L’altra Francia | Cinque vini degnissimi di cui non avete sentito parlare

di Lorenzo Abussi

Xuri – Irouleguy, Le Grand Blanc – Milan, Pech Abusè – Domaine du Pech, Cuvée Pour mon Père – Chateau Gaure, Muscat St. Jean de Minervois – Le Clos du Gravillas. Sono cinque nomi di vini e produttori che sicuramente dicono ben poco o nulla, a parte lasciar intendere che sono tutti francesi. Pochi indizi per capirne la provenienza, non siamo in Borgogna, non siamo in Bordeaux, ci troviamo in un una poco conosciuta, ma al tempo stesso vivissima, area vitivinicola: il Sud Ovest. L’area è divisa in una ventina di denominazioni tra AOC e IGP , quella con la maggior estensione è la Cotes de Gascogne. Geograficamente il Sud Ovest si trova tra Bordeaux e Languedoc Russillon e confina ad Ovest con la catena dei Pirenei. Ho scoperto questa realtà da quando ho iniziato a lavorare nel ristorante di Pierre Koffman, qui a Londra. Il Sud Ovest è di una vivacità impressionante, prodotti di grande spessore e produttori che fanno della sperimentazione il loro cavallo di battaglia. Le uve predominanti hanno nomi come: Arrufiac, Baroque, Corbu, Petit e Gros Manseng, Mauzac e Colombart, per i bianchi e Malbec, Murvedre, Carignan, Fer Servadou, Négrette, Tannat e Duras, per i rossi; a queste vanno affiancate le classiche uve del tessuto francese, ovvero, Chardonnay, Cabernet Sauvignon e Franc, Merlot e Syrah. Questi gli assaggi con qualche abbinamento:

Xuri – Irouleguy: Gros manseng, Petit manseng, Petit Courbu sono le uve che compongono la cuvée. Bianco molto interessante e di facile beva. Bella la freschezza sostenuta da un ricco bagaglio olfattivo di floreale giovane e frutti tropicali. Nella sua funzionalità potrebbe ricordare un Tocai o una Ribolla. Lo uso molto spesso in abbinamento con preparazioni di pesce o l’insalata di granchio.

Le Grand Blanc – Henri Milan: Grenache Blanc, Rolle (nome locale del Vermentino), Roussane, Chardonnay and Muscat Petit Grains. Vino complesso, di grande potenza olfattiva e gustativa. Appena versato nel bicchiere rimane chiuso su se stesso per poi aprirsi in un interessante ventaglio aromatico. Di una persistenza lunghissima, lascia la bocca pulita dopo ogni sorso, senza affaticare mai il degustatore. Affina sui lieviti, in barrique per dodici mesi. Terrina di Foie Gras.

Cuvée Pour mon Père – Chateau de Gaure: Carignan, Grenache, Syrah, Mourvèdre, da vigneti centenari a conduzione biologica. Siamo nell’area del Limoux, ai piedi del versante francese della catena dei Pirenei. L’assemblaggio è un quartetto muscolare che sviluppa 14.5% di alcool. Ma il vino non è tutto qui, non è solo alcool. Naso avvolgente, bocca piena. E’ un vino ricco. Tra le note, il produttore spiega l’apporto di ogni signolo vitigno alla Cuvèe : Il Carignan apporta finezza e freschezza, il Grenache gli aromi di piccola frutta rossa. Syrah e Mourvedre rinforzano la complessità e la finezza della struttura tannica. E’ un vino che sorprende sempre chi non lo conosce, e non si aspetta da un vino di Limoux, una struttura e una complessità pari ai migliori Cote Rotie, è questo che fa di lui un fuoriclasse. Lo uso spesso in abbinamento col il Pied de Cochon Tante Claire e con le altre preparazioni di carne come l’agnello.

