Signori del vino. Su Rai Due da sabato trentuno gennaio alle ore 23.45 (zzzzz)

di Cristiana Lauro

Cominciamo col commento di Carlin Petrini, che non è poca cosa visto che qualcuno lo vorrebbe prossimo Presidente della Repubblica Italiana: “Non sono mai stato prodigo di complimenti nei confronti della Rai, ma ho visto un’anteprima entusiasmante e dico che di questo programma avevamo bisogno come il pane.”

In effetti era ora che si dedicasse uno spazio del genere al mondo del vino, a più di cinquant’anni da Soldati, un periodo di assenza troppo lungo per un settore così importante per il nostro paese. Talmente rilevante da valere il contributo del Ministero delle Politiche Agricole alla realizzazione del progetto. Grande qualità tecnica nell’esecuzione, peraltro. Le immagini proposte in anteprima a Viale Mazzini durante la conferenza stampa di questa mattina sono bellissime, seducenti, vere, senza tanto trucco e parrucco, così come il montaggio che tiene un ritmo vivace e non si pianta, come spesso accade, invece, in una certa narrazione soporifera. Immagini che avvicinano lo spettatore alla vigna, alla terra che produce quel vino, alla storia del suo produttore e, per una volta tanto, non ci si ferma a roteare un calice per raccontarne i bei sentori di cardamomo e rabarbaro.

Due bravi giornalisti appassionati di vino, Marcello Masi e Rocco Tolfa (con loro ci sarà anche Marco Simonit, “preparatore d’uva”), viaggiano attraverso le campagne italiane, da nord a sud e ci presentano la vita dei produttori, di chi lavora la terra e coltiva la vigna (per ora sappiamo di Angelo Gaja, Arianna Occhipinti e Josko Gravner). Un buon modo per avvicinare il pubblico al lavoro quotidiano dei vigneron italiani, faccenda che non può essere banalizzata.

Tuttavia in più di uno in sala ci siamo chiesti: perché la messa in onda di un programma così opportuno il sabato sera alle 23.45? Beh no, è prevista anche la replica la mattina seguente alle 8.30. Tutto molto bello, ma voglio dire: il sabato a quell’ora a casa a vedere la tele ci sta mio zio Alfio e la domenica alle 8.30 butta un occhio giusto mia zia Concetta dall’ospizio Villa Arzilla. Bah!

avatar

Cristiana Lauro

Cantante e attrice di formazione ma fortemente a disagio nell’ambiente dello spettacolo, che ha abbandonato per dedicarsi al vino, sua più grande passione dopo la musica. Lauro è una delle degustatrici più esperte d’Italia e con fierezza si dichiara allieva di palati eccellenti, Daniele Cernilli su tutti. Il suo sogno è un blog monotematico su Christian Louboutin e Renèe Caovilla, benchè una rubrica foodies dal titolo “Uomini e camion” sarebbe più nelle sue corde. Specialista di marketing e comunicazione per aziende di vino è, in pratica, una venditrice di sogni (dice).

48 Commenti

avatar

fabio

circa 4 anni fa - Link

Ma ve ne andasse mai bene una a questo sito,sempre a parlare male di quello, a fare liste di prescrizione,ma parlare di quella cosa rossa o giallina che stà nelle bottiglie di vetro mai!!!!! Che ,apparte qualcuno, non vi riesce ??????????

Rispondi
avatar

Cristiana Lauro

circa 4 anni fa - Link

Fabio, se mi permetto di ironizzare sulla fascia oraria della messa in onda è solo perché questo programma lo trovo opportuno, molto ben fatto, realizzato da due bravi giornalisti che conoscono bene il tema che trattano e mi piacerebbe che passasse in un orario in cui lo possano vedere anche i giovani. Sappiamo bene che altro è accendere la TV e trovare un contenuto interessante (come Signori del vino), altro è doverselo cercare in replica. Insomma caro Fabio, qui non stiamo parlando male, stiamo parlando benissimo!

