Dai siamo seri, Germania non puoi vincere i Mondiali di Calcio e festeggiare con una birretta

di Alessandro Morichetti

Dici Germania e pensi a rigore, precisione, metodo e solidità. Dici Italia e invece escono fuori genio, creatività, caos, Made in Italy. Una foto dice più di mille parole e quella degli spogliatoi tedeschi dopo aver vinto un Campionato del Mondo di calcio è perfettamente in linea con lo schema mentale. Bordello e fiumi di Champagne, calciatori in mutande, scherzi da prete e premier debosciati che saltano? Macché.

Solo uno a petto nudo, la Merkel che sembra uscita di tintoria e… birra, semplici quasi tenere bottiglie di birra. Riuscite per caso a leggere la marca?

Ora, se io avessi qualcosa da festeggiare di più importante del mio compleanno ci sarebbe una sola eccezione all’auspicabile fila di magnum di Dom Perignon: magnum di Cristal servite da signorine poco vestite agghindate a discoteca. Il classico maschilismo italiano in grande spolvero, insomma. Sarà che io non sono tedesco. E così parla il mio amico Carmine ben che conosce la Germania e le sue Università: “C’è qualcosa di irrisolto con i tedeschi, che rispetto ma non riesco a capire fino in fondo, così come molti di loro ci amano ma non ci capiscono. E’ qualcosa che ha a che fare col loro complesso di superiorità e col nostro individualismo mediterraneo. Quel qualcosa che non mi fa essere contento quando li vedo alzare la coppa di campioni del mondo.”

[Foto: Corriere.it]

avatar

Alessandro Morichetti

Tra i fondatori di Intravino, enotecario su Doyouwine.com e ghost writer @ Les Caves de Pyrene. Nato sul mare a Civitanova Marche, vive ad Alba nelle Langhe: dai moscioli agli agnolotti, dal Verdicchio al Barbaresco passando per mortadella, Parmigiano e Lambruschi.

7 Commenti

avatar

Skolari

circa 5 anni fa - Link

Potrebbe essere la Skol la birra che bevono, in onore di SkolAri :)

Rispondi
avatar

bruno

circa 5 anni fa - Link

Crucchi for ever.........

Rispondi
avatar

Stefano Cinelli Colombini

circa 5 anni fa - Link

Manco il Cral dei pensionati del Vaticano festeggia moscio come questi qui! C'è poco da fare, chi beve birra camperà anche cent'anni, ma che palle!

Rispondi
avatar

Carlo

circa 5 anni fa - Link

Come tirare l'acqua, anzi la birra, al proprio mulino....

Rispondi
avatar

Gianni Ruggiero

circa 5 anni fa - Link

http://www.youtube.com/watch?v=mh37e84yTgM

Rispondi
avatar

colonna

circa 5 anni fa - Link

Che minchiata di "pensiero" Morrichè :-)

Rispondi
avatar

Emanuele

circa 5 anni fa - Link

Kennst du das Land, wo die Zitronen blühen? O una tela di Overbeck intitolata "Italia und Germania"? Lo si può, a seconda di punti di vista e preconcetti, considerare qualcosa di irrisolto, oppure di ineffabile e irriducibile: quello che non serve e non si può spiegare, ma che lega da un millennio e mezzo due espressioni territoriali e culturali in una mutua fascinazione. Nel 558 l'Ur-barbaro Alboino si ferma attonito a guardare la pianura che sarà sua dall'alto di un monte e solo in quel momento si sente veramente re. Monte Re, Königsberg, Kraljevska Spica lo chiamano da allora, quel monte. Nietzsche arriva a Roma e scrive:"Alle Träume meiner Jugend sehe ich nun lebendig". Ora vedo in vita tutti i miei sogni di gioventù. Und so weiter. Serve proprio chiedersi il perché?

Rispondi

Commenta

Rispondi a Skolari or Cancella Risposta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.