Ho letto i 10 migliori vini italiani di Luca Maroni e mi sono cancellato dagli amici di Facebook

Ho letto i 10 migliori vini italiani di Luca Maroni e mi sono cancellato dagli amici di Facebook

di Alessandro Morichetti

Ci sono classifiche da cui mi sono purificato, è come uscire da un tunnel, ma quando mi ripassano sotto mano è come l’ultima sigaretta. Ti tentano. Anzi, farebbe scenografico dirlo ma non mi tentano nemmeno più le sigarette. Sul blog Sca**i di Gusto è appena comparsa la classifica de I 10 migliori vini d’Italia 2014 secondo Luca Maroni e vi risparmio quando verrà presentata, come e perché.

Segnalo solo che tra i primi 10 non ci sono Barolo, Barbaresco, Brunello di Montalcino, Amarone della Valpolicella, Chianti Classico, Bolgheri, Taurasi, Verdicchio dei Castelli di Jesi, Fiano di Avellino, Greco di Tufo, Cannonau di Sardegna o Trento doc.

  1. Laccento Ruchè 2012. Montalbera – Terra del Ruchè. 1500 bottiglie per questo passito da uve 100% Ruché di Castagnole di Monferrato (“Linfa pura, linfa nuova, linfa che è aroma).
    Quotazione: 12 – 14 €
  2. Eremo San Quirico 2010. Nativ. L’Aglianico che l’enologo Mario Ercolino ha messo a punto per la sua cantina di Avellino.
    Quotazione: 17 – 20 €
  3. Montepulciano D’Abruzzo Janù 2009Jasci & Marchesani. Montepulciano d’Abruzzo all’85% e Cabernet Sauvignon al 15% per questo rosso di uve da agricoltura biologica: “il suo assoluto monte estrattivo rende ogni contatto purissima crema”.
    Quotazione: 20 – 25 €
  4. Chardonnay Rudhir Histonium 2011Jasci & Marchesani. L’unica cantina che merita la doppia citazione con questa riserva, sempre da uva biologica, al 100% Montepulciano d’Abruzzo [sic].
    Quotazione: 11 – 14 €
  5. Ludi 2010Velenosi. Montepulciano 50%, Cabernet 20%, Merlot 20%, Syrah 10% per questo rosso dell’azienda marchigiana giudicato “uno spettacolo di potenza”.
    Quotazione: 16 – 18 €
  6. Cuvèe Annamaria Clementi Rosé 2005Cà del Bosco. “Il Cuvèe Annamaria Clementi Rosè 2005 è in assoluto il miglior Metodo Classico Rosé d’Italia per la sua pastosa ricchezza”.
    Quotazione: 120 – 140 €
  7. 1868 Superiore di CartizzeCarpenè Malvolti. Spumante eccezionale per “la sua lindità olfattiva: la pesca campeggia, suadentissima, ma non sola”.
    Quotazione: 15 – 18 €
  8. Brut TerziniCantina Terzini. Uno spumante di territorio: Trebbiano 60% e Cococciola 40%.
    Prezzo della cantina: 10 €
  9. Marcello Gran CruAriola. Spumante rosso da uve Lambrusco che non manca ad eventi pop come il pomeriggio Coin con Benedetta Parodi.
    Quotazione: 5- 7 €
  10. Donnaluce 2012Poggio Le Volpi. “Il miglior vino bianco dell’anno, stabilmente uno fra i migliori bianchi italiani, di viscosa sontuosità”.
    Quotazione: 10 – 12 €

Quindi ora, terminata la citazione, la domanda è: ma di che cosa stiamo parlando?

 

avatar

Alessandro Morichetti

Tra i fondatori di Intravino, enotecario su Doyouwine.com e ghost writer @ Les Caves de Pyrene. Nato sul mare a Civitanova Marche, vive ad Alba nelle Langhe: dai moscioli agli agnolotti, dal Verdicchio al Barbaresco passando per mortadella, Parmigiano e Lambruschi.