Rispondi
avatar

fabio

circa 4 anni fa - Link

lo avevo capito che non ne parlavi male,la mia era una lamentela più generalizzata sulla deriva che negli ultimi mesi ha preso questo sito....si parla sempre più di pettegolezzi e sempre meno di vino, degustazioni e segnalazioni...meditate ...in quanto la stoffa in casa la avete .

Rispondi
avatar

Fiorenzo Sartore

circa 4 anni fa - Link

divertente: il post precedente a questo e' una degustazione, quello successivo pure. "questo sito", ah, signora mia. e la deriva. e le mezze stagioni.

Rispondi
avatar

Rondinella

circa 4 anni fa - Link

Concordo pienamente con Cristiana. Un programma così potrebbe andare benissimo in fascia oraria più decente al sabato visto che di programmi scadenti in quelle ore del sabato la Rai ne trasmette molti. Magari in coda ad esempio ad Easy Rider che parla di auto e moto e che peraltro c'è da ricordare che porta molte sponsorizzazioni o publiredazionali delle grandi Case Automobilistiche a mamma RAI. E credo che questo sia il punto. Ovvero la Rai sacbenissimo che da un programma così non potrebbe ricavare molto in termini di pubblicitá da parte delle aziende di settore che sappiamo essere oramai disinteressate alla promozione sul mercato italiano. Ecco perchè lo sbattono in fascia pre-sonno o peggio ancora in fascia pre-colazione domenicale quando chi può come la sottoscritta cerca di dormire un po' di più non dovendo andare a lavorare. Eppoi sai che bello sentir parlare di vino dopo la camomilla serale o prima della brioche? Comunque sono davvero contenta che facciano finalmente un programma sui protagonisti del vino perchè spesso le guide si prodigano in punteggi sui vini ma poco parlano di chi li fa e per una come me che compra il vino anche sulla base della simpatia e disponibilitá del vigneron la cosa fa la differenza. Per cui in bocca al lupo!

Rispondi
avatar

Francesco Garzon

circa 4 anni fa - Link

I presupposti mi piacciono e sono fin quasi sorpreso di tale iniziativa. Per le fasce orarie credo che il programma, comunque, debba sottostare alle leggi del mercato televisivo e pubblicitario, nonostante il suo intento divulgativo (speriamo) oltre ad essere agli esordi. E chiaro che i nomi citati sono realtà enologiche di "nicchia", o di particolare rilevanza nel mondo del vino italiano, però si potrebbe pensare che magari verranno raccolte le diverse realtà del mondo del vino anche molto lontane e a volte anche in aperto contrasto tra loro. Che ci sia l'intenzione di fare un lavoro su questo conflitto, magari per non presentarlo come tale, visto che credo proprio che potrebbe non esserlo? ( ci spero ) Masi e Tolfa sono anche gli autori del programma, o per lo meno dei suoi contenuti?

Rispondi
avatar

Cristiana Lauro

circa 4 anni fa - Link

Masi e Tolfa sono anche ideatori del progetto. Lo hanno presentato loro alla Rai

Rispondi
avatar

Tino Bolla

circa 4 anni fa - Link

Che poi uscire sabato sera é da teenager ed anche terribilmente fuori moda come un bordeaux micro ossigenato. Ergo giorno e ora vanno bene.

Rispondi
avatar

Cristiana Lauro

circa 4 anni fa - Link

Può darsi. In compenso chiudersi in camera a quell'ora a trombare con la fidanzatina, tira ancora parecchio.

Rispondi
avatar

Giovanni

circa 4 anni fa - Link

standing ovation (chi l'avrebbe detto?) a Cristiana Lauro. L'alternativa al programma che ci propone (trombare, con la fidanzatina, l'amante, la moglie, insomma, con chi volete voi) é vincente, mette d'accordo tutti, costituisce il più accreditato candidato al Quirinale. Se poi si tromba per non vedere a quell'ora un programma prevedibilmente plasticoso, prevedibile, premasticato, su alcuni personaggi più rappresentativi della Cupola del vino, trattasi di TROMBATA megagalattica. Da orgasmi ripetuti (sperando di essere all'altezza...)

