Ne accendeva 10 al giorno, lui: Romeo Y Julieta Churchills. Con aroma di ciliegie (urka!)

di Andrea Gori

Per godere del famoso cuban twang è questo il sigaro da stringere tra le labbra il prima possibile: Romeo Y Julieta Churchills. Sir Winston Churchill ne aveva sempre una scorta tra i 3 e i 4 mila in casa per un consumo medio giornaliero di 10-12 sigari, quasi mai fumati per intero e spesso riciclati in tabacco da pipa. Innamoratosi di questi sigari nel 1895, quando si recò ventunenne sull’isola per fare esperienza di guerra (era in corso la guerra di indipendenza di Cuba dalla Spagna), oltreché partecipare alle operazioni si immerse a fondo nella vita cubana riportando con sé la mania dei sigaro e della siesta pomeridiana. E diciamo che una lunga siesta è proprio il momento migliore per provare questo sigaro, piuttosto monumentale per dimensioni ma molto facile come approccio.

A partire dalle belle note agrumarie ed erbacee a crudo, il Churchill prende da subito un mood rilassato, con un fumo ampio che riempie la bocca con eleganza ricca di sapori dolci e piccanti. Caramello, caffè e miele dominano il primo tercio, con uno scatto al secondo verso note più tostate di pane e nocciola e un aroma di ciliegie molto ben definito. Bello e costante il retrogusto privo di amarezze, che vede comparire nel finale note di peperone, terra bagnata e foglie secche, per poi chiudere tra pepe nero appena macinato e rafano rinfrescante. Al termine forse si rimpiange un po’ di carattere e intensità, che latitano anche se la progressione è dolce e raffinata; note più intense non sarebbero confacenti al nome che porta.

Meglio se lasciato affinare qualche mese in humidor o nel suo tubo, regala un’ora e mezzo abbondante di relax e pacatezza che riconciliano con il mondo. L’esemplare fumato è risultato davvero eccellente ma la costanza produttiva per questo formato non è elevatissima quindi occhio a fare scorte di churchilliana memoria, potreste trovarvi con qualche esemplare difficile da fumare e con toni più aspri. Visto il costo non indifferente, meglio essere cauti nell’acquisto. Ma per fumare un pezzo di storia del ‘900, forse ne vale davvero la pena.

Romeo Y Julieta Churchills
Calibro 47
Lunghezza mm: 178
Disponibili in confezioni da 10 pezzi
Prezzo 18,70€

Andrea Gori

Quarta generazione della famiglia Gori – ristoratori in Firenze dal 1901 – è il primo a occuparsi seriamente di vino. Biologo, ricercatore e genetista, inizia gli studi da sommelier nel 2004. Gli serviranno 4 anni per diventare vice campione europeo. In pubblico nega, ma crede nella supremazia della Toscana sulle altre regioni del vino, pur avendo un debole per Borgogna e Champagne. Per tutti è “il sommelier informatico”.

6 Commenti

avatar

Francesco Annibali

circa 7 anni fa - Link

Burde, visto che nonostante i miei ripetuti inviti a fare una mini guida agli abbinamenti con i cibi esotici e orientali non la fai, dacci almeno una dritta sulle migliori tabaccherie... :)

Rispondi
avatar

Andrea Gori

circa 7 anni fa - Link

a Firenze a botta sicura da Enrico Nocentini in via Centostelle (zona stadio), per altre tabaccherie io seguo Cigar Blog e le sue dritte!

Rispondi
avatar

Alessio Cipolla

circa 7 anni fa - Link

Ma perché non la fate gestire alla Lauro questa pagina?

Rispondi
avatar

Alessandro Morichetti

circa 7 anni fa - Link

Che voi sappiate, esiste una guida alle migliori tabaccherie o - meglio e più facilmente - ai migliori siti in cui comprare un assortimento di bei sigari? Sarei interessato ad approfondire, questo vizio ancora mi manca e non vorrei rimanere troppo indietro.

Rispondi
avatar

Andrea Gori

circa 7 anni fa - Link

io le cerco qui sopra http://cigarevents.blogspot.it/ ma anche qui si trova tanto: http://www.forum-cca.it/forum/viewtopic.php?f=2&t=1004623 ad Alba per esempio si cita Tabaccheria Alfero C.so Langhe 76 (Habanos Point) buoni puff Ale!

Rispondi
avatar

Andrea Angeletti

circa 7 anni fa - Link

D'accordo che i soldi non sono tutto nella vita, ma non è che devi rimanere per forza senza. Scusa il retaggio marchigiano

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.