di | gio 10 ott 2013 ore 9:43
42
medagliere

Tutte le Eccellenze per la guida I Vini d’Italia 2014 de L’Espresso (e 3 vini da 20/20)

È ogni anno la lista più attesa perché originale e figlia di degustazioni più che calcoli aritmetici: ecco tutte le Eccellenze per la guida I Vini d’Italia 2014 de L’Espresso, cioè tutti i vini con un punteggio di 18/20 o superiore. Per la cronaca, quest’anno ci sono ben 3 vini da 20/20: Moscato Passito di Pantelleria 2009  – Ferrandes, Barbaresco Crichët Pajé 2004 – I Paglieri – Roagna, Barolo Riserva Vigna Rionda 2007 – Vigna Rionda – Massolino. Che ve ne pare? Commento libero.

I VINI DELL’ECCELLENZA

VALLE D’AOSTA
Bianchi
18 Valle d’Aosta Chambave Muscat Attente 2008 – La Crotta di Vegneron
Rossi
18 Valle d’Aosta Donnas 2008 – Caves Cooperatives de Donnas
18 Valle d’Aosta Torrette Superiore 2011 – Château Feuillet
18 Valle d’Aosta Torrette Superiore 2011 – Ottin Elio

PIEMONTE
Bianchi
18.5 Langhe Riesling Hérzu 2011 – Germano Ettore
18 Erbaluce di Caluso Le Chiusure 2012 – Favaro – Le Chiusure
18 Gavi del comune di Gavi 2012 – Martinetti Franco
18 Gavi Pisé 2011- La Raia
18 Langhe Riesling 2011 – Cà del Baio
Dolci
18.5 Moscato d’Asti Vigna Vecchia 2007 – Cà d’Gal
Rossi
20 Barbaresco Crichët Pajé 2004 – I Paglieri – Roagna
20 Barolo Riserva Vigna Rionda 2007 – Vigna Rionda – Massolino
19.5 Barolo Monprivato in Castiglione Falletto 2008 – Mascarello Giuseppe e Figlio
19.5 Barolo Riserva Monfortino 2006 – Conterno Giacomo
19 Barbaresco Pajé Vecchie Vigne 2008 I Paglieri – Roagna
19 Barbaresco Santo Stefano 2010 – Castello di Neive
19 Barolo Monvigliero 2009 – Alessandria Fratelli
19 Barolo Riserva Le Rocche del Falletto 2008 -Giacosa Bruno
19 Barolo Rocche 2009 – Brovia Fratelli
18.5 Barbaresco Asili Vecchie Vigne 2008 – I Paglieri – Roagna
18.5 Barbaresco Martinenga 2010 – Cisa Asinari
18.5 Barbaresco Montefico Vecchie Vigne 2008 – I Paglieri – Roagna
18.5 Barbaresco Rabajà 2010 – Cortese Giuseppe
18.5 Barbaresco Rabajà 2010 – Rocca Bruno-Rabajà
18.5 Barbaresco Riserva Rabajà 2006 – Cortese Giuseppe
18.5 Barbera d’Alba Cascina Francia 2011 – Conterno Giacomo
18.5 Barbera d’Asti Bricco dell’Uccellone 2011 – Braida
18.5 Barbera d’Asti Superiore Alfiera 2010 – Marchesi Alfieri
18.5 Barolo 2008 – Borgogno Giacomo & Figli
18.5 Barolo Bricco Sarmassa 2009 – Brezza Giacomo & Figli
18.5 Barolo Brunate – Le Coste 2009 – Rinaldi Giuseppe
18.5 Barolo Brunate 2009 – Poderi Marcarini
18.5 Barolo Le Rocche del Falletto 2009 – Giacosa Bruno
18.5 Barolo Parafada 2009 Palladino
18.5 Barolo Prapò 2009 – Ceretto
18.5 Barolo Riserva Lazzarito 2007 – Germano Ettore
18.5 Barolo Riserva Villero 2006 – Vietti
18.5 Barolo Sarmassa 2009 – Brezza Giacomo & Figli
18.5 Barolo Sorì Ginestra 2009 – Conterno Fantino
18.5 Barolo Villero in Castiglione Falletto 2008 – Mascarello Giuseppe e Figlio
18.5 Dolcetto d’Alba Coste & Fossati 2011 – Vajra
18.5 Gattinara Molsino 2006 – Nervi
18 Barbaresco 2010 – Castello di Verduno
18 Barbaresco Gallina 2009 – Poderi e Cantine Oddero
18 Barbaresco Ovello Vigna Loreto 2010 – Rocca Albino
18 Barbaresco Riserva Vigneti in Rio Sordo 2008 – Produttori del Barbaresco
18 Barbera d’Asti Superiore Sansì Selezione 2010 – Scagliola
18 Barolo 2009 – Mascarello Bartolo
18 Barolo Bricco delle Viole 2009 – Vajra
18 Barolo Brunate 2009 – Damilano
18 Barolo Ca’ Mia 2009 – Brovia Fratelli
18 Barolo Camilla 2009 – Grimaldi Bruna
18 Barolo Riserva 2006 – Borgogno Giacomo & Figli
18 Barolo Riserva Bussia 2004 – Parusso Armando
18 Barolo Riserva Bussia 2007 – Fenocchio Giacomo
18 Barolo Riserva Pernanno 2007 – Sobrero Francesco e Figli
18 Carema Etichetta Bianca 2009 – Ferrando
18 Carema Riserva 2009 – Cantina dei Produttori Nebbiolo di Carema
18 Dogliani Superiore Bricco Botti 2010 – Pecchenino Fratelli
18 Felice Na 2011 – Carussin
18 Gattinara Pietro 2009 – Iaretti Paride
18 Ghemme 2007 – Ca’ Nova – Giada Codecasa
18 Ghemme 2009 – Torraccia del Piantavigna
18 Grignolino del Monferrato Casalese Bricco del Bosco Vecchie Vigne 2008 – Accornero
18 Roero Riserva Renesio 2009 – Malvirà

