Sudtiroler Sekt, le bollicine dell’Alto Adige

di Andrea Gori

Ci deve essere un motivo valido per cui questa mania di spumantizzare e metodoclassicizzare tutto ha preso così campo nel mondo del vino italiano. Sarà la possibilità di raggiungere un nuovo pubblico che in genere sta alla larga dal vino di una certa zona per questioni personali o di gusto. E’ strano quindi trovarsi davanti ad una vera fioritura di metodo classico da un’area che non ha certo problemi a piazzare i suoi vini, anche a prezzi non bassi, come l’Alto Adige. Ma essendo una regione che continua ogni anno a stupirci piacevolmente, abbiamo accettato di buon grado l’invito ad assaggiare una piccola selezione di bollicine locali.

Bollicine che cominciano anche ad avere una certa storia: è infatti il 1911 quando alla Mostra di Vini di Bolzano viene presentato con successo il primo spumante altoatesino (base riesling!) con un nome non proprio understatement, “Oro d’Oltradige”, da parte della cantina di Appiano: uno spumante che era cominciato a circolare con discreto successo nelle famiglie bene della regione già dalla fine del 1800.

Da allora è un successo costante senza boom o forzature, per arrivare oggi ad una quota in lieve aumento pari a circa 250.000 bottiglie l’anno. Quasi tutti vengono prodotti da pinot bianco, chardonnay e pinot nero coltivati spesso in alta quota (tra i 500 fino ai 1000 metri) in condizioni di escursione termica importante e con una permanenza minima sui lieviti di 15 mesi, anche se spesso si va molto oltre. Come ci si può immaginare l’acidità non è mai un problema in queste condizioni, semmai è più difficile un corretto bilanciamento tra sapidità ed estratto con uve che in qualche annata faticano a raggiungere la piena maturità per gusto e aromi che sono anche piuttosto diversi da quelli di altre regioni grazie all’abbondante uso di pinot bianco, una delle varietà che passano più sottotraccia d’Italia.

Arunda Brut. La cantina più alta d’Europa a 1200 mt slm è guidata dal mitico e carismatico Josef Reitner. Il Brut è composto da pn, ch, pb, 24 mesi lieviti: note di fieno e ginestra, bocca piaciona e fruttata, finale solare. 84

Arunda Extra Brut. 80% ch, 20% pn. Tiglio e ciclamino, pesca bianca e lime, bocca soffice e piena, cremosa e leggera. 86

Arunda Cuvée Marianne. 80% ch, 20%pn, con lo chardonnay in legno per 48-54 mesi: tostature e nocciole, pepe nero e resina, bocca saporita e strutturata, bel finale. 88

Arunda Riserva 2009. 60% ch e 40% pn, 48 mesi sui lieviti: mela e tiglio, bocca animata e briosa, finale incalzante e radioso, lungo. 90

Arunda Brut Rosé. 50% pn e 50% pb: melograno e menta, fragola e lampone, bocca saporita e fruttata molto dolce ma solo come sensazione, molto gastronomico ma delicato, anche. 87

Arunda Rosé Excellor. 100% pn: mela rossa, ribes rosso, sottobosco e granatina, bel corpo. 88

Kellerei Sankt Pauls Preclarus. 100% ch di cui metà legno, 6gr/lt, 48 mesi sui lieviti: lieve vena ossidativa, miele e fiori di campo, bocca vinosa e sapida, finale secco e veloce, bella la cremosità. 84

Lorenz Martini Comitissa 2008. 30% pb, 50% pn, 20% ch, 5 anni sui lieviti: floreale alpino e miele di melata, bocca di mela golden sapida e vinosa, termina fruttato e con pepatura finale. 85

Lorenz Martini Comitissa Gold 2002. 50% ch, 50% pb: arioso, balsamico e fruttato, elegante e saporito, con volume e cremosità, piacevolmente candito e di struttura anche se l’eleganza prevale e incanta. 92

Kettmeir Brut. 26-27 mesi sui lieviti, 8gr/lt: animato, floreale e solare, bocca molto carnosa e di frutto giallo, pesca e mandarino, dolcezza finale ma non stucchevole. 85

Kettmeir Rosé. Melograno e menta, arancia rossa, lampone e ribes, succo di mela, bocca accesa, dinamica e ritmata, dissetante e vitale. 87

Si esce dalla degustazione piuttosto soddisfatti, anche se per dare una valutazione complessiva mancavano i prodotti di Braunbach, Erste+Neue, e la prossima creatura di St. Michael Eppan. Ce n’è abbastanza per salutare con felicità lo stato attuale delle bollicine altoatesine, che hanno un feeling comune molto intrigante in quanto riescono a rimanere sempre piacevolissime e fresche eppure molto intense per aromi e capacità di riempire il palato. Certo qualche mese in più per certe cuvée migliorerebbe il risultato, ma i prezzi tenderebbero a salire mettendoli in una nicchia pericolosa di prodotti piuttosto cari. Adesso stanno tra i 15 e i 25 euro di media: si tratta di metodo classico dall’ottimo rapporto qualità prezzo.