59 Commenti

avatar

Emanuele

circa 5 anni fa - Link

Dato un marone, la ridondanza del medesimo corrisponde a due maroni.

Rispondi
avatar

antonio f.

circa 5 anni fa - Link

vedo un triplete... altro che Mou

Rispondi
avatar

maurizio

circa 5 anni fa - Link

utile questa lista...... da leggere e poi NON COMPRARE

Rispondi
avatar

francesca ciancio

circa 5 anni fa - Link

la cosa migliore è la foto

Rispondi
avatar

she-wolf prefers rock

circa 5 anni fa - Link

TOP OF THE POP

Rispondi
avatar

ale

circa 5 anni fa - Link

ma Maroni è certo che il passito di ruchè L'Accento di Montalbera sia millesimato? Io sinceramnte no quindi o non parla del passito o non è 2012. Del resto nel nome del vino non scrive passito ma poi lo scrive nella descrizione....boh?!?!?!?

Rispondi
avatar

Albero della Vite

circa 5 anni fa - Link

C'è qualcosa che mi sfugge. Ne sono sicuro... Come quando vai a vedere un film drammatico e ci trovi comicità involontaria.

Rispondi
avatar

Paolo

circa 5 anni fa - Link

E' esagerato pensare che ogni volta che lucamaroni pubblica una classifica, una suadentissima pesca si suicida al suolo urlando "no, anche questa volta mi ha incastrato!"?

Rispondi
avatar

Emanuele

circa 5 anni fa - Link

ti applaudo!

Rispondi
avatar

Luca

circa 5 anni fa - Link

Strepitoso! ;-)

Rispondi
avatar

Marco Ciancio

circa 5 anni fa - Link

Sti ca....i, scusate... Maroni!! Mi rendo conto che siamo messi male qui... ;)

Rispondi
avatar

antonio C.

circa 5 anni fa - Link

A Marco! E te che pensavi di avere buoni vini sull'Etna!!! Comprerò una bottiglia di TN solo quando vedrò una descrizione del genere: "il suo assoluto monte estrattivo rende ogni contatto purissima crema”! Bacio le mani.

Rispondi
avatar

Fulvio Santoro

circa 5 anni fa - Link

Grande cabarettista maroni. Piu simpatico del presidente operaio

Rispondi
avatar

Andrea Pagliantini

circa 5 anni fa - Link

Luca Maroni, nel suo campo, è un'antanista scarpa a punta di prima grandezza, ma gli va dato atto di essersi creato una nicchia in cui l'effimero e il virtuale assumono effetti speciali, come Cappuccetto Rosso che sbrana la nonna. Ma se ha seguito e se continua, fa proprio bene, nel mondo del vino un po' di frutta sciroppata, qualche cavalcata delle valchirie e due ante di guida volumetrica non creano effetti collaterali ma fanno bene alla salute.

Rispondi
avatar

Adriano Aiello

circa 5 anni fa - Link

Ma Maroni della Lega? Pensavo bevesse solo Bonarda

Rispondi
avatar

Angelo D.

circa 5 anni fa - Link

Si sente molto altro, non da solo...

Rispondi
avatar

Marco

circa 5 anni fa - Link

"Spumante rosso da uve Lambrusco che non manca ad eventi pop come il pomeriggio Coin con Benedetta Parodi.". Ma cosa vuol dire?:-0

Rispondi
avatar

Damiano

circa 5 anni fa - Link

incredibile...

Rispondi
avatar

silvia

circa 5 anni fa - Link

ecco sta riga l'avevo saltata...... mi sarei persa il motivo principe di cotanta bassezza

Rispondi
avatar

Lagendina @ wordpress

circa 5 anni fa - Link

Una classifica patrimonio dell'Unesco.

Rispondi
avatar

Emanuele

circa 5 anni fa - Link

secondo applauso!

Rispondi
avatar

flavio

circa 5 anni fa - Link

Non si può dire che Maroni non abbia il senso dello spettacolo, temo si possa invece dire che è privo del senso del ridicolo.