LIGURIA
Bianchi
18 Colli di Luni Vermentino Pianacce 2012 – Giacomelli
18 Portofino Cimixà L’Antico 2012 – Bisson – Piero Lugano
18 Riviera Ligure di Ponente Pigato Arcana Bianco 2010 – Terre Bianche
18 Riviera Ligure di Ponente Pigato Sogno 2011 – VisAmoris
Rossi
18 Rossese di Dolceacqua Superiore Poggio Pini 2011 – Tenuta Anfosso

LOMBARDIA
Bianchi
18 Lombardia Lugana del Lupo 2010 – Ca’ Lojera
18 Lugana Brolettino 2011 – Ca’ dei Frati
Rossi
19.5 Valtellina Superiore Riserva Le Barbarine 2007 – Fondazione Fojanini – La Castellina
18.5 Barbacarlo 2011 – Barbacarlo
18.5 Oltrepò Pavese Buttafuoco Bricco Riva Bianca 2009 – Picchioni Andrea
18.5 Valtellina Superiore Riserva 2010 – Dirupi
Spumanti
18.5 Franciacorta Riserva Brut Cuvée Annamaria Clementi 2005 – Ca’ del Bosco
18 Franciacorta Brut Collezione Esclusiva Giovanni Cavalleri 2005 – Cavalleri
18 Franciacorta Satèn Vintage Collection 2008 – Ca’ del Bosco

TRENTINO
Bianchi
18 Besler Biank 2008 – Pojer & Sandri
18 Isidor 2010 – Fanti Giuseppe
18 Trentino Riesling Le Strope 2010 – Zanotelli
Dolci
18 Trentino Vino Santo 2004 – Poli Giovanni
Rossi
19 Carmenère 2007 – Tenuta San Leonardo
19 Sgarzon 2011 – Foradori
18.5 Terre di San Leonardo 2010 – Tenuta San Leonardo
18 Groppello di Revò Lasterosse 2010 – Pancheri Pietro
18 Pinot Nero 2010 – Vallarom
Spumanti
19 Trento Extra Brut Riserva Lunelli 2006 – Ferrari