Rispondi
avatar

Laura

circa 4 anni fa - Link

Sul sito della Rai le repliche dal giorno dopo si possono vedere a qualsiasi ora. Poi ci sono anche i videoregistratori col timer!! Da almeno 25 anni :-) La trasmissione per me è una bella news mai la guarderò alle 23.45 ma eccome se la guarderò!

Rispondi
avatar

Stefano Cinelli Colombini

circa 4 anni fa - Link

Alleluia che in TV si parla di vino, e la formula pare azzeccata. Certo però fa una certa tigna che a fronte di cento programmi di cucina, turismo eno-gastronomico, cibi tipici e simili in prima serata il vino è relegato due ore dopo il coprifuoco; rispetto al tortellino siamo figli di un Dio minore, c'è poco da fare.

Rispondi
avatar

Tino Bolla

circa 4 anni fa - Link

Parlare di vino è irrimediabilmente fare pubblicità a qualcuno. Ok le uve e le botti, ma prima o poi devi fare il nome del produttore. Con tutto quello che ne deriva (e, italian style, il marchettone è dietro l'angolo).

Rispondi
avatar

Cristiana Lauro

circa 4 anni fa - Link

Tino, perdonami, ma questo è voler trovare il marcio dappertutto. Se butto un occhio a un programma che racconta le bellezze storiche e architettoniche delle città italiane, ad esempio, non penso che i comuni abbiano scucito dei soldi. Ovvio che una scelta di produttori sia stata fatta, tutti non entravano. E pazienza se qualcuno rosica perché tagliato fuori. Siamo notoriamente un popolo di rosiconi e invidiosi, quanti ne vediamo anche nel mondo del vino, che peccato! @Giovanni, Arianna Occhipinti è assolutamente rappresentativa invece. Il fatto che si sappia proporre (non vendere) per me aggiunge, non sottrae

Rispondi
avatar

Tino Bolla

circa 4 anni fa - Link

No aspetta, io mi riferivo al fatto che è inevitabile che un generico programma/reality/whatever sul vino non sia realizzabile con la stessa semplicità della prova del cuoco o di masterchef. Perchè, inevitabilmente, devi tirare fuori il nome del produttore. Non mi riferivo al programma in oggetto (che, non uscendo e non avendo la fidanzatina, guarderò sia in diretta che in replica). Ovvio che una scelta di produttori andava fatta, ovvio che è dura non parlare dell'Angelino nazionale, e altrettanto ovvio che qualcuno ci possa vedere del marcio (dato che è sport nazionale sia vedere il marcio che farlo). A me personalmente, dato che non lavoro nel mondo del vino (ci ho provato, ma col mio nome non ho mai avuto la credibilità necessaria), dell'ipotetica marchetta interessa poco, e se il programma è godibile sono solo che contento. Soprattutto perchè se si parla davvero del vino parlando di personaggi e territori, è di gran lunga più interessante che sentire il solito tizio affettato che ti racconta di quel non so che di anguria che sente nel cascina francia.

Rispondi
avatar

Paolo

circa 4 anni fa - Link

Un solo dettaglio, gentile Lauro. Scrivi: "Se butto un occhio a un programma che racconta le bellezze storiche e architettoniche delle città italiane, ad esempio, non penso che i comuni abbiano scucito dei soldi." Questo è inesatto. Da tempo la RAI, e non solo, trasmette quel genere di programmi in base ai fondi che gli Enti, le Comunità e le Associazioni sganciano per farsi riprendere. L'ultimo eclatante esempio è quello di una trasmissione sulle" belle Dolomiti" patrimonio UNESCO, che ha innescato una canea non da poco, per l'utilizzo di fondi europei spesi a quel fine.

Rispondi
avatar

Cristiana Lauro

circa 4 anni fa - Link

Quindi vogliamo chiamarli marchettoni. Come vuoi. Io però ho un concetto diverso di marchetta, forse perchè non ne ho mai fatte.