[Immagine principale: Suedtirol.info

Andrea Gori

Quarta generazione della famiglia Gori – ristoratori in Firenze dal 1901 – è il primo a occuparsi seriamente di vino. Biologo, ricercatore e genetista, inizia gli studi da sommelier nel 2004. Gli serviranno 4 anni per diventare vice campione europeo. In pubblico nega, ma crede nella supremazia della Toscana sulle altre regioni del vino, pur avendo un debole per Borgogna e Champagne. Per tutti è “il sommelier informatico”.

16 Commenti

avatar

benux

circa 6 anni fa - Link

manca il meglio: Stocker con i suoi metodo classico con una percentuale di sauvignon, per i miei gusti sono in assoluto le migliori bollicine "italiane" per rapporto qualità prezzo

Rispondi
avatar

Andrea Gori

circa 6 anni fa - Link

i famosi sekt che Stocker si è imboscato da Terlano?!?

Rispondi
avatar

Andrea

circa 6 anni fa - Link

battuta o sai qualcosa che mi è sfuggita?

Rispondi
avatar

Andrea

circa 6 anni fa - Link

ok, ho trovato il vecchio articolo di Corazzol. Diciamo che non sarebbe male assaggiare una bolla Stoker del 1992, potrebbe mettere in difficoltà un Krug.....

Rispondi
avatar

Renato

circa 6 anni fa - Link

Sebastian Stocker non si é certo "imboscato" nulla, come si afferma incautamente, dalla Cantina di cui é stato fedele e onorato eccelso kellermeister per 40 anni. Le prove di spumantizzazione metodo classico le ha sempre fatto e le fa, con l'aiuto del figlio, a casa sua, dove ci sono annate su annate che documentano il suo tenace lavoro. Questo per la precisione

Rispondi
avatar

Federico

circa 6 anni fa - Link

Forse manca anche Haderburg

Rispondi
avatar

Andrea Gori

circa 6 anni fa - Link

hai ragionissima, altro grande davvero

Rispondi
avatar

Federico

circa 6 anni fa - Link

Tra l'altro un gran bel posto davvero, vigne, maso e persone disponibilissime. Non mi ha convinto del tutto il 2004 che però ho solo assaggiato là, ed è facile che sia soprattutto colpa della mia poca dimestichezza con spumanti complessi. Il Rosè è buonissimo, Pas Dosè all'altezza e anche il Brut di quest'anno mi è piaciuto molto, visto anche il buon prezzo.

Rispondi
avatar

Sergio

circa 6 anni fa - Link

Von Braunbach non è male. Comunque l'Alto Adige geograficamente e storicamente comincia da S. Michele Adige, dunque...

Rispondi
avatar

Paolo

circa 6 anni fa - Link

mmmhhh... voterei per Salorno, appena oltre San Michele all'Adige

Rispondi
avatar

Il chiaro

circa 6 anni fa - Link

Sono decisamente di parte (collaboro con Lorenz Martini e Haderburg) per cui non mi sbilancio in opinioni chiaramente poco obiettive, ma da assaggi fatti in cantina il meglio deve ancora venire da nota azienda Alto Atesina. Parlo di un 100% pinot nero del quale ho assaggiato sboccature a la volé davvero notevolissime, ma il titolare, essendo un pignolo, non si sente ancora pronto per metterle in commercio.

Rispondi
avatar

Sergio

circa 6 anni fa - Link

epperò, così non vale! possiamo aprire la caccia al nome? un aiutino? 50 &50 almeno: piccolo produttore di sinistra Adige o Cantina Sociale sulla strada del vino?

Rispondi
avatar

maruska

circa 6 anni fa - Link

ma a sx Adige hanno pinot nero da spumantizzare anzichè vinificarlo in rosso?

Rispondi
avatar

Renato

circa 6 anni fa - Link

il produttore prossimo ad uscire con un metodo classico, sempre che non cambi idea, meticoloso e pignolo com'é, ha i baffi, porta gli occhiali e si chiama Franz

Rispondi
avatar

Damiano

circa 6 anni fa - Link

dovevi dire che porta gli occhiali, il capello, ha i baffi... cosi rifacciamo quel gioco di nome indovina chi. che tristezza l'amarcord.

Rispondi
avatar

Il chiaro

circa 6 anni fa - Link

Bravo. Assaggiato 2010 e 2011 ancora sui lieviti e devo dire che ci siamo decisamente, però conoscendo Franz probabilmente quando lo riterrà pronto sarà anche esaurito: ne apre 3/4 a settimana per prova :-) :-)

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.