ALTO ADIGE
Bianchi
19 Feldmarschall 2011 – Tiefenbrunner
18.5 A.A. Terlano Pinot Bianco Riserva Vorberg 2010 – Produttori Terlano
18.5 A.A. Terlano Réserve della Contessa 2012 – Graf Enzenberg – Manincor
18.5 A.A. Valle Isarco Grüner Veltliner 2012 – Nössing Manfred – Hoandlhof
18 A.A. Pinot Bianco Praesulis 2012 – Prackwieser Markus – Gumphof
18 A.A. Terlano Pinot Bianco Eichhorn 2012 – Graf Enzenberg – Manincor
18 A.A. Terlano Sauvignon Quarz 2011 – Produttori Terlano
18 A.A. Valle Isarco Gewürztraminer Brixner 2012 – Köfererhof
18 A.A. Valle Isarco Sylvaner 2012 – Nössing Manfred – Hoandlhof
18 A.A. Valle Isarco Sylvaner 2012 – Pacherhof
18 A.A. Valle Isarco Sylvaner 2012 – Strasserhof
18 A.A. Valle Isarco Sylvaner Brixner 2012 – Köfererhof
18 A.A. Valle Isarco Veltliner 2012 – Strasserhof
18 A.A. Valle Venosta Gewürztraminer 2012 – Pratzner Franz – Falkenstein
18 A.A. Valle Venosta Riesling Castel Juval Windbichel 2011 – Unterortl – Aurich
Dolci
18 A.A. Moscato Giallo Passito Serenade Castel Giovanelli 2010 – Viticoltori Caldaro
Rossi
18 A.A. Cabernet Riserva Kampill 2010 – Mayr Josephus – Unterganzner
18 A.A. Lagrein Riserva 2009 – Heinrich Mayr – Nusserhof
18 A.A. Santa Maddalena Classico 2012 – Ramoser Georg – Untermoserhof

VENETO
Bianchi
18 Breganze Vespaiolo Angarano Bianco 2012 – Villa Angarano
18 Soave Classico Contrada Salvarenza Vecchie Vigne 2011 – Gini
18 Soave Classico Le Bine de Costìola 2011 – Tamellini
18 Soave Classico Monte Sella 2011 – Le Mandolare
Dolci
18 Antico Pasquale 2006 – Masari
19 Recioto della Valpolicella Classico 2001 – Quintarelli Giuseppe
18 Recioto della Valpolicella Metodo Classico Cuvée 1998 – Villa Rinaldi
Rossi
19 Amarone della Valpolicella Classico 2006 – Bertani
18.5 Amarone della Valpolicella Classico Morar 2008 – Cubi Valentina
18.5 Valpolicella Classico Superiore 2004 Quintarelli Giuseppe
18 Amarone della Valpolicella 2007 – Trabucchi
18 Amarone della Valpolicella Classico Capitel Monte Olmi 2008 – Tedeschi Fratelli
18 Amarone della Valpolicella Classico Fracastoro 2005 – Villabella
18 Amarone della Valpolicella Cl. Scarnocchio Tenuta Lena di Mezzo 2008 – Monte del Frà
18 Amarone della Valpolicella Vigneto di Campo delle Strie 2008 – Tenuta Chiccheri
18 Bardolino 2011 – Tantini Giovanna
18 Colli Euganei Rosso Gemola 2009 – Vignalta
18 Colli Euganei Rosso Villa Capodilista 2010 – Emo Capodilista – La Montecchia
18 Relogio 2011- Ca’ Orologio
Spumanti
18 Conegliano Valdobbiadene Prosecco Sup. Brut Dosaggio Zero 2010 – Follador Silvano

FRIULI VENEZIA GIULIA
Bianchi
18.5 Collio Bianco 2012 – Colle Duga
18.5 Collio Bianco Andritz 2012 – Sturm Oscar
18.5 Malvasia 2009 – Podversic Damijan
18.5 Malvasia 2011 – Skerk
18 Collio Friulano Clivi Brazan 2011 – I Clivi – Zanusso Ferdinando
18 Collio Malvasia 2012 – Raccaro Dario
18 Collio Pinot Grigio 2011 – Schiopetto Mario
18 Isonzo del Friuli Friulano La Vila 2011 – Lis Neris
18 Isonzo del Friuli Pinot Grigio 2011 – Borgo San Daniele
18 Isonzo del Friuli Rive Alte Pinot Grigio Sot Lis Rivis 2012 – Ronco del Gelso
18 Isonzo del Friuli Rive Alte Pinot Grigio Dessimis 2011 – Vie di Romans
18 Vitovska 2011 – Zidarich
Rossi
18.5 Colli Orientali del Friuli Pinot Nero 2011 – Le Due Terre
18.5 Colli Orientali del Friuli Schioppettino di Prepotto 2010 – Petrussa
18 Terrano 2010 – Skerlj