Rispondi
avatar

Paolo

circa 4 anni fa - Link

Ho voluto solo sottolineare che la buona parte delle trasmissioni dedicate a luoghi, eventi, sapori, sono pagate come promozione turistica (o affine). Per stare nel pratico, una trasmissione pur interessante come "pianeta mare" è ben pagata dal ministero delle politiche agricole e forestali. Come si chiami? sponsorizzazione? promozione? marketing? Onestamente non lo so; rilevo che è così.

avatar

Giovanni

circa 4 anni fa - Link

a parte le assolute perplessità sull'ora della messa in onda del programma, aspettiamo di vedere chi saranno (a parte l'ottima scelta di Angelo "le roi" Gaia e dall'immancabile Gravner, sulla giovane e fotogenica Occhipinti nutro molte perplessità, perché in Sicilia ci sono personaggi ben più rappresentativi di lei, ché comunque si sa vendere bene...) gli altri "eroi del vino" scelti in giro per l'Italia. Scommettiamo che saranno i soliti noti e parte della stessa "enocupola" e che magari ne troveremo anche qualcuno improvvidamente invitato da Ricci in visita al Papa?

Rispondi
avatar

doxor

circa 4 anni fa - Link

Beh, uno di quelli sicuro ci sarà...ma alla fine dovendo sceglierne dieci, e non cento, per forza ci saranno gli "industriali agricoli" che comunque sono (forse purtroppo) una parte consistente del vino italico, e qualche "indipendente", come la Occhipinti..secondo me si poteva fare in prima serata per esempio su Rai5 che ha già visto interessanti programmi di cultura gastronomica italiana

Rispondi
avatar

carlo macchi

circa 4 anni fa - Link

Non riesco a capire perché un' occasione del genere debba essere vista in negativo. Va bene, l'orario è tragico ma almeno si parla di vino e pazienza se ci sono i "soliti noti", che almeno davanti ad una macchina da presa ci sanno stare e non rischiano di dire puttanate o di fare scena muta. Di fronte alla totale assenza o alla pecoreccia dipendenza del vino nei programmi sul cibo (vedi il sommelier che in 20 secondi snocciola l'abbinamento) questo è un grosso passo avanti e solo dei miopi rancorosi non riescono a capirlo. La citazione del dito, dello stupido e della luna è obbligatoria.

Rispondi
avatar

gp

circa 4 anni fa - Link

La questione orario purtroppo è dirimente, altro che dito e luna. Per raggiungere un pubblico più vasto rispetto a chi è già sensibilizzato (che registrerà la trasmissione o cercherà la replica in rete) serve una collocazione almeno dignitosa. Quella attuale sembra veramente una barzelletta, in particolare l'uno-due "23.45 sabato - 8.30 domenica": almeno la replica della domenica la si poteva mettere a un'ora decente, visto che la prima trasmissione era già stata abbastanza penalizzante... Dopodiché è chiaro che l'importante è incominciare, però non si vede perché infliggere questo pesante handicap a un programma come questo, che nella sua novità si collega a una tradizione prestigiosa, e tutto questo pure alla vigilia dell'Expo.

Rispondi
avatar

cucigno

circa 4 anni fa - Link

è mio parere, ovviamente opinabile in quanto tale, che un maligno sarebbe autorizzato a pensare che a Carlo interessino più, direttamente o indirettamente, i dubloni o quant’altro gira attorno al mondo vino che non il prodotto vino in se. Gli scandali, le truffe, i privilegi non meritati, i prodotti porcheria commercializzati come buoni, ottimi ...direi, per soli meriti pubblicitari, conoscenze e/o associazioni del settore varie compiacenti con questo piuttosto che con quello, chissà per quali ragioni se in realtà difficilmente poi emergono ecc. Inoltre proprio l’avvicendatisi alla ribalta delle diverse cronache negative, a vari livelli, da diversi anni forse proprio a causa di, troppi prodotti e personaggi appartenenti spesso a quelle categorie che sanno bene proporsi e stare davanti alla macchina da presa hanno fatto si che il vino sia ancora particolarmente ambito solo nei paesi privi di esperienza enologica e/o impossibilitati in toto o comunque almeno in parte ad una valida coltivazione vitivinicola o comunque spesso di recente democrazia, espansione commerciale e…..pecoreccio. Va da se che purtroppo la tradizione del vino si allontana dalle tavole in cui normalmente troneggiava preferendo bere altri prodotti e relegando a 20 secondi il tempo, degli abbinamenti per un prodotto che si…… si deve fare ma…. Agli occhi di molti tutto ciò risultano parole….parole…parole… e stupida pubblicità spesso ad appannaggio più di chi opera in nome del vino che non del vino stesso. Io sono ottimista, non si pensi diversamente.

