Il meglio della settimana in cui non avete letto le chiocciole di Slow Wine 2016 (eccole qua)*

di Alessandro Morichetti

I post più letti degli ultimi sette giorni.
1Tutte le Eccellenze per la guida I Vini d’Italia 2016 de L’Espresso: la lista più attesa. (3.747 visualizzazioni)
2 – “Talebani” del vino, #nogomma, burocrazia del gusto. Finalmente un Manifesto e 10 coppie di etichette.
3I Tre Bicchieri delle Marche del Gambero Rosso 2016.
4Manuali | Come farsi il vino in casa (in 22 facili mosse) e vivere felici.
5Com’è la vendemmia 2015? Maso-feticista, con immagini (anche per colpa di Andrea Scanzi).
6I Tre Bicchieri del Gambero Rosso 2016: Emilia Romagna.
7Leggendo Gli Sbafatori di Camilla Baresani, fantasia e realtà si sovrappongono terribilmente.
8E adesso tocca al Prosecco: i Nas sequestrano milioni di bottiglie taroccate.
9Alberto Piras, il miglior sommelier dell’anno per la guida ai ristoranti 2016 de L’Espresso.
10Tutto quello che c’è da sapere sulla quotazione in borsa del Gambero Rosso, dubbi inclusi.

* La chiocciola è da sempre il riconoscimento più identificativo di Slow Food e anche nella guida ai vini Slow Wine – curata da Fabio Giavedoni e Giancarlo Gariglio – viene usata per indicare il top delle cantine buone, pulite e giuste. Sei in più dello scorso anno, 188 su un totale di 1.917 aziende recensite, le chiocciole sono un ottimo punto di riferimento adottando precauzionalmente un piccolo 15% di scostamento fisiologico dalla realtà. Slow Wine paga in alcuni casi lo scotto di quella che è fondamentalmente un’autocertificazione sulle pratiche di vigna e cantina adottate, perché da persone di mondo sappiamo bene come non bastino 3 ore in azienda per capire se si fa davvero quel che si dice e se si dice davvero quel che si fa.

Personalmente, ho stima del lavoro degli Slow ma è su chiocciole e vini Slow che trovo esiti davvero fruibili. Per il resto la pubblicazione vola con superficialità e non bastano i soliti tre aggettivi triti per fotografare un vino: temo che nulla sia cambiato rispetto alle scorse edizioni. Anzi, la parte sui vini non premiati è senza ombra di dubbio la più lacunosa e poco utile. In tema di chiocciole, però, va detto che il panorama disegnato da queste 188 aziende è davvero ma davvero stimolante da un lato e confortante dall’altro.

VALLE D’AOSTA
La Vrille
Les Granges

PIEMONTE
Alessandria Fratelli
Elio Altare
Anna Maria Abbona
Antichi Vigneti di Cantalupo
Brovia
Ca’ del Baio
Carussin
Cascina Ca’ Rossa
Cascina Corte
Castello di Tassarolo
Cavallotto Fratelli
Conterno Fantino
Dacapo
Elio Grasso
Elvio Cogno
Fiorenzo Nada
G.D. Vajra
Giacomo Brezza & Figli
Giuseppe Rinaldi
Iuli
Le Piane
Luigi Spertino
Pecchenino
Piero Busso
Pira & Figli – Chiara Boschis
Roagna – I Paglieri
San Fereolo
Serafino Rivella
Sottimano
Vigneti Massa

LIGURIA
Cascina delle Terre Rosse
Maria Donata Bianchi
Santa Caterina
Walter De Battè

LOMBARDIA
Agnes
Andrea Picchioni
Ar.Pe.Pe.
Barone Pizzini
Cavalleri
Dirupi
Fay
Togni Rebaioli

TRENTINO
Eugenio Rosi
Foradori
Francesco Poli
Gino Pedrotti
Maso Furli
Pojer & Sandri
Redondel
Vignaiolo Fanti

ALTO ADIGE
Cantina Terlano
Kuenhof – Peter Pliger
Manincor
Nusserhof – Heinrich Mayr
Pranzegg – Martin Gojer
Tenutae Lageder
Unterortl – Castel Juval