EMILIA ROMAGNA
Dolci
18.5 Colli Piacentini Malvasia Passito 2011 – Il Negrese
18.5 Colli Piacentini Vin Santo Albarola Val di Nure 2003 – Barattieri di S. Pietro
Rossi
18 Don 2010 – Villa Liverzano – Marco Montanari
18 Lambrusco Grasparossa di Castelvetro Il Grasparossa della Tradizione – Ten. Pederzana
18 Poggio Tura 2009 – Vigne dei Boschi
18 Sangiovese di Romagna Riserva Superiore “7” 2007 – Calonga
18 Sangiovese di Romagna Riserva Superiore Ombroso 2009 – Madonia Giovanna
18 Sangiovese di Romagna Ris. Sup. Pruno 2010 – Drei Donà – Tenuta La Palazza

TOSCANA
Bianchi
18 Vernaccia di San Gimignano Campo della Pieve 2011 – Il Colombaio di Santa Chiara
18 Vernaccia di San Gimignano Montenidoli Fiore 2011 – Montenidoli
Dolci
19.5 Vin Santo di Montepulciano Occhio di Pernice 1999 – Avignonesi
19 La Sorpresa 2007 – Pacina
18 Il Passito di Corzano 2001 – Corzano e Paterno
Rossi
19 Carmignano Riserva Piaggia 2010 – Piaggia – Vannucci Silvia
19 Chianti Classico Riserva 2008 – Castell’in Villa
19 Chianti Classico Riserva 2009 – Val delle Corti
19 Il Caberlot 2010 – Podere Il Carnasciale
18.5 Bilaccio 2010 – Il Borghetto
18.5 Brunello di Montalcino 2008 – Biondi Santi
18.5 Brunello di Montalcino 2008 – Cerbaiona
18.5 Brunello di Montalcino Riserva 2007 – Biondi Santi
18.5 Brunello di Montalcino Riserva 2007 – Lisini
18.5 Brunello di Montalcino Riserva 2007 – Querce Bettina
18.5 Caiarossa 2010 – Caiarossa
18.5 Chianti Classico 2010 – Val delle Corti
18.5 Masseto 2010 – Ornellaia
18.5 Montechiari Cabernet 2010 – Montechiari
18.5 Stielle 2009 – Rocca di Castagnoli
18.5 Suisassi 2010 – Duemani
18.5 Vino Nobile di Montepulciano Nocio dei Boscarelli 2009 – Boscarelli
18 Avvoltore 2010 – Moris Farms
18 Boggina Anfora 2011 – Tenuta di Petrolo
18 Bolgheri Rosso Superiore Campo al Fico 2010 – I Luoghi
18 Bolgheri Rosso Sup. Grattamacco 2010 – ColleMassari – Podere Grattamacco
18 Bolgheri Sassicaia 2010 – San Guido
18 Brunello di Montalcino 2008 La Cerbaiola – Salvioni
18 Brunello di Montalcino La Casa 2007 – Tenuta Caparzo
18 Brunello di Montalcino Piaggione 2008 – Podere Salicutti
18 Brunello di Montalcino Riserva 1 2 3 2007 – Cencioni Patrizia – Solaria
18 Brunello di Montalcino Riserva 2006 – Gorelli – Tenuta Le Potazzine
18 Brunello di Montalcino Riserva 2007 – Poggio di Sotto
18 Brunello di Montalcino Ugolaia 2007 – Lisini
18 Brunello di Montalcino Vigna Schiena d’Asino 2008 – Mastrojanni
18 Campo alla Sughera 2009 – Campo alla Sughera
18 Cepparello 2010 – Isole e Olena
18 Chianti Classico 2009 – Castell’in Villa
18 Chianti Classico 2010 – Castello d’Albola
18 Chianti Classico 2011 – Badia a Coltibuono
18 Chianti Classico 2011 – Riecine
18 Chianti Classico Riserva 2010 – I Fabbri
18 Chianti Classico Riserva Lamole 2009 – Lamole di Lamole
18 Chianti Rufina Riserva Vigneto Bucerchiale 2010 – Selvapiana
18 d’Alceo 2009 – Castello dei Rampolla
18 Guardiavigna 2010 – Podere Forte
18 Haiku 2010 – Castello di Ama
18 Montecucco Sangiovese Riserva Cenere 2008 – Amiata
18 Montevertine 2010 – Montevertine
18 Morellino di Scansano Brumaio 2010 – Tenuta Pietramora di Collefagiano
18 Rosso di Montalcino Ciampoleto 2011 – Tenuta San Giorgio
18 Salamartano 2010 – Montellori
18 Tignanello 2010 – Marchesi Antinori
18 Vino Nobile di Montepulciano 2010 – Podere Lamberto
Dolci rossi
18.5 Cristino 2012 – La Piana
18 Elba Aleatico 2009 – Acquabona