Rispondi
avatar

af

circa 4 anni fa - Link

ricollegandomi all'osservazione dell'ottimo carlo, trovo davvero più penosi quei programmi lì, si quei programmi che vanno in onda in piena fascia oraria da casalinga ai fuochi, da share ciclopico e che tiran fuori gli abbinamenti "con lo chardonnay " "col sauvignon" o "col trebbiano" fatti dalla sommelieressa figa di turno. trovo più giusto fare nome e cognome di un produttore anziché comunicare pseudodemocraticamente una varietà d'uva, quantomeno l'interessato può andare a scovare le informazioni per fatti suoi. poi, ovvio, in 10-15 puntate non puoi comprendere tutte le aziende italiane. ma è pur sempre un passettino in avanti. pensiamolo così, e pensiamo che serva a migliorare un intero percorso piuttosto che a pestare una cacca.

Rispondi
avatar

Alessio

circa 4 anni fa - Link

Sono molto curioso di vedere la prima puntata, l'idea è sicuramente ottima peccato per l'orario improponibile.

Rispondi
avatar

dario

circa 4 anni fa - Link

w la rai !!! ma il canone tanto non lo pago lo stesso!!!!!

Rispondi
avatar

Cristiana Lauro

circa 4 anni fa - Link

Io invece pago il canone e provo fastidio ogni volta che sento un italiano che non si comporta bene e lo urla in piazza. Caro Dario questo intervento è fastidioso, appunto. @carlo macchi: concordo in pieno. Orario difficile ma intanto si racconta il mondo del vino vivaddio! Chiaro che io un programma del genere lo vorrei piazzato in prima serata al posto del Festival di Sanremo

Rispondi
avatar

Homo

circa 4 anni fa - Link

Chi non paga il canone infrange la legge, non paga le tasse e le fa pagare di più agli altri e/o incrina il servizio per cui le stesse sono state previste. Comportamento criminale. ....e casomai alla prossima cena con amici tra un discorso e l'altro "...è ceto che in Germania è tutta un'altra cosa....". Che pena.

Rispondi
avatar

Cristiana Lauro

circa 4 anni fa - Link

E poi, scusate se insisto, visto che Dario ha tirato in ballo l'argomento intervenendo a casa di altri e pure fuori tema: la verità è che chi non paga il canone (e di solito se ne fregia pubblicamente), se fosse certo di farla franca non pagherebbe nemmeno il bollo auto, l'Inps e via dicendo. Quindi è un evasore e, per tanto, non ha diritto di lamentarsi su ciò che non funziona in questo paese.

Rispondi
avatar

dario

circa 4 anni fa - Link

ma di che gnamo era una battuta ! allora te per una battuta tu mi hai infamato dandomi dell' evasore ! e poi io non mi sono lamentato di nulla , che poi fosse fuori tema magari tu hai ragione.

Rispondi
avatar

Cristiana Lauro

circa 4 anni fa - Link

Eh no, Dario, io non ti ho infamato dandoti dell'evasore. Io ho definito, con un corretto termine in italiano, uno che dichiara al popolo di non pagare il canone, ovvero di evaderlo. E lo evidenzia fregiandosene con cinque patriottici punti esclamativi.

avatar

Daniele

circa 4 anni fa - Link

Fortunatamente la RAI permette di rivedere comodamente tutto su Pc, tablet e persino smart tv già dopo poche ore dalla messa in onda ed in Full HD per cui personalmente sono ben poco preoccupato dall'orario di messa in onda :)

Rispondi
avatar

Salvatore

circa 4 anni fa - Link

Tutto molto bello ma questo è programma da seconda serata del Lunedì o al massimo Martedì. Sugli ospiti non voglio dire nulla

Rispondi
avatar

Stefano De Santis

circa 4 anni fa - Link

Benissimo, lo vedrò sicuramente (sabato o sul web, la domenica alle 8 dormo) Concordo con chi diceva che l'avrebbe visto meglio su Rai 5 ad un orario migliore.

