Sistemi operativi: gli utenti iPhone preferiscono il vino, quelli Android la birra

di Antonio Tomacelli

Gli umani si dividono in due grandi categorie: quelli che hanno un iPhone e gli altri, i possessori di un telefonino. Appartengo fermamente alla prima categoria e ho serie difficoltà anche a scrivere “Android” ma, che ci vuoi fare, la completezza d’informazione mi impone la citazione della concorrenza. Ok, lo ammetto, noi Mac-addicted siamo un filo spocchiosi ma il solco che divide le due fazioni pare sia molto più profondo e radicato.

Un’indagine di mercato della società americana Battery Ventures, infatti, ha rilevato tutta una serie di differenze di comportamento tra gli utenti iOS e Android che confermano la contrapposizione finora solo sospettata.

Chi possiede un iPhone, ad esempio, preferisce spostarsi in aereo, investe i suoi risparmi in borsa ed è ateo. Gli androidiani, al contrario, usano spesso i trasporti pubblici, frequentano i fast food e vanno a messa con una certa frequenza.

Gli unici punti di contatto tra i due gruppi, riguardano i redditi, mediamente uguali, la proprietà della casa nella quale vivono e la frequentazione del canale Fox News, che in America è considerato di destra.

La differenza che “fa la differenza”, almeno per quello che ci riguarda, è un’altra: pare, infatti, che gli utenti iPhone siano consumatori di vino mentre gli utenti Android prediligono la birra.

Da utente iPhone potrei confermare il dato: nella mia cartella immagini le foto di bottiglie stappate occupano due terzi della memoria complessiva. Non tutte memorabili, sia chiaro, ma di birre neanche l’ombra. La spocchia di cui sopra e le ricerche di marketing non c’entrano granché, lavoro in questo settore e le foto mi aiutano ma un dubbio mi assale: se avessero ragione loro?

Scatta a questo punto il sondaggino fra i lettori: ma davvero chi ha un iPhone preferisce il vino e chi possiede Android beve solo birra?

 

 

avatar

Antonio Tomacelli

Designer, gaudente, editore, ma solo una di queste attività gli riesce davvero bene. Fonda nel 2009 con Massimo Bernardi e Stefano Caffarri il blog Dissapore e, un anno dopo, Intravino e Spigoloso. Lascia il gruppo editoriale portandosi dietro Intravino e un manipolo di eroici bevitori. Classico esempio di migrante che, nato a Torino, va a cercar fortuna al sud, in Puglia. E il bello è che la trova.

12 Commenti

avatar

Alberto

circa 6 anni fa - Link

Android user e wine lover... Strane accoppiate comunque. Per quanto mi riguarda non vado a messa, mi sposto come capita, non amo i fast food. Il mondo un po' chiuso stile setta (vedi anche folletto ed ammennicoli vari) non mi piace molto ma tutti i gusti son gusti. P.S. Gli iUtenti più fanatici sono diventati atei il giorno della dipartita di Jobs? :D

Rispondi
avatar

damiano

circa 6 anni fa - Link

Generalizzerei a linux senza discriminare ma cmq free. Che si avvicina ad un pensiero indipendente anche di un certo tipo di vino. la ricerca è commissionata usa o effettuata usa ? ad ogni modo fallibile come gran parte di esse. Quasi una foto diametralmente opposta a me.

Rispondi
avatar

Daniele

circa 6 anni fa - Link

Francamente Android ha l'81% di quote del mercato Smarphone nel mondo, Iphone il 12.9%. Se può avere un vago senso provare a ricomprendere qualcosa di tipizzante in quel 12% decisamente è impossibile in un 81% che significa centinaia di milioni di persone che hanno in tasca telefoni da 49€ o da 729€

Rispondi
avatar

Paolo Carlo

circa 6 anni fa - Link

Il 90% delle immagini sul mio Android parlano di vino, vigna o cantina..

Rispondi
avatar

Homo

circa 6 anni fa - Link

Libertà vs Prigionia iPhone free

Rispondi
avatar

Homo

circa 6 anni fa - Link

iFree vs iPhone

Rispondi
avatar

Ganascia

circa 6 anni fa - Link

Le differenze comportamentali grosse sono altre: basta comparare le differenze tra i ricavi degli sviluppatori delle due piattaforme. La stragrande maggioranza dei ricavi viene da iOS, non dall’80% android. In pratica gli utenti android non sganciano un soldo per applicazioni e servizi, come del resto navigano pochissimo. Questo ovviamente condiziona tantissimo la qualità generale del software.

Rispondi
avatar

Memmo

circa 6 anni fa - Link

Ragionamento e deduzioni un po' confuse. L'80% dei ricavi generati dalle app arrivano dal mobile gaming; pertanto il dato che tu citi che farebbe pensare gli iPhonisti come a una massa di spensierati giocherelloni. La apps che servono per usare lo smartphone in ambito professionale (dalla mail al browser, dalle suite di produttività tipo Office alla gestione dei cloud, dalle PIM ai vari reader, su Google Play sono disponibili gratuitamente. il che impedisce di avvalorare semplificazioni quali "spendo di più, quindi sono un utente esperto".

Rispondi
avatar

Stefano Cinelli Colombini

circa 6 anni fa - Link

Ma ndo vive questo, noi gente del Papa siamo per il vino! La birra è roba da Merkel, ruttatori e simili esseri abrutiti.

Rispondi
avatar

ziliovino

circa 6 anni fa - Link

Gli iPhonisti li riconosci perchè hanno la batteria sempre scarica... Al Vinitaly ho visto gente aggirarsi per gli stand col caricabatterie in mano chiedendo prima ancora di assaggiare se poteva attaccarlo alla corrente. Centinaia di euro per comprarlo e poi la batteria non tiene un tubo, io lo ridarei indietro...

Rispondi
avatar

MAurizio

circa 6 anni fa - Link

Mi sembra che l'indagine sia basata su un grave bias di censo. Da un lato abbiamo il consumatore "comune" le cui risorse non sono enormi e si indirizza su consumi (compreso il tipo di telefonino) consoni al suo borsellino. Dall'altro abbiamo chi puo' spendere centinaia di dollari per telefonare, viaggia abitualmente in aereo e investe in borsa. Analogamente consumerà con più facilità una bevanda mediamente più costosa della birra.

Rispondi
avatar

Paolo

circa 6 anni fa - Link

"Analogamente consumerà con più facilità una bevanda mediamente più costosa della birra." Ossantapaletta, vuoi dire che anni e anni e anni di polemiche sulla onesta birra artigianale più costosa di un onesto barolo/montepulciano sono stati sprecati? Che il prezzo che i ns. produttori di birra non è ancora sufficientemente elevato per "intercettare i consumi del target alto di clientela"? Ossantapalett,a lo sai che mi provochi un colpo al Quore, con questa tua rivelazione? ;)

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.