Pech Abusè – Domaine du Pech: Cabernet Franc, Cabernet Sauvignon prodotti da vigne a conduzione biodinamica. Il vino, già assemblato, affina dai tre ai cinque anni, prima in antiche botti da cento ettolitri di circa duecento anni, poi in barrique “nuove” (l’acquisto risale al 2003!). Viene poi imbottigliato senza alcuna filtrazione. Come dice il produttore stesso : “Nous laissons au vin le temps nécessaire à l’accomplissement de son cycle de maturation pour obtenir un vin naturellement stable.” – Abbiamo lasciato al vino, il tempo necessario per l’adempimento del suo ciclo di maturazione, per ottenere un vino naturalmente stabile. Un vino rustico che sulle prime fa un po’ fatica ad aprirsi. Necessita sempre una decantazione prima di essere servito, data la presenza di un certo deposito sul fondo della bottiglia, dovuto alla non filtrazione. Gli aromi sono sentori scuri di sottobosco, pietra focaia e ribes nero. Una spiccata acidità bilancia egregiamente corpo e tannino. Un rosso di pieno, strutturato, ma non ingombrante. Si abbina perfettamente con la cacciagione da piuma : piccione, pernice o il classico grouse di cui i british vanno matti nel periodo di Settembre/Ottobre ()

Muscat St. Jean de Minervois – Le Clos du Gravillas: Muscat Blanc Petits Grains. La luna raffigurata in etichetta, non è riferita all’utilizzo delle pratiche biodinamiche, alle quali il produttore si affida per la conduzione dei suoi vigneti, bensì all’aspetto del proprio territorio di provenienza. Il terreno è prevalentemente calcareo e i filari sono costellati di ciottoli bianchi, tali che immediatamente dopo la vendemmia, a piante spoglie, il terreno ricorda un paesaggio lunare. Questo vino inizialmente non mi aveva entusiasmato affatto, declassandolo a “robetta da poco”, poi sono tornato sui miei passi assaggiandolo in un doppio abbinamento: con il dessert, la Tarte au citron, e con il foie gras nel quale lo chef utilizza una salsa fatta con lo stesso vino. In entrambi gli abbinamenti si è comportato benissimo, sia sulla cremosa sensazione dolce acidula della torta al limone, che sulla grassezza infinitamente persistente del foie gras.

38 Commenti

avatar

Riccardo

circa 7 anni fa - Link

Henry Milan si trova in provenza, esattamente a Saint Rémy de Provence, poco sopra Marsiglia. Sud Est e non sud ovest. Direi che la presentazione in questo caso centri poco.

Rispondi
avatar

Suslov

circa 7 anni fa - Link

finally !!! post interessantissimo. ne voglio ancora e ancora !!! il mondo esterno alla nostra provincia si sta muovendo in queste direzioni, nuove denominazioni, nuovi vitigni, nuovi terroirs ... basta con noiovulevonsavuar l'oenotheque ... parlate sempre di piu' di grenache blanc, roussanne, mourvedre, nerello, nosiola, arneis, rossese, pigato, etc etc etc

Rispondi

Lorenzo

circa 7 anni fa - Link

sono contento che quanto scritto abbia incontrato i tuoi favori. Puoi solo immaginare come può reagire la upper class inglese quando, al posto di un Bordeaux o uno Châteauneuf gli propongo un vino a base Tannat o Fer Servadou. La meraviglia poi di aver scoperto un prodotto nuovo gli si legge in faccia :) Il SW è proprio una bella zona produttiva, arriverà dell'altro :)

Rispondi
avatar

suslov

circa 7 anni fa - Link

per fortuna il mondo non e' fatto solo di upper class inglese ... o di wannabe che scimmiottano il loro (immaginati) comportamenti grazie ancora per il post, attendo con ansia i prossimi !!!

Rispondi
avatar

FRV

circa 7 anni fa - Link

Effettivamente Milan è in Provenza non nel SW

Rispondi
avatar

dazerovini

circa 7 anni fa - Link

Bella selezione bravi.

Rispondi
avatar

Adriano Aiello

circa 7 anni fa - Link

Quasi quasi post dell'anno!

Rispondi
avatar

Lupin

circa 7 anni fa - Link

Henri Milan... un pazzo ex agronomo per la Romanee, la cantina fuxia sporca a dir poco , lui egocentrico, i vini uno puzza uno no... ne faccio a meno!

Rispondi

Lorenzo

circa 7 anni fa - Link

ho conosciuto il figlio di Milan, abbiamo fatto una amabile chiacchierata per mezzo pomeriggio durante una degustazione :) a me è piaciuta sia la sua filosofia che i suoi vini. Ma è solo un mio personale parere :)

Rispondi
avatar

Gabriele

circa 7 anni fa - Link

Fra l'altro Milan e' distribuito dalla velier ... Incontrato ubriachissimo ad una manifestazione

Rispondi

Lorenzo

circa 7 anni fa - Link

vabbé... ma gli altri QUATTRO vini li conscevate già? o avete scoperto qualcosa di diverso?... non è un post su Milan :P

Rispondi
avatar

Riccardo

circa 7 anni fa - Link

3 li conoscevo. Su Milan hai sbagliato regione.