MARCHE
Bianchi
18.5 Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico Riserva San Paolo 2010 – Pievalta
18 Capovolto 2012 – La Marca di San Michele
18 Offida Pecorino Mida 2012 – Allevi Maria Letizia
18 Onirocep 2011 – Pantaleone
18 Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico Riserva Villa Bucci 2010 – Bucci
18 Verdicchio di Matelica 2012 – Collestefano
Rossi
18.5 Nocenzio 2011 – La Distesa

UMBRIA
Bianchi
18 Cervaro della Sala 2011 – Castello della Sala
Rossi
18 Montefalco Sagrantino 2009 – Romanelli
Spumanti
18 Gran Cuvée Brut Metodo Ancestrale 2010 – La Palazzola

ABRUZZO E MOLISE
Bianco
19 Trebbiano d’Abruzzo 2011 – Pepe Emidio
18 Trebbiano d’Abruzzo 2011 – Valentini
Rosati
18 Cerasuolo d’Abruzzo 2012 – Pepe Emidio
18 Montepulciano d’Abruzzo Cerasuolo 2012 – Praesidium
Rosso
18.5 Montepulciano d’Abruzzo Mazzamurello 2010 – Torre dei Beati
18.5 Montepulciano d’Abruzzo Riserva 2008 – Praesidium
18 Montepulciano d’Abruzzo Prologo 2011 – De Fermo
18 Montepulciano d’Abruzzo Tonì 2010 – Cataldi Madonna

CAMPANIA
Bianchi
18.5 Fiano di Avellino 2012 – Pietracupa
18.5 Fiano di Avellino Aipierti 2012 – Vadiaperti
18 Fiano di Avellino 2011 – Di Prisco
18 Fiano di Avellino 2012 – Tenuta Ponte
18 Greco di Tufo 2012 – Pietracupa
18 Greco di Tufo Scipio 2011 – Di Marzo
18 Greco di Tufo Terrantica Etichetta Bianca 2012 – I Favati
18 Greco di Tufo Vigna Cicogna 2012 – Ferrara Benito
18 Tresinus 2012 – Agricola San Giovanni
Rossi
19 Irpinia Campi Taurasini Satyricon 2010 – Tecce Luigi
18.5 Campi Flegrei Pèr‘e Palummo Vigna delle Volpi 2011 – Agnanum
18.5 Taurasi 2006 – Perillo

PUGLIA
Rossi
18.5 Maccone Primitivo 2011 – Angiuli Donato
18.5 Gioia del Colle Primitivo “17” 2010 – Polvanera
18 Capoposto 2011 – Longo Alberto
18 Copertino Rosso Riserva 2007 – Cantina Sociale Cooperativa Copertino
18 Primitivo di Gioia del Colle Muro Sant’Angelo Contrada Barbatto 2010 – Chiaromonte
18 Primitivo di Manduria Es 2011 – Fino Gianfranco
18 Squinzano 2010 – Vinicola Resta
Dolci
18 Capasonato Vinicola Savese

BASILICATA
Rossi
18 Aglianico del Vulture Donato D’Angelo 2009 – D’Angelo – Ruppi
18 Aglianico del Vulture Titolo 2011 – Fucci Elena

CALABRIA
Rossi
18 Cirò Rosso Classico Superiore Riserva Duca Sanfelice 2011 – Librandi
18 Cirò Rosso Classico Superiore Riserva Volvito 2010 – Caparra & Siciliani
18 Lacrima Nera 2010 – Feudo dei Sanseverino
Dolci
18 Moscato Passito 2012 – Viola Luigi & Figli

SICILIA
Bianchi
18.5 Etna Bianco A’ Puddara 2011 Tenuta di Fessina
18.5 Etna Bianco Arcuria 2011 Graci
18 Grappoli del Grillo 2011 De Bartoli Marco
Dolci
20 Moscato Passito di Pantelleria 2009 – Ferrandes
19 Marsala Superiore Riserva 1987 – De Bartoli Marco
18 Malvasia delle Lipari Passito 2011 – Caravaglio
18 Marsala Superiore Donna Franca Riserva – Cantine Florio
Rossi
18.5 Cerasuolo di Vittoria Classico 2010 – COS
18.5 Contrada Rampante 2011 – Passopisciaro
18.5 Etna Rosso 2008 – Valcerasa
18 Cabernet Sauvignon 2010 – Tasca d’Almerita
18 Cerasuolo di Vittoria 2012 – Gulfi
18 Etna Rosso ‘a Rina 2011 – Russo Girolamo
18 Faro 2011 – Bonavita
18 Il Frappato 2011 – Occhipinti Arianna

