Tra FIS e Palazzo Chigi c’è l’accordo: ora scegliamo insieme i 6 vini per i Capi di Stato

di Antonio Tomacelli

Proprio nel giorno in cui la Fondazione Italiana Sommelier pubblica il listone dei vini premiati con i 5 grappoli, arriva la notizia di un accordo tra Franco Ricci e Palazzo Chigi. Leggiamo l’annuncio fatto da Daniela Scrobogna alle agenzie di stampa:

“Dalla Presidenza del consiglio abbiamo avuto l’incarico di selezionare i sei vini per la cassetta-dono che il premier consegnerà ai Capi di Stato che gli faranno visita, nonché le carte dei vini di tutte le occasioni officiali del Governo.”

Bel colpo direi ma proviamo per un attimo a pensare a che tipo di bottiglie ci potrebbero essere in quelle casse. Insomma, diamo una mano a Ricci che a vedere la lista dei premiata dalla sua guida c’è il rischio di regalare ai capi di Stato qualche dispiacere.

Facciamo qualche esempio: regalare ad Hollande un Franciacorta è un filino rischioso, peggio-mi-sento se nella cassa ci infilano un taglio bordolese (vendere ghiaccioli ai pinguini, n’est pas?). Occhio anche a Putin: i vini in anfora fanno tanto Georgiano, potrebbe aversene a male. E se a Palazzo Chigi mi piomba il Papa in visita istituzionale? Banditi assolutamente Passerina, Soffocone e qualunque Nero di Troia, mi raccomando. Occhio, inoltre, ai capi di stato musulmani, ché a scappare l’incidente diplomatico è un attimo. Una bella scatola di cioccolatini spassa la paura.

E adesso veniamo a noi, miei piccoli lettori: potendo scegliere, che vini infilereste in quella cassetta-regalo? Sei vini per dire al mondo chi siamo, forza e coraggio!

avatar

Antonio Tomacelli

Designer, gaudente, editore, ma solo una di queste attività gli riesce davvero bene. Fonda nel 2009 con Massimo Bernardi il blog Dissapore e, un anno dopo, Intravino e Spigoloso. Lascia il gruppo editoriale portandosi dietro Intravino e un manipolo di eroici bevitori. Classico esempio di migrante che, nato a Torino, va a cercar fortuna al sud, in Puglia. E il bello è che la trova.

19 Commenti

avatar

Francesco Garzon

circa 4 anni fa - Link

Non citerò ne annate ne aziende sarò un po' generico ma non troppo: Barolo, Brunello, Amarone, Fiano, Bianco Friulano, Vin Santo del Chianti. Mi perdonino quelli delle altre regioni. :)

Rispondi
avatar

EnzoPiet

circa 4 anni fa - Link

Più che le etichette sarebbe bello capire con quale criterio si sceglierà. Io opterei per quello geografico. L'Italia: da Pantelleria al Brennero. Quindi due vini del sud, due del centro e due del nord. E partendo dai colori della bandiera farei due bio per il verde, due bianchi e due rossi. Con etichette che cambiano ogni anno. Escluso il vino di D'Alema per esplicito conflitto d'interesse.

Rispondi
avatar

Francesco Garzon

circa 4 anni fa - Link

Si è vero il fatto che cambino ogni anno potrebbe essere un requisito essenziale. Magari anche ogni 5 anni ....

Rispondi
avatar

Apicius

circa 4 anni fa - Link

Per esplicito conflitto di interesse o perché regalando una sua bottiglia ai capi di Stato si rischierebbero incidenti diplomatici multipli?

Rispondi
avatar

federico

circa 4 anni fa - Link

barolo, brunello, verdicchio, greco di tufo, passito di pantelleria. penso possa dare una minima idea di tutta l'italia vinicola.

Rispondi
avatar

GiovanniP

circa 4 anni fa - Link

Ne manca uno, io ci infilerei un Gewurztraminer dell'Alto Adige.

Rispondi
avatar

ale

circa 4 anni fa - Link

io metterei solo 6 bute di barolo

Rispondi
avatar

Angelo D.

circa 4 anni fa - Link

Madoooo, se i pagamenti sono tipo quelli promessi per i debiti delle PA stanno freschi ;-) Viva l'Italia!

Rispondi
avatar

Alessandro Morichetti

circa 4 anni fa - Link

Basterebbe farsi omaggiare dalle cantine. Magari qualcuno lo ha già fatto, ti pare? ;-)

Rispondi
avatar

il chiaro

circa 4 anni fa - Link

io ai capi di stato antipatici regalerei qualcosa tipo prosecco e lambrusco e un bel bianco barricato pesantemente.

Rispondi
avatar

Giampi Giacobbo

circa 4 anni fa - Link

Beh il Capo di Stato di Loredan Gasparin of course

Rispondi
avatar

Annie MARTIN-Stefanatto

circa 4 anni fa - Link

Giampi, è il vino che mi è venuto in testa subito ! un pò di storia ci vuole non ? [img]http://www.loredangasparini.it/prodotti/capo-di-stato/etichetta/[/img]

Rispondi
avatar

Rosanna

circa 4 anni fa - Link

Un bel FIANO DI AVELLINO Etichetta bianca dei "FAVATI"....la Campania in un bicchiere.....

Rispondi
avatar

manzo

circa 4 anni fa - Link

MANZONE GIOVANNI, 6 BAROLO RISERVA GRAMOLERE 2007, OFFCOURSE:-)

Rispondi
avatar

bruno

circa 4 anni fa - Link

tutte ottime idee ma visto il selezionatore forse opterà per i vini di D'Alema, Sting, Albano, Vespa e un paio di cantine raccomandate da Cotarella..........così tanto per.....

Rispondi
avatar

Gianni Morgan Usai

circa 4 anni fa - Link

Manca il vino di Marzullo...

Rispondi
avatar

Gianni Morgan Usai

circa 4 anni fa - Link

.. il San Crispino.. dove lo vogliamo lasciare..? Perchè Gaja si e San Crispino no.? Che è un art. 18 anche il San Crispino..??

Rispondi

Commenta

Rispondi a Alessandro Morichetti or Cancella Risposta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.