Ecco la cronometro da sogno del Giro d’Italia 2014. La Barbaresco-Barolo in timelapse è spettacolare

di Alessandro Morichetti

È la tappa più attesa di un Giro d’Italia che non ho ancora ben capito quanto stia scaldando gli animi. Chi scrive è uscito da scuola in anticipo per l’arrivo dei grandi tapponi dolomitici ed era incollato al monitor per l’omino venuto dal mare che fa sognare quindi occhio a come parlate.

La cronometro Barbaresco-Barolo di giovedì 22 maggio è la 12esima tappa di un Giro che sale ad Oropa e Plan di Montecampione e sono brividi sul filo dei ricordi: in Racconigi-Oropa 1999 e Cavalese-Plan di Montecampione 1998 c’erano ancora il Panta sui pedali e Auro Bulbarelli in moto. Storia del ciclismo.
NB: questo è uno spazio limitatamente democratico in cui oggi la parola “doping” va in moderazione automatica: non scherzo. Veniamo a noi.

La cronometro del vino è una figata pazzesca ma faccio il bullo solo perché ne conosco praticamente ogni centimetro. I ragazzi di AlcolGym (organizzatori di eventi alcol-sportivi) guidati da Cesco Rava l’hanno filmata in bici da corsa e vi consiglio di impostare la velocità del video su 0,5: perdete in musica ma guadagnate in visibilità. Questa crono tocca praticamente tutti i miei luoghi d’adozione e il numero di cantine sfiorate dai corridori è difficilmente numerabile, potrebbe farcela solo un Alessandro Masnaghetti in piena forma: basti pensare che si parte dal centro di Barbaresco e tutta via Torino sarà chiusa per offrire gli spazi al backstage. E via Torino significa Gaja e Produttori del Barbaresco, per capirsi.

Il percorso è presto detto: si sale a Treiso e Manera per poi scendere in pieno centro ad Alba, passare davanti a casa di Mauro Mattei in Corso Langhe, fare la rotonda di piazza Savona, imboccare corso Langhe e seguire la provinciale per poi salire a Castiglione Falletto (350 m s.l.m.).

[Segue foto della salita. Foto mai effettuata causa principio di malore del ciclista-fotografo]

Si costeggiano cantine su cantine: Tenuta Montanello, Cavallotto, Casa Roagna, Sobrero, Boroli, Bricco Rocche Ceretto (con punto hospitality), Roccheviberti, Parusso e chi più ne ha più ne metta. Mancano circa 5 km all’arrivo ma soprattutto la terribile discesa della Bussia, che riconoscete facilmente nel video a partire da 2:14 perché l’asfalto era talmente pietoso che lo hanno rifatto (a macchia di leopardo). Discesa stretta e parecchio brutta. Si arriva dalla strada di fronte sulla destra e ci si butta sotto con una curva a gomito.

Ok, ok, sulla detra c’è lo Chateau delle Langhe per eccellenza, la Poderi Alto Conterno, e chi sono io per non farvelo vedere? Non rende molto la panoramica, maledetto iPhone, ma andate di fantasia.

Tornando a noi, la discesa: ad una prima parte iper-tecnica in cui attaccarsi ai freni a causa di curve brusche (la prima curva in realtà è una chicane seguita da una curva a gomito, terribile) ne segue una seconda, dopo la Cascina Bofani di Batasiolo, che invece fila via meglio perché la strada è ondulata e i curvoni non sono coperti. Occhi aperti comunque, mi raccomando. La cantina di Luciano Sandrone (gialla e blu, visibile a 2:20 e in foto sotto sullo sfondo) segna la fine di un mezzo incubo.

Arrivati allo stop della stradina qui sopra si svolta a sinistra costeggiando i famosi Cannubi di Barolo, la vigna più storica dell’intera regione. Poco più di 2 km di salita pedalabile (io vado di lingua felpata anche qui ma è un problema mio) e si arriva a piazza Colbert, cuore di Barolo town.

Stava per essere la cronometro dei capannoni ma è diventata a tutti gli effetti una cronometro del vino come non ce ne possono essere altre al mondo: nemmeno in Francia e sfido Pier Bergonzi (Gazzetta dello Sport) a ipotizzare di meglio. Se l’avete provata anche solo in parte sono curioso delle vostre impressioni.

W le Langhe! W il Giro d’Italia! E buona visione.

[Un ringraziamento speciale per video e cover a Francesco Rava e AlcolGym]

avatar

Alessandro Morichetti

Tra i fondatori di Intravino, enotecario su Doyouwine.com e ghost writer @ Les Caves de Pyrene. Nato sul mare a Civitanova Marche, vive ad Alba nelle Langhe: dai moscioli agli agnolotti, dal Verdicchio al Barbaresco passando per mortadella, Parmigiano e Lambruschi.

1 Commento

avatar

MG

circa 5 anni fa - Link

Bellissima crono, da vedere tutto d'un fiato! Fai il tifo anche per noi che siamo costretti al piccolo schermo!

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.