Fuoriclasse della ristorazione Slow: l’Ostu di Djun a Castagnito, per dirne uno

Fuoriclasse della ristorazione Slow: l’Ostu di Djun a Castagnito, per dirne uno

di Alessandro Morichetti

Ci sono posti che gli improvvisati della ristorazione dovrebbero conoscere per capire e non far trasparire l’assenza delle basi: l’Ostu di Djun a Castagnito – a due passi da Alba in zona Roero – è uno di questi. Immaginate una grande sala di trattoria da 80 coperti ingolfata di varie ed eventuali: un pianoforte, una Harley parcheggiata di fronte al bancone, foto dappertutto, oggetti di ogni natura. Ci sono posti in cui a fare la differenza è l’oste, il ristoratore che ristora, saluta, sberleffa e cristona con naturalezza e accoglienza burbera. Difficile inquadrarlo meglio di Luca Iaccarino su Repubblica: “oste del Roero che passa di fiore in fiore con l’aria del mattatore”.

Luciano Marsaglia è l’oste. Il menù c’è da qualche parte ma non si vede e scegli a voce. Le bottiglie di Langa e Roero sono servite SOLO in formato magnum e con l’uso per cui la tua bottiglia poi gira, finisce su un altro tavolo e viceversa. Noi ci siamo presi una magnum della Barbera d’Alba Vigna Martina 2013 di Elio Grasso e c’è piaciuta.

Qui gli improvvisati dovrebbero imparare come si gestisce una sala rendendo tutti felici: arrivi, ti siedi e in t=0 già inizi a sgranocchiare. Dalle 19:50 alle 20:10 una ventina di persone arrivano e già ridono beate del luogo: tedeschi che letteralmente vanno fuori di testa, tavolate familiari, coppiette, ce n’è di ogni. Puoi essere in tuta come in smoking, è il dono della trasversalità di certi luoghi Slow, la magia di un tempo bello.

Ogni sera un aneddoto nuovo e una storia da raccontare. Quello in foto, ad esempio, è il sindaco della vicinissima Priocca (patria di uno degli stellati di culto della tradizione di Langa e Roero, Il Centro), Mauro Perosino. Avete presente quando le autorità iniziano a salutare, stringere mani e fare pubbiche relazioni? Ecco, è proprio in quel momento che arriva l’oste Luciano – matto e maestro, ruvido e naturale – con chiodo e martello: e il sindaco se ne sta per mezz’ora inchiodato così, l’ho visto coi miei occhi. Divertiti lui, la moglie, gli amici e tutti noi intorno.

A ben vedere, effettivamente, qui non si viene ad imparare le basi della gestione di sala: qui siamo agli approfondimenti specifici dei fuoriclasse, non esportabili né ripetibili.

Piatti, conto e cuore granata dell’oste indigesto agli juventini potete immaginarli. Astenersi ginecologi della gastronomia. I biglietti da visita sono disegnati coi pennarelli dai bambini in sala, così non s’annoiano, hanno qualcosa di bello da fare e si divertono pure i genitori. Che gran voglia di tornare.

(Fatevi un’idea col video)

OSTU DI DJUN
Via San Giuseppe 1 – Castagnito (Cn)
Aperto solo la sera, chiuso la domenica

avatar

Alessandro Morichetti

Tra i fondatori di Intravino, enotecario su Doyouwine.com e ghost writer @ Les Caves de Pyrene. Nato sul mare a Civitanova Marche, vive ad Alba nelle Langhe: dai moscioli agli agnolotti, dal Verdicchio al Barbaresco passando per mortadella, Parmigiano e Lambruschi.

7 Commenti

avatar

Paolo A.

circa 4 anni fa - Link

Sulle qualità umane e istrioniche dell'oste sottoscrivo fermamente. Circa la soddisfazione culinaria, in netta curva discendente, condivido molto ma molto meno. Ormai il livello medio della ristorazione a cavallo fra Asti e Alba è decisamente alto, ci sono troppe alternative per invogliarmi a tornare se l'obiettivo principale è mangiare bene spendendo una quarantina di euro.

Rispondi
avatar

Alessandro Morichetti

circa 4 anni fa - Link

Se l'obiettivo è stare bene oltre e insieme al mangiare, non vedo l'ora di tornare. Ho trovato una buona cucina di trattoria - non so se in parabola discendente - che non lascia scontenti e tanto basta però sono curioso dei tuoi nomi altri.

Rispondi
avatar

sergio

circa 4 anni fa - Link

Quello che trovo interessante in questo post è la lode ad una tipologia di ristorazione che, negli ultimi anni, è stata bistrattata, sminuita, snobbata dal GASTROFIGHETTISMO che impera nei food blog. . Generalmente, è stata trattata come una ristorazione di serie B o C, arretrata e sorpassata.

Rispondi
avatar

Alessandro Morichetti

circa 4 anni fa - Link

Aggiungo: dell'ultimo chef gastrofregno trovi servizi, reportage, foto in posa, piatti in alta definizione e compagnia cantante. Di Luciano Marsaglia che opera da circa 22 anni con la sala piena tutte le sere e fior di ospiti (anche noti, che vanno per rilassarsi), non trovi mezza foto perdippiù sgranata e in grossa parte tedesca. Facciamoci una riflessione, magari.

Rispondi
avatar

sergio

circa 4 anni fa - Link

E a questo pensavo mentre scrivevo, ma non l'ho espresso. Ora è completo. PS Fateci sapere quando uscirà il nuovo libro del Prof Perullo. Saluti

Rispondi
avatar

Alessandro Morichetti

circa 4 anni fa - Link

E' già uscito ;-)

Rispondi
avatar

Alphac

circa 3 anni fa - Link

Ci sono stato più volte, d'accordissimo con la recensione

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.