Secchione o wine-snob? Scoprilo con il pratico test di Intravino

di Antonio Tomacelli

Sapete da cosa si riconosce il vero geek? Da come pronuncia “geek”. Se lo pronunciate giik, non siete nel cerchio magico. Se invece lo pronunciate correttamente, “ghìkk”, allora siete degni dell’alto riconoscimento di “secchione” e non devo spiegarvi il significato. Dalla parte opposta della barricata c’è lo snob, che è un po’ come il jazz: se te lo devo spiegare non lo capirai mai (cit.). Declinando le due categorie in ambito vinicolo si ottengono risultati interessanti. Il wine-geek, ad esempio, è facile da definire: è quel tipo capace di sciorinarvi a memoria le cantine di Borgogna sciatò per sciatò, manco fosse la formazione del Cagliari ’70. L’eno-snob, invece, delle cantine di Borgogna è assiduo frequentatore tanto che di alcune possiede le doppie chiavi, casomai dovesse arrivare di notte.

Vabbè, poche chiacchiere e vediamo di stabilire se siete wine-geek o eno-snob con il pratico test messo a punto dalla rivista Forbes, che noi abbiamo tradotto e arricchito. Siete pronti?

Sei un eno-snob quando:
I discorsi sul vino bevuto a cena ti annoiano. I discorsi degli altri, ovviamente.

Come capita in certe tribù dell’Amazzonia, anche nella tua lingua mancano del tutto alcune parole come, ad esempio, “bicchiere”. Quell’oggetto simile a un calice, insomma.

Nella tua agenda non esistono bevitori di birra, cocktail o altri intrugli alcolici. Vabbè, tu saresti capace di definire intruglio anche un Negroni, se è per questo.

Sei quello che guarda con sprezzante mutismo i due amici che si accapigliano sulla vendemmia 1982 dello Cheval Blanc. Tu, naturalmente, a quella vendemmia eri presente. Ospite d’onore della proprietà.

“Cesanese del Piglio non è una malattia, vero?”

Quando cominci a parlare di vino, tua moglie sparisce.

Quando cominci a parlare di vino anche il tuo cane sparisce.

Non hai amici ma solo “grandi annate”.

Sei un wine-geek quando:
Dalla carta dei vini del ristorante scegli l’unico che ancora non conosci. Su 12.540 bottiglie.

Sei il solo abitante del tuo condominio che conosce la differenza tra limo, argilla e terriccio.

Leggi tutti i wine blog, grazie a dio.

Per gli amici il tuo soprannome è “Terroir”.

“Feticista io? Solo perchè sto annusando il tappo da DUE ore?”

Il tuo migliore amico di mestiere fa l’enotecario. Il tuo secondo migliore amico gli fa concorrenza dal marciapiede di fronte.

L’ultima volta che hai visitato una cantina, hai avuto da ridire qualcosa sulle botti. E Cotarella, cavoli!, ti ha dato ascolto.

Insomma, siete secchioni o snob? O, peggio, un pericoloso incrocio fra i due?

 

avatar

Antonio Tomacelli

Designer, gaudente, editore, ma solo una di queste attività gli riesce davvero bene. Fonda nel 2009 con Massimo Bernardi il blog Dissapore e, un anno dopo, Intravino e Spigoloso. Lascia il gruppo editoriale portandosi dietro Intravino e un manipolo di eroici bevitori. Classico esempio di migrante che, nato a Torino, va a cercar fortuna al sud, in Puglia. E il bello è che la trova.

25 Commenti

avatar

A3C

circa 3 anni fa - Link

enoccazzaro è possibilie?

Rispondi
avatar

Antonio Tomacelli

circa 3 anni fa - Link

Si, ma devi definirlo :)

Rispondi
avatar

Paolo De Cristofaro

circa 3 anni fa - Link

Tomacelli, un vero wine-geek non scriverebbe mai "capace di sciorinarvi a memoria le cantine di Borgogna sciatò per sciatò", ma "domaine per domaine"... :-)

Rispondi
avatar

Antonio Tomacelli

circa 3 anni fa - Link

domein x domein, vorrai dire :) Vabbè, ha parlato il Presidente Onorario dell'Accademia dei Secchioni.

Rispondi
avatar

Paolo De Cristofaro

circa 3 anni fa - Link

per servirla... :-) ps la grafia giusta sarebbe stata domèn per domèn.. ;-)

Rispondi
avatar

Antonio Tomacelli

circa 3 anni fa - Link

Vediamo se sei preparato: vieni in Puglia e vai...?