Rispondi
avatar

Claudio

circa 7 anni fa - Link

Io conosco benissimo ed apprezzo ancor di più Clos du Gravillas, soprattutto i loro rossi a maggioranza Carignan. Grande cantina, mai rimasto deluso con nessuna etichetta, a partire dal loro godibilissimo base "Sous Les Cailloux Des Grillons". Il Muscat dell'articolo l'ho assaggiato una volta sola ad una manifestazione e vorrei riprovarlo. Bel post, complimenti, PS io ho bevuto spesso Milan e di bottiglie che puzzano nemmeno una

Rispondi

Lorenzo

circa 7 anni fa - Link

Clos du Gravillas oltre a fare ottimi vini, è composto anche da belle persone, il che non guasta. Vignerons, vignaioli di pregevole fattura. Sono anche io del tuo avviso, i loro vini a base Carignan, sono eccellenti.

Rispondi
avatar

Stefano Cinelli Colombini

circa 7 anni fa - Link

E poi non diciamoci più che siamo provinciali, per favore. Ci sarà mai un giorno in cui un blog francese presenterà dottamente un Orcia o un Monteregio biodinamico, e vari lettori risponderanno che li conoscono e li apprezzano? Utinam.

Rispondi

Lorenzo

circa 7 anni fa - Link

grazie per il "dottamente" :D eh si, perchè a noi ( tutti ) ci piace conoscere bene anche l'erba del vicino, qualsiasi vicino che produca vino...pensa che ho assaggiato anche il metodo classico inglese www.nyetimber.com [img]http://www.thechampagnecompany.com/images/uploads/Nyetimber%20and%202%20Savoy%20Flutes%20copy.jpg[/img]

Rispondi
avatar

Stefano Cinelli Colombini

circa 7 anni fa - Link

Visto che sei in vena di erbe non comuni te ne suggerisco una non proprio del vicino, ma molto interessante; i vini della Georgia. Me ne ha portati alcuni la tata del mio bimbo, che è di li, e non ne saprei indicare le uve perché non le avevo mai sentite prima. Però di una diversità affascinante.

Rispondi
avatar

Suslov

circa 7 anni fa - Link

impossibile. nessuno e' piu' provinciale dei francesi. provinciale intendo nel senso di chiuso. che poi la provincia non e' cosi' male, anzi ...

Rispondi
avatar

Armando Castagno

circa 7 anni fa - Link

I francesi nel vino non sono "provinciali" o "chiusi"... sono semplicemente "autosufficienti". ;)

Rispondi
avatar

Claudio

circa 7 anni fa - Link

questo è il più trito e ritrito e più falso dei luoghi comuni che noi italiani continuiamo a portare avanti...dall'onestà intellettuale dei francesi avremmo molto da imparare

Rispondi
avatar

Claudio

circa 7 anni fa - Link

Com'è il Metodo Classico British? lo seguo da tempo, ho persino il sito dei "British Wine Producers" tra i preferiti, volevo prenderne una bottiglia quando sono stato a Londra l'ultima volta ma costava quando uno Champagne quindi ho pensato che era meglio comprare....uno Champagne. Sull'esterofilia non diamo nulla per scontato, specialmente sui francesi, su dei loro siti mi è capitato di leggere apprezzamenti su Frappati di Vittoria, Incroci Manzoni e Ruchè di piccoli produttori che persino da noi sono difficili da reperire!

Rispondi

Lorenzo

circa 7 anni fa - Link

Non era male, il vino è espressione del territorio, qui siamo ancora più a nord della regione dello Champagne, ma il sottosuolo è totalmente differente. Non mi sento di poterlo avvicinare ad uno Champagne, o un nostrano Franciacorta, forse ad un Cava Spagnolo...forse. Sul prezzo, hai fatto bene a comprare uno Champagne, per quella stessa cifra :D

Rispondi
avatar

Jean Trippy

circa 7 anni fa - Link

Ottimo articolo che cade a fagiolo ! giusto domani, a Parigi, ci sono due mini saloni. Al primo saro' curioso di provare i vini de le domaine du pech, mentre al secondo Henry milan. le tue recensioni sono un ottimo punto di partenza. per chi fosse interessato: http://buvonsnature.over-blog.com/article-les-vignerons-2011-87987993.html http://www.verrebouteille.net/participants.htm

