Lo scandalo del Monte dei Paschi di Siena travolge l’Enoteca Italiana

di Antonio Tomacelli

L’onda dello tsunami che ha travolto il Monte dei Paschi di Siena sta lambendo in queste ore l’Enoteca Italiana, l’ente di promozione del vino italiano che ha sede proprio nella città toscana. Si tratta di un’inchiesta collaterale al crac della banca ma è proprio grazie ad essa che i giudici hanno scovato la “pistola fumante”, ovvero la prova che i contatti tra il presidente di MPS Mussari e il sindaco di Siena Ceccuzzi fossero pressochè quotidiani. Insomma, il potere bancario e la politica si telefonavano e, spesso, si incontravano ai tavoli di una birreria di Piazza del Campo di proprietà di Andrea Bellandi per “un confronto giornaliero sui temi politici nazionali e locali e in particolare quindi sulle decisioni da assumere in seno alla banca’‘.

Ai tavoli, con Mussari e Ceccuzzi, sedeva spesso Andrea Degortes, meglio conosciuto come Aceto, ex fantino del Palio e vincitore di una decina di corse. Fu proprio questo gruppo della birreria (cit. dai verbali) a decidere l’affido senza gara alla società Montenegro (di proprietà dei figli di Aceto) del ristorante Millevini, sito nei locali dell’Enoteca Italiana.

Nell’inchiesta sono indagate oltre a Mussari e Andrea Degortes altre 5 persone: Antonio Degortes e il fratello Alberto, figli di Aceto, il presidente e il direttore dell’Enoteca, Claudio Galletti e Fabio Carlesi, e la compagna di Antonio.

 

 

avatar

Antonio Tomacelli

Designer, gaudente, editore, ma solo una di queste attività gli riesce davvero bene. Fonda nel 2009 con Massimo Bernardi il blog Dissapore e, un anno dopo, Intravino e Spigoloso. Lascia il gruppo editoriale portandosi dietro Intravino e un manipolo di eroici bevitori. Classico esempio di migrante che, nato a Torino, va a cercar fortuna al sud, in Puglia. E il bello è che la trova.

7 Commenti

avatar

Gabriele

circa 7 anni fa - Link

Per la precisione i palii vinti son 14 ...

Rispondi
avatar

Angelo D.

circa 7 anni fa - Link

Praticamente l'hanno "paliati" (o lo faranno a breve). Personalmente ho conosciuto vari responsabili dell'Enoteca Italiana con i quali s'è fatto un po' di cose assieme con il progetto 'Vino&Giovani'. Persone perbene che si davano un gran da fare per fare bene il loro lavoro di promozione. Speriamo bene...

Rispondi
avatar

Stefano Cinelli Colombini

circa 7 anni fa - Link

Certo che una banda di cialtroni simile non poteva che vedersi in birreria. Per gente così è sprecato anche il tavernello.

Rispondi
avatar

Gianni Morgan Usai

circa 7 anni fa - Link

Cari Amici di Intravino.. dicevo.. : Enoteca Italiana di Siena una delle enoteche piu' "cordialone" d'Italia.. Fa piacere sapere che "Angelo D" abbia trovato udienza.. Io ho provato in diverse modalità trovando sempre le porte chiuse.. con una cortesia formale - al limite della maleducazione - cui far seguire una sediata in fronte... Un pò come quei bar milanesi "modaioli" dove se non fai parte del giro... sei solo uno stronzo rompicoglioni... Mi piacerebbe conoscere i risultati di tutte le A.T.I.* ( * = associazione temporanea d'impresa..) in cui Enoteca Italiana era presente ed ha ricevuto finanziamenti dal Min. Agricoltura.. Se l'attuale ministro Catania non è troppo impegnato nell'analisi del dopo.voto... - come cittadino - vorrei sapere.. Mi è dovuto... cazzo..! Grazie..!

Rispondi
avatar

silvana

circa 7 anni fa - Link

"i bar milanesi modaioli, per quanto cafoni, lì restano cosa aliena, anzi lunare. Non è (stato) un luogo per le idee.

Rispondi
avatar

Gianni Morgan Usai

circa 7 anni fa - Link

Ok Silvana, il paragone mi sta bene..Però - ribadisco - come cittadino vorrei sapere quanto le idee auto-prodotte da Enoteca Italiana abbiano reso a Siena ed all'Italia.. Senza dover scomodare il prof. Richard Florida o la Martin Prosperity.org...

Rispondi
avatar

Silvana Biasutti

circa 7 anni fa - Link

Come cittadino hai più che ragione. Credo che a Siena si potrebbe inviare un intero questionario...

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.