campioni per le degustazioni del Gambero Rosso.

Rispondi
avatar

Andrea Gori

circa 5 anni fa - Link

credo non li abbia inviati a nessuno, Paolo

Rispondi
avatar

gp

circa 5 anni fa - Link

Neanche a Doctorwine, quindi, che l'ha premiato come miglior rosso dell'anno? Pare difficile.

Rispondi
avatar

Assaggiovunque

circa 5 anni fa - Link

Dr Wine non assaggia i vini in batteria ma nelle più svariate occasioni come fiere dedicate quali Vinitaly, Cerea, Nebbiolo Prima, Le anteprime toscane, la Villa di Maule. Valgono anche gli assaggi in cantina, in bevute private, presentazioni delle altre guide, seminari e in alcuni casi si fanno anche mandare i campioni. Vale tutto. Anche il Bianco dell'anno non è stato premiato da nessun'altra guida. Voi credete che il bianco dell'anno sia stato spedito da Loffredo?

Rispondi
avatar

Rondinella

circa 5 anni fa - Link

Dunque più che guida "Essenziale" dovrebbe chiamarsi "Occasionale" od anche "Casuale" no? :-)

avatar

giusonzo seppegni

circa 5 anni fa - Link

guida per me sempre attenta e puntuale a sottolineare le novita' e a rimarcare le certezze.anche per me ci sono diversi vini che avrebbero meritato di essere nell'elenco, dare un giudizio affrettato basandomi sola sulla lista mi sembra cosa scorretta..la guida va sfogliata con cura parecchie volte ..anche perché tanti vini che ci saremmo aspettati di trovare nel listone..magari avranno preso 17 o 17,5....e allora diventa questione di dettagli..di sfumature..!!

Rispondi
avatar

Paolo A.

circa 5 anni fa - Link

A me ha colpito, più che l'inclinazione per i vini naturali (che non mi sembra poi così spiccata), la prestazione eccezionale di ben due vini di Prunotto (che ricordo è di proprietà Antinori...)

Rispondi
avatar

Paolo A.

circa 5 anni fa - Link

Mi correggo, tre vini!!!

Rispondi
avatar

Romeo

circa 5 anni fa - Link

Ogni volta che sento parlare di guide classifiche e punteggi .................................Nel 1983 chiesi al giornalista Sheldon Wasserman di non pubblicare il punteggio dei miei vini. Così fece, ma non solo, sul libro “Italian Noble Wines” scrisse che chiedevo di non far parte di classifiche ove il confronto, dagli ignavi reso dogma, è disaggregante termine numerico e non condivisa umana fatica. Non ho cambiato idea, interesso una ristretta fascia di amici-clienti, sono una piccola azienda agricola da 20 mila bottiglie l’anno, credo nella libera informazione, positiva o negativa essa sia. Penso alle mie colline come una plaga anarchica, senza inquisitori o opposte fazioni, interiormente ricca se stimolata da severi e attenti critici; lotto per un collettivo in grado d’esprimere ancor oggi solidarietà contadina a chi, da Madre natura, non è stato premiato. E’ un sogno? Permettemelo. "Teobaldo Cappellano"

Rispondi
avatar

Federico

circa 5 anni fa - Link

Belle parole e anche condivisibili. Però professare "libera informazione" significa anche accettare chi la pensa diversamente, senza pensare di avere la verità assoluta in tasca. Cosa che sono certo che condividerai.

Rispondi
avatar

Romeo

circa 5 anni fa - Link

Non penso che Teobaldo Cappellano pensasse di avere la verità assoluta in tasca ..e non penso neppure avesse paura dei giudizi negativi ...condivido la libera informazione , non mi fido però dell'uomo davanti al denaro .

Rispondi
avatar

Il chiaro

circa 5 anni fa - Link

Per quel che mi riguarda è la guida che piu si avvicina ai mei gusti, quindi la leggo sempre attenamente. Erò certe cose non le capisco: che senso ha inserire Monprivato e Villero di Giuseppe Mascarello entrambi 2010 quando è da novembre dello scorso anno che sono esauriti in cantina? Idem per i brunello 2010 ormai merce rara nelle cantine

Rispondi
avatar

Armando Castagno

circa 5 anni fa - Link

Ma perché, i vini si scelgono e si comprano solo in cantina?

Rispondi
avatar

Talete

circa 5 anni fa - Link

Io solo future, compro a bacca ancora acerba

Rispondi
avatar

il chiaro

circa 5 anni fa - Link

Non si comprano solo in cantina, ma le guide le leggono anche enotecari e ristoratori che si rivolgono direttamente alle cantine. Tutto qua.

Rispondi
avatar

Montosoli

circa 5 anni fa - Link

Meno male che all Estero ....che compra maggior volume dei nostri grandi vini....ci aiutano Robert Parker e Suckling.....perche se dovremmo sperare nelle Guide Italiane.....un mare di Aziende non esistirebbero o totalmente sconosciute.