SARDEGNA
Bianchi
18 Santigaini 2009 Capichera
18 Vermentino di Sardegna Kanimari 2011 Tresmontes – Nuraghe Crabioni
Dolci
18.5 Malvasia di Bosa 2010 Porcu F.lli
Rossi
19 Cannonau di Sardegna Barrosu Riserva 2010 Montisci Giovanni-Barrosu
18 Cannonau di Sardegna Ballu Tundu Riserva 2010 Cantina Giuseppe Sedilesu
18 Cannonau di Sardegna Nepente di Oliena Sos usos de una ia 2009 Gostolai

avatar

Info su Alessandro Morichetti

Tra i fondatori di Intravino, vende vino su Doyouwine.com. Marchigiano, vive a Barbaresco. Ama tutti gli animali e qualche umano.
Spedisci via email

42 commenti a Tutte le Eccellenze per la guida I Vini d’Italia 2014 de L’Espresso (e 3 vini da 20/20)

  1. avatar Francesco Annibali

    quel degustraminer della val venosta, il prosecco 2010 e la lacrima nera calabra mi incuriosiscono parecchio

  2. avatar Adriano Aiello

    Mi sembra sempre la migliore tra le guide. Tanta bella roba.
    Piccole reflessioni (non richieste) personali:
    Certi bianchi piemontesi mi paiono sempre un po’ sopravvalutati
    Mi aspettavo un paio di Rossese in più.
    Arpepe?
    è uscito il Vignasilan che per me è un grandissimo bianco, magari annata inferiore
    Contento per Tenuta Ponte. Qualità/prezzo un Fiano eccellente che non si fila mai nessuno, o almeno così mi pare

    • avatar Pippuz

      Già … Rossese 2012 buonissimi. C’è da dire che il Poggio Pini 2011 premiato (guarda caso l’ho aperto proprio ieri sera) è un gran bel vino.

    • avatar Il chiaro

      Arpepe credo non abbia mandato i campioni. CREDO.

    • avatar Marco

      arpepe ha inviato i campioni
      17 a rocce rosse e ultimi raggi

    • avatar Adriano Aiello

      Ero contento per Tenuta Ponte perchè conosco la cantina e ho apprezzato 2010 e 2011, il 2012 (tutto da farsi) l’ho assaggiato oggi e mi pare molto inferiore. Chiuso, rotondo, con poco sprint. Bah

  3. avatar Francesco Annibali

    ma la lacrima nera calabra ha qualcosa a che fare con la lacrima di morrovalle o col piedirosso? naa conosco

    • avatar antonio f.

      no. la Lacrima nera non rientra tra i vitigni idonei in questa regione (il vino è IGT). Credo si tratti di uno dei tanti sinonimi del Gaglioppo (come Arvino Nero e Magliocco, quest’ultimo da distinguere dal Magliocco Canino che invece è una cultivar a parte)….

      • avatar Francesco Annibali

        grazie

        • avatar Mauro Erro

          La lacrima non è un sinonimo di gaglioppo (nè lo è il magliocco dolce, tutt’altro vino/vitigno). Potrebbe assomigliare proprio a quest’ultimo. Tanto è, che annate più vecchie di questo vino di Sanseverino, di natura sperimentale, sono molte diverse organoletticamente dalle ultime.
          In Calabria solo negli ultimi anni si sta mettendo un po’ di ordine dal punto di vista dei vitigni nei registri.

          • avatar Francesco Annibali

            Quindi mi dici che il lacrima potrebbe essere magliocco, e che -- come mi risultava -- magliocco e gaglioppo sono vitigni ben distinti?

          • avatar Mauro Erro

            @ Francesco Annibali: si gaglioppo e magliocco sono due cose distinte, anche se erroneamente segnate come sinonimi nel registro dei vitigni e utilizzati in alcune zone della Calabria dagli stessi produttori. Nella zona di Saracena, dove è Sanseverino, gaglioppo (quello di Cirò, tanto per capirci) non se ne vede molto. La lacrima potrebbe, e ripeto potrebbe, essere magliocco dolce -- e in ogni caso è spesso utilizzata come suo sinonimo in alcune zone.

          • avatar antonio f.