Rispondi
avatar

benedetta

circa 5 anni fa - Link

D'altra parte, se ci sono camere di commercio che gli hanno dato soldi a palate per dire davanti ai produttore maremmani che il Montecucco è una sotto zona del Monteregio...ha ragione lui a continuare senza pudore!

Rispondi
avatar

Damiano

circa 5 anni fa - Link

Per la serie: facciamo un commento serio(?), anche se davanti a una lista del genere è praticamente impossibile ma tant'è. Come mai tutto questo Abruzzo? [domanda appena appena tendenziosa]

Rispondi
avatar

gp

circa 5 anni fa - Link

Per (folle) amor di verità: non sono i "10 migliori vini d’Italia 2014" come scritto qui, ma la risposta dell'ex Vate alla domanda sui "10 vini che facciano comprendere lo spirito di questa manifestazione", come scritto su Scatti (della serie: uomo avvisato, mezzo salvato). Comunque parlare di pop mi sembra ingeneroso (verso il pop). Ormai il confine con il trash è stato abbondantemente superato, senza possibilità di ritorno.

Rispondi
avatar

gp

circa 5 anni fa - Link

Mi correggo: 4 dei sei vini fermi di questo elenco trash si trovano tra i 5 “fuoriclasse” valutati 99/100 nell’Annuario maroniano 2013 (quello di un anno fa) e gli altri 2 sono primi ex aequo – ovviamente si tratta dell’annata precedente. Quindi: 1) sì, probabilmente secondo il tizio sono tra i migliori vini italiani di quest’anno; 2) a casa Maroni, il macchinario più usato è il ciclostile.

Rispondi
avatar

Alessandro Morichetti

circa 5 anni fa - Link

Ti meriti un bacio sulla fronte per queste correzioni necessarie di cui non sarei mai stato capace. Cristiana è impegnata, aspetta che adesso ti chiamo Tomacelli :D.

Rispondi
avatar

gp

circa 5 anni fa - Link

... ciclostile che a causa del superlavoro a volte grippa: non è vero che Donnaluce 2012 è “Il miglior vino bianco dell’anno" (virgolettato preso di peso dal sito dell'ex Vate), era semmai “Il miglior vino bianco dell’anno scorso", visto che quest'anno è stato preceduto dal Rudhir Histonium 2011 -- una lotta tra ciclopi da fantasy coreano!

Rispondi
avatar

Albero della Vite

circa 5 anni fa - Link

Linfa pura, linfa nuova, linfa che è... a Roma. Ora è tutto più chiaro

Rispondi
avatar

sir panzy

circa 5 anni fa - Link

Devo trovare e recensire il più in fretta possibile un vino che mi possa far scrivere: "monte estrattivo" Fantastico!!

Rispondi
avatar

Emanuele

circa 5 anni fa - Link

Tu forse non vivi a Roma, quindi sei penalizzato: io sono certo ai 99/100 maroniani che nella zona tra Tufello e Città Giardino, abbondantissima di odonimi montani, vi sia una Via Monte Estrattivo. Nel Rione Trevi si trova invece la Via dei Maroniti, nota ai romani per la viscosa sontuosità del traffico.

Rispondi
avatar

Andrea Marino

circa 5 anni fa - Link

Ma chissenefrega! Ognuno ha la propria top list!

Rispondi
avatar

roberta

circa 5 anni fa - Link

Il Ruchè che conosco io...non è un passito!

Rispondi
avatar

gp

circa 5 anni fa - Link

95% di uve surmature e 5% di uve passite, secondo la scheda aziendale. A casa Maroni 5 è maggiore di 95.

Rispondi
avatar

GiovanniP

circa 5 anni fa - Link

"Le menzioni Passito o«Vino passito» e «Vino passito liquoroso» sono riservate ai vini normali o liquorosi ottenuti dalla fermentazione di uve sottoposte ad appassimento naturale o forzato, a seconda delle norme del disciplinare di produzione. La legge n. 82/2006 ha esteso questa menzione ai «vini da uve stramature»."