VENETO
Bele Casel
Casa Coste Piane
Corte Sant’Alda
Fongaro
La Biancara
Le Fraghe
Leonildo Pieropan
Monte dall’Ora
Monte dei Ragni
Monte Santoccio – Nicola Ferrari
Prà
Silvano Follador
Sorelle Bronca
Vigneto Due Santi
Villa Bellini

FRIULI VENEZIA GIULIA
Borgo San Daniele
Damijan Podversic
Edi Keber
Gravner
I Clivi
Kante
La Castellada
Le Due Terre
Meroi
Miani
Radikon
Ronco del Gnemiz
Ronco Severo
Skerk
Skerlj
Vignai da Duline
Zidarich

EMILIA ROMAGNA
Camillo Donati
Fattoria Zerbina
Gradizzolo – Ognibene
Paolo Francesconi
Vigne dei Boschi
Villa Venti
Vittorio Graziano

TOSCANA
Badia a Coltibuono
Baricci
Boscarelli
Caiarossa
Caparsa
Castello dei Rampolla
Corzano e Paterno
Fattoi
Fattoria di Bacchereto Terre a Mano
Fattoria Selvapiana
Fontodi
Frascole
I Luoghi
I Mandorli
Il Paradiso di Manfredi
Isole e Olena
Le Chiuse
Le Cinciole
Montenidoli
Monteraponi
Montevertine
Podere Concori
Poderi Sanguineto I e II
Riecine
Salustri
Stefano Amerighi
Tenuta di Valgiano
Val delle Corti

UMBRIA
Adanti
Antonelli San Marco
Barberani – Vallesanta
Fattoria Colleallodole
Palazzone
Paolo Bea
Tabarrini

MARCHE
Andrea Felici
Aurora
Bucci
Collestefano
Fattoria San Lorenzo
La Staffa
Monacesca
Pievalta

LAZIO
Casale della Ioria
Marco Carpineti
Sergio Mottura

ABRUZZO
Cataldi Madonna
Cirelli
Emidio Pepe
Praesidium
Torre dei Beati
Valentini
Valle Reale

CAMPANIA
Antonio Caggiano
Colli di Lapio
Contrada Salandra
Contrade di Taurasi
Fontanavecchia
Luigi Tecce
Maffini
San Giovanni
Tenuta San Francesco
Villa Dora

PUGLIA
Attanasio
d’Araprì
Giancarlo Ceci
Gianfranco Fino
Morella
Paolo Petrilli
Polvanera
Vallone

BASILICATA
Cantine del Notaio
Musto Carmelitano

CALABRIA
‘A Vita
Sergio Arcuri

SICILIA
Arianna Occhipinti
Barraco
Castellucci Miano
Cos
Ferrandes
Frank Cornelissen
Girolamo Russo
Graci
I Vigneri
Marco De Bartoli
Tenuta delle Terre Nere
Valdibella

SARDEGNA
Giovanni Montisci
Giuseppe Sedilesu
Panevino

avatar

Alessandro Morichetti

Tra i fondatori di Intravino, enotecario su Doyouwine.com e ghost writer @ Les Caves de Pyrene. Nato sul mare a Civitanova Marche, vive ad Alba nelle Langhe: dai moscioli agli agnolotti, dal Verdicchio al Barbaresco passando per mortadella, Parmigiano e Lambruschi.

2 Commenti

avatar

wine princess

circa 4 anni fa - Link

Tra quelle elencate, trovo molto interessanti le seguenti aziende: Redondel, ottimo teroldego Dannato 2010. Vigne dei Boschi, ottimo riesling 16 Anime 2012. Panevino, ottimo cannonau Su chi no nau 2013. Encomiabile, poi, l'azienda Fattoi che propone un Brunello 2010 di grande pregio ad un prezzo estremamente corretto dimostrando che si può bere bene anche senza spendere cifre enormi, lo stesso vale per Praesidium, una solida certezza nella tipologia Montepulciano d'Abruzzo. Un po' più scontati, a mio avviso, nomi come Gravner, Bea, Bucci e Valentini ma naturalmente ognuno ha i suoi gusti ed a queste aziende i fans non mancano di sicuro.

Rispondi
avatar

andrea

circa 4 anni fa - Link

Dal gambero al libretto rosso.

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.