Hillary Clinton ha il suo vino, Enrico Letta i suoi problemi

di Antonio Tomacelli

Ammettiamolo: la stabilità di governo non è la nostra specialità: riusciamo meglio con le fettuccine al ragù. Basta guardare quello che è successo pochi giorni fa: mentre Letta garantiva a Wall Street anni di buon governo, a Roma i parlamentari del Pdl si dimettevano in massa per solidarietà con Berlusconi. Vogliamo chiamarla figurella di palta? Vabbè, sorvoliamo, ma se penso che in America non hanno la frase “crisi di governo” nel vocabolario, mi prende un magone che non non vi dico. Popolo di fortunelli: ora c’è Obama ma conoscono già la data delle prossime 40 elezioni e uno dei due candidati alle presidenziali del 2016, Hillary Clinton. Nell’attesa hanno tutto il tempo per fare campagna elettorale come, ad esempio, la signora che appare nel video. la proprietaria della Clinton Vineyard partecipa a suo modo e lo ha già fatto durante le presidenziali del 1992 e del 1996, quando a correre per la Casa Bianca fu Bill Clinton. Insomma, appena sente profumo di elezioni, la signora Phyllis Feder tira fuori questo vinello bianco buono per tutte le tavole dal nome beneaugurale: il Victory White.

Confesso che appena ho visto il video ho provato a gugolare “Cantine Renzi” ma, oh, neanche l’ombra!

avatar

Antonio Tomacelli

Designer, gaudente, editore, ma solo una di queste attività gli riesce davvero bene. Fonda nel 2009 con Massimo Bernardi il blog Dissapore e, un anno dopo, Intravino e Spigoloso. Lascia il gruppo editoriale portandosi dietro Intravino e un manipolo di eroici bevitori. Classico esempio di migrante che, nato a Torino, va a cercar fortuna al sud, in Puglia. E il bello è che la trova.

1 Commento

avatar

francesco

circa 6 anni fa - Link

Diciamoci la verità, i problemi non li ha Letta, ma tutti gli italiani con redditi medio/bassi

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.