            @mauro erro: grazie per la precisazione! effettivamente ho scoperto che le informazioni in mio possesso erano un tantino arretrate (e, controllando, anche sul registro nazionale è così!); in rete ho trovato un interessante articolo di Anna Schneider che riassume un recente studio effettuato sulle diverse varietà diffuse in Calabria. lo linko per chiunque volesse informazioni in merito (se possibile) :
            http://www.oicce.it/sito/ot/ot36/ot36vigna.html

  4. avatar Nic Marsél

    L’assenza dell’l’Igt Vigne delle Dolomiti 2009 di Elisabetta Dalzocchio mi pare grave, a meno che non vengano spediti i campioni. Questa giustificazione invece non vale per il Kupra di Casolanetti che ho appena visto nella lista del gambero.

  5. avatar Pippuz

    Azz … si sono accorti di Ferrandes. Male, malissimo. Toccherà prenotarlo. :-)

    • avatar Riccardo Sellani

      ehm.. guarda che è un po’ il contrario , sei tu che ti accorgi adesso che premiano Ferrandes: questo è quarto anno di seguito che prende l’eccellenza..

      • avatar Pippuz

        :D e hai ragione pure tu. 2006-2007-2008 tutti e tre a 18,5, sinceramente mi era sfuggito.

  6. avatar gabriele succi

    Contentissimo per l’amico Paolo Babini e il suo Poggio Tura 2009, sangiovese delle alte colline di Brisighella.
    Ovviamente un grande che è stato giustamente premiato (e pure con 2 vini ) è Roberto Bianchi di Val delle Corti. Ineccepibile!

    • avatar AG

      Bravo Roberto!! Ineccepile è l’aggettivo perfetto. A presto a tutti e due.

  7. Andrea Federici ha fatto un interessantissimo parallelismo tra Eccellenze Espresso e 5 Grappoli Bibenda:
    http://degustazioniagrappoli.blogspot.it/2013/10/espresso-ais-52-100.html?spref=fb.

    • avatar Federico

      C’è comunque da notare che essendo due scale di valori diversi il paragone va ponderato.
      In effetti si nota subito che il numero totale (in tutte le regione tranne Valle D’Aosta) delle cantine premiate da AIS è nettamente superiore a quelle dell’Espresso, per cui già da questo appare che la singola espressione messa a titolo del post è poco significativa. Se non a far capire che l’AIS premia circa il doppio di cantine con il suo massimo punteggio.
      Da questo, diventa interessante vedere i grossi scostamenti da questa media, come l’enorme differenza che c’è in alcune regioni, in primis Lazio.
      Qualcuno ha idea del perchè?

    • avatar gp

      Piccola svista di Federici: in Espresso (ESP), la Liguria è 5 e la Vd’Aosta 4.

      Oltre alla tavola di confronto tra i premi assegnati pubblicata da Federici, sarebbe interessante farne una seconda in cui si abbassa la soglia dell’eccellenza di ESP in modo da avvicinare i totali. Per esempio, se si recuperano i 149 vini con 17,5/20 (appena pubblicati sul blog di Rizzari e Gentili) il totale ESP diventa 421, 99 in meno rispetto all’AIS. Così si vedrebbero più chiaramente le regioni in cui ESP supera l’AIS, nonostante i premi in meno rispetto al totale AIS.

    • avatar massimo

      federico, secondo me il lazio è veramente una regione che deve fare molta strada ancora, pur avendo, soprattutto nella zona dei castelli romani, ottime condizioni ambientali per terreno, altitudine, piovosità, esposizione ai venti marini. Quindi, secondo me la verità sta nel mezzo: forse nessun 18 dell’espresso è troppo severo (cesanesi del piglio come quello di Le Visciole secondo me merita un 18, per esempio), ma di sicuro l’ais esagera con 13. E questo avviene perchè aisroma-bibenda ha molti amici nei dintorni della capitale, come ad esempio fontana candida, che produce un frascati superiore, il luna mater, che ha ambizioni da grande vino, ma solo quelle, e paolo e noemia d’amico. Entrambe le aziende sono più volte l’anno presenti nelle degustazioni organizzate dall’ais di roma, questo mi fa pensare che, almeno nel lazio, da parte di bibenda possa mancare un po’ di obiettività

      • avatar Federico

        Grazie.
        E se commetti una leggerezza così evidente, è chiaro ch tutto il tuo impianto di credibilità …. traballa.

      • avatar bruno

        Forse però alcune produzioni di Sergio Mottura potevano starci…..