Rispondi
avatar

gp

circa 5 anni fa - Link

Questa è una citazione di seconda mano. Il testo della legge è questo: "La definizione di vino passito si applica ai vini da uve stramature, nonchè ai vini ad IGT e ai VQPRD, per i quali è prevista tale tipologia nei singoli disciplinari di produzione". Il disciplinare del Ruchè non prevede questa tipologia. La dicitura "vino passito" fa pensare a un residuo zuccherino importante che in questo specifico vino non c'è (5-6 g/l secondo la scheda aziendale). Nessuno si sognerebbe di presentare un Amarone come "passito", anche se è ottenuto da uve appassite.

Rispondi
avatar

teuzzo77

circa 5 anni fa - Link

meglio così.....almeno di vino BUONO ne rimane di più per i veri amanti......

Rispondi
avatar

Cristiana Lauro

circa 5 anni fa - Link

Non saprei, io ne ho assaggiato solo uno.

Rispondi
avatar

suslov

circa 5 anni fa - Link

mi inchino ammirato di fronte al genio assoluto di maroni. no, sul serio. lui scrive, vende, fattura e noi lo commentiamo. chi e' meglio ?

Rispondi
avatar

Ale

circa 5 anni fa - Link

Io ho assaggiato recentemente l'Accento Montalbera, l'Aglianico Nativ e il Ludi… E sinceramente sono tutti dei grandi vini. Per il resto sono tutte inutili chiacchiere.

Rispondi
avatar

ale

circa 5 anni fa - Link

comunque davvero non capisco a quale ruchè si riferisca poichè conome l'Accento, Montalbera fa sia un vino secco sia un passito.... nella descrizione lui parla di uve passite ma nel nome non c'è nessun riferimento al pasito, mah

Rispondi
avatar

gp

circa 5 anni fa - Link

Tana per Maroni! Due errori su 10 vini, come se nel gioco delle 3 carte fossero state confuse due schede aziendali: lo Chardonnay descritto come se fosse il Montepulciano Riserva dello stesso produttore, e adesso (complice l'omonimia) il Ruchè di Castagnole Monferrato Laccento 2012 (99/100 sull'Annuario) descritto come se fosse il Laccento Passito non millesimato dello stesso produttore (92/100 sull'Annuario). Gatta ci cova...

Rispondi
avatar

Francesco... il polemico?

circa 4 anni fa - Link

Ma che stai dicendo? Hai assaggiato il Nativ? E' buono come mordere un pezzo di vaniglia.....legno, Ragazzi,distinguere please....il vino bisogna conoscerlo,e per conoscerlo,berlo,rischiare e osare,ma qui davvero,lasciamo perdere Nativ, Davvero i 99 di Maroni,c'e' da vergognarsi.....

Rispondi
avatar

lorenzo

circa 3 anni fa - Link

io li ho assaggiati tutti e ti posso garantire che gli altri sono come i tre che hai assaggiato

Rispondi
avatar

bettino

circa 5 anni fa - Link

... facile sparare sulla croce rossa, eh ? il nostro gruppetto ha finito da tempo di dileggiarlo; anzi spesso citiamo amorevolmente qualche brano, come fosse un crepuscolare...un Gozzano delle cantine. quando siamo alle prese con qualcosa di buono, ci guardiamo con complicità ed esclamiamo quasi con unica voce " ...siamo in vigna !". Un giorno lo rivaluterete anche voi, come è successo ad Alvaro Vitali; siete snob !

Rispondi
avatar

Andrea Marino

circa 5 anni fa - Link

Sono d'accordo

Rispondi
avatar

suslov

circa 5 anni fa - Link

quoto in pieno. si chiama "sindrome dei vent'anni".

Rispondi
avatar

che noia che barba

circa 5 anni fa - Link

Oramai questi articoli sono così ripetitivi e prevedibili, e di una tale noia che solo i commenti dei lettori la superano...ma lasciatelo in pace! Se ne sta nel suo mondo, in un'orbita parallela al vostro...vivi e lascia vivere!