Rispondi
avatar

antonio

circa 5 anni fa - Link

Mah, forse 20 anni fa può darsi, attualmente sono molto meno importanti, soprattutto The Wine Advocate, da quando c'è la nuova proprietà ed il nuovo staff ha perso moltissima credibilità, mentre JS ha molta meno visibilità da quando ha lasciato Wine Spectator. Per quanto riguarda gli USA, oggigiorno sembrano molto più seguiti Vinous e Wine Spectator.

Rispondi
avatar

antonio

circa 5 anni fa - Link

Nessun Sauvignon Friulano quest'anno!! Paura di incappare in aromi artificiali?

Rispondi
avatar

Padremax

circa 5 anni fa - Link

Da Modenese e promotore (senza interessi) del Lambrusco ve lo dico a malincuore ma quello che i produttori più bravi sono riusciti a fare con una vendemmia sfigata come la 2014 sono piccoli capolavori in certi casi ma non certo delle eccellenze, e quindi dalla guida che più esprime consenso positivo dagli appassionati mi pare che siano giudizi più che idonei. aspettatevi comunque diversi 17

Rispondi
avatar

spirito

circa 5 anni fa - Link

si potevano premiare lambrusco mc del 2013 sono ottimi

Rispondi
avatar

wine princess

circa 5 anni fa - Link

Qualche considerazione: in tutta Italia, parlando ovviamente di vini fermi, è stato premiato un solo sauvignon e nessun chardonnay, vermentino, pinot grigio e pinot nero. Mi pare una risposta eloquente a chi dice che ci stiamo avvicinando sempre più alla Francia. Va peraltro riconosciuto che un'annata climaticamente mediocre come la 2014 ha inciso parecchio in questa pessima performance. Poi, è un vero peccato il non vedere recensite aziende di altissimo livello come ad esempio Gaja, Dal Forno, Soldera, Casanova di Neri e Quintodecimo, ma tant'è.. Ognuno di noi agisce come meglio crede, io stessa, per dire, a scatola chiusa compro solo Arrigoni. Vigorosa tirata d'orecchi a chi ha riportato sulla guida il prezzo del Solaia compreso in una forbice che va dai 96 ai 111 euro; mi duole informarvi che il suddetto vino costa in realtà dal doppio al triplo in qualunque negozio, vedere per credere. Infine, Bruno Vespa non mi sta sicuramente simpatico, anzi, ma se i suoi vini vengono giudicati mediamente buoni e i punteggi ottenuti lo dimostrano, mi fa davvero piacere, significa che una gran parte del can-can mediatico che aveva suscitato era solo fuffa.

Rispondi
avatar

Bruno

circa 5 anni fa - Link

Bhe, ho dato un'occhiata su winesercher e il Solaia sta in media tra 140 e 170 euro.. quindi il prezzo è sbagliato ma non è il doppio o il triplo. Sempre poi la stessa cosa delle recensioni mancanti .. nessuno delle aziende che dici manda i vini all'espresso ( Soldera non li manda poi a nessuno)

Rispondi
avatar

il chiaro

circa 5 anni fa - Link

sono abbastanza certo che Solaia esca da Antinori a più dei 111 € indicati in guida. Trovarlo a scaffale di enoteca a 140 sarebbe un bel colpo di fortuna se l'articolo piace

Rispondi
avatar

Vignadelmar

circa 5 anni fa - Link

Il Cerbaiona 10, assieme a tutti gli altri 100/100 di Montalcino, lo abbiamo bevuto una sera a cena con Daniele Cernilli. In effetti fu una bella bevuta..... ;-) . Ciao

Rispondi
avatar

Vignadelmar

circa 5 anni fa - Link

Rondinella, hai ragione!!! Solo che di occasioni per bere ne abbiamo tante..... :-) Così facendo, ad esempio, abbiamo potuto premiare in maniera importante ed impegnativa come "Azienda dell'anno" Alessandro Dettori. Volendo essere seri mi sembra anche di poter dire che alcuni Produttori che verso altre Guide praticano una politica di non inviare i vini per essere giudicati, con noi di Doctor Wine si sentono ancora desiderosi di essere giudicati. . Ciao

Rispondi
avatar

Alberto R.

circa 5 anni fa - Link

OK, vabbè, DoctorWine. Che dite...torniamo a parlare di guide?

Rispondi
avatar

Marco

circa 5 anni fa - Link

La cosa "strana" è che quest'anno non ci sono sono più cantine anche famose presenti del 14 e 15.... boh

Rispondi
avatar

Gianluca Magnani

circa 5 anni fa - Link

Grandiosi Barbacarlo di Maga e Picchioni

Rispondi
avatar

Gianluca Magnani

circa 5 anni fa - Link

Grandiosi Barbacarlo di Maga e Picchioni

Rispondi
avatar

David

circa 5 anni fa - Link

La guida in sè, pur essendo molto limitata per numero di cantine e vini, non è male; l'unica pecca che ho trovato è sul prezzo di alcuni vini, sballato ma non di qualche euro, ma di 10/15 euri!

Rispondi

Commenta

Rispondi a Montosoli or Cancella Risposta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.