    • avatar Nic Marsél

      Non conosco i vini della nuova annata, ma almeno un’eccellenza per Gianmarco Antonuzi (che mi risulta abbia mandato i campioni) me la sarei aspettata.

  8. avatar Alessio

    E anche qui … Che tristezza! Tante cose buone, certamente, ma quante lacune! Ma questi critici cosa bevono? Anche se la domanda più giusta sarebbe: una volta scoperte le carte, le carte cambiano? Mah!

  9. avatar Gasperuccia

    5 considerazioni salienti: 1) il kerner è passato di moda 2) lo chardonnay 2000 Produttori Terlano non è stato premiato 3) il 2008 per Montalcino è stata un’annataccia 4) il Lazio è scomparso 5) nessun bianco siciliano del 2012 ha ottenuto l’eccellenza. Dati molto interessanti per i consumatori come me.

    • avatar AG

      2008 annataccia a Montalcino? mah….

    • avatar Federico

      Scusa ma negli ultimi anni di kerner a 18 neanche l’ombra e non è che bianchi d’annata siciliani abbiano mai fatto incetta di eccelleze.

  10. avatar Zuk

    Annataccia anche per i pinot nero altoatesini? Pressoché scomparsi dalle eccellenze di tutte le guide. Bah! Spezzo una lancia anche a favore dei kerner (provare per credere Manni Nössing o Strasserhof).

  11. avatar Luca Azzellino

    In fondo mi interessa poco o niente, ma non posso non notare ad esempio che i vini di Le Macchiole vengano puntualmente o quasi non premiati da L’ Espresso. Possibile che dei vini che riscontrano un vastissimo apprezzamento da parte del pubblico non riescano mai a sfangarla?

  12. avatar Paolo

    Grande Barbaresco Santo Stefano castello di Neive!

  13. avatar GIANFRANCO

    BE CHE DIRE…………….DI BARROSU….IL VINO MERITA E LE ABILI MANI DI GIOANNI …..LAVORANO A OCCHI CHIUSI…..BRAVO…….

  14. avatar Luca

    Vedo con moooooooooolto piacere che su questa guida la Franciacorta di eccellenza ne ha poco niente…SACROSANTO

  15. Il giudizio sulle guide e sugli assaggi che fanno gli altri è privo di senso, visto che tendiamo a considerare ben fatte le classifiche che assecondano i nostri gusti. Come nella vita preferiamo ci si dia ragione anzichè torto. Banale ma proprio per questo non ha senso giudicare chi giudica. Mi concentrerò sugli assaggi di ciò che non amo di questo elenco, magari cambio idea. Per esempio.

  16. avatar Salvo

    Erbaluce grande bianco da scoprire , bravo Camillo!!

  17. avatar Gasperuccia

    Ho finalmente acquistato la guida, ed ho notato con vivo rammarico che aziende del calibro di Roberto Voerzio, Jermann, Casanova di Neri e Quintodecimo, tutti produttori di fascia alta o altissima, evitano di farsi recensire… beh, liberissimi di agire come meglio credono, ma anche il semplice consumatore è libero eccome di trarre le proprie conclusioni…

  18. avatar Maurizio Valeriani

    Grandissimo vino il Barrosu Riserva 2010 di Giovanni Montisci, che è in grado di mettere in riga anche grenache francesi molto rinomate. Complimenti a Giovanni. Complimenti anche a Sedilesu, Gostolai e Capichera, che sono delle conferme. Grande attenzione dedicherei anche ad un’azienda si Sorso, che si sta affermando nella qualità da subito: il Kanimari e il Sussinku sono degli ottimi Vermentini, che io ho avuto il piacere di premiare per primo (mi riferisco al Sussinku 2009) quando collaboravo con la Guida Vini Buoni d’Italia

  19. In Oltrepò Pavese siamo molto felici per il risultato raggiunto dopo una costante crescita qualitativa dal Buttafuoco Bricco Riva Bianca di Andrea Picchioni, che dà visibilità e lustro a una piccola denominazione. Ne approfitto per segnalarvi che il 15 novembre prossimo terremo una verticale di Bricco Riva Bianca nell’ambito del ciclo di serate OltreLaStoria al ristorante Prato Gaio di Montecalvo Versiggia.

  20. Pingback: Quali sono i wine blog che contano? | CinelliColombini

Lascia un commento

1. Ospite
Commenta subito
2. Iscritto a Facebook o Twitter
Commenta con il tuo profilo social
accedi
3. Iscritto a Intravino
Registrati/Login



Inserisci un'immagine nel commento cliccando qui.