Rispondi
avatar

gp

circa 5 anni fa - Link

Come dice il saggio motto latino: repetita iuvant. E' comunque sorprendente che chi si dice disinteressato alla ripetizione perda tempo non solo a leggere, ma anche a scrivere il suo (prevedibile) disappunto...

Rispondi
avatar

Federico

circa 5 anni fa - Link

Eh già già (diceva Alfred Delvecchio), non c'è cosa più noiosa di sentire un annoiato esternare la sua noia (dico io). :-)

Rispondi
avatar

Giocondo

circa 5 anni fa - Link

Lasciatelo perdere Maroni perchè oramai è un soggetto" cotto". E' assillato a divincolarsi da tutti i [bing!] della LM che lo cercano in SENS. tsk tsk. orsu'. [F.]

Rispondi
avatar

Bruno Macrì

circa 4 anni fa - Link

Perchè ci si meraviglia che siano esclusi dalla classiifica di L. M. vini blasonati? Chi ha detto che un vino che costa 5 o 10 euro non possa essere più buono di un Amarone da 300 euro? Ci si soffermi sulla piacevolezza oggettiva di un vino e non si indugi a guardare l'etichetta o peggio il prezzo. Sempre più spesso (grazie a dio) sullo scaffale di un supermercato si trovano eccellenti prodotti alla portata di ogni tasca. Grazie alla lettura delle guide di L. M., ho imparato ad apprezzare il vino senza pregiudizi e conosciuto aziende mai citate in altre guide. Per questo motivo non riesco a capire tutto questo livore nei confronti di una persona che tutto sommato ha rivoluzionato il modo di degustare, apprezzare e conoscere il vino.

Rispondi
avatar

lorenzo

circa 3 anni fa - Link

sono d'accordissimo con te , grazie a Maroni ho ritrovato l'interesse per il vino

Rispondi
avatar

Federico Martinoli

circa 1 anno fa - Link

Parole sante.

Rispondi
avatar

lorenzo

circa 3 anni fa - Link

credo che prima di dare giudizi negativi assaggiate questi vini

Rispondi
avatar

luca

circa 3 anni fa - Link

comunquemente ed estrattivamente credo che qui piu` di qualcuno -incluso me e Maroni- debba tornare allo studio della grammatica italiana piu` che all`enologia ;)))

Rispondi
avatar

Luca

circa 3 anni fa - Link

Io faccio il test con il palato (molto fine) di mia moglie e, 90%, i vini ben quotati da Maroni (che le svelo subito dopo) sono di sua preferenza. Le guide di Maroni fanno riferimento al consumatore medio, colui che ama il vino per il sapore che avverte quando lo degusta. Poi fateci caso, questi brunelli sono tutti ossidati...

Rispondi
avatar

Sandro Pertici

circa 2 anni fa - Link

Forse non tutti sanno che il noto Luca Maroni, fino al 2011 circa operava con la sua società LM srl, avendola mandata in rosso, è subentrata la sorella, Francesca Romana Maroni che ha ripianato i debiti amodo suo. Ha svuotato la LM srl ed entrambi hanno iniziato ad operare con una nuova realtà, la Sense srl. Inutile dire che in questa operazione molti collaboratori e dipendenti, di cui molti amici di famiglia non sono stati mai pagati, oltre a fornitori, locali e oneri vari per circa 500 mila euro. Il Maroni si è spostato dalla centrale via Flaminia a Roma alla periferica Formello.... Oltre all'esperto di vino non posso non considerare "l'uomo" che vi è dietro. E, senza tema di smentita mi sento di dire che Luca Maroni è un disonesto, nonché ladro. Sandro

Rispondi
avatar

Federico Martinoli

circa 1 anno fa - Link

Trovo l'italiano medio uniformato come "grande intenditore di vini" ... per poi guardare praticamente solo il prezzo della bottiglia e rimanerne totalmente influenzato nel giudizio, non capendoci nulla in realtà. I commenti a questa classifica ne sono la conferma nel 99% dei casi.

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.