Rispondi
avatar

rampavia

circa 4 anni fa - Link

Volete sapere la verità. L'orario l'ho scelto io. Sabato: partita, giro coi cani, trasmissione su vino. Ottimo.

Rispondi
avatar

marcomriva

circa 4 anni fa - Link

ma inizia questa settimana o una delle prossime?

Rispondi
avatar

Giulia

circa 4 anni fa - Link

Sono d'accordo con Stefano Cinelli Colombini. In tempi di bulimia gastronomica e culinaria, in cui gli chef sono diventati più famosi degli attori e basta saper cuocere due uova alla coque per sentirsi cuochi, parlare di vino ad orari più adeguati alla fascia dei potenziali utenti sarebbe stata scelta ben più saggia. Poi, però, in prima serata Tv spazzatura. Quando ho visto la pubblicità della trasmissione e l'ora in cui sarebbe stata trasmessa, un bel "vaffa" mi è proprio scappato di cuore.

Rispondi
avatar

egio

circa 4 anni fa - Link

Non sapevo di questo nuovo programma, per cui ringrazio Cristiana della "comunicazione di servizio". Presterò attenzione. Non capisco invece la questione "marchette sì, marchette no". Un programma in cui si parla di vino in astratto, senza le facce e i pensieri di chi lo fa, e magari lo fa bene, sarebbe di una noia mortale. Penso sia scelta obbligata presentare realtà concrete e, si spera, d'eccellenza. Speriamo bene dunque, dato che ormai nel nulla della tv attuale sull'argomento, le vecchie videocassette de "Il bel mangiare" le ho quasi consumate. Quello fu un prodotto davvero ben fatto, in cui tra immagini splendide, musiche di sottofondo azzeccate e interventi meditati di personaggi comunque sia di calibro elevato (Veronelli, Stefi, ecc.), e col giusto grado di intento divulgativo, venivano presentati non banalmente veri protagonisti dell'enogastronomia di ciascuna zona.

Rispondi
avatar

Samuele

circa 4 anni fa - Link

A parte gli orari voglio sperare che non si parli sempre dei soliti noti anche perchè il vino italiano non ruota più intorno a quattro nomi. Per fortuna aggiungo.

Rispondi
avatar

davide g.

circa 4 anni fa - Link

scusate ma bevete sempre bottiglie da 200 euro e non avete un videoregistratore? io ho mysky - ho impostato in 10 secondi di registrare tutta la serie stasera c'e' GAJA

Rispondi
avatar

andrea

circa 4 anni fa - Link

video registratore? A Roma ne ho Visto uno bellissimo. Al Museo delle cere.

Rispondi
avatar

Andrea

circa 4 anni fa - Link

Veramente stasera si parla della Scolca

Rispondi
avatar

Iobevo

circa 4 anni fa - Link

M'é piaciuto!

Rispondi
avatar

Davide G.

circa 4 anni fa - Link

Andrea. veramente hanno parlato 5 minuti di Gaja e 2 di La Scolca :) I due presentatori inguardabili, la trasmissione pero' nel complesso è carina

Rispondi
avatar

Giuseppe

circa 4 anni fa - Link

Mi aspettavo una trasmissione dove si parlava di vinificazione di degustazione di lavoro in cantina di futuro del vino, no di quante bottiglie di barbera o di nebbiolo ecc. vengono prodotte, per sapere questo basta un semplice clik

Rispondi
avatar

rampavia

circa 4 anni fa - Link

Mi è sembrato uno spot pubblicitario del vino italiano diretto ai potenziali clienti stranieri. Troppa enfasi nel ricordare la storia certamente gloriosa dei Gaia e di La Scolca. I due conduttori poi non mi hanno trasmesso nessun entusiasmo o curiosità.

Rispondi
avatar

tommaso

circa 4 anni fa - Link

Al di là del soggetto, direi che è un ottimo programma tv per il 1997. Le undici e mezza di sera mi sembra fin troppo presto.

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.