Rispondi

Lorenzo

circa 7 anni fa - Link

assaggia anche Breton e Fleurie, un bellissimo champagne, da una stravolgente acidità. e poi... tutto il resto :)

Rispondi
avatar

Alberto G. Tricolore

circa 7 anni fa - Link

Bravo Lorenzo e' un piacere leggere anche di questi vini e non solo dei soliti carissimi. Questo e' uno degli aspetti positivi di Londra,se lavori in questo settore,puoi assaggiare di tutto o quasi,anche tra le denominazioni poco conosciute,e poi ti confronti anche con il loro punto di vista ed il loro palato. Il limite per noi,almeno fino ad alcuni anni fa e' che di vino italiano,la maggioranza (anche di quelli che hanno fatto i corsi)conoscono pochino, e' un sempre un po cosi? Buona Immacolata a te che sei lontano oltre il Tever.., ehm scusa, oltre il Tamigi.

Rispondi

Lorenzo

circa 7 anni fa - Link

esatto, infatti oggi ho bevuto un Cab. Sauvignon Indiano 0_0 [img]http://sphotos-h.ak.fbcdn.net/hphotos-ak-snc7/432329_4656369780956_1758911091_n.jpg[/img] e buona Immacolata anche a te:D

Rispondi
avatar

Alberto G. Tricolore

circa 7 anni fa - Link

Grazie per gli auguri. Se tornero' li a Londra in tempi ragionevoli, passo li a salutarvi (magari portero'qualche boccia, che penso ancora per un po' di tempo,li non troverete). A proposito il cabernet in questione com'era? "Questi" non essendo produttori comprano di tutto eg a volte ci azzeccano pure alla grande. Prosit.

Rispondi
avatar

Lorenzo

circa 7 anni fa - Link

Il vino in questione era palesemente farlocco :P Il sapore era decisamente legnoso, di un legno indotto a mo' di chips o similtali, ma ero troppo curioso dell'assaggio.

Rispondi
avatar

Alberto G. Tricolore

circa 7 anni fa - Link

Lo chiedevo,perche' ancora ho qualche preconcetto su alcuni vini.In questo caso lo hai confermato. Preconcetto che ad es. non ho sui vini della Georgia, di cui parlava sopra il Sig.Cinelli Colombini,riservano belle sorprese (per quei pochi che ho provato,proprio li a Londra,nessuno era cattivo,anzi per il mio gusto erano interessantissimi). Ps. E' vero che i nostri vini (quelli buoni non le patacche pinot-sciardonet) si stanno vendendo di piu' in quest'ultimo periodo,confermi?

avatar

Zakk

circa 7 anni fa - Link

Mai sentito parlare dei produttori in questione (eccetto Milan), ma decisamente si dei vitigni. Basta fornirsi presso Les Caves de Pyrene, una distribuzione avanti almeno 5 anni.

Rispondi

Lorenzo

circa 7 anni fa - Link

infatti sono tra i nostri Fornitori, e a questo punto vale la pena anche una capatina al Comptoir Gascon www.comptoirgascon.com

Rispondi
avatar

raffaele

circa 7 anni fa - Link

io lavoro a Melbourne è questo vini li trovo anche qui, da segnalare a Faugeres Leon Barral il suo bianco e tremendamente scorretto a dir poco fantastico.. grazie

Rispondi

Lorenzo

circa 7 anni fa - Link

hanno un buon mercato questi prodotti, hanno infatti un alta qualità.

Rispondi
avatar

john

circa 7 anni fa - Link

Grazie Lorenzo!

Rispondi

Lorenzo

circa 7 anni fa - Link

cheers mate :))

Rispondi

Lorenzo

circa 7 anni fa - Link

confemo che i buoni vini italiani hanno trovato un buon mercato qui, e sempre più persone sono disposte a bere italiano anziché francese o altra provenienza. Inizialmente la scelta era dettata per una questione di prezzo, ora la scelta è per una ragione qualitativa.

Rispondi
avatar

Daniele

circa 3 anni fa - Link

Io non ne capisco granchè, adoro comunque accompagnare pesce alla griglia e crostacei con un bianco ben freddo.

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.