Lezioni di marketing: l’ardua scelta fra “Troia 100%” e “I love la Fica Mandorlata”

di Antonio Tomacelli

Buona sera cari blogospettatori e benvenuti alla diretta del match più emozionante della stagione. Si affrontano sul ring di Intravino due pesi massimi della comunicazione per il titolo di “Campione Pugliese Della Comunicazione A Capocchia”. Passo subito a presentarvi i contendenti che sono:

Alla vostra sinistra: da San Michele Salentino, in provincia di Brindisi, la Sagra della Fica Mandorlata, 12 edizioni senza un Ko e detentrice della corona, allenata dal sindaco Pietro Epifani.

Alla vostra destra: da Troia, in provincia di Foggia, Troia 100%, 750 ml di pura violenza autoctona allenata dalla cantina Le terre del Catapano.

Chi dei due contendenti si aggiudicherà il prestigioso titolo? Difficile dirlo, la Fica Mandorlata può sfoderare sul ring tutta la sua esperienza ma l’età, contro una giovanissima Troia 100%, si farà sentire.

Staremo a vedere…ma ecco che comincia il primo round! I due pesi massimi guadagnano il ring: a voi la parola, cari commentatori.

 

avatar

Antonio Tomacelli

Designer, gaudente, editore, ma solo una di queste attività gli riesce davvero bene. Fonda nel 2009 con Massimo Bernardi il blog Dissapore e, un anno dopo, Intravino e Spigoloso. Lascia il gruppo editoriale portandosi dietro Intravino e un manipolo di eroici bevitori. Classico esempio di migrante che, nato a Torino, va a cercar fortuna al sud, in Puglia. E il bello è che la trova.

4 Commenti

avatar

Amber

circa 3 anni fa - Link

ahahahah questo post lo pubblicherò in ogni dove bravo!

Rispondi
avatar

francesco

circa 3 anni fa - Link

Con questo il fondo è stato toccato

Rispondi
avatar

troy one

circa 3 anni fa - Link

Non è marketing, è disperazione. Sulle mie bottiglie metterò una bella vagina e mi farò pubblicizzare dall'autore di questo post. Non ci vuole niente.

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.