Rispondi
avatar

Paolo De Cristofaro

circa 3 anni fa - Link

...a mangiare le cime di rapa. :-)

avatar

Antonio Tomacelli

circa 3 anni fa - Link

Lo vedi, sei anche snob :D

avatar

antonio f.

circa 3 anni fa - Link

ci sono altri 250 km da Bari in giù :) perchè non esiste altro che la cima di rapa per chi viene in puglia??

avatar

Paolo De Cristofaro

circa 3 anni fa - Link

non prendiamo tutto sul serio... :-)

avatar

Rossano Ferrazzano

circa 3 anni fa - Link

Occhio, eh: non "limo, argilla e terriccio" ma "argilla, limo, sabbia e scheletro" :-P

Rispondi
avatar

alessandro bocchetti

circa 3 anni fa - Link

"Quando cominci a parlare di vino, tua moglie sparisce" Touchè!!! :D ciao A

Rispondi
avatar

Nelle Nuvole

circa 3 anni fa - Link

Io mi definisco Eno-Cnob. Sarà perché quando comincio a parlare di vino mio marito appare? Ed anche una frotta di cagnolini scodinzolanti. Una cosa accomuna le due tipologie sopradescritte: il vino loro lo discettano e vivisezionano, ma non lo fanno.

Rispondi
avatar

Alessandro Morichetti

circa 3 anni fa - Link

Io ancora non lo so cosa sono. Di certo non secchione e direi nemmeno troppo snob. Mi rompo solo quando si ordina un vino che non mi piace :-), o quando si parla tutta una sera di annate, vini bevuti ecc, una rottura di palle cosmica. C'è gente che andrebbe seduta a tavola con un tappo in bocca da quanto diventa noiosa ed esclusiva. Troppo bello quando chiacchiere varie vengono inframezzate da ricordi personali che ha senso condividere: infatti capita poco. Nota a margine: se parlando di vino non si conosce la persona che hai di fronte, perché rimane in superficie o pensa solo a sfoggiare grandi bevute, è una serata del cazzo.

Rispondi
avatar

Leonardo Fi

circa 3 anni fa - Link

Concordo, la serata migliore, la tavolata migliore è quella in cui inizialmente ci si entusiasma per il vino stappato e poi si finisce a parlare di tutt'altro. Di solito in questi casi le bottiglie si svuotano, la compagnia si anima e la serata finisce in un piacevole languore conviviale. Segno che il vino era buono e la compagnia migliore. Quello che arriva e comincia a sparlare di annate, cru, climat in maniera forsennata di solito ammazza la serata e stoppa il livello della bottiglia più o meno a metà. Quando "quello" sono io, e di solito me ne accorgo tardi, mi intristisco molto ma per fortuna non capita spesso. :-)

Rispondi
avatar

manilo

circa 3 anni fa - Link

Ale come non quotarti,io sono l'unico che vado a serate senza quadernino,prima o poi me lo devo compra, ma poi uno che cavolo ci scrive...... io de solito o bono o non bono, tutto il resto è fuffa. No dai si scherza, fortunatamente nelle nostre serate, ci si diverte alla grande e sempre alla cieca.

Rispondi
avatar

martino

circa 3 anni fa - Link

Mah..questo vino è come il sesso, più se ne parla e meno se ne gode! Tacete allora tutti per un attimo, e trangugiate con voglia il vostro bicchiere!!

Rispondi
avatar

Il chiaro

circa 3 anni fa - Link

Ah, il Negroni non è un intruglio? Sarà un mischione, allora! :-)

Rispondi
avatar

Davide

circa 3 anni fa - Link

Stranamente, mi trovo d'accordo con Moriché. ;)

Rispondi
avatar

gionni1979

circa 3 anni fa - Link

Io sono l'amico enotecario :)

Rispondi
avatar

mercato asiatico

circa 3 anni fa - Link

Morichetti , A leggerti la tua categoria potrebbe essere "Eno-sciatto" :)

Rispondi
avatar

Giuliano

circa 3 anni fa - Link

( : Giovane intersezione tra Geek e Snob? Enobimbominkia™

Rispondi
avatar

Dickie

circa 3 anni fa - Link

Oh cavolo sono entrambi: wine geek perché enologo, eno snob perché sentire gente che parla a vanvera mi altera i giacomini...dottò, è grave?

Rispondi
avatar

Giuseppe Z

circa 3 anni fa - Link

Wine-Lover..

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.