Nebbiolo Prima: 9 segnalazioni molto mirate di Barolo 2011 tra Castiglione, Monforte e Serralunga d’Alba

Nebbiolo Prima: 9 segnalazioni molto mirate di Barolo 2011 tra Castiglione, Monforte e Serralunga d’Alba

di Francesco Oddenino

Terzo giorno di assaggi a Nebbiolo Prima 2015 e si parte con i Barolo 2011. Focus sui Barolo di Castiglione Falletto, Monforte d’Alba e Serralunga.

Annata piuttosto calda, assolutamente non surmatura, la 2011 a Barolo (anche se non in tutta la denominazione) è annata “da ristorante”, dove i grandi nebbiolo riescono a mantenere piacevolezza di beva ed un’ottima complessità generale. Non sarà forse un’annata dal lunghissimo corso ma probabilmente non farà neanche dei grossi periodi di chiusura aromatica: pertanto, per i prossimi 10/15 anni sarà, secondo me, sempre perfettamente stappabile in ogni momento.

Ecco i vini che mi hanno colpito di più:

  1. Paolo Scavino, Barolo Bric del Fiasc 2011: colore rubino mediamente carico, dopo una prima riduzione moderna con sentori di cipria e rossetto (svanisce in fretta), escono bene sentori nobili di agrume, asfalto, speziatura orientale. Tannino ancora grintoso in fase di assestamento, medio corpo con bella acidità. Finisce molto lungo e salato. A metà strada tra tradizione e modernità, in un bel connubio che prende i lati positivi di entrambe le scuole di pensiero. 92/100
  2. Azelia, Barolo Bricco Fiasco 2011: di colore più scarico rispetto a Scavino, al naso parte subito più classico, con una rosa fresca e frutti rossi. Uno sbuffo alcolico e un accenno di legno non rovinano un quadro olfattivo bello e dinamico. In bocca ha un tannino estratto magistralmente, e allunga bene supportato da una bella acidità. 91/100
  3. Roccheviberti, Barolo Rocche di Castiglione 2011: anche lui parte con una riduzione iniziale di elastico che si pulisce subito per poi rivelare sentori di fiori appassiti, pout pourri di rosa, anguria rossa, scorza di limone e frutti da nebbiolo in zona sabbiosa. In bocca è salato, con un bel tannino ancora vibrante e un bell’allungo finale. 91/100
  4. Vietti, Barolo Barolo Rocche di Castiglione 2011: naso molto cangiante impostato prima sul floreale fresco, poi su anguria, agrumi e frutti rossi. In bocca è sferico, allarga e allunga come solo i grandi vini riescono a fare. Rimane lungo, acido, ancora giustamente tannico, in perfetto equilibrio stilistico tra il frutto fresco e vibrante e l’austerità del grande nebbiolo classico. 94/100
  5. Poderi Colla, Barolo Bussia Dardi Le Rose 2011: naso pieno, classico, floreale nobilitato da sentori idrocarburici. In bocca è più lungo che largo, rimane infiltrante, stimola la salivazione e la voglia di berne un secondo bicchiere. Un Barolo compagno di grandi serate a tavola, aperto e godurioso. 92/100
  6. Fenocchio Giacomo, Barolo Bussia 2011: di colore rubino abbastanza carico impatta sul fruttato fresco, ciliegia e arancia su tutti per poi virare su linfatico e vegetale. Escono i fiori dietro qualche sbuffo alcolico che non disturba più di tanto. In bocca ha un bell’ingresso e cresce nel tannino saporito verso un lungo finale sapido. Molto bello come praticamente tutti i vini di Fenocchio degli ultimi dieci anni. 93/100
  7. Bruna Grimaldi Barolo Badarina 2011: impostazione più moderna al naso, con un bel floreale dolce, accenni di spezie, sentori vegetali. In bocca è coerentemente tannico, acido e lungo. Più largo che lungo, regge bene nel bicchiere e invoglia il sorso. 92/100
  8. Porro Barolo Lazzairasco 2011: scarico al colore, impronta classica di fiori secchi, cenere, arancia. Sbuffi idrocarburici e note dolci di frutta. La bocca ha un bel tannino vibrante, notevole acidità ma rimane comunque dolce, dotata di un buon corpo. Chiude forse un pelino meno lungo delle aspettative ma rimane un magnifico equilibrio di fondo. 91/100
  9. Manzone Giovanni Barolo Gramolere 2011: naso piccante, mentolato, con frutta sotto spirito, accenni vegetali rinfrescanti. In bocca è acido, invoglia la beva, allunga su scie floreali. Molto sapido, si sente tutta la grandezza della vigna e la mano del vignaiolo poco interventista in cantina. 90/100 

[Foto: Albeisa]

2 Commenti

avatar

Vinogodi Marco Manzoli

circa 4 anni fa - Link

...grazie , Francé : hai integrato ulteriormente un recentissimo "giro di Langa" con impressioni , generali, condivisibilissime...

Rispondi
avatar

Giorgio

circa 4 anni fa - Link

immagino ci siano altre bt interessanti del 2011 ......attendiamo commenti

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.